UN APPELLO AL COLLEGIO CARDINALIZIO: CONSIGLIATE IL PAPA SULLA PENA DI MORTE. HA FATTO UN ERRORE.

15 agosto 2018 Pubblicato da --

Marco Tosatti

“First Things”, uno dei più importanti se non il più importante sito cattolico indipendente degli Stati Uniti pubblica oggi un appello, firmato da numerose personalità del mondo accademico, religioso e culturale, rivolto ai cardinali della Chiesa romana perché consiglino il Pontefice regnante di ritirare dal Catechismo la variazione aggiunat qualche giorno fa in tema di pena capitale. Stilum Curiae è lieto di riproporre ai suoi lettori questo appello.

Vi consigliamo inoltre di leggere l’articolo del prof. Roberto de Mattei su questo argomento, pubblicato da “Corrispondenza Romana”.

Ecco il testo, in italiano e in inglese, dell’appello e una prima lista di firmatari.

Alle reverendissime eminenze, i cardinali della santa Chiesa romana.

Dal momento che è una verità contenuta nella parola di Dio, e insegnata dal magistero ordinario e universale della Chiesa cattolica che i criminali possono legittimamente essere messi a morte dal potere civile quando ciò sia necessario per preservare il giusto ordine nella società civile, e dal momento che il presente pontefice romano ha più di una  volta manifestato il suo rifiuto di insegnare questa dottrina, e ha invece portato una grande confusione nella Chiesa sembrando contraddirlo, e inserendo nel Catechismo della Chiesa Cattolica un paragrafo che farà sì, e già sta facendo sì che molte persone, sia credenti che non credenti, suppongano che la Chiesa consideri, contrariamente alla parola di Dio, che la pena capitale è intrinsecamente malvagia, noi facciamo appello alle Vostre Eminenze affinché consiglino Sua Santità che è suo dovere porre fine a questo scandalo, e ritirare questo paragrafo dal Catechismo, e insegnare la parola di Dio senza adulterazioni; e osiamo dichiarare la nostra convinzione che questo è un dovere che Vi impegna seriamente, di fronte a Dio e di fronte alla Chesa.

To their Most Reverend Eminences, the Cardinals of the holy Roman Church

Since it is a truth contained in the word of God, and taught by the ordinary and universal magisterium of the Catholic Church, that criminals may lawfully be put to death by the civil power when this is necessary to preserve just order in civil society, and since the present Roman pontiff has now more than once publicly manifested his refusal to teach this doctrine, and has rather brought great confusion upon the Church by seeming to contradict it, and by inserting into the Catechism of the Catholic Church a paragraph which will cause and is already causing many people, both believers and non-believers, to suppose that the Church considers, contrary to the word of God, that capital punishment is intrinsically evil, we hereby call upon Your Eminences to advise His Holiness that it is His duty to put an end to this scandal, to withdraw this paragraph from the Catechism, and to teach the word of God unadulterated; and we venture to state our conviction that this is a duty seriously binding upon Yourselves, before God and before the Church.

Ecco la lista aggiornata al 15 agosto 2018:

Hadley Arkes
Edward N. Ney Professor in American Institutions Emeritus
Amherst College

Joseph Bessette
Alice Tweed Tuohy Professor of Government and Ethics
Claremont McKenna College

Patrick Brennan
John F. Scarpa Chair in Catholic Legal Studies
Villanova University

J. Budziszewski
Professor of Government and Philosophy
University of Texas at Austin

Isobel Camp
Professor of Philosophy
Pontifical University of St. Thomas Aquinas

Richard Cipolla
Priest
Diocese of Bridgeport

Eric Claeys
Professor of Law
Mason University

Travis Cook
Associate Professor of Government
Belmont Abbey College

S. A. Cortright
Professor of Philosophy
Saint Mary’s College

Cyrille Dounot
Professor of Legal History
Université Clermont Auvergne

Patrick Downey
Professor of Philosophy
Saint Mary’s College

Eduardo Echeverria
Professor of Philosophy and Theology
Sacred Heart Major Seminary

Edward Feser
Associate Professor of Philosophy
Pasadena City College

Alan Fimister
Assistant Professor of Theology
St. John Vianney Theological Seminary

Luca Gili
Assistant Professor of Philosophy
Université du Québec à Montréal

Brian Harrison
Scholar in Residence
Oblates of Wisdom Study Center

L. Joseph Hebert
Professor of Political Science
St. Ambrose University

Rafael Hüntelmann
Lecturer in Philosophy
International Seminary of St. Peter

Fr. John Hunwicke
Priest
Personal Ordinariate of Our Lady of Walsingham

Robert C. Koons
Professor of Philosophy
University of Texas at Austin

Peter Koritansky
Associate Professor of Philosophy
University of Prince Edward Island

Peter Kwasniewski
Independent Scholar
Wausau, Wisconsin

John Lamont
Fellow of Theology and Philosophy
Australian Catholic University

Roberto de Mattei
Author
The Second Vatican Council: An Unwritten Story

Robert T. Miller
Professor of Law
University of Iowa

Gerald Murray
Priest
Archdiocese of New York

Lukas Novak
Lecturer in Philosophy
University of South Bohemia

Thomas Osborne
Professor of Philosophy
University of St. Thomas

Michael Pakaluk
Professor of Ethics
Catholic University of America

Claudio Pierantoni
Professor of Medieval Philosophy
University of Chile

Thomas Pink
Professor of Philosophy
King’s College London

Andrew Pinsent
Research Director of the Ian Ramsey Centre
University of Oxford

Alyssa Pitstick
Independent Scholar
Spokane

Donald S. Prudlo
Professor of Ancient and Medieval History
Jacksonville State University

Anselm Ramelow
Chair of the Department of Philosophy
Dominican School of Philosophy and Theology

George W. Rutler
Priest
Archdiocese of New York

Matthew Schmitz
Senior Editor
First Things

Josef Seifert
Founding Rector
International Academy of Philosophy

Joseph Shaw
Fellow of St Benet’s Hall
University of Oxford

Anna Silvas
Adjunct Senior Research Fellow
University of New England

Michael Sirilla
Professor of Dogmatic and Systematic Theology
Franciscan University of Steubenville

Joseph G. Trabbic
Associate Professor of Philosophy
Ave Maria University

Giovanni Turco
Associate Professor of Philosophy
University of Udine

Michael Uhlmann
Professor of Government
Claremont McKenna Collegre

John Zuhlsdorf
Priest
Diocese of Velletri-Segni

Additional signatories:

Dame Colleen Bayer DSG, Founder, Family Life International NZ

James Bogle Esq., TD MA Dip Law, barrister (trial attorney), former President FIUV, former Chairman of the Catholic Union of Great Britain

Fr. John Boyle JCL

Judie Brown, President, American Life League

Fr. Michael Gilmary Cermak MMA

Fr. Linus F Clovis, Ph.D, JCL, M.SC., STB

Hon. Donald J. Devine, Senior Scholar, The Fund for American Studies

Dr. Maria Guarini, editor of the website Chiesa e postconcilio

John D. Hartigan, retired attorney and past member, Public Policy Committee of the New York State Catholic Conference

Dr. Maike Hickson, journalist

Dr. Robert Hickson, Retired Professor of Literature and Strategic-Cultural Studies

Fr. Albert Kallio, Professor of Philosophy at Our Lady of Guadalupe Monastery, New Mexico

Fr. Serafino M. Lanzetta STD

Dr. Robert Lazu, Independent Scholar and Writer

Dr. James P. Lucier, Former Staff Director, U.S. Senate Committee on Foreign Relations

Dr. Pietro De Marco, former professor of Sociology of Religion, University of Florence

Dr. Joseph Martin, Associate Professor of Communication, Montreat College

Dr. Brian McCall, Associate Dean for Academic Affairs and Associate Director of the Law Center, Orpha and Maurice Merrill Professor in Law, University of Oklahoma

Fr. Paul McDonald, parish priest of Chippawa, Ontario

Dr. Stéphane Mercier, former lecturer in Philosophy at the Catholic University of Louvain (Belgium)

Fr. Alfredo Morselli, SSL, parish priest in the diocese of Bologna

Maureen Mullarkey, Senior Contributor, The Federalist

Fr. Reto Nay

Dr. Claude E. Newbury M.B., B.Ch., D.T.M&H., D.O.H., M.F.G.P., D.C.H., D.P.H., D.A., M. Med; Former Director of Human Life International in Africa south of the Sahara

Giorgio Nicolini, Writer, Director of Tele Maria

Dr. Paolo Pasqualucci, retired Professor of Philosophy, University of Perugia, Italy

Prof. Enrico Maria Radaelli, Philosopher

Richard M. Reinsch II, Editor, Law and Liberty

R. J. Stove, Writer and Editor

Fr. Glen Tattersall, Parish Priest, Parish of Bl. John Henry Newman, archdiocese of Melbourne; Rector, St Aloysius’ Church

Dr. Thomas Ward, Founder of the National Association of Catholic Families and former Corresponding Member of the Pontifical Academy for Life

 

New Signatories:

On August 15, 2018

Fr. Claude Barthe, Diocesan priest

Donna F. Bethell, J.D. Washington, DC

Prof. Michele Gaslini, Professor of Public Law at the University of Udine

Brother Andre Marie, M.I.C.M., MA (Dogmatic Theology), Prior of Saint Benedict Center, New Hampshire

Fr. John Osman, diocese of Birmingham, England

Fr. Alberto Strumia, retired professor of Mathematical Physics, University of Bari, Italy

Guillaume de Thieulloy, PhD in political science, editor of the French Blog Le Salon Beige

Marco Tosatti, Journalist, Vatican observer

Christine Vollmer, former member of the Pontifical Council for Family and the Pontifical Academy for Life







Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.




LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.



UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

Padre Pío contra Satanás

Tag: , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

24 commenti

  • Klaus ha detto:

    Non sono tra coloro che amano il Pontificato di Bergoglio, ma la sua demolizione a tutti i costi sa di psilè paràtaxis! Sulla questione della pena di morte vi è un abbrivio naturale della dottrina, che estende il divieto di soppressione di una vita anche non innocente in considerazione altresì degli aspetti d’ingiustizia sociale insiti in tale pena (cfr. caso USA). Cristo non se non ha abrogato la pena di morte nei fatti l’ha superata, rimettendo il peccato ad una adultera portata a supplizio capitale da uno stato teocratico in ossequio al legalismo mosaico. Lo stesso legalismo che agita qualche firmatario dell’appello che fa ricorso alla vieta e ignobile categoria del “meticciato” come spauracchio per le migrazioni in conferenze pubbliche di argomento filosofico-religioso sotto titoli accademici!

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    IL Catechismo della Chiesa quando trattando del comandamento “Non Uccidere”, comprende anche il SEQUESTRO DI PERSONA, in quanto lede la dignità dell’uomo.
    Che si devono forse ABOLIRE LE PRIGIONI? No, ovviamente.
    La prigione, semplicemente, è più consona alla dignità della persona che la pena di morte. In caso non esistessero le prigioni, la pena di morte, per reati gravissimi, sarebbe necessaria come forma di difesa della società.
    E’ vero che Dio disse “Nessuno tocchi CAINO”, ma è anche vero che Caino fu condannato da Dio stesso a rimanere fuori dal consorzio umano (allora si poteva). Una pena che, fosse comminata a un innocente, ne lederebbe la dignità umana, ma data a un colpevole serve ad un tempo a difendere la società e a ordinarla secondo giustizia.

  • Sempliciotto ha detto:

    Curioso come neghi in assoluto la pena di morte, chi conduce le pecore sulla via larga della morte eterna…
    Molto curioso!

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Cambiare una dottrina bimillenaria e che appare aormai consolidata non penso sia possibile.
    Papa Giovanni Paolo II l’ha approfondita arrivando in pratica a dire che la pena di morte è ammessa solo là dove non ci sono sitemi carcerari sicuri e degni dell’uomo in quanto deve essere considerata come una legittima difesa della società. Ma, ha aggiunto, che ormai non possono più esserci luoghi con carceri non adatte (e se ci sono DEVONO adeguarsi).
    Cioè ordinariamanete la pena di morte è illecita, a meno il caso di legittima difesa.
    Dire che la pena di morte non è ammessa senza se e senza ma, anche nel caso che, per ipotesi, si dovesse scegliere per forza tra liberare un serial killer o condannarlo a morte, mi sembra contraddire sia la ragione, che la dottrina della Chiesa.
    Per cui il nuovo articolo del Catechismo mi pare che non possa che essere interpretato secondo il pensiero di Giovanni Paolo II.
    Pietro è chiamato a confermare la fede non a cambiarla. Lo dice il Vangelo e lo dice il Concilio DOGMATICO Veticano Primo

  • Iginio ha detto:

    Tra i firmatari c’è un docente nell’università dove insegna anche il famigerato Faggioli: chissà se lo sa e se si conoscono. Sarebbe divertente.
    Per il resto, l’opinione del noto padre Ariel è un po’ diversa dai critici a ogni costo di papa Francesco: http://isoladipatmos.com/la-pena-di-morte-ed-i-nuovi-dogmidella-chiesa-perche-non-affidare-adolf-hitler-e-pol-pot-ai-servizi-sociali-diretti-dal-presbitero-antonio-mazzi/

  • Nat ha detto:

    O.T.?
    Facendo per un momento mio il motto così caro ai Gesuiti “Concede parum, nega saepe, distingue semper” mi schiero contro la pena di morte, indegna in ogni caso, tranne per chi abbandona un animale ad agosto.
    Come si evince infatti, anche solo da un rapido giro sui social di questi giorni, essa per tale fattispecie non solo diventa legittima ma doverosa.
    Capisco perché Chesterton ha affermato che prima che morale il crollo del pensiero moderno è mentale.

    • GIORGIO VIGNI ha detto:

      Egregio NAT,
      “concede parum, nega saepe, distingue semper” .
      Come la mettiamo con: Mt 5,37 ” Sit autem sermo vester: “Est, est”, “Non, non”; quod autem his abundantius est, a Malo est” ?
      Sempre strani ‘sti Gesuiti ! Glielo dice uno che ci ha lavorato .

      G. Vigni

  • Giuseppe Marson ha detto:

    Non volevo polemizzare, e preciso che non era in senso ironico la definizione, titolati professori : lo sono realmente e di alcuni ho letto interventi interessanti e pregevoli.
    io sono solo un marito padre e nonno, non maneggio il diritto canonico, ma credo sia in funzione della appartenenza a Cristo e alla sua Chiesa. Sicuramente, altri titolati e autorevoli professori potranno affermere che il Papa non ha fatto un errore ne ha contraddetto la Dottrina della Chiesa.
    A scanso di equivoci, quello che chiamo io approfondimento, è molto diverso dallo sviluppo predicato da Kasper e putroppo molti altri, non divide con frasi tipo la persona viene prima della legge, ( riferendosi oltretutto aI Sacramenti) per cui non è certamente attraverso un approfondimento della Fede in Cristo attraverso la S. Chiesa, che si può giungere alle aberrazioni ricordate in un altro intervento.
    Nella bella preghiera a San Giuseppe, vengono chiamati errori e vizi che ammorbano il mondo.
    Ma ho voluto precisare questo perchè La fede in Cristo per me non è un insieme di regole, e la spada che è venuto a portare, e che ha detto a Pietro di non usare e rimettere nel fodero è Lui in Croce.
    da Risorto ci ha dato in dono il Santo Spirito, per condurci alla Verità tutta intera.
    Ovvero viviamo nella situazione del “già e non ancora” la Fede in Cristo è un cammino di conversione e il tempo ci è dato per questo approfondimento.
    Ripeto non ho i titoli, ma in coscienza, in questo caso della abolizione della pena di morte, se il Papa ha modificato il diritto canonico, non si è allontanato dalla sana Dottrina e non ha certo, in questo caso, portato la S. Chiesa ad allontanarsi dallo Sposo.

  • a mano e in lavatrice ha detto:

    l’appello ai cardinali è inutile,
    a) perché ormai quasi la maggioranza dei cardinali è nominata da papa ciccio, e questi figurati se lo criticano
    b) gli altri, nominati da woytila e da razzinger non vogliono fare la fine dei due cardinali dubbiosi morti avvelenati
    c) tutti quelli che hanno firmato questo appello e insegnano in università della chiesa al rientro dalle ferie saranno dimissionati
    d) il sitonzolo di andreonzo leccalecca piegakukkiai comincerà a spargere m…a su questo sito americano
    a philadelphia è uscito un elenco MOSTRUOSO di preti che hanno molestato bambini nei decenni scorsi, fosse successo sotto razzinger sarebbe stata colpa sua, dimissioni, è una vergogna, e altre b…e, esce con papa ciccio e tutti i turiferarionzi zitti a leccaleccare.

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    5 di marzo di 2015.
    Aggiunta:
    FALSE TRADIZIONI IN LA CHIESA CATTOLICA:
    “LA SANTA SEDE LANCIA UN NUOVO APPELLO AL MONDO PER UNA SOSPENSIONE GLOBALE DELL’USO DI LA PENA DI MORTE” http://www.news.va/es/news/abolicion-di-il-pena-di-morte-nuovo-appello-d
    Perché per essere una pratica contraria all’insegnamento di nostro Signore e alla dottrina della primitiva Chiesa, comincino gli ipocriti da eliminarla di quello che chiamano “insegnamento tradizionale della Chiesa”: Catechismo della Chiesa Cattolica, articolo 2266.
    https://lossegadoresdelfindelmundo.blogspot.com/2014/05/2029-2031-fin-del-papado-en-roma-y-fin.html

    5 di de marzo de 2015
    Adición:
    FALSAS TRADICIONES EN LA IGLESIA CATÓLICA:
    “LA SANTA SEDE LANZA UN NUEVO LLAMAMIENTO AL MUNDO PARA UNA SUSPENSIÓN GLOBAL DEL USO DE LA PENA DE MUERTE”
    http://www.news.va/es/news/abolicion-de-la-pena-de-muerte-nuevo-llamamiento-d
    Pues por ser una práctica contraria a la enseñanza de nuestro Señor y a la doctrina de la primitiva Iglesia, comiencen los hipócritas por eliminarla de eso que llaman “enseñanza tradicional de la Iglesia”: Catecismo de la Iglesia Católica, artículo 2266.
    https://lossegadoresdelfindelmundo.blogspot.com/2014/05/2029-2031-fin-del-papado-en-roma-y-fin.html

  • Nicola B. ha detto:

    Ultimo messaggio della Madonna ad Anguera in Brasile al veggente Pedro Regis. In cui si annuncia nuovamente ( nella seconda parte del messaggio) l’arrivo della Grande Persecuzione per i veri fedeli e sopratutto il calice di dolore che gli uomini e donne di vera fede dovranno bere.

    http://www.apelosurgentes.com.br/it-it/mensagens/4679

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Stimato Direttore, un articolo:
    “Siamo onesti: come amministratori, Giovanni XXIII, Paolo VI e Giovanni Paolo II non erano santi”:
    “Let us be honest: as administrators, John XXIII, Paul VI, and John Paul II were no saints”:
    https://rorate-caeli.blogspot.com/2018/08/the-pennsylvania-truth-john-xxiii-paul.html#more

  • Marco Matteucci ha detto:

    A volte questo papa mi fa sentire in colpa per tutte le invettive che anch’io come tanti altri cattolici e laici da ogni angolo della terra gli rovesciamo addosso continuamente. Questo perché talvolta vedo nei suoi occhi una tristezza gelida e profonda che mi fa raggelare il sangue, come se egli fosse disperato e sconvolto da un ruolo che deve forzatamente sostenere perché ostaggio di quei cattivi maestri che lo hanno voluto papa perché distruggesse la fede cattolica attraverso una cattiva dottrina e dei quali egli in questi anni si è dovuto, volontariamente o subordinatamente, circondare.
    Altre volte invece a telecamere accese lo vedo spregiudicato, quasi arrogante, come se dovesse recitare un copione già scritto, un’agenda precisa precompilata da coloro che contano e che per i loro interessi l’hanno voluto infiltrare nell’ufficio magistrale petrino.
    Comunque sia, egli in quanto Romano Pontefice, Vicario terreno di Cristo e vescovo di Roma, colui che dovrebbe presiedere nella carità la Chiesa Cattolica universale ha l’obbligo dogmatico e morale di guidare la barca di Pietro verso lidi sicuri e non a schiantarsi contro gli scogli. Per questo motivo, che dovrebbe essere per lui esiziale visto il suo ruolo di vicario di Cristo sulla terra, egli dovrebbe trovare la forza, l’umiltà e la fede per svincolarsi dall’influenza perversa di tutti questi anticristi che lo attorniano e che adulandolo, confondendolo e osannandolo lo conducono drammaticamente all’errore e consentono che la Casa di Dio sia trascinata all’abominio della fede, all’eresia e molto probabilmente a un drammatico scisma.

    • Marco Matteucci ha detto:

      Disturbato dall’ambiguità di questo pontefice, e stimolato forse da un’antipatia viscerale per il suo modo di fare, oggi ho commesso un errore pacchiano di valutazione nei suoi confronti di cui domando scusa in primo luogo al pontefice e anche a lei direttore per l’invio di una spiacevole fake news di cui non voglio qui entrare nel merito.

      Non è vero che il passare degli anni renda per forza gli uomini più saggi, il più delle volte gli rende solamente più vecchi!

  • Piero Laporta ha detto:

    “Contro gli idioti neppure gli dei possono nulla” F. Schiller

  • Isabella ha detto:

    Trovo commovente questo appellarsi a Bergoglio, sapendo che non risponderà.
    Il punto lo ha centrato Equesfidus: noi possiamo solo aspettare e cercare di restare cattolici. Nessuno fra Vescovi e Cardinali si prenderà la responsabilità di affrontare di petto Bergoglio, rischiando di dare il via a uno scisma la cui portata potrebbe essere devastante. Toccherà a chi verrà dopo definire eventuali sbandamenti dottrinali e, quando le acque si saranno calmate e gli anni avranno corroso gli schieramenti, sarà possibile inquadrare nel giusto alveo questo Pontificato. In fin dei conti, per quanto siamo tutti convinti che il mondo finisca con noi, la storia è presbite e farà il suo corso.

    A proposito di Usa, segnalo che in Pennsylvania è stato appena pubblicato un rapporto, frutto di indagini durate 2 anni, sugli abusi sessuali su minori che vede implicati 300 preti. Vi è implicato anche l’ex vescovo di Pittsburgh, oggi arcivescovo di Washington Donald Wuerl. Per intenderci, un altro fedelissimo di Bergoglio, dopo l’ex cardinal McCarrick. Sembra che sia proprio sfortunato questo pontefice nella scelta di collaboratori e sostenitori…

  • EquesFidus ha detto:

    Più che altro, mi domando se ci sarà risposta e quale sia l’efficacia, se si considera come sono stati ignorati i Dubia, la “Correctio filialis” ed i vari appelli e suppliche portati avanti da (letteralmente) centinaia di migliaia di cattolici in tutto il mondo. L’unica cosa da fare, secondo me, sarà subito dopo la morte del Pontefice attuale vagliare tutti i suoi atti di governo per stabilirne la legittimità, a partire dalla sua elezione.

  • laura cadenasso ha detto:

    “…….che Vi impegna seriamente, ……” di fronte alla Chiesa di Dio oppure di fronte alla chiesa di Bergoglio ? Distinguiamo la seta pura dalla lana grezza ? Una lettera essenziale ma chiara per tutti, anche i “piccoli” fedeli. n.b.: parlo da cattolica, al grado più insignificante di conoscenze teologiche. L’ ultimo degli ultimi ! Non dico ciò per finta modestia ma cosciente dei miei limiti. Pur non vergognandomene ! Grazie.

  • Giuseppe Marson ha detto:

    Con tuto il rispetto per questi titolati professori, questa loro posizione non mi trova d’accordo in quanto anche prima la S.Chiesa è rimasta fedele al 5° comandamento e non ha mai insegnato il contrario, lo so che la faccio semplice, ma su questo punto il Magistero ha sempre approfondito la questione.
    Utilizzare il metodo proposto nell’appello, potrebbe voler dire che la S. Chiesa,domani potrebbe approvare in alcuni casi, l’aborto, come sta purtroppo facendo, concedere la S. Comunione ai divorziati risposati.
    Mi spiace ma in questo caso per me, ma sono un ignorante, Papa Francesco, non ha contraddetto la sana dottrina e il magstero della S. Chiesa, il non uccidere era è e sarà sempre obbedire alla volontà di Dio.
    Ricordiamoci che stiamo parlando della pena di morte.
    Io invece porrei una domanda, che mi è sorta dopo aver letto sia il bel discorso tenuto dal Papa ai giovani, sia, soprattutto le risposte alle domande, che per quella che è la mia educazione catttolica ho fatto fatica a capire.
    Il ricorso continuo alla parola sogno, per quanto grandi e belli siano non sempre si avverano, ma non per questo Gesù è lontano o assente.
    O si fa lal’esperienza quotidiana della Sua presenza nel reale, oppure i nostri sogni diventano fumo prima o poi anche se abbiamo tanti amici.
    Ma la domanda è questa, il Papa ai giovani ha detto che l’immagine di Dio, sono l’uomo e la donna insieme.
    Quindi se è così i sacerdoti, le suore, i religiosi, le religiose,
    i monaci, le monache, i vergini, le vergini, ma anche tutti coloro che non sono sposati, non sono ad immagine di Dio?
    Ho letto e riletto le parole del Papa, ma questo è quello che ho capito.
    Grazie .
    Tosatti buona festa dell’Assunta a lei ai suoi cari e a tutti i lettori di questo libero blog.

    • EquesFidus ha detto:

      Esistono dei pronunciamenti magisteriali precedenti (uno su tutti quello del Concilio di Trento) che rendono legittima la pena di morte, la quale era anche una pena prevista nell’Antico Testamento e mai abrogata dal Cristo. Smettiamola, per cortesia, con questa storia dell'”approfondimento della Dottrina”: nella Cattolica, la legge che viene dopo deve adeguarsi a quella che viene prima e non il contrario, la Dottrina non può essere modificata e l'”approfondimento” non può negare quanto dichiarato in precedenza. Un conto è il diritto canonico e l’applicazione della Dottrina (che non può assolutamente prescindere dalla Dottrina stessa, per cui la “pastorale” non può negare o eludere la fede della Chiesa), un conto è la Dottrina in sé, la quale procedendo da Dio (per definizione eterno ed immutabile) non può cambiare. Altrimenti, davvero, un domani con la storia degli “approfondimenti” e della mancanza di registrazioni si potrà giustificare anche l’aborto o i “matrimoni” sodomiti.

  • Nuccio Viglietti ha detto:

    Questa incontenibile volontà di autorità religiose di ficcare naso in faccende vita civile stati…segnatamente Italia…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/