SE ANCHE LA MADONNA DE NOANTRI VIENE ARRUOLATA NEL #METOO DALLA CORRETTEZZA POLITICA…

24 Luglio 2018 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Da qualche giorno è in corso a  Trastevere, a Roma la Festa de Noantri, un appuntamento classico per gli abitanti del Quartiere, per i romani e anche per i turisti. Viale Trastevere viene chiuso al traffico, e per le strade sfila una processione in cui si porta il trono della Madonna del Carmelo. Una festa che vive di diversi appuntamenti. Quest’anno la Madonna è stata vestita da una maison di stilisti d’eccezione, Gattinoni. E qui trovate l’intervista del Direttore Creativo della casa, Guillermo Mariotto; un’intervista molto bella, da cui traspaiono l’interesse e la devozione del suo protagonista verso questa forma di religiosità popolare.

 

 

E poi….a un certo punto Guillermo dice: “Il mantello rosso sta per la violenza contro le donne. Lei resta sempre l’Immacolata Concezione, ma il mantello rosso sta per la violenza contro le donne. E c’è anche la scritta in latino che dice del dolore che soffre il mondo per questo fattaccio della volenza alle donne…Esce in processione la Madonna de Noantri con un grande dolore per via della violenza contro le donne che oggi è diventata veramente un incubo…”.

La Madonna del Carmine come Asia Argento? M è venuto in mente che motivi per sentire grande dolore la Vergine ne ha a bizzeffe, a cominciare dai milioni di innocenti soppressi nella pancia delle loro madri (circa centomila solo in Italia), e che spesso sono femmine, per un reale femminicidio che il Progresso e la Correttezza Politica si rifiutano di vedere; e per le guerre poco interessanti per gli interessi dei Padroni dei Media, come lo Yemen, o il Congo; per le migliaia di cristiani ammazzati dai pastori Fulani in Nigeria ma di cui non si deve parlare perché l’islam è una religione di pace…E forse piange anche per Asia Bibi, madre come lei, da anni a marcire innocente in galera in Pakistan. E la lista potrebbe continuare a lungo.







Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.




LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.



UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

Padre Pío contra Satanás

Tag: , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

15 commenti

  • rita ha detto:

    A proposito della Beata vergine Maria. Ieri guardavo un video su youtube che riguardava delle presunte apparizioni mariane in centro Italia, dove si intervistava la presunta veggente. In quel prato enorme si era riunita tanta gente che pregava con la presenza di alcuni sacerdoti e, mi pare, anche alti prelati.
    Ho fatto subito una riflessione. Strano! Fino a pochi anni fa, i luoghi delle presunte apparizioni venivano demonizzate dalla Chiesa fino al divieto assoluto di frequentare quei luoghi. Non solo. Anche il veggente era messo alla gogna dal Vaticano. Ora invece addirittura, prima del beneplacito della Chiesa, alcuni sacerdoti si uniscono e pregano, celebrando anche la S.Messa.
    Poi ho concluso. Il Vaticano notando la diserzione dei fedeli nelle chiese, le critiche e i vari scandali di pedofilia…, siccome DEVE mantenere in piedi il catafalco, la struttura, per POTERE e DENARO (cosa farebbero i preti? Si suiciderebbero?) allora ad un tratto diviene accogliente nei confronti dei veggenti che non sono più perseguitati. Poi ho considerato. Strano! Da un lato accoglie presunti veggenti (qualcuno ha la faccia da furbetto) ma dall’altra PERSEGUITA P. Manelli, i Francescani dell’Immacolata, Don Minutella…etc.
    Ma scusa, Vaticano, se sei diventato accogliente allora riabilita don Minutella e gli altri che hanno il SOLO intento di servire Dio e la Chiesa, ti pare?

  • rita ha detto:

    A dire il vero mi sono anche un po’ stancata di dover commentare gli sberleffi e le irrisioni verso il Sacro e verso Dio della gentaglia senza ragione, senza fede, senza umanità, senza buon senso e che io non stimo e non rispetto. Perché dovrei rispettare gente che non ha la pietas del Sacro? Sinceramente me ne sto alla larga, ritengo la mia anima troppo importante di fronte a Dio per insidiarla con le SOLITE reazioni verbali di cui a LORO, alla gentaglia non gli importa un tubo. Noi commentiamo e loro vanno avanti con il loro paraocchi. Parliamo di UE, di aborto, di femminicidio, di eutanasia…ma LORO, quelli là, non gli frega un tubo…penso che ormai siano solo una gramigna secca.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Pastori ideologizzati non possono rinnovare la Chiesa, ma solo rovinare.
    Il vero rinnovamento è frutto di un’apertura che, però, non è disposta a rinunciare nemmeno ad uno iota riguardo alla dottrina.
    Il massimo dell’apertura non può spaventare quando si vuole il massimo dell’ortodossia cattolica.
    Discutiamo di TUTTO, tranne delle cose CONSOLIDATE.
    Datemi il più aperturista dei teologi, fissiamo il Catechismo della Chiesa come condizione irrinunciabili di partenza e vediamo dove si può arrivare col rinnovamento.
    Di un teologo molto “aperto”, che però, ad esempio, ancora considera che il peccato impuro contro natura grida VENDETTA al cospetto di Dio, penso ci si possa fidare.
    Ma molti nostri Pastori non sono “aperti”, ma hanno invitato i lupi a cena nell’ovile

  • Grog ha detto:

    E ci ha detto pure bene, considerando il personaggio, che non abbia arruolato la Santa Vergine per le istanze LGBTQWERTY….

  • Filippo ha detto:

    Dubbio: è Guillermo che fa riferimento ad Asia Argento ed al movimento “metoo” delle aspiranti starlette&produttori zozzoni, oppure è a Tosatti che, quando sente parlare di violenza sulle donne, salta in mente un collegamento del genere? A me viene in mente altro….

  • deutero.amedeo - biblista ha detto:

    L’unica consolazione che mi rimane è la lettura della Bibbia. Chi la conosce un po’ saprà certamente che c’è una Apocalisse anche nel libro di Isaia (Capitoli 24-27) . Ne riporto 2 versetti (10 e 13) dal capitolo 26:

    [10] Si usi pure clemenza all’empio,
    non imparerà la giustizia;
    sulla terra egli distorce le cose diritte
    e non guarda alla maestà del Signore.

    [13] Signore nostro Dio, altri padroni,
    diversi da te, ci hanno dominato,
    ma noi te soltanto, il tuo nome invocheremo.

  • Marco Matteucci ha detto:

    Chi vuole bene alla Santa Vergine, non può consentire che venga paragonata ad Asia Argento!
    Questi sono i disastri che crea un linguaggio politicamente corretto.
    “Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde.” (Mt. 12, 30)
    E mai come oggi c’è stata tanta dispersione, di fede, di valori, di cultura …persino di misericordia!
    LA MADONNA DE NOANTRI direbbe: “ANNAMO BBENE!”

  • Anonima ha detto:

    Come avrà pianto, invece la Madonna a vedersi fare
    Il vestito da un atelier alla moda dove buttano i soldi le grandi dame del mondo per poter rivaleggiare una contro l’altra. Lei non è di quella razza, né tanto meno si mette a sponsorizzare strampalate ideologie collegate ai generi, come quella del cosiddetto femminicidio. Se contemporaneamente si parlasse anche di maschicidio, cosa che ovviamente non interesserebbe nessuno, bisognerebbe ben vestire San Giuseppe, forse. Siamo arrivati al ridicolo, ma un ridicolo che sconfina nel blasfemo, se si pensa che già la commistione fra alta moda e sacro è avvenuta con tanto di complicità di chi quel sacro dovrebbe difenderlo. Piuttosto che si guardasse alla Madonna come modello ed esempio di sposa e di madre.
    Ma questo è troppo antiquato, ché fra le donne moderne è ormai rarissimo trovare spose e tanto meno madri.

  • Mazzarino ha detto:

    La Madonna, inascoltata per 100 anni, pianse rosse lacrime di sangue a Civitavecchia, alle porte di Roma, per la imminente distruzione del papato. Portata avanti per 20 anni, rallentata per 30 anni, meritata per quanto avvenuto il 28/2/2013, ed ormai portata a termine dal sicario incaricato dai cardinali eretici tedeschi.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    La cosa anomala non è che si rimarchi la violenza contro le donne, che è odiosa, ma che si TACE su altre forme di violenza altrettanto odiose, e questo per una scelta puramente IDEOLOGICA.
    Personalmente tendo sempre a non credere, o a credere poco, all’autenticità di una solidarietà che è solo di parte, così come non credo a un amore disinteressato verso i figli quando se ne preferisce uno a danno degli altri.
    Il buonismo è una forma di FARISEISMO così come il fariseismo è una forma di ideologia.
    Quando la religione diventa materialista o umanista e quando l’ideologia pretende di dare tutte le risposte esistenziali, diventando una forma di religione.
    Laicisti e clericalisti: stessa “razza”

  • Sempliciotto ha detto:

    Per violenza sulle donne è contemplata anche quella fatta dalle stesse donne stesse e dai mussulmani,
    o solo quella fatta dai battezzati maschi?

    Per femminicidio rientrano solo il centinaio di casi all’anno in Italia,
    o anche il MEZZO MILIARDO di femmine uccise in vent’anni nel mondo dentro il ventre materno?

  • Iginio ha detto:

    A proposito di violenze: vogliamo parlare di quello che sta succedendo in Nicaragua? Anche perché il Vaticano non ne parla quasi per niente (si parla di “mediazione”, come se si potesse mediare tra il Bene e il Male).

  • Iginio ha detto:

    Chissà perché nessuno parla di “imprenditori dell’odio” per quelli ossessionati dal cosiddetto “femminicidio”.

  • Natan ha detto:

    Il 13 marzo dell’anno di grazia 2013 il neo eletto Francesco rifiutò le scarpette rosse ( con un simbolismo quanto mai attuale), questo gesto fu applaudito da massoni, eretici,cattocomunisti della scuola di Lercaro . A pochi anni le scarpette rosse sono state prese dal mondo laicista , radical chic ( anch’esso osannato dall’attuale augusto pontefice ) per significare la lotta contro la violenza alle donne. Qualche buon prete che si scandalizzava delle scarpe rosse di Wojtila e Ratzinger , non ha avuto problemi a predicare in una messa di portare le donne tante scarpette rosse e sistemarle sulla gradinata adiacente la chiesa. Come è strana questa chiesa che ha svenduto i suoi simboli vergognandosi e cederli al mondo ( improvvisamente osannandoli) . Come triste non pensare più al sangue dei martiri portato addosso mediante le scarpette rosse. per poi parlare dell’ecumenismo dei martiri. Mah