DELICATA ALLUSIONE (PER IMMAGINI) DI P. SPADARO. LA LEGA È COME IL KU KLUX KLAN. MASSACRO SUL WEB.

26 Luglio 2018 Pubblicato da --

Marco Tosatti

 

<Caro sacerdote, quindi lei in che cosa si identificherebbe? Poveri noi cristiani, anzi: Poveri noi inidentificabili>.

Cari amici  e nemici di Stilum Curiae, per qualche giorno vi lascio tranquilli. Forse ci risentIremo lunedì, ma giusto un’apparizione lampo; poi, fino alla domenica successiva, sarò solo con lo smartphone, in un posto che spero tranquillo, in forzata astinenza da computer. Ma prima di abbassare temporaneamente il sipario, non posso non dedicare un po’ di attenzione a uno dei personaggi più effervescenti e inquietanti della troupe ecclesiale che si agita alla corte del Pontefice regnante, e cioè padre Antonio Spadaro, sj, Direttore de La Civiltà Cattolica.

Vorrei sottoporre all’attenzione dei lettori due dei suoi tweet. Che non posso vedere direttamente; Spadaro mi ha bannato quando ho scritto un paio di articoli sul suo vizietto di irridere i cardinali dei Dubia da account anonimi, da lui stesso creati, per poi ritwittarli con il suo account ufficiale. Un’operazione che – mi si permetta – non avrebbero fatto né padre Sorge né padre Salvini. Ma questi sono i tempi.

Per fortuna Stilum Curiae non manca di amici che tengono un occhio su questo odiatore ufficiale di Salvini e della Lega. E qui permettetemi una riflessione a buon mercato, forse stupida, ma che condivido con voi. È singolare che come la Chiesa, o almeno gran parte delle gerarchie, un secolo e mezzo fa abbia combattuto il processo di unificazione del Paese, così adesso abbia un atteggiamento molto simile, e scelga – almeno ai vertici – il campo globalista e mondialista sponsorizzato dalle élites finanziarie, bancarie e in buona sostanza antidemocratiche. Così la Lega, che veniva critica dai vescovi anni fa perché elemento di divisione del Paese, adesso che ha capito che o ci si salva tutti insieme o si affoga tutti ed è diventata un partito realmente italiano viene demonizzata. A un secolo e mezzo di distanza dalla battaglia per l’unità, la Chiesa sceglie di nuovo i poteri esterni rispetto all’Italia.

Perché, mi permettano le anime belle che conosciamo, se alcuni danno l’impressione di usare il crocefisso come un Big Jim, troppi nel campo della Misericordia (per tutti, ma per te no, sei leghista) sventolano il Vangelo come le Guardie Rosse facevano con il Libretto di Mao. E non escludo nessuno, da questo appunto.

Comunque dopo la sbecerata di Famiglia Cristiana su Salvini (equiparato peraltro a Pietro, dai religiosi redattori paolini: è a lui che Gesù disse vade retro) padre Spadaro non ha tollerato di farsi superare e ha pubblicato il tweet che vedete in cima all’articolo. La Lega come il Ku Klux Klan? Si va di finezza in finezza nella Chiesa di papa Francesco. E si respira un clima singolare, di frenesia e nervosismo, come se stesse per accadere qualche cosa. Mah! Vedremo.

Intanto dopo le sparate di padre Spadaro sull’identità, vi riporto alcuni dei commenti che ha provocato.

“Meno male che Carlo Martello o a Lepanto, ad esempio, la pensavano in maniera diversa, così oggi può scrivere questa roba”.

“Il grande cardinale Consalvi disse a Napoleone: “non riuscirà a distruggere la Chiesa, se non ci sono riusciti i preti in 2000 anni. Le ne è la prova vivente”.

“Mi scusi non per essere polemico, ma Costantino è stato il primo ad utlizzare la croce in maniera politica fermando la lotta dell’Impero romano contro il cristianesimo (il famoso In Hoc Signo Vinces). O già nel 325 d.c. avevano Bg Jim?”.

“GIÙ LE MANI. Voi non avete l’identità di chi abbraccia la croce e muore. Io, se proprio devo combattere per i miei figli lo farò sotto la croce”.

Una persona riporta la notizia dell’ennesimo raid islamico contro i cristiani in Nigeria: “vengono uccisi per la loro identità e la loro fede”.

“Quindi si è cristiani scomparendo. Contento lei, post-cristiano, se in questo si identifica, ma temo sia solo nichilismo”.

“Due bimbi copti. Normalmente nei posti dove i cristiani rischierebbero solo a tenerlo in cas, se lo tatuano addosso. Non è un segno identitario? Con rispetto, il crocifisso non è segno di protesta, ma la fotografia dell’amore”.

“Non è MAI un segno identitario” davvero ha scritto questa bestemmia? Scherziamo? Che faccio? Strappo le lettere di san Paolo dal Nuovo Testamento? Non siamo arrivati al fondo! @antoniospadaro ha iniziato a scavare! Triste e angosciato pensando ai martiri di oggi difendendo la Santa Croce.

“Il crocifisso non è mai un segno identitario”. Avete ascoltato la cazzatomelia della settimana. (Con sotto una foto dei Cristeros messicani).

“Premesso che non sono a favore di forzature, ma dove eravate quando vi imponevano di toglierlo? Non una parola”.

“La Croce segno di protesta? Ma non era di salvezza? Accoglienza incondizionata? Ma nemmeno un po’ di conversione? Mai segno identitario? Per questo negli ultimi anni molti d voi nascondono la Croce sotto giacche o cintole? Con rispetto, ha letto cosa ha scritto prima di inviare?”.

“Don Antonio, cambi incenso! Abbiamo combattuto in sede europea per difendere il crocifisso quale simbolo culturale e lei oggi se ne esce con queste parole? Ma quando la finite di fare opposizione politica e ritornate a fare i sacerdoti?.

“Giù le mani…avrebbe dovuto dirlo tutte le volte che qualcuno offendea il #crocifisso…avvilente e fuori luogo questo suo messaggio. #preghiere per la Chiesa”.

“Allora se non sono importanti, perché gli islamici vandalizzano i nostri simboli #Cristiani in tutta #Europa? Perché li giustificate? Perché preferite il nemico?”.

“Spadà, ma chi sei, POLPOT? Se croce non è segno identitario la devi cancellare da stemmi di metà dei comuni italiani e da metà delle bandiere, europee e non #crocifisso”.

“Caro sacerdote, quindi lei in che cosa si identificherebbe? Poveri noi cristiani, anzi: Poveri noi inidentificabili. Perché ormai da troppo tempo la Chiesa si è riempita di INIDENTIFICABILI. Dovreste cambiare mestiere, svestirvi e fare qualsiasi altra cosa”.

“I primi cristiani si facevano mangiare vivi dai leoni per un’identità che non rinnegavano! La Croce NON è e protesta, ma PROPOSTA!…ma mentre usano il Crocefisso per deriderlo nelle varie ed avariate manifestazioni arcobaleno, con pose porno ecc….voi state zitti, perché?”.

“Accoglienza incondizionata????:-)))Ecco strumentalizziamo anche Cristo in croce per fare un po’ di propaganda a favore di importazione clandestini e negriero traffico di umani!!!Poi uno si chiede perché la chiesa sia in crisi…Vergogna!”.

E qui ci fermiamo, anche se ce ne sarebbero molti altri. Chiudiamo con un’ultima fotografia: eccola:

Povera Chiesa!







Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.




LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.



UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

Padre Pío contra Satanás

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

36 commenti

  • carla ha detto:

    Povera Chiesa, davvero!

  • Nicola B. ha detto:

    Ecco ciò che il tanto ODIATO e DEMONIZZATO leghista intende fare in favore della famiglia italiana e per l’Italia. Chissà cosa gli dirà chi finora lo ha attaccato con una violenza verbale inaudita e gli detto anche VADE RETRO. È l’unico politico italiano che parla di queste cose e che sopratutto intende realizzarle. L’uomo che voleva dividere l’Italia adesso è l’unico che adesso la vuole difendere ( anche attraverso la famiglia). Chiaramente bisognerà vedere se la Magistratura Rossa amica glielo lo consentirà, difendendo questa corporazione rossa gli stranieri ( clandestini ed extracomunitari con permesso di soggiorno ma non con la cittadinanza italiana) p.s. alle ultime elezioni politiche ho votato Fratelli di Italia, e non difendo quindi Salvini per mio intressse personale, ma quando uno fa grandi cose bisogna rendergli tutto il merito che gli spetta.

    http://www.ilgiornale.it/news/politica/salvini-contro-bassa-natalit-usata-importare-migranti-1559502.html?update=1

  • La Samaritana ha detto:

    Questo pomeriggio sono tornata da un’ intensa settimana di Esercizi Spirituali Ignaziani, apro il tablet per dare una occhiata ad uno dei miei blog preferiti e chi ti trovo ? Un “discendente” illegittimo di Sant’ Ignazio! È vero che dalla vita del grande santo è passato tanto, tanto tempo, ma è possibile che la maggior parte dei suoi attuali “nipotini” che hanno l’ onore delle cronache o sembrano superficiali ed eretici, oppure superficiali, eretici ed omosessualisti ? Questo è, per me, un vero mistero.

  • Nicola B. ha detto:

    Ira Divina sai perché il de cuius e la Nuova Chiesa 2.0 ce l’hanno con i segni identitari del cattolicesimo? Perché ci dobbiamo fondere gioiosamente e meravigliosamente con tutte le altre denominazioni Protestanti con cui costruire la Strana Chiesa di cui parla la Beata Caterina Emmerick nelle sue visioni. Nella nuova chiesa non ci dovranno essere segni distintivi ma un grande annullamento generale ( specialmente cattolico..) . “Tutti insieme appassionatamente ” ….come recitava il titolo di un vecchio film.PS. l’abolizione dei segni identitari però va avanti anche nella società laica italiana a causa della guerra spietata a questi segni da parte della sinistra tutta. Eh sì perché dire che siamo cattolici ed italiani come identità da fastidio alla sinistra tutta il cui progetto é quello di creare un melting pop come in america. Per cui un africano od un cinese non sono africani o cinesi ma italiani anche loro dal momento che risiedono anche loro in Italia. A lorsignori danno un fastidio boia le parole identità, razza ecc. Perche anche qui si vuole annullare l’identità italiana, il cattolicesimo, la razza bianca. Tutto un minestrone dove siamo tutti uguali. Ed uno,degli sponsor del progetto è ” l’uomo saggio, moderato e super partes……” . Che non ha avuto da ridire quando Gentiloni ha ricevuto privatamente Soros quello che ha affossato la vecchia Lira guadagnandoci sopra e che adesso fornisce sostanziosi aiuti alle Ong che vogliono riempirci di clandestini.

  • Ira Divina ha detto:

    Il signor Spadaro ha scambiato la chiesa cattolica per una protestante che non ha identità. Mi chiedo perché questa genia di ribelli come lui stanno ancora nella Chiesa Cattolica! Non possiamo nemmeno chiamarli mestieranti del culto, in quanto nemmeno quello sanno fare. Anche i primi cristiani avevano i loro segni identitari che l’archeologia ha portati alla luce. Segni che sostituivano la Croce a causa delle persecuzioni ed erano identitari per ogni cristiano. Come mai per Spadaro la Croce non lo è? Per lui e quelli come lui, S. Paolo direbbe che la Croce è scandalo e stoltezza. Ormai per I neofiti della nuova chiesa esiste solo la protesta contro tutto ciò che è identitario; tutto è vuoto e informe, tutto deve essere solo caos.

  • Nicola B. ha detto:

    Ultimissime notizie. Santa Messa di riparazione a Imola della Chiesa Locale per riparare al blasfemo gay pride condito da ripetute bestemmie per offendere il Cielo e la Chiesa Cattolica. Ed ora che diranno la Chiesa Ufficiale e la sua Pravda ovvero Avvenire? Scomunicheranno il Clero Locale oppure staranno zitti ? Propendo per la seconda ipotesi, per non darsi la zappa sui piedi…..

  • giov ha detto:

    negli ultimi anni i Gesuiti hanno fatto a gara nel distruggere la Chiesa,ricordo uno dei campioni,estremamente intelligente e “sottile” ma deleterio:Carlo Maria Martini.Alla loro guida ci siamo ridotti così come siamo oggi:Chiesa azzoppata,in crisi gerarchica,umanamente squallida….ecc.Lefabvre aveva ragione!!! meditiamo e ripartiamo dai comitati Cattolici (“veri Cristiani” secondo le litanie-Regina dei veri Cristiani).Vuol dire di superare un magistero falso e bugiardo,scegliere quello ancorto a Cristo ed alla tradizione e restare sempre più fortemente attaccati a Gesù nella intensa preghiera per la Chiesa tutta Cattolica.Gio

  • Francesco ha detto:

    … Ma ce n’è uno che si salvi …?
    Inizio a pensare di no …

  • PIERGIORGIO buglioni ha detto:

    grazie per quello che sta facendo per la chiesa di sempre e per tutti noi.
    buone vacanze

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Per SALVINI si salvano più vite umane facendo partire meno migranti, per SPADARO, invece, sembra che più ne partono meno ne muoiono, in quanto gli EFFETTI COLLATERALI (cioè i molti morti affogati) vengono ampiamente compensati, grazie ai trafficanti, dai traghettati in Italia che, non fossero partiti sarebbero tutti morti.

    Due posizioni estreme, forse stupide, ma in se stesse lecite. Il fine è IDENTICO: salvare vite umane (Salvini ci mette anche quelle degli anziani che muoiono perché non possono più curarsi, Spadaro pare fregarsene). Ma la “tattica” è diversa.
    Spadaro perciò deve PROVARE che Salvini vorrebbe bruciare i neri, altrimenti si può supporre che lui, Spadaro, è in mala fede.
    Sulla questine migranti non prendo le parti di nessuno: so che la faccenda è complessa, so che non si può lasciare gli uomini in mare, ma so anche che l’Italia non può ospitare tutti.
    Mi limito solo a notare come, riguardo alla legge CIRINNA’ voluta dal governo RENZI (col FINE non di salvare vite ma di distruggere la civiltà cattolica, quella vera) Spadaro ha tuonato… Cosa ha tuonato? Ne ho perso memoria, ma qualcosa avrà pur tuonato… o no?

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    In generale: quando si prega poco e non si fa penitenza, si sente il bisogno di apparire. C’è chi fa il protagonista al bar, chi, potendoselo permettere, attraverso la stampa.
    Forse è anche il caso di SPADARO. Da qui la sua “effervescenza” che a me, più che evidenziare acutezza di pensiero, mi appare come una forma di isteria.
    Se è così, se ne faccia una ragione: non smuove neanche un VOTO.
    Anzi, forse qualche cattolico gli toglie pure gli sperati aiuti finanziari.
    Già, perché nella maggior parte dei casi a fare le offerte per la Chiesa non sono i cattocomunisti, ma i cattolici che credono che Gesù è Dio. Spadaro: Okkio che il governo oltre a tagliare i finanziamenti alle lobby e cooperative dei migranti, potrebbero tagliare pure i finanziamenti per la stampa

  • Sempliciotto ha detto:

    La differenza che c’è fra la croce da un lato e quella dall’altro?
    È la stessa che c’è fra Woytjla e Bergoglio:
    uno la bacia,
    l’altro la brucia.
    È tipico delle grandi rivoluzioni dell’America latina, tutte di stampo marxista, vedere nella distruzione della Croce di Cristo la vera liberazione del povero dalle grinfie capitaliste.
    Gesù rappresenta il misero ingiustamente crocifisso e solo distruggendo lo strumento del suo martirio lo so libera dalla sua condizione, dal sopruso, solo così lo si ama.
    Questa liberazione mondana su teologia completamente falsata è il grande piano in atto, in realtà, per distruggere Cristo, trasformandolo da Salvatore a Liberatore, da Redentore a Rivoluzionario, da Uomo-Dio a uomo e basta.

  • marco bianchi ha detto:

    Un certo Bergoglio ha tolto il tappo e la cloaca ha invaso la chiesa.Ma due Papi non sono riusciti a ripulirla così che non tracimasse e ci invadesse di cacca.

  • GMZ ha detto:

    Buone vacanze Tosatti, ricarichi per bene le batterie ché settembre sarà un mese caldo: le ong et santegidie vedono le casse languire, serve merce fresca, cioé serve più accoglienza, qualcosa faranno per recuperare tutti i milioni che Salvini gli sta facendo perdere.
    Da qualche parte ci sarà un bel barcone da mandare a fondo con un’ottantina di poveri cristi, no?
    Gazie di tutto e a presto!

  • virro ha detto:

    E’ vero caro Spadaro e caro Sosa, il registratore all’epoca non c’era, con questa affermazione avete dichiarato che Matteo, Marco , Luca e Giovanni, e perché non metterci anche Paolo e Pietro sono bugiardi. Ma dopo 2000 anni perché lo seguite questo personaggio: GESU’ CRISTO VERBO INCARNATO che ha detto anche di se IO SONO.
    Perché seguite con il vostro capo la globalizzazione anziché la evangelizzazione?
    Perché vi riempite di falsa gloria umana e non dell’ umiltà di Dio?
    Perché volete confondere il popolo che si mantiene fedele?

  • Enrico66 ha detto:

    Padre Spadaro rappresenta al meglio la Chiesa in uscita… di senno.
    Buona vacanza dott. Tosatti.

  • Andrea ha detto:

    Un bravo e fedele sacerdote un giorno ha spiegato perchè Gesù dice:” vi do la MIA pace” e non semplicemente:”vi do la pace”. Perchè c’è la pace di Dio che si ottiene seguendo la via stretta da lui tracciata e che conduce alla vita eterna. E c’è la pace del mondo che nei fatti è solo omertà, connivenza, menzogna: il cosiddetto “vivi e lascia vivere” che tradotto ccristianamente si legge “muori e lascia morire”. Non si può più nemmeno dare degli ipocriti a queste persone perchè ipocrita è chi, pur sapendo, cela la verità per altri fini. Questi son proprio apostati e hanno scambiato proprio la pace del mondo per il Paradiso promesso da Dio. Un giorno scopriranno che non basta essere profughi o farsi riempire di profughi per conquistare il Cielo. Ma tanto loro non ci credono. Sono atei convinti di credere che hanno confuso la politica con la fede.
    Ma all’inferno in terra, cui stanno contribuendo, ci crederanno eccome. Apostati.

  • pier luigi Tossani ha detto:

    Senz’altro solidarietà a Salvini, per l’attacco di Spadaro, che, come Bergoglio, non avrà pace finché l’Occidente non sarà stato del tutto invaso dall’orda dei barbari, favorita anche da loro.

    Però, non posso tacere che sulla Lega, andando a vedere fino in fondo, abbiamo qualche problema, vedi sotto.

    Buon riposo a Marco, che credo, nel suo “buen retiro”, scalpiterà, per poter tornare quanto prima al suo amato computer…

    SUL GENDER DAL GOVERNO BASTA PAROLE
    di Mario Adinolfi

    Abbiamo contestato duramente il governo precedente andando in piazza perché noi “difendiamo i nostri figli”, sono la priorità della nostra azione pubblica. Il governo attuale nella sua componente grillina registra senza difficoltà nei comuni da loro amministrati i “figli di due papà o di due mamme”, legittimando dunque utero in affitto e traffico di gameti. Chiamato in aula a rispondere il ministro Fraccaro, grillino anch’egli, ha dato un sostanziale via libera. Ora il Comitato di Bioetica della presidenza del Consiglio ha addirittura dato semaforo verde all’Aifa per la prescrizione medica della triptorelina ai bambini di otto anni a cui viene diagnosticata la disforia di genere, mettendo nero su bianco che tale diagnosi può essere effettuata anche su bambini di tre anni. Ora alla presidenza del Consiglio (vi siedono il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, i vicepresidenti del Consiglio Luigi Di Maio e Matteo Salvini, i sottosegretari alla presidenza del Consiglio Vincenzo Spadafora e Giancarlo Giorgetti) non possono più fare i pesci in barile. Il fatto è gravissimo e diventa politico, quindi la presidenza del Consiglio deve intervenire e vietare esplicitamente ogni possibile prescrizione di triptorelina ai nostri figli. Perché noi li difendiamo, a prescindere dalle valutazioni ideologiche che diamo del governo. E se contro quello precedente siamo scesi in piazza perché l’attacco dell’ideologia gender era violento tramite l’approvazione della legge Cirinnà, questo è ancora più violento perché riguarda direttamente i bambini.

    Diciamoci la verità, il problema politico è sempre l’ambiguità dell’inciucio. Nel governo Renzi il ministro dell’Interno e quello della Famiglia rassicuravano i cattolici, ci sono i video e le foto e le dichiarazioni solenni: “Siamo al governo per impedire che vengano approvate leggi come quella sull’unione gay, se le approvano un minuto dopo ce ne andiamo”. Per la verità il ministro dell’Interno Angelino Alfano, a differenza da quanto ha fatto Fraccaro, diramò nell’ottobre 2014 una nota ai prefetti per far cancellare le trascrizioni contra legem nelle anagrafi comunali gestite da sindaci ideologizzati. Poi però, dopo aver promesso sostegno alle piazze dei Family Day, nel 2016 furono proprio i parlamentari di centrodestra attratti nell’orbita della maggioranza di governo ad essere decisivi per l’approvazione della legge Cirinnà, che probabilmente subirono, ma non fecero nulla per fermare.

    Ecco, ora ci si trova in una situazione analoga: le logiche coalizionali prevalgono su quelle valoriali, soprattutto se le istanze valoriali sembrano solo strumentali alla raccolta dei voti e non centrali nell’azione politica. In poche settimane di governo abbiamo dovuto subire il rigetto da parte del ministro della Salute del parere del Comitato Superiore di Sanità che chiedeva di interdire la vendita della cannabis light per i dubbi sulla salubrità della sostanza, le continue registrazioni di “figli di due papà o di due mamme” nei comuni a guida grillina con il sostanziale via libera di Fraccaro, la totale assenza di interventi a sostegno della famiglia nel decreto dignità, la incredibile partecipazione “a nome del governo” del sottosegretario alla presidenza del Consiglio al Gay Pride sfilato sotto al Santuario della Madonna di Pompei con tanto di striscione sorretto allegramente accanto a Monica Cirinnà dallo stesso sottosegretario che intanto predicava sui “diritti civili delle famiglie arcobaleno” sui cui “non si torna indietro”, all’assegnazione allo stesso sottosegretario della delega alle Pari Opportunità e alla gestione dell’Unar, l’astensione leghista (al Senato vale come voto contrario) sulla mozione di Fratelli d’Italia su utero in affitto e cristiani perseguitati come temi della Commissione Diritti Umani, l’accordo con la lobby delle armi in relazione ai progetti di legge di riforma sulla legittima difesa, ora aspettiamo una reazione concreta della presidenza del Consiglio rispetto al tema tragico dell’utilizzo della triptorelina sui bambini, perché va bene tutto, ma i bambini vanno lasciati stare. E l’intervento deve essere immediato e politico, cioè efficace al di là di ogni ambiguità.

    Vanno bene i rosari sventolati, le giuste parole del ministro Fontana sempre più silenziato, il ddl sul crocifisso nei porti, vanno bene le chiacchiere e le interrogazioni parlamentari concordate con Salvini per fargli dire che è contro l’utero in affitto. Ma se i fatti sono che questo governo non è in grado di dire un parola efficace contro gli ideologi del gender che vogliono bloccare la pubertà per via farmacologica intervenendo su bambini di otto anni, allora vuol dire davvero che questo non è “il governo di tregua per i cattolici”, ma il solito governo che nelle ambiguità di ogni inciucio genera mostri che colpiscono i più deboli. Il Popolo della Famiglia, perché questo è il ruolo di pungolo che svolgiamo sperando di generare comportamenti virtuosi non foss’altro che per toglierci argomenti, chiede all’esecutivo e in particolare a chi siede alla presidenza del Consiglio di intervenire tempestivamente e in maniera netta affinché nessun medico prescriva sul territorio italiano la triptorelina a un bambino. L’intervento sia immediato e inequivoco. Allo stesso tempo, in materia di gender, è necessario compiere un adeguato intervento presso i comuni affinché smettano di legittimare l’utero in affitto e il traffico di gameti con le loro trascrizioni anagrafiche. Questo mette a rischio la tenuta della maggioranza? Un governo che legittima la somministrazione di quelle porcherie ai bambini o la privazione del loro diritto ad avere una mamma e un papà, meglio che cada e si torni a votare. Sono certo che per chi sventola il rosario in campagna elettorale, i valori vengono prima delle poltrone.

    Altrimenti è solo marketing.

  • malibu stacy ha detto:

    ah, cosa non si fa per diventare vescovi.

    dottor tosatti buone vacanze, ma stia attento a quello che beve, possono cercare di farle fare la fine dei due cardinali dei dubia, che hanno preso un caffè alla sindona

  • Adriana ha detto:

    Sempre “goloso” padre Spadaro. E mo’ se prenne er mijor Fico der bigoncio .

  • Anna ha detto:

    Lupi travestiti da agnelli, che mordono mortalmente le pecore di fede debole , quelle che non sanno discernere e stolte li seguono. Quanto danno in nome di false verità, falsa misericordia, falsa carità. Il falsario per eccellenza è satana, auguro di ravvedersi e da lupi tornare ad essere veri pastori.

  • EquesFidus ha detto:

    L’unica spiegazione che mi viene in mente per questo atteggiamento folle ed offensivo, senza alcun precedente nella diplomazia vaticana, è che nella Curia romana e nella CEI abbiano un terrore folle di quello che potrebbe accadere con la rottura del giocattolo dell’accoglienza ai clandestini islamici e svelando gli altarini dietro le Ong e la loro carità pelosa, specie in alcuni gruppi e circoli sedicenti cattolici vicini a Caritas e Coop rosse: se ciò si accompagna al crollo (mai abbastanza in basso) dell’8×1000, costoro potrebbero persino essere costretti a fare di nuovo i preti e non gli assistenti sociali o gli intelluattoaloidi neomodernisti. Comunque sia, è evidente che qualcosa di grosso (e brutto) bolle in pentola: Salvini, se vuole perseguire i suoi obiettivi, deve muoversi il prima possibile, altrimenti temo atti sconsiderati da parte dei vertici vaticani.

  • Ulisse ha detto:

    Cristo sul Calvario è stato crocifisso con due ladroni a fianco. Preghiamo perché Cristo possa dire un giorno a P. Spadaro come al buon ladrone:”Oggi sarai con me in paradiso, perché hai riconosciuto il furto di onestà mentale e di avvelenamento dei pozzi delle relazioni umane”.

  • Marco Matteucci ha detto:

    Facciamo una proposta a questo governo, affinché emani una legge per regolamentare l’uso di internet da parte dei consacrati:
    1. Un’ora al giorno su siti social e altri (anche di pornografia), altrimenti la curia e di conseguenza loro perdono il diritto alle agevolazioni concesse dallo stato (5×1000, 8×1000, obolo di San Pietro, istituto per il sostentamento del clero ecc.)
    2. Qualora queste sanzioni non fossero sufficienti, distacco immediato della connessione di rete in tutto il territorio del Vaticano.
    Forse così molti falsi pastori di oggi si convertirebbero e comincerebbero anche a pregare!

    • Marco Matteucci ha detto:

      Da questo provvedimento, è ben inteso, rimarrebbe escluso il santo padre, in quanto tutti noi ben sappiamo che Francesco è un papa a GRATIS!

  • Nicola B. ha detto:

    ” Chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini anche Io lo riconoscero’ davanti al Padre mio che è nei Cieli ma chiunque non mi riconoscerà davanti agli uomini neanche Io lo riconoscero’ davanti al Padre mio che è nei Cieli. ” . Rinnegare il Crocifisso è rinnegare Gesù, si dia una regolata Don Antonio.

  • Nicola B. ha detto:

    Ed allora se per questo anche la statua della Madonna è simbolo potentissimo di identità cattolica ( e per questo viene oltraggiata nei Gay Pride e distrutta dagli atei , black bloc, ultrasinistroidi in Italia e dagli islamici in Europa ed all’estero ) , che facciamo nascondiamo od eliminiamo anche le statue della Madonna? Dato che ci siamo allora, anche la Coroncina del Rosario è un segno ” negativo ” di doppia identità cattolica in quanto reca in sé la Croce di Cristo e poi con la stessa Coroncina nelle preghiere ci si rivolge a Maria Santissima per arrivare a Gesù. Allora che facciamo eliminiamo anche il Santissimo Rosario perché indica che apparteniamo a Gesù e Maria?

  • Nicola B. ha detto:

    Se tanto mi dà tanto adesso che farà Don Antonio quando Salvini ridurrà i 35 euro facendoli arrivare a 25 euro, quando grazie a 2 navi e motovedette date dall’ Italia alla Libia non arriverà più la ” preziosa merce” , quando verranno eliminati i permessi umanitari ( esistono SOLO in Italia voluti da Prodi e dalla sinistra per fare rimanere i clandestini in Italia se non avevano diritto di Asilo), che farà Don Antonio se tanto mi dà tanto adesso? Va sotto casa di Salvini , lo aspetta e je mena ?..

  • agosman ha detto:

    Sono convinto che a monte c’è un vescovo vestito di bianco che di fronte al consenso della maggioranza degli italiani nei confronti del ministro Salvini per ciò che sta facendo per evitare naufragi e morti in mare (maggioranza anche dei cattolici, ben inteso) non si capacità di come invece lui venga ignorato ogni volta che apre bocca per parlare di immigrarti e di politica anziché parlarci di Dio e del Vangelo senza forzature artificiose di significato. Ovvio che lui dall’alto del suo smisurato orgoglio non si abbassa a parlare in prima persona con uno che nella migliore delle ipotesi reputa indegno e la cui elezione a leader di governo stride con la sua concezione del potere e perciò manda avanti i suoi scudieri. Gli sbarchi sono stati quasi tutti impediti con grande soddisfazione soprattutto dei cattolici veri, ma anche di quelli tiepidi, esclusi i suoi adulatori e turiferari. Dio ci conservi ancora lungo il Santo Padre Benedetto, la cui missione terrena non e ancora conclusa e sono certo che ci riserverà ancora sorprese.

    • Maria Cristina ha detto:

      Dio ci conservi ancora a lungo il Santo Padre Benedetto.

      Amen, Amen, caro Agosdan .
      Condivido in tutto il suo intervento. Credo che al vertice del Vaticano ci si stupisca che il Papa “ piu’ popolare” di sempre, a sentire i media, il piu’ amato dagli italiani e dal resto del mondo, non sia poi in realta’ cosi’ obbedito in politica.
      Ci si stupisce che le masse oltre che farsi i selfie con Francesco non seguano pedissequamente le sue direttive sui migranti. Insomma ci si stupisce che l’ effetto Bergoglio, sia paradossalmente quello di spingere la gente a votare Salvini.
      Il gesuita comincia a capire la differenza fra essere un vero leader spirituale ed essere solo una rock star.
      Il popolo si diverte con le rockstar ma poi vota alle elezioni per chi crede tutelera’ meglio I suoi interessi.

  • Massimiliano ha detto:

    Questi andrebbero combattuti con ironia e alle volte sarcasmo. Purtroppo però a me ultimamente mi viene solo da piangere.
    Massimiliano

  • Luigi ha detto:

    “Vorrei sottoporre all’attenzione dei lettori due dei suoi tweet. Che non posso vedere direttamente; Spadaro mi ha bannato quando ho scritto un paio di articoli sul suo vizietto di irridere i cardinali dei Dubia da account anonimi, da lui stesso creati, per poi ritwittarli con il suo account ufficiale.”

    Ma questi sacerdoti quando trovano il tempo di pregare, dir Messa, confessare etc.? Sempre su Twitter o Fb stanno?
    Abbiamo bisogno di santi sacerdoti; di “corvi neri” così non sappiamo che farcene!

  • Marco Matteucci ha detto:

    Di Croci in giro ce ne sono tante, ce la spieghi lei caro Spadaro la differenza (almeno si chiamasse Edoardo, almeno ci potrebbe cantare uno stornello!), magari dando un’occhiata anche a questa:
    http://krestanem.cz/wp-content/uploads/2017/12/papez-frantisek-3.jpg