I CRISTIANI, GLI EBREI E L’ALLEANZA. CONVERSIONE, SOSTITUZIONE? LA BOMBA DI BENEDETTO.

14 agosto 2018 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Una riflessione – in forma di saggio – di Benedetto XVI agita le acque nei sempre delicati rapporti fra cristiani ed ebrei.

Oggetto delle discussioni, anche polemiche, è un testo di venti pagine che il cardinale Kurt Koch, responsabile del dialogo con i “Fratelli maggiori” ha chiesto a Joseph Ratzinger. Doveva essere destinato a uso interno del dicastero guidato da Koch; ma il porporato stesso ha poi chiesto a Benedetto il permesso di pubblicarlo sulla rivista teologica “Communio”. Il teologo ha acconsentito, e subito sono nati i problemi.

Benedetto XVI chiede che venga approfondita la riflessione su alcuni aspetti di quello che è diventato l’atteggiamento mainstream della Chiesa verso l’ebraismo, la salvezza e la necessità – o meno – di una conversione per salvarsi. “Entrambe le tesi – cioè che Israele non è stata sostituita dalla Chiesa e che la [vecchia] alleanza non è mai stata revocata – sono in sostanza vere, ma sono sotto molti aspetti imprecise e devono essere ulteriormente esaminate criticamente”.  Giovanni Paolo II il 17 novembre 1980 ha affermato a Mainz, in Germania, che l’antica alleanza non è mai stata revocata e rimane ancora valida. Da questa affermazione è stato dedotto che implica che il popolo ebraico con la sua religione, nelle varie forme in cui è praticata, è ancora in pieno accordo con Dio Successivamente, queste affermazioni sono state incluse nel Catechismo della Chiesa Cattolica del 1992 (n.121). Benedetto nel suo saggio sull’Antica Alleanza afferma che questo “è, in un certo senso, parte dell’attuale figura di insegnamento [” Lehrgestalt “] della Chiesa cattolica”.

Nella sua riflessione papa Benedetto cerca di dimostrare che non è mai Dio che rescinde un’alleanza, ma, piuttosto, che il popolo di Dio, l’umanità, spesso viola e spezza l’alleanza con Dio. In questo senso, abbiamo diversi esempi di alleanze – con Noè, Mosè, David – che sono state tutte spezzate dagli uomini. In questo contesto, Benedetto si riferisce anche alla Lettera di San Paolo agli Ebrei in cui San Paolo menziona le precedenti alleanze dell’Antico Testamento, “tutte le quali egli [San Paolo] riassume sotto la parola chiave ‘prima alleanza’ che ora è stata sostituita dall’ultima ‘nuova’ alleanza”. Il papa continua dicendo: “In effetti parte della vera storia delle relazioni di Dio con Israele è la rottura dell’alleanza da parte dell’uomo, la cui prima forma è descritta nel libro dell’Esodo”.

Il punto problematico, o uno dei punti problematici nella lettura corrente nella Chiesa è là dove Benedetto sottolinea che la Nuova Alleanza è “valida per sempre” a causa del sangue di Cristo. Benedetto XVI dice: “La ri-istituzione dell’Alleanza del Sinai nella Nuova Alleanza nel Sangue di Gesù – vale a dire, nel Suo amore che supera la morte – conferisce all’Alleanza una forma nuova e valida per sempre”.

Da questa affermazione si può logicamente dedurre che l’antica alleanza è stata trasformata nella nuova alleanza e che questa nuova alleanza è valida per sempre perché è stata acquistata con il sangue di Cristo. Questa affermazione è sembrata ad alcuni osservatori come un ritorno a una visione cattolica orientate in maniera tradizionale. Dopo il Concilio Vaticano II, e la Dichiarazione “Nostrae Aetate”  sui rapporti della Chiesa con le religioni non cristiane   non si parlava più di conversione – un tema spinoso, alla luce de secoli precedenti -, si incoraggiavano “dialoghi fraterni” con gli ebrei. La missione ebraica fu effettivamente in seguito abbandonata, poiché gli ebrei ora apparentemente avevano la loro via di salvezza. Nel 2015, a 50 anni dalla promulgazione di Nostrae Aetate, il Vaticano ha affermato: “In termini concreti ciò significa che la Chiesa cattolica non conduce né sostiene alcun lavoro di specifica missione istituzionale rivolta agli ebrei”.

Scrive ancora papa Benedetto. “L’intero percorso di Dio con il suo popolo trova finalmente la sua somma e la sua forma finale nell’Ultima Cena di Gesù Cristo, che anticipa e contiene la Croce e la Resurrezione”. Con riferimento a Geremia 31 che prefigura una Nuova Alleanza nell’Antico Testamento, spiega Benedetto: “L’Alleanza del Sinai era nella sua essenza già sempre una promessa, un approccio verso il definitivo e il conclusivo. Dopo tutte le distruzioni, è l’amore di Dio che raggiunge anche la morte del Figlio, e che è di per sé la Nuova Alleanza “.

Benedetto tenta di ridefinire la discussione sulla teoria della sostituzione come segue:

“Quindi, in effetti, non esiste realmente una ‘sostituzione’, ma un viaggio che conduca infine a una sola realtà, con la necessaria scomparsa del sacrificio degli animali [dell’Antica Alleanza] che viene sostituito (‘sostituzione’) dall’Eucaristia“.

Benedetto ricorda poi che la Chiesa non è d’accordo sul progetto sionista di un “insediamento fondato teologicamente [” Landnahme “] nel senso di un nuovo messianismo politico”. Pur riconoscendo politicamente lo stato di Israele in quanto tale, il Vaticano ha respinto l’idea di uno “stato teologicamente fondato, uno stato confessionale ebraico” che comprende se stesso come il compimento delle promesse divine.

E l’ultimo punto delicato riguarda il collegamento teologico fra rotture dell’Alleanza, distruzione del Tempio di Gerusalemme e dispersione degli ebrei nella Diaspora: “Ma parte della storia delle alleanze tra Dio e l’uomo è anche un fallimento umano, la violazione dell’Alleanza e le sue conseguenze interne: la distruzione del Tempio, la dispersione di Israele, la chiamata alla penitenza che abilita e prepara l’uomo di nuovo all’Alleanza . L’amore di Dio non può semplicemente ignorare il ‘no’ dell’uomo”. Infine Benedetto XVI propone di ricordare, nella discussione teologica su questo tema, una frase della Seconda Lettera a Timoteo: “Se sopportiamo, regneremo anche con lui. Se lo rinneghiamo, ci rinnegherà; se siamo senza fede, rimane fedele, perché non può rinnegare se stesso”.







Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.




LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.



UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

Padre Pío contra Satanás

Tag: , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

94 commenti

  • Massimiliano ha detto:

    Fermi tutti!!! E’ tornato il signor so tutto io e vi spiego io come si deve pensare e agire da cattolici. Bentornato professor don Ezio.
    Massimiliano.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Massimiliano,
      chi sa poco o niente dovrebbe piuttosto stare zitto o chiedere lumi. Io ho studiato la Teologia cattolica e predico quella opportune et importune, non le idee degli eretici tradizionalisti. Buona cosa è la Tradizione, il tradizionalismo no.

  • Lo spettro di don Ezio ha detto:

    Vincenzo Calabrese,
    come si fa ad evangelizzare chi ha il cuore indurito, come gli ebrei e i mussulmani? C’è solo la possibilità di un dialogo sulle cose concrete che si possono fare insieme: l’impegno per la pace, la lotta contro la fame e l’ecologia.
    C’è invece la possibilità di evangelizzare i pagani dell’Africa e dell’Asia, ed infatti sono ancor oggi numerose le conversioni in quei luoghi.

    • Vincenzo Calabrese ha detto:

      Caro Don Ezio, nulla è impossibile a Dio!! Ci sono grandi conversioni famose di ebrei!! Il Ratisbonne che si convertì subito dopo l’apparizione della Beata Vergine e che poi si dedicò per tutta la vita a tentare di convertire i suoi ex-fratelli di fede, il rabbino capo di ROMA Eugenio ZOLLI nel 1944-45 (dopo i fattacci dei nazisti e dopo gli incontri con il grandissimo papa PIO XII), i fratelli LEMANN nel XIX secolo che divennero famosi presbiteri cattolici e per non parlare poi di personaggi come NICODEMO e – mi scusi, ma ho una forte ammirazione per quel fariseo così loquace ed esplicito – il buon Saulo di Tarso…
      Per i mussulmani basterebbe citare MAGDI ALLAM… Un fervente mussulmano che ormai da anni si è accorto degli errori del Maometto e ha abbracciato la Vera Fede, diventando di fatto un vero e proprio paladino cattolico contro la diffusione dell’Islam…
      La conversione è possibile… Ma qui il Vaticano vuole solo dialogare (dialoghi sempre a senso unico, autodistruttivi, visto che cambiano i cattolici, ma non quelli della controparte…) e suicidarsi, in pieno contrasto con le stesse parole di Cristo nei Vangeli: evangelizzate tutti i popoli!!!!
      Io ho sentito con le mie orecchie sacerdoti fintamente cattolici affermare che un mussulmano non deve convertirsi, ma vivere solo DA BUON MUSSULMANO!!! Attenzione: non parlo di conversioni forzate!! Parlo di un mussulmano che ha chiesto esplicitamente, consapevolmente e volontariamente il BATTESIMO, e questo gli è stato rifiutato!!! Per certi preti bisogna vivere come nelle antiche caste: nasci in un modo e devi morire in quel modo… La libertà dell’uomo non esiste più!! E si va pure contro il volere di Dio che spesso illumina ogni singolo individuo…

      • Lo spettro di don Ezio ha detto:

        Vincenzo Calabrese,
        il buon cattolico è quello che cerca di vivere il Vangelo e convertire se stesso, non gli altri.
        Lei ha poca stima di san Paolo, eppure è il più grande degli apostoli. Ma come può censurare anche il più importante agiografo del Nuovo Testamento? Qualcuno ha attuato il riduzionismo biblico: l’eretico Marcione. Lei non lo fa, ma esprime giudizi difformi da quelli di Cristo che si è servito proprio di uno come Paolo di Tarso.
        Magdi Allam si è convertito al cristianesimo o una forma di cristianesimo che aveva in testa lui? A pochissimi giorni dall’elezione del papa Francesco, si è praticamente “autosospeso” da cattolico. Le critiche alla Chiesa Cattolica sono riportate da Wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Magdi_Allam. Un cattolico che va contro gli insegnamenti della Chiesa non è un vero cattolico, pur essendo valido il suo battesimo.
        Bisognerebbe una buona volta che lei capisca che evangelizzare tutti i popoli non significa forzarli alla conversione: ormai il Vangelo è stato annunciato a tutti i popoli della Terra.
        Bisogna vedere perché è stato rifiutato il battesimo al mussulmano da lei citato. Comunque il comportamento errato di alcuni pastori è sempre possibile.

        • Vincenzo Calabrese ha detto:

          Padre, guardi che ha letto male il mio commento… Io ho scritto che HO GRANDE AMMIRAZIONE PER SAULO DI TARSO… O meglio per San Paolo (indichiamolo col nome prettamente cristiano con cui è conosciuto!!!).
          Come si potrebbe non stimare (ed uso verbi con grande sottotono, perché vorrei ampliarli all’infinito vista la forza, la passione, la fede di quell’uomo!!) colui che di fatto ha permesso che il cristianesimo si diffondesse nel mondo, alla faccia di tante mezze-calzette della sua epoca che avevano visioni limitatissime della Fede?
          Io non ho mai parlato di ‘forzare le genti alla FEDE’, ma qui l’idea stessa di evangelizzare ormai è quasi morta nella Chiesa Cattolica. Il DIALOGO non è EVANGELIZZARE e neanche CONFRONTARSI!!! E’ semplicemente SOGGIACERE agli ERRORI di ebrei, protestanti, mussulmani, induisti, buddisti, ecc. ed implicitamente promuoverli all’interno del mondo cattolico… Mi scusi ma la barzelletta da anni a questa parte col LUTERANESIMO è evidente!!! Con teologi cattolici (che spesso ormai con evidenza non trattato Cristo come Dio, ma solo come Uomo) che affermano esplicitamente che Lutero aveva ragione e che la Chiesa nel ‘500 ha sbagliato nel tentare di reprimere il protestantesimo…
          Invito tutti a vedere questa bella raccolta di interventi del Monsignor Livi…

          • Lo spettro di don Ezio ha detto:

            Vincenzo Calabrese,
            ho letto male il suo commento in cui ha scritto che ha una forte ammirazione per san Paolo. Mi scuso dell’equivoco.
            Per il resto, Mons. Livi non sa quello che dice e comunque la pervicacia sua, Vincenzo Calabrese, è pari a quella di Mons. Livi, nel continuare ad attaccare il Papa per colpe che non ha. Non si avvede che i tradizionalisti sono strumento diabolico di divisione della Chiesa, oltreché strumento politico a sostegno di partiti e personaggi antiumani oltreché anticristiani come l’attuale ministro dell’Interno. Siccome per me è molto faticoso seguire tutti i commenti, ritorno nel mio regno spettrale.

          • wp_7512482 ha detto:

            Caro don Ezio, non conosco mons. Livi, ma forse affermare che non sa quello che dice è un po’ eccessivo. Non è mica un Marco Tosatti qualsiasi!

          • vincenzo Calabrese ha detto:

            Dottor Tosatti, non sia PERVICACE anche Lei!!
            Ringrazio l’amico Don Ezio, perché anche oggi ho arricchito il mio vocabolario di un nuovo termine che non conoscevo.
            E continuo a chiedermi se un giorno Cristo mi rinfaccerà di essere stato PERVICACE nel difendere la dottrina e nel far notare certi difetti palesi di alcuni suoi consacrati…

          • Lo spettro di don Ezio ha detto:

            Dott. Tosatti,
            credo che lei ne sappia di più di Mons. Livi e comunque sia più prudente di lui nell’esprimere giudizi perentori. In cinque anni di pontificato, il Papa ha fatto le seguenti modifiche alla liturgia della Messa:
            – introduzione del nome di san Giuseppe nelle preghiere eucaristiche II, III e IV del rito romano;
            – monito a non trasformare il segno della pace in una scorribanda per la chiesa per salutare tutti (non è questo il senso del rito);
            – vigilare sulle traduzioni del rito romano nelle lingue nazionali per quanto riguarda deviazioni dogmatiche senza dover imporre per forza le visioni della Congregazione del Culto Divino;
            – facoltà (ma non obbligo) di lavare i piedi anche alle donne alla Messa vespertina del giovedì santo.
            Non trovo questa Messa catto-luterana di cui si favoleggia.
            A livello di catechismo della Chiesa Cattolica riformulazione della dottrina sulla pena di morte, non più attuale: mi sembrerebbe strano che il Papa dovesse giustificare la pena di morte che di fatto si applica in stati comunisti come la Cina, in stati islamici, dove quindi serve per sbarazzarsi degli oppositori dei regimi, o di alcuni stati americani dove da una parte di consente a chiunque di avere un’arma di difesa e poi s’interviene con la pena di morte col rischio (capitato molte volte) di condannare un innocente ed in ogni caso non dare la possibilità di redimersi.
            Un’altra problematica curata dal Papa è quella ambientale: ma forse inquinare non è un peccato contro la salute? produce morte, seppure in modo non evidente.
            E poi, l’accoglienza dei migranti: ma forse è cristiano lasciarli morire in mare e Gesù Cristo scherzava quando ha proclamato le opere di misericordia corporale su cui saranno giudicati credenti e non credenti? Salvare i naufraghi è un obbligo della legge internazionale del mare; la gestione degli immigrati è un problema politico in cui il Papa non entra.
            Il dialogo: ma forse le guerre di religione nate dopo la Riforma hanno risolto qualche problema?
            L’evangelizzazione: ma la predicazione del Papa non è una forma di evangelizzazione; ascoltando le sue parole uno, mosso dallo Spirito, può convertirsi; forse è opportuno dire: se non ti fai cristiano vai all’inferno? ma in che Vangelo sta scritto?
            Infine, la cricca di San Gallo: ma la Chiesa Cattolica dipende da una cricca di alcuni prelati che si ritrovavano per parlare di cose di Chiesa?
            Tutto questo conservatorismo e tradizionalismo non è altro che opera del diavolo e non produce nulla di buono. Intanto, è in aumento il numero dei cattolici nel mondo, come pure il numero dei seminaristi e si erigono nuove diocesi. Siccome il Concilio era ecumenico, come mai la Chiesa arranca solo nel mondo occidentale? La risposta è nel secolarismo, frutto dell’illuminismo, non in ipotetici errori commessi dai papi.
            Con stima.
            Don Ezio Fonio

          • Vincenzo Calabrese ha detto:

            Don Ezio, non cada nell’inganno di Bergoglio… Il papa non firmerà mai apertamente un documento che evidenzi il suo stato eretico… I piccoli cambiamenti nella Messa da Lei indicati sono ‘comprensibili’, ma deve tenere conto del clamore suscitato dall’idea che si possa realizzare una messa ecumenica!!! Ovvero una messa in cui ogni cattolico ed ogni protestante possa contemporaneamente vedere o meno la ‘presenza reale’ di Cristo… Non ci nascondiamo dietro ai giochetti!! Bergoglio manda sempre avanti i suoi seguaci! Non appare mai in prima persona, ma lascia sempre fare… Eppure, nel caso di corbellerie, DOVREBBE INTERVENIRE contro certi teologi e cardinali… Invece tace… E chi tace, acconsente…

            Nessuno vuole fare morire i MIGRANTI in mare. Semplicemente ormai è evidente (ne parlano apertamente i vescovi africani!!!) che non si tratta di profughi, ma di UOMINI (non famiglie!!!) in cerca di FORTUNA e di un REDDITO magari anche gratuito!!
            Mi perdoni se continuo a segnalare dei video, ma provi ad ascoltare cosa dice questo politico africano, che ha parlato con i ‘MIGRANTI’…

            https://www.youtube.com/watch?v=zsL2NoR2BY0

            I MIGRANTI sono la distruzione della società italiana, un pericolo per la Chiesa Cattolica in Europa e – visto che sono le forze giovani e fresche – sono la rovina per l’Africa stessa, che si trova senza giovani braccia e cervelli per progredire. Promuovere i viaggi di questi ragazzi NON E’ MISERICORDIA!!! E’ FOLLIA e AUTODISTRUZIONE!!

            Le rivoluzioni sono opera del DIAVOLO (e dei MASSONI e dei poteri non-cristiani che li gestiscono)!! I seminari in Europa sono vuoti! Messori faceva notare l’anno scorso su IL TIMONE che quel furgone di Bergoglio voleva far fare le riforme ad una mente illuminata come MARX: da quando Marx è in Baviera, il seminario non ha nemmeno uno studente… E che riforma farebbe quindi uno come Marx? Certamente qualche cosa di sempre più distruttivo…

            Non dica che i cattolici sono in aumento nel mondo… Sono solo paraventi… 15 anni fa si diceva che la speranza della Chiesa stava nel Sud America… A furia di novità, molti cattolici sudamericani si sono convertiti aderendo a qualche setta protestante!!! Bel risultato!!!

            La TRADIZIONE (vedasi per esempio lo spettacolare risultato in termini di CONVERSIONI e di CHIAMATE ALLA VITA RELIGIOSA nell’Ordine dei Francescani dell’Immacolata prima dell’infinito processo in corso) presenta una fede chiara, non ambigua, Vera e dimostrabile. Tutto il contrario del buonismo proposto da Bergoglio, che è sempre sostituibile da una qualsiasi associazione laica e magari atea…

          • Vincenzo Calabrese ha detto:

            Faccio solo notare un passaggio MAGNIFICO dell’intervista a Mons. Livi: ‘NESSUNO DICE CHE IL PAPA SIA ERETICO, perché non dice eresie… LE FA DIRE AGLI ALTRI E NON INTERVIENE…’

            Vedasi Kasper, il generale dei Gesuiti, ecc. ecc.

          • Lo spettro di don Ezio ha detto:

            Vincenzo Calabrese,
            forse Mons. Livi è al corrente di lettere e incoraggiamenti che il Papa avrebbe fatto al cardinal Kasper e al generale dei Gesuiti? Piuttosto penso che il Papa agisce con atti del Magistero e non entra nelle polemiche.

          • Vincenzo Calabrese ha detto:

            Don Ezio, non faccia così… Non parli di lettere del pontefice: quel furbone di Franceschiello (e il nomignolo se lo merita proprio…) ha dichiarato pubblicamente Kasper un ‘bravo teologo’ già nel 2013!!!
            Addirittura, quando il vescovo di Roma è andato nella chiesa luterana della nostra capitale, ha dichiarato di avere difficoltà a rispondere a certe domande DI FRONTE AD UN GRANDE ESPERTO COME KASPER…
            MONSIGNOR LIVI lo ha confermato apertamente nel video che Le ho postato: BERGOGLIO non ha particolari titoli accademici!! E’ realmente un sacerdote che ha una conoscenza ‘a spanne’ della dottrina: non è un dotto come invece era (ed è) Benedetto XVI… Bergoglio sembra quasi il bidello di un seminario!!! Ha sentito tante cose, ma le afferma a grandi linee, con poca sicurezza, e con quel tono da ‘bravo nonnetto’ che è meritorio e piacevole in un LAICO anziano, non in chi rappresenta la CATTOLICITA’…
            Io ho realmente acquistato un paio di anni fa delle opere di Kasper degli anni Settanta e ho avuto la netta impressione che ABBIA PERSO LA FEDE!!! Secondo Lui in pratica i VANGELI sono NON LA REALE PAROLA DI CRISTO, ma delle opere create appositamente da alcuni fedeli (partendo dal solco delle tradizioni ebraiche) per dare un’immagine definita a priori di Gesù Cristo… Visto più come UOMO che come VERO DIO. Insomma i VANGELI non sono opera storica per Kasper, i fatti narrati non sono probabilmente neanche mai accaduti, ma sono delle invenzioni che servono a comunicarci dei messaggi ben precisi… Affermazioni di questo tipo me le sarei aspettate da un NON CREDENTE, non da un vescovo cattolico…
            A me hanno sempre insegnato che i VANGELI sono storici, che riportano le parole esatte di Cristo (nei limiti ben comprensibili delle traduzioni dall’aramaico al greco) e che ogni evangelista ha seguito una propria linea (un personale progetto) nell’ordine con cui ha raccontato i fatti. Quindi non siamo di fronte ad invenzioni, ma alla libertà che Dio ha dato agli Evangelisti di formulare una propria opera nella consapevolezza di esprimere solo cose vere, ma magari non in perfetta cronologia storica.

  • RICCARDO ha detto:

    1 Tess2, 14-16 14 Voi infatti, fratelli, siete diventati imitatori delle Chiese di Dio in Gesù Cristo, che sono nella Giudea, perché avete sofferto anche voi da parte dei vostri connazionali come loro da parte dei Giudei, 15 i quali hanno perfino messo a morte il Signore Gesù e i profeti e hanno perseguitato anche noi; essi non piacciono a Dio e sono nemici di tutti gli uomini, 16 impedendo a noi di predicare ai pagani perché possano essere salvati. In tal modo essi colmano la misura dei loro peccati! Ma ormai l’ira è arrivata al colmo sul loro capo.

    A me sembra che: 1 – avendo il Sinedrio condannato Gesù alla morte in croce;
    2 – non avendo il popolo ebreo riconosciuto Gesù come il Messia atteso ed annunciato dai Profeti per 2000 anni e ancora adesso non lo riconoscono nonostante altri 2000 anni di patimenti e diaspora;
    3 – non essendo stato ancora costruito il Tempio di Gerusalemme per il ripristino del culto;
    ecco, mi sembra che non ci siano le condizioni per affermare la continuità dell’Antica Alleanza a meno che gli Ebrei non mostrino una volontà di riconciliazione. Sono finiti i tempi in cui Dio rincorreva per il deserto il suo popolo per alleviare le sofferenze della fame e della sete ed i disagi del peregrinare…..

  • RICCARDO ha detto:

    1 TESS2,14-16 14 “Voi infatti, fratelli, siete diventati imitatori delle Chiese di Dio in Gesù Cristo, che sono nella Giudea, perché avete sofferto anche voi da parte dei vostri connazionali come loro da parte dei Giudei, 15 i quali hanno perfino messo a morte il Signore Gesù e i profeti e hanno perseguitato anche noi; essi non piacciono a Dio e sono nemici di tutti gli uomini, 16 impedendo a noi di predicare ai pagani perché possano essere salvati. In tal modo essi colmano la misura dei loro peccati! Ma ormai l’ira è arrivata al colmo sul loro capo.”
    A me sembra dedurre che: 1 – avendo il Sinedrio condannato Gesù alla morte in croce;
    2 – non avendo il popolo ebreo riconosciuto in Gesù il Messia annunziato dai Profeti e tuttora non lo riconoscono anche dopo 2000 anni di patimenti in diaspora;
    3 – non essendo ancora stato costruito un altro Tempio in cui riprisitnare il culto a Dio;

    ebbene mi sembra, ripeto, che non ci siano le condizioni per cui si possa affermare una continuità della Vecch

  • Non Metuens Verbum ha detto:

    Per fare un’alleanza bisogna essere in due; quello che oggi e anche nei secoli scorsi si autodefinisce popolo ebraico, non ha niente a che vedere con gli ebrei che Dio ha chiamato sulla via della Salvezza. Quelli che Dio ha chiamato, si chiamano Abramo, Mosè, Giovanni Battista, Maria SSma di Nazareth, Simone Pietro, e altri 144.000 segnati e dopo di loro una moltitudine immensa.
    Gesù gliele ha cantate in tutte le maniere, basterebbe anche solo la parabola dei vignaioli omicidi, ma per non citare l’intero Vangelo limitiamoci all’ultima parola di Gesù in Croce: NON SANNO QUELLO CHE FANNO. E continuano ostinatamente e ciecamente a farlo e a non saperlo. La Chiesa dovrà rendere conto a Dio della sua resa a calcoli puramente umani e a viltà esecrabile per avere abbandonato la missione soprannaturale di portare gli ebrei a Gesù Cristo.

    • Alessandro2 ha detto:

      Parole (letteralmente) sante. Oggi è il 15 agosto: rileggersi il Magnificat per convincersi che in Maria è nata la nuova e definitiva Alleanza.

    • Marco d'Aviano ha detto:

      La Beata Anna Caterina Emmerich nelle sue profezie , vedi sul web. Afferma in ultime righe che solo alla fine diverranno cristiani. Percui é inutile sperarlo prima e neppure lo vorrei poiche finirebbe il mondo.

      • Vincenzo Calabrese ha detto:

        Beh… Finirebbe non il MONDO, ma la STORIA… Ci sarebbe il Giudizio Universale e comincerebbe l’era di pace prevista da San Giovanni nell’Apocalisse!!!
        Fantastico!! Chi lo avrebbe mai detto che proprio le nostre generazioni (o forse quelle subito dopo successive) avrebbero alla fine vissuto quel periodo tanto drammatico, ma tanto magnifico del ritorno di Cristo sulla Terra???!!!! Tanto – visto che siamo dalla parte del vero Dio – ora o tra 100 o 1000 anni che differenza dovrebbe fare per un cristiano? Intanto noi viviamo ‘serenamente e normalmente’, aspettiamo E LOTTIAMO (per quello che possiamo…) per la nostra FEDE…
        VIENI SIGNORE GESU’!!!

      • Vincenzo Calabrese ha detto:

        E poi sapete che piacere vedere finalmente Bergoglio, Kasper e tanti altri monsignori prendere le loro reali forme di diavolacci ed essere presi a pedate dall’Arcangelo Michele!!! E suvvia!! Togliamoci almeno qualche soddisfazione!!!!

        • Lo spettro di don Ezio ha detto:

          Vincenzo Calabrese,
          mi sono risvegliato dal mio regno spettrale, attratto dalla notizia sul saggio del Papa emerito. E che cosa trovo: lei che manda all’inferno alcuni personaggi. Lasci stare e stia al tema. Non si erga a giudice di persone solo perché lei la pensa diversamente da loro.

          • Vincenzo Calabrese ha detto:

            Caro Don Ezio, mi perdoni, ma non sono io che mando all’Inferno: sono LORO che TRADENDO decidono di andarci… Esattamente come quel ‘tale’ di cui Cristo disse: ‘Sarebbe stato meglio che non fosse mai nato!’
            Ma in realtà – rilegga il mio post – ho detto che prenderanno le loro reali forme di diavolacci… SI MANIFESTERANNO ANCHE A NOI PER QUELLO CHE REALMENTE SONO…
            Si ricordi che la LOTTA è con le Potenze, le Dominazioni e le forze dell’aria come – vado più o meno a memoria – scrisse San Paolo…
            Comunque sono contento di ritrovarLa.

          • Lo spettro di don Ezio ha detto:

            Vincenzo Calabrese,
            ho dei problemi che riguardano la mia persona, in quanto dovrò trasferirmi a Torino e sto preparando i festeggiamenti per il mio XXV di sacerdozio.
            Riguardo i suoi commenti, la invito alla prudenza. Sono vere le citazioni che lei fa: ma lei non può paragonarsi a Cristo nel dire chi va all’inferno o prende la forma di diavolaccio. Questo naturalmente vale anche per gli altri sfegatati che da anni continuano a scrivere contro l’attuale Papa, convinti (?) che sia falso. Degli eventuali errori che possa aver commesso giudicherà Dio, non i tradizionalisti che scrivono su questo blog.

          • Vincenzo Calabrese ha detto:

            Caro Don Ezio, il giudizio spetterà sicuramente a Cristo, ma avendo un cervello, un cuore, una fede (quella che ritengo unica e VERA), non posso che soffrire per tanti errori degli ultimi pontefici e dei loro collaboratori e quindi elaborare un commento almeno ‘storico’ del loro operato: i risultati sono disumani e disastrosi. Un crollo impossibile ed umanamente impensabile per quel colosso che era la fede cattolica fino a Pio XII. E gli errori si sviluppano e si succedono in modo incontrollato e diabolico… Quindi certa gente è posseduta o è realmente un diavolaccio…
            Complimenti di cuore per i Suoi XXV anni di sacerdozio e che il Signore la protegga e La custodisca per la Vita Eterna.
            Ad maiora!

          • Lo spettro di don Ezio ha detto:

            Vincenzo Calabrese,
            i papi del Concilio non hanno saputo contrastare il secolarismo,
            come
            Pio XII non è riuscito ad evitare la seconda guerra mondiale e Pio X la prima.
            Lei attribuisce alla Chiesa e ai pontefici la perdita della fede e le crisi della società, però gli attuali tempi sono assai migliori di quelli vissuti dai due pontefici di nome Pio, quando formalmente c’erano tanti cattolici, ma poco Vangelo vissuto, adesso c’è una consapevolezza diversa tra tutti gli uomini di buona volontà, anche se di fedi diverse (a parte il fatto che il numero dei cattolici nel mondo è in continuo aumento…). Quindi, cerchi di vedere le cose positive e quando il bicchiere è mezzo vuota, ricordi che è anche mezzo pieno.

          • Vincenzo Calabrese ha detto:

            Padre, il bicchiere ormai è frantumato… Ma è rimasta ancora qualche goccia ‘di quello buono’ sul fondo che è rimasto integro… Qualche VERO CATTOLICO esiste ancora…
            I TEMPI ATTUALI sono i peggiori della storia, perché pochi cattolici PREGANO e conoscono la dottrina (ai tempi dei nostri nonni ci sarà stata tanta superstizione, ma la fede era sincera, i messaggi chiari e diretti, e sicuramente tanti si Salvavano…), perché lo stato sociale è quasi SFASCIATO, l’economia sta TRACOLLANDO e perché tutti gli stati non hanno l’indipendenza, ma sono con evidenza pilotati da OLIGARCHIE INTERNAZIONALI, solitamente formate da NON CRISTIANI e da NON CATTOLICI… E oggi pure il Vaticano soggiace ed è complice di questa situazione, tanto è vero che l’unico male del mondo è la POVERTA’, non chi la PROCURA e la PROMUOVE…
            Insomma, siamo in piena APOSTASIA, totale CORRUZIONE e SERVILISMO, schiavitù ECONOMICA e siamo contenti che l’ISLAM possa invadere e sviluppare la nostra penisola e l’Europa… Padre, Padre… Qui o torna realmente Cristo, o altrimenti siamo destinati (con nostra piena volontà ed incredibilmente anche con GIOIA e CONVINZIONE!!) ad essere spazzati via dalla faccia della Terra…
            Quello di oggi non è CATTOLICESIMO è puro BUONISMO, che tutto accetta e tutto sopporta… Anche chi gli propone e promuove il SUICIDIO ed il TRADIMENTO TOTALE della FEDE…

          • Claudius ha detto:

            @prete fantasma piddino o non piddino, ma con idee piddine:

            “…gli attuali tempi sono assai migliori di quelli vissuti dai due pontefici di nome Pio, quando formalmente c’erano tanti cattolici, ma poco Vangelo vissuto, ”

            Devo dire che resto sempre ammirato dal tono apodittico di tutti i suoi commenti… mi chiedo come fa. Ma lei scusi chi e’ per dire che “formalmente c’erano tanti cattolici, ma poco Vangelo vissuto” prima del Concilio? Lei era forse in giro a quei tempi? Ha interrogato personalmente e confessato “tanti cattolici” per poter sostenere che non vivevano il Vangelo ma erano solo tutta forma e niente sostanza? Ovviamente, niente di tutto questo. E@ solo la sua impressione che lei come al solito spaccia per verita’ storica indiscutibile con il suo solito modo apodittico di argomentare. E ovviamente, nessuna prova.

            E neppure si rende conto di quanto offensivi siano i suoi giudizi tranchant. Praticamente, ha dato a qualche millennio di credenti il timbro di “cattolici solo formalmente”. Le consiglierei un minimo di umilta’ in piu’, caro prete fantasma.

    • Claudius ha detto:

      Ottima osservazione, hai centrato il punto della questione. Quoto in pieno.

    • Vincenzo Calabrese ha detto:

      Attenzione! Dio chiama tutti alla Salvezza! Tutti (almeno coloro che fortunatamente incontrano Cristo nella propria vita) possono convertirsi anche all’ultimo momento…
      Tutti i patriarchi biblici degli ebrei sono di fatto dei santi cattolici!! E con loro vennero chiamati DIRETTAMENTE anche tutti gli ebrei delle loro epoche… E’ con la CROCE DI CRISTO SUL GOLGOTA e poi con la RISURREZIONE che la CHIESA PRENDE IL POSTO DELLA SINAGOGA. Ricordate il Velo del Tempio che si squarcia? La Nuova Alleanza è quella nel SANGUE DI CRISTO: tutti da 2000 anni sono chiamati, anche i ROTSCHILD, anche il rabbino capo di Roma che è così spesso nelle trasmissioni televisive ed anche personaggi ridicoli come Benjamin Netanyahu… Basta che facciano un po’ di meditazione, che leggano Isaia e che prendano la strada del rabbino di Roma Eugenio Zolli che nel 1944-45 (dopo l’esperienza dei nazisti a Roma e dopo aver avuto l’appoggio del Vaticano di allora) capì che Cristo era veramente il Messia…
      Certo che se poi sono tutti come i coloni di questo video…

      • Lo spettro di don Ezio ha detto:

        Vincenzo Calabrese,
        i patriarchi e i profeti dell’Antico Testamento da Adamo a Giovanni Battista non sono santi cattolici, ma santi e basta. Occorre ancora dire che cattolici non erano nemmeno i discepoli del Signore. Sono ad Antiochia si cominciò ad usare il termine “cristiani”, mentre il termine “cattolico” è posteriore. Non è comunque la tessera di cattolico che salva.

  • a mano e in lavatrice ha detto:

    l’altra volta che razzinger interferì con i piani di papa ciccio,gli hanno montato lo scandalo del fratello direttore del coro coinvolto nelle molestie ai bambini, e poi non era vero niente
    adesso di nuovo razzinger taglia la strada a papa ciccio
    speriamo non lo avvelenino come con papa luciani
    hanno appena fatto fuori i due cardinali dei dubia, la gente comincerebbe a sentire puzza di bruciato, anche se andreonzo piegakukkiai col sitonzolo north korea insider cercherebbe di nascondere tutto

  • Claudius ha detto:

    Un mare di chiacchiere per dire che gli ebrei non hanno bisogno di Cristo per salvarsi, ma poiché non hanno il coraggio di dirlo apertamente, perché sarebbe un’eresia conclamata, fanno un sacco di viscidi giri di parole per cercare di salvare capra e cavoli. Gli ebrei hanno bisogno si’ o no di Cristo per salvarsi? Si’, no, forse, non so, fate voi. Chissa’ cosa ne pensa Cristo di questi sofismi. E chissa’ come si sentiranno, questi prelatoni cardinaloni e papaloni, quando Cristo gli chiedera’ conto di queste cose che affermano con tanta sicurezza.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Claudius,
      lasci stare i termini poco rispettosi per il clero. L’educazione viene prima di essere cristiani e vale per tutti. Quanto alla salvezza degli ebrei, come di chiunque, atei compresi, esiste un solo Salvatore: Gesù Cristo Signore, il che non implica che si salvino solo quelli che hanno ricevuto il battesimo nella Chiesa cattolica. La Chiesa è un sacramento, non la via obbligata per la salvezza. Se poi gli ebrei, come chiunque, sono in malafede e pur conoscendo Cristo, non lo accettano si precludono da soli la salvezza. Non vedo quali altre discussioni possono sorgere intorno a questo tema.

      • Claudius ha detto:

        Oh, e’ tornato il prete piddino! Cos’e’, aveva fatto voto di stare in silenzio? Peccato che a quanto pare fosse solo provvisorio… cmq ripeto la domanda: gli ebrei per salvarsi devono riconoscere che Cristo e’ il Messia, come tutti gli altri, o hanno una via privilegiata alla Salvezza? Fanno bene ad aspettare il “vero” Messia e a ritenere Gesu’ Cristo un impostore? Si’ o no, senza i giri di parole viscidi di un certo clero, se ci riesce, e lasci perdere i pistolotti sull’educazione, non e’ certo lei che puo’ giudicare della santita’ di vescovoni cardinaloni e papaloni.

  • ruggero marino ha detto:

    Saresti interessato visto che sei nato a Genova ad una visione totalmente in chiave cristiana di Cristoforo Ciolombo che due papi come Pio IX e Leone XIII hanno cercato contro ogni regola di fare santo? Puoi avere qualche idea vedendo il sito http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.com. Sono stato inviato e redattore capo de Il Tempo e per me Tosatti era il collega di Nautica.

  • deutero.amedeo ha detto:

    Mi sembra importante far osservare che Benedetto XVI non ha inteso col documento oggetto dell’articolo dire una parola definitiva, ma ha richiamato l’attenzione sulla necessità che venga approfondita la riflessione su alcuni aspetti degli atteggiamenti della chiesa nei confronti dell’ebraismo.
    Non si tratta di una questione di poco conto e non riguarda solo qualcuno, ma riguarda un popolo di milioni di persone. Personalmente sono convinto che la nuova alleanza riguardi un cambiamento non delle promesse fatte da Dio, ma delle richieste che Dio ha fatto al suo popolo affinché gli dimostri la sua fedeltà e dia una concreta risposta al suo amore.

  • Adele ha detto:

    “ A conferma, dunque, di quanto ho appena sostenuto, consideriamo ancora una volta insieme il contenuto di queste mie esplicite parole: «Non pensate che Io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; no, non son venuto per abolire ma per dare compimento alla Legge. In verità vi dico che finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà neppure uno iota o un segno della Legge senza che tutto sia compiuto! Chi dunque trasgredirà uno solo di «Questi Precetti», anche se minimi, o insegnerà agli uomini a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà agli uomini, sarà considerato grande nel regno dei cieli!».
    Come vedete, il «Figlio dell’Uomo» non è venuto sulla terra per abolire le «Leggi del Decalogo Eterno» nè, tanto meno, per cambiare il «Principio Speculativo di Ogni Comandamento», ma bensì è venuto sulla terra, non solo per «Portare a Compimento la Legge Antica», ma anche per purificarLa dalle scorie umane, «Mediante il Contributo Complementare dei Sacramenti Divini», così da difenderLa e liberarLa dallo sfregio ingegnosamente ordito dagli stessi uomini, per relegarLa ai margini dell’arrogante ed ambiziosa società di ieri e di oggi!”. Dal mess. del 29 giugno 2007, indirizzato a Papa Benedetto XVI.

  • Paolo O. ha detto:

    E poi,
    è vero che S.Paolo, pro ebrei, dice in Rm 11,29 che i doni e la chiamata di Dio sono irrevocabili!

    ma anche:
    “Se la prima alleanza fosse stata perfetta, non sarebbe stato il caso di stabilirne un`altra.”
    “Dicendo alleanza nuova, Dio ha dichiarato antiquata la prima; e, ciò che diventa antico e invecchia, è prossimo a sparire.”

    in Eb 8:
    Se la prima alleanza fosse stata perfetta, non sarebbe stato il caso di stabilirne un`altra. 8 Dio infatti, biasimando il suo popolo, dice: Ecco vengono giorni, dice il Signore, nei quali io stipulerò con la casa d`Israele e con la casa di Giuda un`alleanza nuova; 9 non come l`alleanza che feci con i loro padri, nel giorno in cui li presi per mano per farli uscire dalla terra d`Egitto; poiché essi non rimasero fedeli alla mia alleanza, anch`io non ebbi più cura di loro, dice il Signore. 10 E questa è l`alleanza che io stipulerò con la casa d`Israele dopo quei giorni, dice il Signore: porrò le mie leggi nella loro mente e le imprimerò nei loro cuori; sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo. 11 Né alcuno avrà più da istruire il suo concittadino, né alcuno il proprio fratello, dicendo: Conosci il Signore! Tutti infatti mi conosceranno, dal più piccolo al più grande di loro. 12 Perché io perdonerò le loro iniquità e non mi ricorderò più dei loro peccati.
    13 Dicendo alleanza nuova, Dio ha dichiarato antiquata la prima; e, ciò che diventa antico e invecchia, è prossimo a sparire.

    • Vincenzo Calabrese ha detto:

      Certo, ‘i doni e la chiamata di Dio sono IRREVOCABILI’, ma BISOGNA RISPONDERE ALLA CHIAMATA!!
      Ovvero la SALVEZZA NON E’ PRECLUSA AGLI EBREI, ma CHIARAMENTE DEVONO CONVERTIRSI PER AVERE LA VITA ETERNA, ovvero devono RISPONDERE ALLA CHIAMATA…
      Questo è il senso che per secoli la Chiesa Cattolica ha dato alle parole dell’APOSTOLO…

      • Elisa ha detto:

        Vincenzo Calabrese vergognati, chi sei tu per dire chi si salva e chi no? Sei forse tu Dio? Quindi tutti quei ebrei che nella Shoah sono stati sterminati dai cattolici sono finiti all’inferno, ? mentre i nazi fascisti tutti in paradiso con magari 72 vergini come i loro alleati islamici? Sopporto tutto ma non chi si mette al posto di Dio e dice questo va in paradiso e questo all’inferno. Ma pensa alla tua di salvezza invece di guardare gli altri. Tu sei già convinto che andrai dritto in paradiso solo perché sei cristiano? No mio caro tu, e tutti coloro che la pensano come te, siete come il fariseo che sta tutto davanti a Dio e si permette di giudicare il pubblicano. Stai bene attento ,Gesù su questo punto è molto chiaro su chi sarà giustificato e chi no. E poi come possono gli ebrei credere in Gesù Cristo se sono sempre stati perseguitati in suo nome dai cristiani? Vergogna e convertiti tu.

        • Maria Cristina ha detto:

          Elisa nei campi di concentramento gli ebrei ci finivano non in quanto credenti nella religione ebrea ma in quanto “ razza” . Basta pensare ad Edith Stein di famiglia ebraica piu convertita è diventata suora carmelitana e morta in campo di concentramento nazista in quanto ebrea, benche’ suora cattolica. Inoltre nei campi di concentramento nazisti ci finirono anche molti cattolici, fra cui Padre Massimiliano Kolbe di cui oggi 14 agosto si celebra la memoria.
          La Chiesa cattolica non deve chiedere scusa agli ebrei, sono i nazisti e i fascisti i responsabili della Shoah non certo i cattolici.
          Inoltre la Shoah come fatto storico non puo’ in alcun modo giustificare in eterno tutto quello che fanno gli ebrei( per esempio contro i palestinesi) ne’ tantomeno le loro credenze religiose Gli ebrei credevano che sarebbe venuto il Messia. Il Messia e’ venuto e loro non l’ hanno riconosciuto.
          Forse, per gli imperscrutabili disegni divini, verra’ Un futuro in cui gli ebrei riconosceranno il Messia, cioe’ Gesu’.

          • Elisa ha detto:

            Maria Cristina i fascisti e i nazisti erano cattolici, Mussolini era cattolico mica buddista, che differenza c’è ammazzare la gente per il suo credo o la “razza” di appartenenza? Nessuna. Gli italiani che avevano aderito al fascismo erano cattolici, quindi si può ben dire che i catto fascisti e i catto nazisti hanno sterminato gli ebrei e tutti gli oppositori ai due regimi.

          • wp_7512482 ha detto:

            Elisa, direi che per rintuzzare una generalizzazione generalizza anche lei in maniera colossale.

          • Vincenzo Calabrese ha detto:

            Cara ELISA, fino a prima del MALEDETTISSIMO CONCILIO VATICANO II vigeva un modo di dire precisissimo (creato contro le eresie del cristianesimo dell’Alto Medioevo) che suonava come: FUORI DALLA CHIESA NON C’E’ SALVEZZA. E su questo breve motto papi e vescovi hanno lottato per anni soprattutto contro ortodossi, eretici e poi protestanti… Direi anche contro gli ebrei perché chiaramente (nonostante la benevolenza divina) erano OSTINATI nel rifiutare CRISTO. Per i MUSSULMANI il discorso era un poco ai limiti: ancora tra i dotti occidentali del 1200 si pensava che il Corano fosse in qualche modo una riscrittura biblica vicina alla Bibbia cristiana, perché si parlava di Cristo come profeta, ma soprattutto della Madonna come grande figurale verginale ed unica donna sicuramente presente al cospetto di Allah…
            Bisogna capire che il CATTOLICESIMO non è un’eresia ebraica come tanti dotti di oggi vogliono far credere, ma il risultato dell’intervento di DIO nella storia umana, presso il popolo ELETTO che ha rifiutato COLUI che era stato annunciato per secoli dai profeti. Il CATTOLICESIMO è il compimento del Vecchio Testamento: l’ebreo che non accetta Cristo, sputa su tutti i Suoi PATRIARCHI E PROFETI, CHE in definitiva sono gli stessi dei CRISTIANI (anche se i credenti ebraici si fermano oggi con le loro Scritture al IV secolo a.C., rifiutando di fatto tutte le opere bibliche – realizzate dai loro stessi profeti e religiosi!!!! – dei secoli successivi). Dopo Cristo l’Ebraismo non ha ragione di esistere!!! Se non nella spiegazione data da San Paolo, che il loro rifiuto ha aperto la VERA RELIGIONE anche a chi una volta era PAGANO. E la CHIAMATA DIVINA è sempre IRREVOCABILE, ma necessita che l’uomo gli RISPONDA!! Altrimenti c’è la GEENNA…

          • Vincenzo Calabrese ha detto:

            Cara Elisa, ti sembrano cattolici i NAZISTI in parata con le torce in mano nel BUIO? TUTTI (ripeto: TUTTI) sanno che i NAZISTI si basavano sulle tradizioni CELTICHE e BARBARICHE del mondo tedesco… Mischiando poi tutto ad una pseudo-religione politica in cui si potevano inserire tantissimi elementi mistici e mitologici di tutti i paesi europei del nord, fondendoli con elementi induisti e comunque orientaleggianti… E’ vero: molti tedeschi erano CRISTIANI, molti cattolici… Ma il pensiero NAZISTA si basava soprattutto su LUTERO, che scrisse alla fine della sua vita una interessantissima opera intitolata ‘DEGLI EBREI E DELLE LORO MENZOGNE’, in cui dimostrava apertamente e ripetutamente la superbia, l’arroganza e la condanna divina che incombeva su quello che FU il POPOLO ELETTO… E come terminava la Sua opera? ‘Bisogna dare fuoco alle loro sinagoghe o scuole; e ciò che non vuole bruciare deve essere ricoperto di terra e sepolto, in modo che nessuno possa mai più vederne un sasso […] Bisogna distruggere e smantellare anche le loro case […] Bisogna portare via a loro tutti i libri di preghiere e i testi talmudici, nei quali vengono insegnate siffatte idolatrie, menzogne, maledizioni e bestemmie […] Bisogna proibire ai loro rabbini – pena la morte – di continuare a insegnare, perché essi hanno perduto il diritto di esercitare questo ufficio […] Bisogna proibire loro l’usura, confiscare tutto ciò che possiedono in contante e in gioielli […] perché lo hanno rubato e rapinato ai cristiani […] Si diano agli ebrei giovani e forti trebbia, ascia, zappa, vanga perché si guadagnino il pane con il sudore della fronte… Insomma – come ebbe a dire un nazista nel corso del Processo di Norimberga – I TEDESCHI non fecero altro che seguire le dottrine di Lutero… Lutero (che non era chiaramente CATTOLICO!!!) aveva gettato le basi della Shoah!!! Un cristiano che aveva sottolineato apertamente la forza del Vecchio Testamento (aspetto tipico dei protestanti di tutti i tempi!!!) aveva finito per ripagare il popolo ebraico con gli stessi fondamenti della cultura talmudica… Faccio notare che nel mondo cattolico ci si limitava alla formazione di GHETTI (ovvero in sostanza di quartieri ebraici ben delimitati nella città), che erano sicuramente favoriti dai rabbini stessi perché permettevano una netta separazione e distinzione tra BUONI EBREI e GENTILI… Al massimo c’era il piacere per i cristiani (evidente invito alla conversione) di un passo del profeta ISAIA scritto in ebraico all’ingresso del ghetto di ROMA: SONO STATO TROVATO DA CHI NON MI CERCAVA…

          • jhgf ha detto:

            Corbellerie scritte da tale Elisa:
            – “Mussolini era cattolico”;
            – “i catto fascisti hanno sterminato gli ebrei e tutti gli oppositori “;
            “i catto nazisti hanno sterminato gli ebrei e tutti gli oppositori”.

            Realtà:
            – Mussolini non era cattolico, era ateo: famosa la sua “dimostrazione” che Dio non esistesse;
            – i fascisti non erano cattolici: erano atei, massoni, protestanti, ebrei (Guido Jung, ministro delle Finanze fascista e Ettore Ovazza, esponente del Partito Nazionale Fascista, per esempio) ed anche cattolici;
            non hanno mai sterminato ebrei né oppositori (il delitto Matteotti, unico, è da molti attribuito a fanatici): semplicemente durante la guerra civile hanno combattuto contro i loro nemici come questi contro di loro;
            – i “catto nazisti” non sono mai esistiti: Papa Pio XI con l’enciclica “MIT BRENNENDER SORGE” condannò da subito il nazismo, chi aderiva al nazismo non poteva essere cattolico.

            Mi chiedo quanti anni abbia questa Elisa, o che studi abbia fatto, per dire simili sciocchezze.

          • Alessandro2 ha detto:

            BRAVISSIMA Maria Cristina! È proprio così.

          • Claudius ha detto:

            @JHGF la Elisa qui sopra drogata di propaganda tv e di sciocchezze sinistro-demential e’ la stessa rispetto alla quale il prete piddino-fantasma redivivo (altro fenomeno) ha detto che ha “completamente ragione”! 😀

          • JHGF ha detto:

            @CLAUDIUS
            Infatti si capisce che questa Elisa ha fatto studi molto sommari, visto che crede che Mussolini, socialista ateo, fosse cattolico e non sa che esponenti di primo piano del fascismo (per es. Balbo, Rossi…) erano anzi massoni; e crede anche che i fascisti abbiano “sterminato” gli ebrei (quando? dove?) e gli oppositori (dove? quando?), facendo un confuso minestrone coi nazisti.

            Ci sarebbe poi da capire perché, essendo la Germania un paese a maggioranza protestante, questa Elisa creda che i nazisti fossero cattolici (ignorando anche che il Papa aveva condannato la dottrina nazista con l’enciclica “Mit brennender sorge”), considerando anche che il loro capo, Hitler, riteneva il cristianesimo una “malattia” ( “La nostra epoca vedrà indubbiamente la fine della malattia cristiana”) e un’impostura (“E’ dal cristianesimo che la menzogna cosciente in fatto di religione è stata introdotta nel mondo” -Conversazioni a tavola di Hitler, Adolf Hitler-).

            Vabbe’, l’ignoranza della Storia non dovrebbe stupire, dopo le mistificazioni pluridecennali della propaganda comunista, né stupisce l’appoggio del prete sessantottino (lo stesso che sostiene che l’adulterio, quando ci sono figli e convivenza tra adulteri, è un peccato veniale, o sbaglio?).

        • Massimiliano ha detto:

          Guardi cara signora Elisa , shoa o meno, campi di lavoro o meno, lagoai o meno, genocidio Armeno o meno, marrani o meno, frankisti o meno, sionisti o meno, non è Vincenzo Calabrese che la pensa così, ma la Chiesa Cattolica Apostolica Romana. E da sempre… Se ne faccia una ragione. Saluti.
          Massimiliano

          • Elisa ha detto:

            Dite quello che volete ma io mi dissocio come cristiana cattolica da chi pretende di fare le veci di Dio e stabilire chi si salva e chi no. Comunque anche i farisei ai tempi di Gesù facevano gli stessi discorsi che fate voi, ma poi si sa come Gesù li trattava, cioè da sepolcri imbiancati, razza di vipere ecc. È vero che inizialmente gli ebrei perseguitarono i cristiani, poi quando il cristianesimo fu riconosciuto religione di Stato si sono invertiti i ruoli, perciò da vittime siamo diventati carnefici, per questo siamo entrambi della stessa razza e abbiamo commesso i stessi peccati. Quindi? Siamo uguali. Voi dite che gli ebrei maltrattano i palestinesi, vero, ma i discorsi vostri nei confronti degli ebrei non sono così diversi. E la Chiesa Cattolica da quando è divenuta religione di Stato di crimini ne ha commesso tantissimi, tra questi l’Inquisizione. Inoltre vedi come la cattolica Spagna tratto gli africani e gli indigeni delle Americhe, assieme a Portogallo, Francia Inghilterra Belgio, per quanto riguarda l’Africa. Perciò scagli la prima pietra chi è senza peccato, direbbe Gesù a voi “giusti”. Va la che in questo mondo nessuno meriterebbe il paradiso e indipendentemente dalla religione, popolo, fede politica o appartenente a qualunque tipo di ideologia, tutti meritiamo di finire all’inferno e solo Dio deciderà chi si salverà o meno. Magari nessuno. Vi saluto.

        • Vincenzo Calabrese ha detto:

          La invito a dovumentarsi. Cristo, gli apostoli e tutti i primi martiri cristiani sono stati uccisi dal Sinedrio o dalle autorità romane su istigazione ebraica… Famose le grida di gioia degli ebrei quando un cristiano cedeva e bruciava incenso all’imperatore… Per non parlare di chi spesso apriva le porte delle città africane e spagnole durante l’invasione araba…
          Bon limitiamoci sempre a pochi anni del XX secolo…
          Cristo ha insegnato chiaramente come fare per salvarsi: se non ci si converte a Cristo per chiunque l’unica speranza di salvezza e avere condotto una vita buona e cristiana pur inconsapevolmente…

          • Elisa ha detto:

            Caro Vincenzo sul tuo ultimo pezzo concordo. Io credo che chiunque, indipendentemente dalla sua appartenenza religiosa o meno, conduca una vita Santa può ottenere la salvezza. Anche i non cristiani. Non spetta noi giudicare, e non possiamo dire tutti gli ebrei vanno all’inferno perché non credono in Cristo. Noi che ne sappiamo. Conosciamo forse la vita di ogni singolo ebreo? No. Però visto che parlate di ebrei e palestinesi io ho la fortuna di conoscere ebrei che sono operatori di pace in terra santa, e sono i cristiani a testimoniare per loro. Ci sono ebrei che si fanno due anni di carcere perché non vogliono combattere contro i palestinesi, ci sono ebrei che fanno parte di associazioni di pace assieme a cristiani e musulmani. Lo sapevate questo? Allora prima di fare tutta un’erba un fascio, si studia e si fa discernimento. Perché dire che GLI ebrei vanno tutti all’inferno perché non credono in Cristo, senza distinguere i giusti dai delinquenti, è come se a noi dicessero in Italia c’è la mafia perciò tutti gli italiani sono mafiosi. Perciò bisogna stare molto attenti quando si giudica.

          • Vincenzo Calabrese ha detto:

            Cara Elisa!
            Ci sono molti ebrei che SCAPPANO da Israele, perché a molti che non si sentono SIONISTI, pare ovvio come sia doloroso maltrattare il popolo palestinese… Infatti realmente i veri NAZISTI post-1945 sono gli abitanti di Israele… I primi capi politici di Israele furono gli inventori del TERRORISMO: quello che servì – tramite famosi attentati dinamitardi – a far decidere il governo inglese ad abbandonare il protettorato sulla Palestina. Da allora Israele non ha mai accettato nessuna deliberazione dell’ONU, neanche la prima degli anni Quaranta sulla spartizione pacifica dei territori con gli arabi!!! Furono create milizie mobili ebraiche terribili con il compito di distruggere tutti i villaggi arabi ed obbligare gli abitanti a fuggire… Così furono svuotati molti territori arabi negli Anni Quaranta!!! Fino allo schifo attuale della striscia di Gaza, in cui uno stato arabo tecnicamente sovrano deve soggiacere in tutto e per tutto ai controlli di una nazione straniera (ISRAELE) senza avere aeroporti o porti e facendo vivere una massa incredibile di cittadini in una fogna a cielo aperto… E molti israeliani parlano apertamente di SPAZIO VITALE e RAZZE INFERIORI… Chi è il vero NAZISTA? E quindi da quale cultura realmente è nato il NAZISMO? Da un paganesimo innestato su un popolo protestante, quindi attentissimo a quello che veniva dichiarato nel Vecchio Testamento?
            Certo molti ebrei sono contrari al sionismo e hanno pienamente ragione…
            Insomma viviamo in un mondo falso fino al midollo, in cui le COLPE DI ALCUNI TEDESCHI (finanziati per anni anche da ebrei americani…) vengono PAGATE fisicamente dal mondo arabo che per secoli (anche per evidente opposizione con il mondo cristiano) era universalmente un buon alleato e protettore dei fedeli ebraici… Almeno fino a pochi decenni fa…

        • Mariano ha detto:

          Ma che brava! Che finezza di analisi storica sui campi di sterminio!!! E quanta sicumera….

        • Grog ha detto:

          Che maroni con questa scioa! Ma è mai possibile che ogni volta che si parla di ebrei, anche quando non ci azzecca nulla, il discorso vada sempre a cadere lì?

          • Lo spettro di don Ezio ha detto:

            Vincenzo Calabrese,
            chi maledice l’opera dello Spirito Santo, il Concilio Vaticano II, maledice se stesso. Rispetto a tutto il carteggio tra lei ed Elisa, io dico solo che lei è in pieno torto ed Elisa ha solo ragione.

          • Vincenzo Calabrese ha detto:

            Don Ezio è sempre un piacere ritrovarLa, ma non dica così…
            Altrimenti – confermando tutte le affermazioni di Elisa – mi viene a dire che i NAZISTI erano tutti cattolici, che noi tutti dobbiamo piangere perché qualcuno da decenni parla del numero cabalistico ( che indica la totalità del popolo ebraico ) di SEI MILIONI (numero ‘magico’, ‘simbolico’, forse non propriamente conteggio storico esatto…) per cui ora i palestinesi devono pagare gli errori dei tedeschi del 1933-1945, per cui non è necessario (quindi di fatto è praticamente INUTILE E NON CONSIGLIABILE) convertirsi a Cristo per salvarsi, ecc. ecc.
            Riguardo al conciliabolo, io non bestemmio lo Spirito Santo ( che ha permesso nella libertà data all’uomo che venisse portato avanti quel suicidio e tradimento della Fede Cattolica), ma solo i papi e i vescovi DELINQUENTI che lo pilotarono… Lo sfacelo della nostra società e della Chiesa è sotto gli occhi di tutto: non si può proprio dire che quell’evento abbia rivoluzionato nel bene la Chiesa… I frutti e i risultati sono di fatto pessimi… Lo stesso papa Benedetto ha detto per anni che quel concilio ( di cui anche Lui fu protagonista!! ) andrebbe in parte ripensato, almeno in molte sue errata interpretazioni successive… Cosa che naturalmente l’attuale vescovo di Roma ( avrei scritto Franceschiello, ma poi Lei mi avrebbe ripreso… Ops! L’ho scritto!! ) non pensa minimamente a fare perché i cambiamenti SONO IRREVERSIBILI!! Certo! Secondo Lui la Chiesa – dopo essersi scavata la fossa- deve ora direttamente tuffarsi nella buca!!
            Caro Don Ezio, purtroppo tanti suoi colleghi non fanno altro con le loro omelie ed idee astruse, che condurre direttamente il gregge loro affidato in mano a Satanasso… Se devo finire all’Inferno perché ‘parlo male dei pontefici’, almeno voglio farlo nella consapevolezza di aver lottato per la sana dottrina cattolica che mi è stata tramandata… E che Cristo mi perdoni e la Beata Vergine interceda per me!!

          • Lo spettro di don Ezio ha detto:

            Vincenzo Calabrese,
            Elisa non voleva dire che i nazisti erano dei buoni cattolici, ma che lo erano formalmente in quanto battezzati nella Chiesa Cattolica, probabilmente non tutti, dico io, in quanto in Germania ci sono anche molti protestanti.
            Elisa diceva questo per dire che è più importante la vita retta secondo cui saremo giudicati che non l’appartenenza formale ad una Chiesa.
            I numeri cabalistici sono superstizioni e quindi non c’entra nulla il riferimento ai palestinesi che lei fa.
            Ma uno non si converte a Cristo per salvarsi, ma perché attratto dalla Verità non può che abbracciarla. La salvezza non è lo scopo della conversione, ma la conseguenza, altrimenti si tratta di conversioni interessate e quindi poco sincere.
            Invece, appartenere formalmente alla Chiesa Cattolica e criticare l’ultimo Concilio, definendolo conciliabolo e attribuendo allo Spirito Santo intenzioni che non può verificare e comunque assurde, come la libertà di lasciare all’uomo l’opera del suicidio e del tradimento della fede cattolica, definire delinquenti i papi e i vescovi che pilotarono il Concilio Vaticano II, attribuire al Concilio lo sfacelo non solo della Chiesa, ma anche quello della nostra società, come se il Concilio si fosse occupato della Repubblica Italia e non del mondo intero, non è un parlare da buon cattolico.
            Nei commenti dei due mussulmani citati da Wikipedia su Magdi Allam trovo affermazioni più evangeliche di quelle di Magdi Allam e delle sue, Vincenzo Calabrese.
            Nessuno afferma che il Concilio abbia rivoluzionato nel bene la Chiesa: ha dettato le linee dogmatiche e operative per la Chiesa del nostro tempo, i risultati non dipendono dal Concilio ma dalla libertà delle persone e dall’evoluzione delle varie società del Pianeta.
            Il papa Benedetto XVI non ha detto per anni che quel concilio (di cui anche Lui fu partecipe ma protagonista non proprio) andrebbe in parte ripensato, almeno in molte sue errate interpretazioni successive, ma in un discorso ha detto, proprio contro i tradizionalisti e contro i fautori della Chiesa conciliare, che il Concilio va interpretato con l’ermeneutica della continuità.
            Ovviamente l’attuale vescovo di Roma, che proprio per questo è papa, non può proprio pensare di modificare i documenti del Concilio, come non lo hanno pensato né Benedetto XVI né i predecessori.
            Non attribuisca al Papa l’idea che pensi di seppellire la Chiesa, in realtà cerca di riformarla secondo il mandato ricevuto dal Collegio cardinalizio che lo ha eletto.
            Le prediche di tanti sacerdoti possono essere astruse, ma nessuno andrà andrà in mano al diavolo per le omelie astruse dei sacerdoti. Uno ci va se vuole andarci.
            Ah!, lei è come san Francesco di Sales, convinto di non meritare il paradiso, ma fermo nella fede cattolica. Solo che in questi casi si parla di crisi religiosa, non sono cose di cui vantarsi, nemmeno san Francesco di Sales se ne vantò di quei trascorsi, che sono prove permesse da Dio. Se vuole essere perdonato deve convertirsi = cambiare mentalità. Non basta la Misericordia divina.

          • Vincenzo Calabrese ha detto:

            Padre, io non devo convertirmi: perché sono già CATTOLICO e perché grazie a Dio a suo tempo sono stato educato nei sani principi evangelici… Io non promuovo né le rapine, né gli omicidi, né la corruzione, né l’indifferenza davanti al bisognoso, ma VEDO CON EVIDENZA che queste sono oggi all’ordine del giorno e vengono mascherate come ‘sciagure da sopportare, perché senza possibilità di evitarle’, come ‘aiuto del profugo’ quando invece non ci sono profughi, ma solo ‘abitanti del Terzo Mondo che sognano una vita ricca e senza pensieri in stile occidentale’, magari venendo totalmente mantenuti… Quello che leggo e ascolto dai mass-media è con evidenza falso o espresso con ‘lingua biforcuta’, cercando di far passare del messaggi non veri… Non si guardano più i miseri ‘nostrani’ (sia del Cuore che del Portafogli), ma solo genericamente degli abitanti delle periferie di tutto il resto del mondo… Noi italiani e cattolici veniamo trattati come gente che HA GIA’ TUTTO, che ha il futuro assicurato, che non ha BISOGNI e che deve quindi scontare tutto il proprio pseudo-benessere assistendo tutto il resto del mondo e mettendoci sulle spalle le colpe di tutto il male del mondo, passato, presente e futuro… Padre, NON E’ COSI’… NOI CI STIAMO SEMPLICEMENTE AUTODISTRUGGENDO, assecondati ed istigati dalla nostra classe politica e dai DEMONI che OCCUPANO il VATICANO…
            Il Concilio (opera di MASSONI e di ALTO CLERO legato alla MASSONERIA, basta riprendere in mano la buon vecchia LISTA PECORELLI) è stato l’INIZIO DELLA FINE… Non opera SOLO DI UOMINI, ma anche di tante INTELLIGENZE che hanno solleticato quegli uomini e molti loro successori…
            Un altro amico sacerdote mi ha spiegato che il primo scopo per cui nel Medioevo si diventava MONACI era quello di SALVARSI, tendere con tutte le proprie forze alla santità… Quindi appunto conoscere la dottrina, difenderla, diffonderla e di conseguenza agire secondo i comandamenti di Cristo.
            Qui la stessa cosa: o diciamo le cose come sono e diffondiamo certe realtà, propugnando un ritorno alla maggiore purezza di un tempo oppure non ci salveremo, né in questa vita e né nella prossima… Perché potremo anche aver fatto finta di salvare tanti profughi (fatto finta perché non si tratta di PROFUGHI e spesso neanche di BISOGNOSI!!), ma avremo portato il nostro stato al collasso, ridotto alla fame l’Italia e l’Europa e lasciata sterile la Terra… Perché solo con il buonismo la Terra diventa sterile, il sale perde sapore e non c’è più realmente il cristianesimo, ovvero la LUCE DEL MONDO…
            Per esplicitare questo folle appiattimento, mi basta segnalare un sacerdote che – nonostante da anni si parli contro gli OGM (anche su certi prodotti nei supermercati che riportano un logo NO OGM) – ho sentito un sacerdote promuoverli (nonostante tutti i risvolti produttivi, sociali ed economici negativi) nel corso di un’omelia: perché gli OGM potrebbero sfamare il mondo!!!

          • Lo spettro di don Ezio ha detto:

            Grog,
            dove dovrebbero andare a finire i commenti?

  • Mario Armosini ha detto:

    Esodo cap. 32

    Il vitello d’oro

    1 Il popolo, vedendo che Mosè tardava a scendere dalla montagna, si affollò intorno ad Aronne e gli disse: “Facci un dio che cammini alla nostra testa, perché a quel Mosè, l’uomo che ci ha fatti uscire dal paese d’Egitto, non sappiamo che cosa sia accaduto”. 2 Aronne rispose loro: “Togliete i pendenti d’oro che hanno agli orecchi le vostre mogli e le vostre figlie e portateli a me”. 3 Tutto il popolo tolse i pendenti che ciascuno aveva agli orecchi e li portò ad Aronne. 4 Egli li ricevette dalle loro mani e li fece fondere in una forma e ne ottenne un vitello di metallo fuso. Allora dissero: “Ecco il tuo Dio, o Israele, colui che ti ha fatto uscire dal paese d’Egitto! ”. 5 Ciò vedendo, Aronne costruì un altare davanti al vitello e proclamò: “Domani sarà festa in onore del Signore”. 6 Il giorno dopo si alzarono presto, offrirono olocausti e presentarono sacrifici di comunione. Il popolo sedette per mangiare e bere, poi si alzò per darsi al divertimento.

    Il Signore avverte Mosè

    7 Allora il Signore disse a Mosè: “Và, scendi, perché il tuo popolo, che tu hai fatto uscire dal paese d’Egitto, si è pervertito. 8 Non hanno tardato ad allontanarsi dalla via che io avevo loro indicata! Si son fatti un vitello di metallo fuso, poi gli si sono prostrati dinanzi, gli hanno offerto sacrifici e hanno detto: Ecco il tuo Dio, Israele; colui che ti ha fatto uscire dal paese di Egitto”.
    9 Il Signore disse inoltre a Mosè: “Ho osservato questo popolo e ho visto che è un popolo dalla dura cervice. 10 Ora lascia che la mia ira si accenda contro di loro e li distrugga. Di te invece farò una grande nazione”.

    Preghiera di Mosè

    11 Mosè allora supplicò il Signore, suo Dio, e disse: “Perché, Signore, divamperà la tua ira contro il tuo popolo, che tu hai fatto uscire dal paese d’Egitto con grande forza e con mano potente? 12 Perché dovranno dire gli Egiziani: Con malizia li ha fatti uscire, per farli perire tra le montagne e farli sparire dalla terra? Desisti dall’ardore della tua ira e abbandona il proposito di fare del male al tuo popolo. 13 Ricòrdati di Abramo, di Isacco, di Israele, tuoi servi, ai quali hai giurato per te stesso e hai detto: Renderò la vostra posterità numerosa come le stelle del cielo e tutto questo paese, di cui ho parlato, lo darò ai tuoi discendenti, che lo possederanno per sempre”.
    14 Il Signore abbandonò il proposito di nuocere al suo popolo.

    Giovanni 6,41-51
    41 Intanto i Giudei mormoravano di lui perché aveva detto: “Io sono il pane disceso dal cielo”. 42 E dicevano: “Costui non è forse Gesù, il figlio di Giuseppe? Di lui conosciamo il padre e la madre. Come può dunque dire: Sono disceso dal cielo? ”.
    43 Gesù rispose: “Non mormorate tra di voi. 44 Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. 45 Sta scritto nei profeti: E tutti saranno ammaestrati da Dio. Chiunque ha udito il Padre e ha imparato da lui, viene a me. 46 Non che alcuno abbia visto il Padre, ma solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. 47 In verità, in verità vi dico: chi crede ha la vita eterna.
    48 Io sono il pane della vita. 49 I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; 50 questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia. 51 Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo”.

    Geremia 31
    1 In quel tempo – oracolo del Signore –
    io sarò Dio per tutte le tribù di Israele
    ed esse saranno il mio popolo”.
    2 Così dice il Signore:
    “Ha trovato grazia nel deserto
    un popolo di scampati alla spada;
    Israele si avvia a una quieta dimora”.
    3 Da lontano gli è apparso il Signore:
    “Ti ho amato di amore eterno,
    per questo ti conservo ancora pietà.
    4 Ti edificherò di nuovo e tu sarai riedificata,
    vergine di Israele.

    La nuova alleanza

    31 “Ecco verranno giorni – dice il Signore – nei quali con la casa di Israele e con la casa di Giuda io concluderò una alleanza nuova. 32 Non come l’alleanza che ho conclusa con i loro padri, quando li presi per mano per farli uscire dal paese d’Egitto, una alleanza che essi hanno violato, benché io fossi loro Signore. Parola del Signore. 33 Questa sarà l’alleanza che io concluderò con la casa di Israele dopo quei giorni, dice il Signore: Porrò la mia legge nel loro animo, la scriverò sul loro cuore. Allora io sarò il loro Dio ed essi il mio popolo. 34 Non dovranno più istruirsi gli uni gli altri, dicendo: Riconoscete il Signore, perché tutti mi conosceranno, dal più piccolo al più grande, dice il Signore; poiché io perdonerò la loro iniquità e non mi ricorderò più del loro peccato”.

    1 Giovanni 4,7-19
    Alle fonti della carità

    7 Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l’amore è da Dio: chiunque ama è generato da Dio e conosce Dio. 8 Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore. 9 In questo si è manifestato l’amore di Dio per noi: Dio ha mandato il suo unigenito Figlio nel mondo, perché noi avessimo la vita per lui. 10 In questo sta l’amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi e ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati.
    11 Carissimi, se Dio ci ha amato, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri. 12 Nessuno mai ha visto Dio; se ci amiamo gli uni gli altri, Dio rimane in noi e l’amore di lui è perfetto in noi. 13 Da questo si conosce che noi rimaniamo in lui ed egli in noi: egli ci ha fatto dono del suo Spirito. 14 E noi stessi abbiamo veduto e attestiamo che il Padre ha mandato il suo Figlio come salvatore del mondo. 15 Chiunque riconosce che Gesù è il Figlio di Dio, Dio dimora in lui ed egli in Dio. 16 Noi abbiamo riconosciuto e creduto all’amore che Dio ha per noi. Dio è amore; chi sta nell’amore dimora in Dio e Dio dimora in lui.
    17 Per questo l’amore ha raggiunto in noi la sua perfezione, perché abbiamo fiducia nel giorno del giudizio; perché come è lui, così siamo anche noi, in questo mondo. 18 Nell’amore non c’è timore, al contrario l’amore perfetto scaccia il timore, perché il timore suppone un castigo e chi teme non è perfetto nell’amore.
    19 Noi amiamo, perché egli ci ha amati per primo. 20 Se uno dicesse: “Io amo Dio”, e odiasse il suo fratello, è un mentitore. Chi infatti non ama il proprio fratello che vede, non può amare Dio che non vede. 21 Questo è il comandamento che abbiamo da lui: chi ama Dio, ami anche il suo fratello.

    Riflessione!

  • rita ha detto:

    Non ho sovrastrutture teologiche, esegetiche, bibliche…etc, ma forse, per mia fortuna. Perché? Perché, sto toccando con mano che…”negli ultimi tempi (ora) TUTTI saranno istruiti da Dio”. E’ tangibile la formazione che, credo, lo Spirito Santo, sta operando in molti. E’ un periodo in cui sto conoscendo persone e nuovi contatti si stanno incrociando come un mosaico che deve prendere forma. Con alcuni c’incontriamo per condividere preghiere, riflessioni, e parole di vita. Sta nascendo qualcosa di nuovo che però non so bene spiegare.
    Pensate, frequento i Focolarini da molti anni, ma ultimamente lo Spirito mi dice che… non sono tutti nella Verità. E’ vero. Per la prima volta da qualche tempo in qua sto notando relazioni false, finte e ipocrite. Persone che hanno “responsabilità” ma mancano di amore vero. Ma quello che salta all’occhio è proprio questa struttura piramidale, come un’azienda, che Chiara Lubich ha formato.Ho scritto una lettera lunga a Emmaus, la Presidente, ma …non ha capito. Inoltre è un Movimento di SX, e chi non è di SX viene in qualche modo allontanato. Bè…questa poi…è proprio grave.
    Allora nei GRUPPI c’è manipolazione, plagio, ipnosi generale, stordimento, oserei dire…ma niente amore. “Io non li conosco” direbbe forse Gesù perché il cuore in tutta l’apparenza umana NON C’E’. Intravvedo piuttosto molta malignità, maliziosità ma poca sincerità.
    In conclusione. Dio Padre sta chiamando UOMINI NUOVI per Cieli Nuovi e terre nuove.
    Siete d’accordo?

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Rita,
      tutti i movimenti e istituti religiosi presentano aspetti criticabili.
      Attenzione però a non scambiare l’impegno sociale per i poveri come una presa di posizione politica di SX (chissà perché non scrive: sinistra).

  • Paolo O. ha detto:

    Anch’ io ti ritengo che quel doc. del 10 dicembre 2015 è in errore.
    Capisco il dialogo, ma la Parola è chiara (e Nostra Aetate era più prudente):

    Pietro (1Pt 2), facendo riferimento probabilmente alle parole di Gesù (leggibili in Mt 21), ci dice:

    6 Si legge infatti nella Scrittura: Ecco io pongo in Sion una pietra angolare, scelta, preziosa e chi crede in essa non resterà confuso. 7 Onore dunque a voi che credete; ma per gli increduli la pietra che i costruttori hanno scartato è divenuta la pietra angolare, 8 sasso d`inciampo e pietra di scandalo. Loro v`inciampano perché non credono alla parola; a questo sono stati destinati. 9 Ma voi siete la stirpe eletta, il sacerdozio regale, la nazione santa, il popolo che Dio si è acquistato perché proclami le opere meravigliose di lui che vi ha chiamato dalle tenebre alla sua ammirabile luce; 10 voi, che un tempo eravate non-popolo, ora invece siete il popolo di Dio; voi, un tempo esclusi dalla misericordia, ora invece avete ottenuto misericordia.

    Quelli che inciampano sulla Pietra (cioè Cristo), sono i giudei.
    Il popolo che Egli si è acquistato, è la Chiesa,
    popolo che deve portare i frutti del Regno.

    E Gesù disse loro: “Non avete mai letto nelle Scritture: La pietra che i costruttori hanno scartata è diventata testata d`angolo; dal Signore è stato fatto questo ed è mirabile agli occhi nostri? 43 Perciò io vi dico: vi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che lo farà fruttificare. 44 Chi cadrà sopra questa pietra sarà sfracellato; e qualora essa cada su qualcuno, lo stritolerà”. 45 Udite queste parabole, i sommi sacerdoti e i farisei capirono che parlava di loro e cercavano di catturarlo; ma avevano paura della folla che lo considerava un profeta.

  • Massimiliano ha detto:

    Come sempre interessante il modo in cui Benedetto riesce ad essere ancora fastidioso… Penso che in alcuni ambienti a qualcuno gli si stiano contorcendo le budella dalla rabbia. Detto ciò devo dire però che non c’è nulla di nuovo sotto il sole. E aggiungo meno male! Per capire come la dovrebbe pensare un cattolico in merito bastano e avanzano 1950 di storia… Da san Paolo a Pio XII. Gesù ebreo figlio della più pura figlia di ebrei è abbastanza chiaro in merito e chi ha voluto vedere ha visto. Oggi diventa eccezionale anche una constatazione che per 2 millenni era considerata lapalissiana. Saluti.
    Massimiliano.

  • Luigi.Cazzola ha detto:

    Leggendo il libro ” Complotto contro la Chiesa ” ededito da EFFEDIEFFE, si puo’ avere un quadro storico completo, per quanto riguarda la questione Ebraica.

  • Iginio ha detto:

    Premesso che: 1) l’ebraismo è molto variegato; 2) alcuni ambienti ebraici sono ancora convinti che la Chiesa cattolica sia “antisemita”; 3) il sottoscritto non intende minimamente perseguitare o maltrattare gli ebrei, che, se religiosi, meritano particolare rispetto in un mondo ateo e materialista (o di fronte all’Islam), mentre assai meno rispetto meritano quelle persone di origine ebraica ma che si professano atee e militano nei partiti di sinistra (purtroppo spesso hanno il monopolio della rappresentanza ebraica); osservo: ma non c’è nelle parole del Vangelo (di Gesù stesso, per essere precisi) espresso il fatto che il Popolo di Dio sarebbe stato sostituito da un altro popolo?
    Sì, san Paolo avverte che non bisogna disprezzare l’antico Israele (è commovente che in questo caso venga tanto apprezzato quel san Paolo che oggi per altri temi è disprezzato e negletto): ma come si può pensare che ci si possa salvare senza Cristo?
    Cito per inciso il caso della studiosa americana-francese Judith Cabaud, di origine ebraica ma che, quando volle convertirsi al cattolicesimo non molto tempo fa, si lamentò che spesso le veniva risposto da “cattolici” francesi di lasciar perdere (grazie a Dio alla fine si convertì formalmente).

    • Vincenzo Calabrese ha detto:

      Cristo è stato molto chiaro in un passaggio del Vangelo di Matteo, rivolgendosi ai Dottori della Legge (MATTEO, 21):

      [43]Perciò io vi dico: vi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che lo farà fruttificare. [44]Chi cadrà sopra questa pietra sarà sfracellato; e qualora essa cada su qualcuno, lo stritolerà».
      [45]Udite queste parabole, i sommi sacerdoti e i farisei capirono che parlava di loro e cercavano di catturarlo; ma avevano paura della folla che lo considerava un profeta.

      Il NUOVO popolo non va inteso come una RAZZA o una STIRPE in senso stretto, ma come TUTTI COLORO che CREDONO IN GESù CRISTO: quindi – dal punto di vista ebraico del I secolo – EBREI e GENTILI che crederanno in Cristo, senza distinzioni di razza, di censo e di sesso…

  • Nicola B. ha detto:

    Proseguo nel mio intervento per dimostrare che gli Ebrei HANNO BISOGNO DEL SALVATORE ANCHE LORO. Sono stato tanti anni fa in un ex convento di cappuccini nella bergamasca passato ad una nuova congregazione fondata da un ebreo il quale inizialmente si convertì al Protestantesimo e successivamente al Cattolicesimo in modo strepitoso ed istantaneo. Come? Era malato ed i medici lo avevano dato per spacciato. Senonche’…….malato ed a letto gli apparve la Madonna che non gli disse niente ma gli sorrise. Lui capi al volo, guari’ e si fece cattolico. Ma come mai la Madre di Dio è intervenuta ANCHE in questo caso visto che gli Ebrei avevano già la loro via di salvezza? ………

  • Nicola B. ha detto:

    ” la missione ebraica fu in seguito effettivamente abbandonata, poiché gli Ebrei ora apparentemente avevano la loro via di salvezza ” Ah sì? Ed allora perche’ se avevano la loro via di salvezza la Madre di Dio intervenne in modo istantaneo e strepitoso a convertire l’ebreo Alfonso Ratisbonne il quale si faceva beffe della Religione Cattolica? È perché allora lo stesso Ratisbonne si fece immediatamente Sacerdote Cattolico fondando una Congregazione che aveva lo scopo di convertire ( e non dialogare con ) gli Ebrei , se questi avevano già la loro via di salvezza?

    • Iginio ha detto:

      tenga presente che purtroppo da alcuni decenni le suore fondate da Ratisbonne (non fondò congregazioni maschili) si mettono a ridere se qualcuno ricorda loro che gli ebrei dovrebbero convertirsi; e dicono che, siccome gli ebrei sono stati uccisi da cristiani nella Shoah perché erano rimasti “fedeli”, allora vuol dire che noi cristiani siamo infedeli e dunque dobbiamo pentirci e “dialogare”.
      Il ragionamento è sconnesso, lo so (e anche abbastanza ignorante: i nazisti non uccidevano gli ebrei per la loro fede religiosa ma per la loro “razza”), non prendetevela con me. Mi dispiace per Ratisbonne, che del resto è stato ricacciato nell’ombra: anni fa Laurentin scrisse che aveva cercato di ricostruire una sua biografia completa ma aveva incontrato molte chiusure e gli era stato fatto capire che era meglio lasciar perdere.
      P.S. per chi ama le frasi fatte: Laurentin non è il maggior mariologo vivente, dato che è morto.

      • Nicola B. ha detto:

        Ritorniamo a ” giocare la partita di prima” perché a qualcuno gli rode qualcosa? Tra l’altro il suo intervento attuale ( non richiesto) non è dovuto a mio post polemico nei suoi confronti. Se qualcosa le rode, se la gratti da solo. PS domani è l’Assunzione di Maria Santissima in Cielo. Quindi per non contristare la Madre Celeste la finiamo qui con le polemiche oppure ricominciamo daccapo un’altra volta? PS per me era finita l’altra volta e stavolta mi sono roxxo…..

        • Iginio ha detto:

          senta, lei ha la coda di paglia ed è un gran maleducato.
          Ho semplicemente aggiunto alcune cose al suo intervento: fosse stato di un altro, le avrei aggiunte lo stesso. Stavo parlando di Ratisbonne, mica di lei…! Io nemmeno mi ricordavo della precedente polemica!
          Veda di essere meno villano e più perspicace (oltre che più cristiano), per favore. Studi di più e vada a litigare con qualcun altro, magari qualcuno del Pd o della Cgil.

          • Nicola B. ha detto:

            Se non si ricordava della vecchia polemica precedente allora perche ha aggiunto alla fine del suo post : ” PS PER CHI AMA LE FRASI FATTE LAURENTIN NON È IL MAGGIOR MARIOLOGO VIVENTE, DATO CHE È MORTO.” . Questa sua postilla è CHIARAMENTE riferita a me ed allo ” scambio di battute ” piuttosto ” vivace ” intercorso tra di noi la scorsa volta. Vada a rileggersi il suo intervento dell’ altra volta e vedrà che l’altra volta quando si scagliava contro LE FRASI FATTE E LAURENTIN PIÙ GRANDE MARIOLOGO VIVENTE ( IN REALTÀ MORTO) , si stava scagliando proprio contro di me. ……Vada a ritroso e vedrà che quello che ha pubblicato questa volta( PS…. Per chi ama le frasi fatte…..)era pure rivolto a me ANCHE L’ALTRA VOLTA. Visto lo screzio che c’è stato la volta precedente che era contro di me , me lo ricordo benissimo….

          • Nicola B. ha detto:

            Le rinfresco ulteriormente la memoria. L’articolo in questione era BESTIARIO. DANZE IN CHIESA…PRETI FURIOSI…..del 22 luglio scorso. Il suo intervento nei miei confronti ( che avevo parlato erroneamente di Laurentin come del più grande mariologo vivente quando in realtà era morto da qualche anno….) era stato il seguente:” Si puo’ evitare di ripetere frasi fatte, si può ? Laurentin è morto ormai da tempo, altro che ” il più grande mariologo vivente….” Il suo intervento di adesso invece è ” P.S. per chi ama le frasi fatte: Laurentin non è il maggior mariologo vivente, dato che è morto”. E adesso mi dice che non si ricordava della polemica? Ed allora perché ha aggiunto la postilla CHIARAMENTE riferita a me? Sono stufo di polemiche. Io avevo chiuso ma lei con la sua postilla ha ricominciato. Le accuse di maleducazione le rispedisco indietro. Adesso basta.

  • malibu stacy ha detto:

    la potenza del cervello di questo vecchietto di 90 anni: gli hanno fatto le congiure e i tradimenti, l’hanno costreto a dimettersi, lo tengono prigioniero, e lui zitto zitto in 20 (VENTI,solo VENTI) pagine che bomba teologica che ti sgancia.
    speriamo non gli facciano fare la fine dei due cardinali dei dubia NON avvelenati

    • rita ha detto:

      ..che raffinato Teologo è Papa Bendetto!!!!! Io gli ho sempre voluto bene perché amo la serietà, la rigidità sulle questioni serie della vita. Spero che il buon Dio ce lo lasci ancora per molti anni. Abbiamo bisogno di fari luminosi.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Malibu Stacy,
      nessuno ha costretto papa Benedetto a dimettersi e se così fosse papa Benedetto sarebbe una persona vile e degna di nessuna scusa.

  • Sigyypop ha detto:

    Ma se gli ebrei stavano bene già come stavano, se già così erano salvi, cosa è venuto a fare tra loro Gesù Cristo?

    • Grog ha detto:

      Bravissimo. In poche parole hai colto l’essenza del problema.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      SIGYYPOP,
      Gesù Cristo è venuto:
      1° a rivelare il vero volto del Padre, spesso travisato dagli ebrei;
      2° ad estendere a tutti i popoli la salvezza, senza bisogno di entrare a far parte del popolo ebraico;
      3° a sconfiggere definitivamente l’opera del diavolo, realizzando così Gn 3,15.
      Del resto gli ebrei aspettavano ed aspettano ancora il Messia.

      • Sigyypop ha detto:

        Sig. Ezio, e
        4° a far vedere com’è il vino quando è davvero buono no? 😀

        Evidentemente per il sig. Ezio Gesù è venuto tra gli ebrei per fare tante cose meno che per salvarli.
        Probabilmente l’hanno chiamato Gesù (“Salvatore”) perché il nome piaceva alla Madonna.

        [Questo lo avrà mai letto?
        «…gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: …lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati”» (Matteo 1,20-21)]

        Del resto (non so se lo sia, ma) se fosse lo stesso che ha definito un santo, San Giovanni Paolo II, “l’esibizionista della propria malattia (https://www.marcotosatti.com/2017/07/13/scenari-economici-lancia-un-sondaggio-su-papa-francesco-i-risultati-sono-sorprendenti/comment-page-1/#comment-17518) con lui c’è poco da discutere.
        13 luglio 2017 alle 2:14 pm

        • Lo spettro di don Ezio ha detto:

          SIGYYPOP,
          san Giovanni Paolo II è stato dichiarato santo dal Papa, non da me. Lo spettro di don Ezio e don Ezio Fonio sono la stessa persona.

        • Lo spettro di don Ezio ha detto:

          SIGYYPOP,
          aggiungo che Gn 3,15 è appunto l’annuncio della salvezza, non degli ebrei soltanto, ma di tutta l’umanità.

          • SIGYYPOP ha detto:

            Sig. Ezio.
            allora è anche lo stesso che sostiene che se uno ha abbandonato moglie e figli e convive con un’altra con cui ha procreato, non potendo porre termine alla situazione senza creare ulteriori problemi al nuovo figlio e alla druda (che in mancanza di “atti propri dei coniugi” potrebbe allontanarsene), ogni volta che vi si congiunge carnalmente commette un semplice peccato veniale; dunque può tranquillamente comunicarsi senza neppure bisogno di confessarsi 😀 😀 😀

            Ne discende che il famoso cantante Pupo, che a dire dei rotocalchi ha due “compagne” (una sposata con lui) e due discendenze, non potendo far cessare la situazione senza creare disagi nelle due famiglie, può liberamente congiungersi ora con l’una ora con l’altra “compagna” e poi, senza bisogno di confessarsi (è solo un peccato veniale), devotamente comunicarsi e tornare a casa (l’una o l’altra), modello di cristiano 😀 😀 😀

            Sig. Ezio,
            ecco perché il popolo abbandona la fede: perché va in chiesa ad ascoltare la Parola di Dio e invece gli raccontano barzellette (sporche).

      • Sigyypop ha detto:

        Sig. Ezio, e
        4° a far vedere com’è il vino quando è davvero buono no? 😀

        Evidentemente per il sig. Ezio Gesù è venuto tra gli ebrei per fare tante cose meno che per salvarli.
        Probabilmente l’hanno chiamato Gesù (“Salvatore”) perché il nome piaceva alla Madonna.

        [Questo lo avrà mai letto?
        «…gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: …lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati”» (Matteo 1,20-21)]

        Del resto (non so se lo sia, ma) se fosse lo stesso che ha definito un santo, San Giovanni Paolo II, “l’esibizionista della propria malattia” (https://www.marcotosatti.com/2017/07/13/scenari-economici-lancia-un-sondaggio-su-papa-francesco-i-risultati-sono-sorprendenti/comment-page-1/#comment-17518) con lui c’è poco da discutere.

  • Vincenzo Calabrese ha detto:

    Benedetto XVI è davvero un papa imprevedibile, sapiente e di prestigio… Finalmente una parola (sempre molto pacata e con tono conciliante) veramente cattolica, dopo anni di inutile dialogo con chi pensa di salvarsi rimanendo nel solco di chi ha ucciso e non accettato Gesù Cristo!! Se è vero (COME E’ VERO!!) il Vangelo, allora come si fa a non tentare di evangelizzare chi non ama Gesù?? Come si fa ad andare dietro a chi vorrebbe ancora ricostruire il Tempio di Gerusalemme, come se il VERO TEMPO non fosse il CORPO DI CRISTO?!! Come si fa a dire che la Vecchia ALLEANZA sia ancora valida, dopo papi e concili che per secoli l’hanno dichiarata decaduta? Perché chi NON ACCETTA IL FIGLIO, NON HA NEANCHE IL PADRE…

    GIOVANNI 3,16
    16Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna. 17Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché IL MONDO SI SALVI PER MEZZO DI LUI. 18CHI CREDE IN LUI NON È CONDANNATO; ma chi non crede è gia stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio. 19E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perché le loro opere erano malvagie.