QUANDO BERGOGLIO TELEFONÒ A ENRICO LETTA, E PARTÌ L’OPERAZIONE “MARE NOSTRUM”. UNA RIVELAZIONE.

15 giugno 2018 Pubblicato da --

Marco Tosatti

L’operazione “Mare Nostrum”, che segnò l’inizio della straordinaria ondata di migrazione (alcuni parlando di invasione) dalle coste africane, e in particolare dalla Libia destabilizzata dall’aggressione anglo-franco-americana,  ha avuto uno sponsor eccezionale. Lo rivelano a Stilum Curiae fonti di alto livello del Ministero degli Interni, che all’epoca erano presenti e operative nella stanza dei bottoni. Questa la rivelazione, di cui è stato testimone un alto funzionario del dicastero, oggi in pensione: il Pontefice (da sei mesi, si era nell’ottobre 2013) telefonò all’allora Presidente del Consiglio Enrico Letta per sollecitare un intervento dell’Italia. Mentre si è saputo di una telefonata successiva, quando il governo Letta era in difficoltà, del colloquio del 2013 non si era venuti a conoscenza. Ecco il racconto che ci è stato fatto, e che riportiamo, sicuri della solidità della fonte.

“Come è noto, la pressione migratoria eccezionale che l’Europa e, in particolare, l’Italia stanno vivendo ha avuto origine tra i mesi di ottobre e novembre 2013 quando, a seguito del naufragio di una barca carica di clandestini al largo di Lampedusa, l’Italia decise unilateralmente di varare l’Operazione “Mare Nostrum” allo scopo di raccogliere in mare quanti più migranti possibile, portarli sul territorio nazionale, far fare a tutti la domanda di asilo e trattarli, anziché come clandestini, come richiedenti asilo e, di fatto, come veri e propri profughi.

La questione, oltre a comportare la violazione del diritto interno, internazionale e consuetudinario (tra l’altro – caso unico al mondo – la Marina Militare italiana si spinse addirittura in acque interne di uno Stato straniero), funse da moltiplicatore delle partenze dall’Africa, delle quali è tuttora un palese incentivo, e si tradusse in una collusione di fatto con i trafficanti di esseri umani, che da allora si arricchiscono ancor più, con cifre stimate superiori al traffico di stupefacenti.

Ora un alto funzionario dello Stato, rievocando l’origine di “Mare Nostrum”, rivela:

“’C’era il Governo Letta in cattive acque. Arrivò una telefonata dal Papa. Perché, secondo lei, appena ho potuto sono andato via?’”.

Da Wikipedia abbiamo tratto queste note relative a “Mare Nostrum”:

“L’operazione Mare nostrum è stata una vasta missione di salvataggio in mare dei migranti che cercavano di attraversare il Canale di Sicilia dalle coste libiche al territorio italiano e maltese, attuata dal 18 ottobre 2013 al 31 ottobre 2014 dalle forze della Marina Militare e dell’Aeronautica Militare italiane.

Il 3 ottobre 2013 a poche miglia del porto di Lampedusa c’è stato il naufragio di un’imbarcazione libica usata per il trasporto di migranti, noto come “tragedia di Lampedusa”. L’affondamento ha provocato: 366 morti accertati e circa 20 dispersi presunti; i superstiti salvati sono stati 155, di cui 41 minori.

In seguito al naufragio di Lampedusa, il governo italiano, guidato dal presidente del consiglio Enrico Letta, decise di rafforzare il dispositivo nazionale per il pattugliamento del Canale di Sicilia autorizzando l’operazione Mare nostrum, una missione militare e umanitaria la cui finalità era di prestare soccorso ai migranti, prima che potessero ripetersi altri tragici eventi nel Mediterraneo.

Il dispiegamento di forze comprendeva, tra gli elicotteri, l’HH-139 SAR del 15º Stormo, rischierato a Trapani, per la ricerca e soccorso; aerei da ricognizione Piaggio P-180 ed un aeromobile Breguet Atlantic del 41º Stormo di Sigonella. Completavano lo schieramento aereo i droni Predator B, i quali disponendo di una autonomia di 27 ore, potevano acquisire immagini dai porti da cui salpano i barconi, consentendo alle unità di superficie di intercettarli appena fuori dalle acque territoriali dai quali sono partiti. La formazione navale era composta da cinque unità d’altura; una nave anfibia, la San Marco, due pattugliatori delle classi Costellazioni e Comandanti e due fregate classe Maestrale. Era possibile che potessero fungere da scorta alle altre navi, ma probabilmente hanno operato in ambiti tattici più complessi congiuntamente con le altre marine dell’Africa Mediterranea, in particolare quella libica, in azioni militari contro trafficanti non solo di uomini, ma anche di armi.

A partire dal 1º novembre 2014, l’operazione Mare nostrum è stata sostituita dall’operazione “Triton di Frontex”: il programma, a guida UE, punta al controllo delle frontiere.

I migranti provenivano da due zone: la Libia (alcune ore di attraversata) o dall’Egitto (8 giorni di attraversata), usavano gommoni, barconi e pescherecci.

L’unico Stato che con l’Italia ha contribuito all’operazione fu la Slovenia. Pur avendo solo 44 km di mare la Slovenia ha mandato la nave Triglav, alla quale tuttavia fu assegnata una zona più vicina alla costa data la grandezza della nave”.

Le fonti del Ministero dell’Interno ci fanno notare che anche il programma di Triton, a dispetto delle indicazioni iniziali, si è poi rivelato una forma di aiuto al traffico di esseri umani, più che un mezzo di contrasto alla tratta.

Se la notizia – come riteniamo – è vera, si tratta di una pressione straordinaria, e se vogliamo di un’interferenza eccezionale da parte della Santa Sede nei confronti dello Stato. E le cui conseguenze come sappiamo stanno continuando ancora adesso. Mentre continua, anche se adesso sostenuta anche da interessi corposi, la predicazione pro-migrazioni sempre e ovunque del Pontefice.







Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.




LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.



UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

Padre Pío contra Satanás

Tag: , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

164 commenti

  • PIER DE HATFIELD ha detto:

    S.Vincenzo da Lerino, è un santo francese del 5° secolo (riconosciuto come tale dalla Chiesa Cattolica) a cui si attribuisce questa massima:
    “Dio alcuni Papi li dona, altri li tollera, altri li infligge”.
    Nel dubbio, ripeto, il mio 8X1000 lo dono da 2 anni alla Chiesa Ortodossa!

  • PIER DE HATFIELD ha detto:

    Da 2 anni do’ il mio 8×1000 alla Chiesa Ortodossa: cominciamo a tagliare i viveri a chi non ha idee molto cattolicamente chiare su come guidare la Santa Chiesa!

  • anonimo ha detto:

    Migranti : profughi, richiedenti asilo oppure clandestini illegittimi ?
    diritti dello straniero e doveri dell’ospitante ?

    … in realtà, sembra piuttosto che si tratti di una massiccia, incontrollabile invasione islamica afro-asiatica, programmata, mascherata ed imposta con un martellante lavaggio del cervello dalle forze di sinistra, colluse con la gerarchia ex cattolica (papa in testa), ed entrambe al servizio di poteri occulti (oligarchia massonica finanziaria, plutocratica, dittatoriale); gli ospitanti “forzati” non possono opporre il benché minimo dissenso a tale invasione, pena l’accusa di essere razzisti, fascisti, non inclusivi, e di venire subito emarginati ed additati al pubblico ludibrio.
    Quali gli artefici di un simile, colossale inganno? Le lobbies finanziario-plutocratiche mondiali, una oligarchia trasversale internazionale che mira al controllo globale del pianeta, mediante la creazione di un unico governo mondiale e di un’unica religione mondiale, mettendo a tacere, con le buone o con le cattive, ogni voce dissenziente.
    Ma vediamo, di seguito, alcune di queste voci dissenzienti, tratte da siti cattolici tradizionalisti :

    1 – Oggi, domenica 17 giugno 2018, “Giornata mondiale del rifugiato” titolano a tutta pagina i giornali di regime (settimanali diocesani), il che mi ha fatto venire in mente la canzone partigiana “Bella ciao”, là dove dice “una mattina /mi son svegliato/ e ho trovato l’invasor…”. Proprio così, mi son detto, li ho trovati, ed erano migliaia, centinaia di migliaia, tutti baldi giovanotti dalla pelle scura, ben pasciuti, con lo smartphone ultimo modello (mentre io, pensionato, ho ancora il telefono “a manovella”), incavolati neri perché non gradivano tortellini e lasagne, che gettavano sdegnati per strada.
    Poi c’era un uomo biancovestito, superbo ed altezzoso, che gridava “Vergogna! Vergogna”, rivolto al popolo italiano, colpevole, secondo lui, di opporsi all’invasine selvaggia, massiccia ed incontrollata di popoli afro-asiatici di diversa religione (islamica), cultura, lingua e civiltà, alla ricerca di un lavoro da noi inesistente perfino per i nostri giovani e padri di famiglia “esodati”, ragion per cui finivano per dedicarsi a furti, rapine, spaccio, stupri e violenze di ogni genere (specie verso i nostri anziani, le nostre donne, i più deboli e indifesi); ma guai a farlo notare, si rischiava di passare per razzisti, fascisti, nemici dei popoli sofferenti, divisivi e non inclusivi.
    E c’era sempre quell’uomo biancovestito che gridava “Accoglienza, accoglienza, senza se e senza ma, a tutti, perché tutti ne hanno diritto, come hanno diritto di diventare subito cittadini italiani, ed ottenere il diritto di voto”.
    Dentro di me, speravo di essere in un incubo, dal quale poi mi sarei svegliato, trovando la mia solita, bella Italia, civile, pulita, sicura, solidale nel vero senso della parola (cioè per i pochi veri bisognosi, prevalentemente italiani); e invece no: mi sono dato un pizzicotto, ed ero ben sveglio! L’incubo lo stavo vivendo realmente, e sembrava essere senza via d’uscita.
    Povera Italia, povera Chiesa Cattolica, poveri i nostri figli e nipoti, ho pensato, condannati al meticciato, a paghe da fame, all’emigrazione, oppure alle rivolte sociali (le famose ”banlieux” dei nostri cugini d’oltralpe) e ad una guerra fratricida.
    Mio dio, vieni a salvarci, Signore, vieni presto in nostro aiuto, invia Tua (e per grazia Tua anche nostra) Madre, Maria SS.ma, Regina delle Vittorie, assieme a San Michele Arcangelo ed alla milizia celeste, per sconfiggere le forze oscure e tenebrose che complottano per distruggere la civiltà cristiana, europea ed italiana, usando a tal fine il potere politico e religioso (un nuovo cesaropapismo, stavolta però di stampo diabolico).
    Catholicus

    2 – “L’atto di aprire le porte agli invasori, quasi sempre ostili alla nostra civiltà, non è carità cristiana.
    Carità fu quella di Leone Magno che fermò Attila, quella di Pio v che permise la vittoria di Lepanto, quella di Marco d’Aviano che organizzò la vittoria sotto le mura di Vienna.
    In sostanza: accogliere gli invasori non è carita’
    Quando vado a casa da qualcuno prima mi annuncio per vedere se questo qualcuno può ricevermi. Poi arrivo a casa sua, suono, dico chi sono e se lui mi apre la porta allora entro.
    Sorridente e amichevole.
    Mi sembra corretto. Invece oggi con questi “migranti” si assiste alla scorrettezza assunta come sistema.
    Qui gli estranei entrano spalancando la porta, pretendono di essere serviti e riveriti, se non peggio, e pretendono, insieme ai loro complici, di mettere il padrone di casa alle corde con diversi livelli di ricatti morali.
    Infatti assistiamo al ben triste spettacolo di una parte di italiani, per fortuna apparentemente sempre più piccola, che esercita un ricatto morale inaccettabile verso quella parte di italiani che alla sua casa ci tiene e vorrebbe continuare ad essere padrone a casa propria e non fare entrare per forza personaggi che ogni giorno si ammassano davanti all’ uscio, per niente amichevoli e dalle dubbie intenzioni.
    E allora scatta il ricatto morale: siete fascisti, razzisti, xenofobi, non siete cristiani.
    Magari detto da gente mai stata in Chiesa e che ha presenziato una volta alla Cresima della nipote aspettando fuori, nervoso perché si faceva tardi per il pranzo.
    E non va bene.
    Ma in questa vicenda dei falsi profughi ci sono troppe cose che non vanno bene.
    Costoro sono definiti “profughi” dai loro complici per impietosire l’opinione pubblica ma non lo sono se non in percentuali attorno al 10%.
    E non va bene.
    Siamo costretti dal mainstream umanitario ad accogliere persone che arrivano da zone di guerra e per quanto ne sappiamo potrebbero essere terroristi o delinquenti.
    E non va bene.
    Questi che arrivano spesso non hanno i documenti, cosa inaudita per chi vuole entrare in qualsiasi paese, e si rendono irreperibili a casa nostra. Ma ai migranti va perdonato tutto.
    Specialmente quando commettono ogni genere di reati.
    E non va bene.
    Siamo costretti a salvare persone che partono per essere salvate. Ma si salva qualcuno che accidentalmente si trova in una situazione di pericolo e non chi il pericolo se lo va a cercare per motivare il nostro intervento.
    E non va bene.
    Se decidiamo di non intervenire presso coloro che per l’ennesima volta ci hanno attirato con l’inganno siamo fascisti, xenofobi, razzisti e i loro complici si augurano che qualche migrante muoia per farci sentire più in colpa.
    E non va bene.
    Beh. cari ricattisti, vi debbo dare una brutta notizia: se c’è in ballo la mia Patria io non sono ricattabile”.
    Fausto Grassi

    3 – Ho io il diritto di andare a vivere nella bella casa dove abita un altro che se l’è costruita e pagata con i soldi guadagnati, ereditati o risparmiati con sacrificio e fatica? Posso imporgli di lasciarmi godere dell’abitazione e di condividerne la proprietà? Semplicemente NO, perché la proprietà è un diritto naturale e vige il 10° comandamento: “NON DESIDERARE LA ROBA DEGLI ALTRI” a ribadire che la roba ha dei legittimi proprietari…. Ora, quando riguarda gli individui si parla di “res privata”, quando riguarda i popoli si parla di “res publica”…. E non esiste il diritto dei popoli di entrare nella repubblica altrui e di pretenderne la titolarità…. La proprietà – del singolo e dei popoli – è un diritto sancito dalla Natura e, per i cristiani, anche dalla Sacra Scrittura; solo per Marx e per i suoi adepti, oppure per i pauperisti che fraintendono il Vangelo, essa è un furto e va socializzata….
    Davide Lovat

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Anonimo.
      il problema è che lei non ha capito nulla e vive di paure ingiustificate. Il problema è anche capire che cosa significhi essere cristiani e che cosa significhi vivere il Vangelo.

      • Franco ha detto:

        Per favore la smetta una buona volta di fare prediche inutili. Cerchi di capire che la carità non è unidirezionata ma si rivolge anche a quel vituperato e vilipeso popolo italiano di cui lei dovrebbe farne parte. Una buona volta alzi la voce, se lo ritiene di fare, contro coloro che ci hanno portato in questa situazione: forse contribuirebbe a far emergere la verità su quello che è accaduto in modo schifoso richiamando anche i nostri governanti alle loro responsabilità.

    • Andrea ha detto:

      Innegabile ciò che hai scritto Fausto. Stiamo vivendo in una sorta di nazicomunismo con le bandiere arcobaleno. Il diavolo se l’è studiata davvero bene ma gli andrà male lo stesso. Cristo trionferà e questa poltiglia umanista ritonerà negli abissi. Pacifico.

  • Lucia ha detto:

    Caro don Ezio quando parlavo di ragazzi africani ricchi non intendevo nel senso assoluto del termine , diciamo che non se la passavano male in Africa.Qualche tempo fa ho visto in tv. un giovane di circa 30 anni che disse di aver venduto la sua azienda agricola ed essere venuto qui perche qualcuno lo aveva convinto a farlo,anche un vescovo di recente parlava sulla busdola quotidiana di come ragazzi che hanno un diploma e che appartengono a famiglie che hanno delle proprieta vengono qui per avere una vita come dicono questi ragazzi BELLA .Io non glie ne faccio una colpa , e vengono senza documenti perche gli viene fatto credere che solo cosi noi gli permetteremo di restare ,di avere casa, lavoro e magari una moglie , pensiamo che fandonie gli hanno rifilato!!Poi si ritrovano naturalmente a rischiare di morire nel deserto, nel mare e infine dopo i 2 , 3 anni famosi in albergo in mezxo alla via.Quel vescovo la definiva una piaga.Per me e peggio , si schiama riduzione in SCHAViTU EPOCALE .Io spero che si incominci da parte dell Europa una bella pubblicita per tutta l Africa su quale sia il destino di chi viene qui senza DOCUMenti.Purtroppo mi sa chevquesto non accadra e tantissimi altri sventurati verranno qui alla ricerca dell eldorado che non esiste.Speriamo che questa specie di febbre dell Europa duri meno della ricerca dell eldorado di 500 anni fa .La saluto con affetto

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Lucia,
      se ricorda i primi arrivi in Italia sono stati i 22 mila albanesi che sono fuggiti, quando cadde il regime comunista in quello Stato. La televisione italiana che loro potevano vedere gli avevano parere che fossero arrivati nell’America. Non era così. Però ho conosciuto tanti albanesi che si sono integrati, hanno messo su delle imprese e hanno dato lavoro anche agli italiani.
      Qualcosa del genere probabilmente capita anche per questi africani che cercano di arrivare in Europa. Il problema però non sulle politiche (compito del Governo in dialogo con l’Europa), ma sull’assistenza a quelli che sono in mare (emergenza umanitaria temporanea e non diritto a prescindere di rimanere tra di noi).

  • Catholicus ha detto:

    Ottimo commento a tema, che riporto a beneficio e incoraggiamento di chi ancora crede in questi valori “DIO, PATRIA E FAMIGLIA” :

    “L’atto di aprire le porte agli invasori, quasi sempre ostili alla nostra civiltà, non è carità cristiana.
    Carità fu quella di Leone Magno che fermò Attila, quella di Pio v che permise la vittoria di Lepanto, quella di Marco d’Aviano che organizzò la vittoria sotto le mura di Vienna.
    In sostanza: accogliere gli invasori non è carita’
    Quando vado a casa da qualcuno prima mi annuncio per vedere se questo qualcuno può ricevermi. Poi arrivo a casa sua, suono, dico chi sono e se lui mi apre la porta allora entro.
    Sorridente e amichevole.
    Mi sembra corretto.
    Invece oggi con questi “migranti” si assiste alla scorrettezza assunta come sistema.
    Qui gli estranei entrano spalancando la porta, pretendono di essere serviti e riveriti, se non peggio, e pretendono, insieme ai loro complici, di mettere il padrone di casa alle corde con diversi livelli di ricatti morali.
    Infatti assistiamo al ben triste spettacolo di una parte di italiani, per fortuna apparentemente sempre più piccola, che esercita un ricatto morale inaccettabile verso quella parte di italiani che alla sua casa ci tiene e vorrebbe continuare ad essere padrone a casa propria e non fare entrare per forza personaggi che ogni giorno si ammassano davanti all’ uscio, per niente amichevoli e dalle dubbie intenzioni.
    E allora scatta il ricatto morale: siete fascisti, razzisti, xenofobi, non siete cristiani.
    Magari detto da gente mai stata in Chiesa e che ha presenziato una volta alla Cresima della nipote aspettando fuori, nervoso perché si faceva tardi per il pranzo.
    E non va bene.
    Ma in questa vicenda dei falsi profughi ci sono troppo cose che non vanno bene.
    Costoro sono definiti “profughi” dai loro complici per impietosire l’opinione pubblica ma non lo sono se non in percentuali attorno al 10%.
    E non va bene.
    Siamo costretti dal mainstream umanitario ad accogliere persone che arrivano da zone di guerra e per quanto ne sappiamo potrebbero essere terroristi o delinquenti.
    E non va bene.
    Questi che arrivano spesso non hanno i documenti, cosa inaudita per chi vuole entrare in qualsiasi paese, e si rendono irreperibili a casa nostra. Ma ai migranti va perdonato tutto.
    Specialmente quando commettono ogni genere di reati.
    E non va bene.
    Siamo costretti a salvare persone che partono per essere salvate. Ma si salva qualcuno che accidentalmente si trova in una situazione di pericolo e non chi il pericolo se lo va a cercare per motivare il nostro intervento.
    E non va bene.
    Se decidiamo di non intervenire presso coloro che per l’ennesima volta ci hanno attirato con l’inganno siamo fascisti, xenofobi, razzisti e i loro complici si augurano che qualche migrante muoia per farci sentire più in colpa.
    E non va bene.
    Beh. cari ricattisti, vi debbo dare una brutta notizia: se c’è in ballo la mia Patria io non sono ricattabile”.
    Fausto Grassi

  • virro ha detto:

    Il male non è ancora sfiorito?
    Mi domando,
    Ma questo vertice che ancora si riveste di menzogne e la follia prepotente osa ancora parlare, che ne sarà nel giorno del giudizio?
    Il sangue degli innocenti violentati nei loro villaggi e strappati dalle loro famiglie , fatti prigionieri e depositati nelle prigioni della Libia , imbarcati come merce da trasporto, morti nell’attraversata del deserto …
    Capi di governi che ora tacete, dove eravate quando si decideva la condanna a morte di tutte queste popolazioni?
    Chi vi giustificherà? il vostro silenzio?
    Chi testimonierà a vostro favore? Il sangue innocente?
    Gesù davanti al Sinedrio si difese,
    Gesù a Pilato diede risposte di luce,
    Gesù davanti Erode tacque .

  • Andrea ha detto:

    Cercare di ragionare nella dimensione del non senso in cui siamo precipitati è mission impossible. Tutto il mainstream compatto ha propagandato la trasformazione dell’immigrato clandestino in “migrante”, la difesa della patria in “xenofobia”. La maggior parte degli italiani non è irritata dal colore della pelle di questi deportati. E’ irritata e legittimamente dall’assistenzialismo (interessato e doppiogiochista) che la politica globalista sta praticando nei confronti di queste masse di persone a scapito degli italiani che in stato di povertà o difficoltà non ricevono invece le medesime attenzioni. E’ irritata perchè mentre l’italiano deve andare al lavoro e pagare le tasse questo nuovo arrivato avrebbe il diritto di esser mantenuto e girovagare per le città senza far nulla; e’ irritata dall’aumento di criminalità (inevitabile dato che non c’è lavoro manco per gli italiani e non stanno deportando certo personale particolarmente formate). E’ irritata da una diffusa arroganza e supponenza tra questi “migranti” nei confronti di chi li accoglie (ma non potrebbe essere diversamente perchè nella loro cultura prevalentemente tribale loro non vedono il nostro atteggiamento come segno di carità ma di sottomissione). Insomma il colore della pelle è l’ultimo motivo per cui tanti italiani sono infastiditi; eppure dalla politica alla chiesa, dal mondo dello spettacolo alle associazioni, è un coro unanime che grida al “razzismo”. Siamo appunto al non senso, molto vicini all’uomo impazzito che profetizza S.Antonio Abate. Non ragioniamo più per contenuti ma per slogan. Ma c’è chi sta continuando a ragionare con lucidità sui contenuti, seppur con intenti nocivi, ed è questo establishment massonico mondiale che lavora costantemente per l’omologazione dell’umanità sotto un principio umanista e schiavista mascherato da ideali di libertà uguaglianza. Continuo a credere che individualmente chi vorrà potrà salvarsi ma il mondo terreno precipiterà in una insensata società infernale senza Dio; che poi, precipiterà…
    se Sant’ Antonio Abate fosse vivo oggi sulla terra non considererebbe forse già avverata la sua profezia? I cristiani vengono già considerati pazzi, solo che ancora per numero, convenienza o impreparazione vengono momentaneamente tollerati. Ieri tra una miriade di commenti in rete sul fenomeno migratorio mi è rimasto alla mente quello di un ragazzino che (accusando di razzismo un sostenitore dei “respingimenti”) portava a sostegno delle sue tesi l’evoluzione. Ossia la necessità di mischiare le razze per evolversi. Se il senso dell’ esistenza di un essere umano su questa terra viene ridotto a questo… siamo già zombie, morti che camminano.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Andrea,
      bisogna distinguere l’assistenza ai naufraghi (principio etico richiamato dal Santo Padre) dalle politiche sull’imigrazione gestite male dai governi italiani. La Massoneria non c’entra né col Papa né col Governo italiano che ha tutta la libertà di agire in modo assennato per evitare le cose che lei dice.

      • Andrea ha detto:

        Don Ezio,
        C’entra eccome la massoneria, almeno dalla fine del 700. Ma non è certamente tutto merito suo. Il governo sta anzi stava (perchè quello attuale almeno apparentemente parrebbe voler cambiare rotta) facendo la sua grossa parte e anche parte della Chiesa “progressista”. C’è uno spirito generale di relativismo, apostasia e ribellione verso Dio e soprattutto verso il cattolicesimo. C’è chi, come certi partiti politici, marcia a favore dell’invasione e del dissolvimento della società cristiana per pura ideologia e disprezzo dell’ordine morale e naturale stabilito dal Creatore. Più in alto ci sono personaggi con il delirio di onnipotenza che vogliono la stessa cosa, non solo per motivi sentimentali ma anche economici e di controllo sull’umanità. Ci sono politici che disprezzano Dio. Ci sono personaggi molto più in alto che vogliono prendere il posto di Dio. Il punto è che la Boldrini non la considero minimamente. Ma Francesco ha già un influenza differente e io non condivido la sua insistenza sull’accoglienza esasperata di migliaia persone da mantenere quando siamo alla fame noi. Spero che qualcosa cambi ma sono pessimista.

        • Lo spettro di don Ezio ha detto:

          Andrea,
          lei è alla fame?
          Qui a Novara nessuno muore di fame, perché i frati di San Nazzaro, la parrocchia del Sacro Cuore e la comunità di Sant’Egidio dànno da mangiare a centinaia di persone ogni giorno.
          Mi pare poi che l’Italia faccia ancora parte del G7 che comprende appunto le 7 nazioni più industrializzate del mondo occidentale, e tra le sette non siamo neppure l’ultima.
          Infine, mancano bambini e lavoratori per cui occorre manodopera straniera. Da due anni la popolazione sta diminuendo nonostante le immigrazioni.
          I discorsi del Papa non riguardano solo l’Italia, sah? ma anche tutti gli altri paesi del mondo. La Massoneria, comunque, non impedisce a lei di dire che cose che non hanno alcun riscontro con la realtà, ma non impedisce, a me e persino al Papa di parlare in libertà. Che ci siano partiti, manovre massoniche e persino il Papa che operino per il dissolvimento della società cristiana, favorendo un’invasione che non esiste, è una sorta di giustificazionismo a posteriori dei circoli dei benpensanti conservatori, che non si accorgono che mettere in atto il programma della Lega porterà al vero disfacelo dell’economia italiana.

          • Andrea ha detto:

            Don Ezio, Sì se vuole farsi i fatti miei… non me la passo bene in questo momento… ma sa se si trattasse solo di me non me ne importerebbe più di tanto, anche di fronte a questo piano di cancellazione delle radici cristiane in Europa. Mi interessa più una relazione con Dio dei beni materiali. Ma non è una cosa che riguarda me… riguarda tutti gli italiani. E l’amore e la carità sono cose che devono venire dal cuore e non devono essere idiologicamente imposte (da personaggi che hanno secondi fini e ai quali dei clandestini non importa nulla). Se lo vuole sapere io quando potevo ho avuto in adozione a distanza anche una bambina della Repubblica Domenicana e l’ho fatto senza che nessuno mi costringesse ma semplicemente perchè sentivo di farlo. Lei la può girare come vuole… questa è un invasione programmata per diversi motivi che persone più esperte di me hanno già evidenziato. Poi quando ho parlato di questi personaggi con lo scacchiere in mano non mi riferivo a papa Francesco. Solo lui sa cosa ha in testa. Io so solo che se l’albero è buono si vede dai frutti. E i frutti di questa invasione cammuffata da “cristiana accoglienza” sono tragici ed è innegabile basta vedere come si sta orientando la maggior parte degli italiani. Se si arriverà ad una deriva estrema la colpa sarà degli ipocriti che hanno usato Dio per le loro ideologie, imponendo ad altri la loro falsa visione del mondo. Un vero figlio di Dio si dona in prima persona senza pretendere dal prossimo. Non è che i martiri costringessero altri a seguirli per farli morire al loro posto. Lei poi pensi quello che vuole, è libero. Le posso dire solo due cose: la prima è che come successo con il comunismo e il nazismo anche il progressismo perderà, si illuda pure… secondo con tutto il rispetto non sono più interessato a dialogare con lei. Non per inimicizia sia chiaro ma per disinteresse e mia protezione…siete allo sbando, state facendo un minestrone tra misercordismo, ong, ecumenismo, relativismo… un giorno vi sveglierete senza più nulla in mano perchè l’unica cosa che conta davvero ossia la piena sottomissione alla volontà di Dio (a qualunque costo) per superbia o convenzienza l’avete rifiutata. Contenti voi di essere sconfitti. Sa se Dio costringesse qualcuno a seguirLo potrei capire il comportamento di certi. Ma l’uomo che dice liberamente di sì a Dio e poi vuole seguire se stesso lo trovo profondamente penoso e patetico. Buona fortuna e… perderete. Il mondo sarà ad immagine di Dio e secondo la Sua volontà e non la vostra. Cordiali saluti.

      • QB ha detto:

        “La Massoneria non c’entra né col Papa né col Governo italiano…..”

        A parte che spero non creda veramente a quello che ha scritto, ma perché massoneria inf maiuscolo?

        • Lo spettro disgustato di don Ezio ha detto:

          QB,
          io scrivo quello che penso e credo in quello che penso. Non vedo perché mai dovrei scrivere diversamente da ciò che credo.
          Ripassino della grammatica:
          Massoneria è nome proprio di una società segreta, quindi va con la iniziale maiuscola,
          come Chiesa Cattolica, nome proprio di istituzione religiosa,
          come Igor, nome proprio di una società novarese che produce il gorgonzola.

  • Gian Piero ha detto:

    Saro’ pessimista sulla “ bonta’ “ naturale dei miei simili ma io non ho mai creduto che coloro che vogliono incentivare l’ immigrazione siano mossi solo da motivi umanitari, dalla solidarieta’ E altri bei sentimenti. Secondo me questa e’ solo una copertura, che nasconde interessi economici e politici.
    Questo vale anche per la Chiesa cattolica: saro’ pessimista m a non credo nella “ naturale bonta’ “ dei vari esponenti di Sant’Egidio, Caritas ecc.
    nel caso di Papa Francesco poi tanti suoi atti di governo ( non parliamo dei discorsi) mi fanno pensare che solidarieta’ fratellanza tolleranza bonta’ misericordia siano solo retorica e che l’uomo Bergoglio sia lungi da essere intrisecamente, nell’ animo un Santo pieno di carita’ .
    Dunque non mi fido: non mi fido di Savethe Children e delle altre ONG, come non mi fido di Bassetti e Galantino, di Bergoglio e di Ravasi.
    Purtroppo non fidarsi piu’ neppure dei propri pastori e’ brutto, ma oggi la realta’ e’cosi.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Gian Piero,
      fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. Io diffido anche di me stesso. Faccia così anche lei e vedrà che il mondo andrà avanti lo stesso.

  • Claudius ha detto:

    Bergoglio e’ un criminale.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Claudius,
      rispetti il Vicario di Cristo per favore.

      • Claudius ha detto:

        Il rispetto uno se lo deve guadagnare, caro prete-fantasma. Anche il vicario di Cristo (ammesso che lo sia veramente).

        • Lo spettro di don Ezio ha detto:

          Claudius,
          lei non può dare del criminale a nessuno a meno sia stato condannato in via definitiva. Può dire che dissente dal Pontefice.

        • Lo spettro di don Ezio ha detto:

          Claudius,
          il Papa è certamente Vicario di Cristo e non deve chiedere né a lei né a chiunque che gli riconosca questo suo ruolo che ha ricevuto dallo Spirito Santo.

    • Franco ha detto:

      NO Claudius non posso accettare questo linguaggio anche se possono esserci motivi di dissenso. Rispettiamo il prossimo e rispettiamoci reciprocamente anche con il linguaggio che non può tradursi in un travaso di bile.

  • Pierluigi ha detto:

    Evviva la coerenza.
    Una volta la sinistra e il mondo laicista urlava contro le intromissioni della Chiesa in politica quando in realtà interveniva a tutela dei veri deboli.
    Ora, se queste indiscrezioni corrispondono alla realtà, è la Chiesa a dettare la linea politica agli ex laicisti trasformatisi in fan di questo papa.
    Che, a propria volta, proprio coerente non è.
    Affermò, al tempo dell’approvazione delle unioni (in)civili in parlamento che lui non si immischiava nella politica.
    Peccato che lo stesso Francesco intervenne durante la campagna elettorale delle presidenziali USA dicendo che chi costruisce muri non è cristiano perché Trump prometteva di continuare il muro al confine con il Messico (peraltro iniziato dal democratico presidente Clinton) favorendo di fatto l’altra candidata Hillary Clinton che tanto brava cristiana non è, dato che promosse le associazioni LGBT, l’aborto tardivo (in realtà un infanticidio che si può compiere fino quasi al tempo del parto previo risucchio del cervello del bambino e rottura del cranio per favorire l’espulsione del suo corpo dal grembo materno) e molte guerre tra le quali quella in Libia.
    All’inizio del suo pontificato, in un’altra occasione, papa Francesco affermò che la Chiesa senza Gesù diventa una ONG pietosa.
    Vero. Giusto.
    Peccato che poi lo stesso pontefice permetta di partecipare alla comunione anche da parte di coloro che sono in peccato mortale non pentiti, permettendogli di mangiare la propria condanna non riconoscendo essi il Corpo di Cristo, oppure non condannando radicalmente l’intercomunione da parte dei protestanti, lasciando la decisione alla loro soggettiva coscienza, nella speranza di favorire l’ecumenismo.
    Purtroppo si tratta di una falsa misericordia e di un falso ecumenismo. La vera misericordia e il vero ecumenismo non nasconde la Verità, che noi sappiamo essere Gesù stesso.
    Sacrificare la Verità della Transustanziazione del pane e del vino in Corpo e Sangue di Cristo lasciandola all’arbìtrio dei singoli, in realtà rischia di espellere Gesù e di costruire una falsa comunione -in cui il cuore di alcuni non corrisponde ai gesti liturgici- e dunque una falsa chiesa, trasformandola in una ONG pietosa.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Pierluigi,
      lei che ha le idee non faccia quanto dice il Papa: non è obbligatorio, non sono dogmi. Rimango dell’idea che non sarà costruendo un muro che la società americana potrà andare avanti così: lo spagnolo è la seconda lingua parlata negli Stati Uniti. Così come le norme sulla Comunione a un protestante non sono così semplici come le ha dette lei attribendole al Papa.

      • xyz ha detto:

        caro spettro, perchè si interessa solo ai muri costruiti in America e non a quelli in Asia ? Erdogan ha costruito una muraglia di molti kilometri per dividere il suo regno (o forse dovrei dire califfato ?) dal Kurdistan iracheno, con lo scopo di dividere i curdi presenti in territorio turco dai curdi presenti in territorio iracheno.
        Come mai di questo muro, già costruito ( non certo in progettazione), non si parla mai ?

        • Lo spettro di don Ezio ha detto:

          xyz,
          perché Trump si dice cristiano e la sua politica è analoga a quella di Salvini che si dice cristiano.

          • Pierluigi ha detto:

            Don Ezio,
            Renzi si dice cristiano e poi ha spinto per fare approvare le leggi sulle Unioni (in)Civili e sul divorzio breve.
            Non mi risulta che Salvini abbia per ora contravvenuto ad alcun comandamento.
            A causa degli accordi internazionali e del menefreghismo degli altri paesi europei, chi raccoglie i naufraghi e li fa sbarcare nei propri porti si sobbarca in modo esclusivo e automatico della loro accoglienza; dato tale presupposto, un governo che cerchi di fare gli interessi dei propri cittadini e dei migranti può accettare quelli salvati nelle proprie acque territoriali, dalla marina militare o casualmente dai mercantili, ma DEVE regolare fino a poter vietare l’operatività a coloro che, di fatto, si pongono come complici degli scafisti traghettando il carico di disperazione umana dalle coste libiche ESCLUSIVAMENTE a quelle del proprio paese, come accade attualmente per l’Italia.
            La nostra politica di gestione dei flussi migratori è legata alle risorse finanziarie disponibili. Tale compito è responsabilità esclusiva del governo in carica e non può essere condizionata da Organizzazioni non meglio qualificate che usano navi di cui non si conosce nemmeno il paese di immatricolazione (è come se usassero armi con la matricola abrasa) né da paesi come la Francia e la Germania che di fatto non arrivano a ricollocare presso di loro i profughi da guerre che si erano impegnati ad accogliere.

      • Pierluigi ha detto:

        Don Ezio,
        meglio certi muri (ad esempio sa che da quando c’è il muro in Israele gli attentati palestinesi sono radicalmente diminuiti?) che certi ponti (sa che il tasso di mortalità tra i migranti salvati con l’aiuto delle ONG è pressoché costante rispetto a quando queste organizzazioni non operano? Ciò significa che, siccome il numero assoluto dei migranti cresce sensibilmente quando le navi ONG si avvicinano alle coste della Libia, aumenta nella stessa proporzione anche coloro che trovano la morte in mare).
        Quindi fa bene l’attuale governo a rendere difficile le operazioni alle ONG. C’è un solo modo per diminuire le morti in mare: scoraggiare al massimo le partenze e raccogliere solo coloro che si trovano nelle nostre acque territoriali dalla marina militare oppure quelli raccolti dalle navi mercantili non specializzate in ciò. Di fatto le ONG diminuiscono i costi degli scafisti che utilizzano natanti di qualità sempre più scadente.
        Occorre invece spingere fortemente in Europa perché vengano ristabiliti i patti di aiuto economico ai paesi di provenienza con l’obbligo, da parte di questi, di riprendersi i migranti non profughi che superano i limiti e le quote predeterminate. Io noto questo: ai tempi del governi Monti e PD la migrazione era solo un problema dell’Italia e della Grecia. Ora, grazie alle decisioni di Salvini il problema è tornato di attualità a livello europeo. Segno che era giunta l’ora di alzare la voce.
        Per quanto riguarda la “complessità” della situazione dell’intercomunione è tale solo nella mente di papa Francesco. E la confusione che egli ha nella sua mente è adeguatamente testimoniata dalla sua “non risposta” da lui fornita in tema alla signora protestante sposata ad un cattolico data in occasione della visita alla comunità luterana di Roma il 15 novembre 2015.

        • Lo spettro di don Ezio ha detto:

          Pierluigi,
          quanto alle migrazioni, non sarà Salvini a risolvere il problema. L’accompagnamento della Aquarius a Valencia è costato di più al governo italiano rispetto all’approdo in uno dei nostri porti.
          Si possono cambiare le regole in Europa, quanto alla possibilità dei rimpatri, trovo che la cosa sia piuttosto difficile da attuare nella pratica. Le dichiarazioni di Salvini comunque hanno già fatto schizzare in su i sondaggi in favore della Lega, il cui scopo è tornare a votare (spendendo un altro bel capitale e bloccando di nuovo per mesi il Parlamento) quanto prima per poter aver con l’appoggio di Forza Italia e di Fratelli d’italia la maggioranza assoluta. Ma la politica del centro-destra, soprattutto quella della Lega, perché in Forza Italia c’è gente ha il senso dello Stato, è anti-storica e porterà l’Italia in una situazione insostenibile dal punto di vista economico, demografico e sociale.
          Lei ha idee molto chiare sulla inter-comunione forse, ma il problema è un altro se e quando un acattolico può accedere all’Eucaristia, che non c’entra nulla con l’intercomunione (possibilità di concelebrare tra sacerdoti e pastori di diverse confessioni) che rimane proibita.
          https://www.agensir.it/chiesa/2018/05/05/intercomunione-e-matrimoni-misti-5-cose-da-sapere-questione-aperta-tuttaltro-che-risolta/

          • Pierluigi ha detto:

            Don Ezio,
            la linea morbida dei precedenti governi italiani sull’immigrazione non ha pagato. L’Unione Europea finora non è solidale sull’accoglienza e non ha sentito l’esigenza di fare accordi con i paesi di provenienza dei migranti che, per stragrande maggioranza, sono di tipo economico e non richiedenti asilo (i primi sono intorno all’85%-90% a seconda degli anni, mentre i secondi non superano il 10%-15%). L’UE ha stanziato 6 mld di euro all’anno a favore della Turchia poiché la rotta balcanica era contro gli interessi della Germania mentre per l’Italia la stessa UE ha destinato solo poche decine di milioni di euro per l’accoglienza dei migranti, a fronte di ben 5 mld a carico dello Stato italiano e questo perché eravamo rappresentati da governi imbelli.
            Per ora il pregio delle iniziative di Salvini è stato proprio quello di far capire ai paesi più importanti della UE (Francia e Germania) che il problema della migrazione non può essere scaricato esclusivamente sulle spalle della Grecia e dell’Italia. E se persone come lei, don Ezio, deprecano tanto la crescita di partiti come la Lega si chieda di chi è la colpa.
            A mio parere, se Forza Italia e, soprattutto, il PD avessero fatto il loro dovere con umanità ma anche tenendo conto dei diritti di sicurezza e di tutela degli interessi degli italiani gli stessi avrebbero continuato a votarli. E se la Francia e la Germania non avessero continuato in una politica egoistica e miope, non degna di grandi paesi che aspirano ad essere leader in Europa e non solo, probabilmente a quest’ora non avrebbero dovuto trattare con un governo a loro sgradito. IN SINTESI: chi è causa del suo mal pianga sé stesso. Il valore di un politico si misura soprattutto in base alla capacità di immaginarsi il futuribile e di sacrificare qualche effimero vantaggio presente per un più stabile e maggior bene futuro.
            Per quanto riguarda la possibilità da parte di acattolici di partecipare all’Eucarestia la sua posizione don Ezio non mi convince. Io rimango ancorato alle prescrizioni paoline secondo cui chi non riconosce nel Pane e nel Vino consacrati il Corpo e il Sangue di Cristo non può, per il suo bene eterno, mangiarne e berne. Del resto, quando lo stesso Gesù cominciò a parlare ai suoi discepoli del “mangiare il Suo Corpo” quale condizione per la Vita Eterna molti lo abbandonarono affermando che tali parole erano troppo dure. Gesù non li trattenne (magari dicendo loro che aveva parlato solo per simboli) bensì disse ai rimanenti se volevano rimanere o andare via anche loro. E Pietro rispose che solo Lui, il loro Maestro aveva Parole di Vita Eterna.
            Quindi gli unici acattolici che teoricamente possono partecipare all’Eucarestia sono gli ortodossi perché riconoscono la Divina Presenza nelle Specie Consacrate. Teoricamente, perché i teologi più seri e onesti (sia cattolici sia ortodossi) sanno che non c’è piena comunione tra le rispettive Chiese (soprattutto sul ruolo da attribuire al papa) e quindi non si può compiere un atto liturgico partecipando ad un sacramento che esprime un significato non corrispondente alla realtà.
            Altre prospettive teologiche in tema a mio parere non sono quindi in linea con la Parola, la Tradizione e il Magistero della Chiesa.

  • anonimo verace ha detto:

    Nel corso dell’800 l’Africa era stata in buona parte divisa tra le varie potenze europee.
    Vi siete chiesti per quale motivo l’Etiopia non fosse stata invasa ? per un motivo molto semplice : perché l’Etiopia era un paese cristiano. E poiché una delle motivazioni utilizzate come scusante dalle potenze coloniali era quella di portare la civiltà cristiana ai paesi africani, non si invadeva l’Etiopia perché era cristiana dagli albori della civiltà cristiana.
    Ho usato il termine cristiana, non il termine romana. L’Etiopia era indipendente dalla Chiesa di Roma. ma qualcuno, dal Vaticano, pensò che il cristianesimo etiope dovesse essere allineato ai dictat del vaticano. E così i nostri soldati partirono per conquistare un impero effimero… e per una guerra voluta da altri.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Anonimo Verace,
      ma le pare che ai portoghesi, tedeschi, olandesi, francesi, inglesi, belgi, interessasse cristianizzare l’Africa? Sono andati per fare man bassa delle ricchezze del sottosuolo. Che ricchezze poteva avere l’Etiopia? Lo sfruttamento è iniziato nel XV secolo: le dice niente l’espressione “tratta dei negri”?

      • anonimo verace ha detto:

        L’Etiopia era la più ricca tra le nazioni africane, perché aveva la fede cristiana fin dagli albori della cristianità. Non le dice nulla l’episodio biblico del diacono Filippo e dell’eunuco della Regina Candace ?
        E non ha mia visto le foto delle antichissime chiese scavate nella roccia a forma di croce ? mai saputo che in mezzo al lago Tana c’è un isoletta dove vivono dei monaci con la loro chiesa, regolarmente officiata ? Mai saputo che questi monaci si limitano a raccogliere ciò che la natura spontaneamente offre loro ? e per il resto del loro tempo pregano incessantemente ?

        • Lo spettro di don Ezio ha detto:

          Anonimo Verace,
          e come mai in Europa che c’era tanta fede, per esempio in Italia: mai saputo che c’erano e ci sono le tombe degli apostoli Pietro e Paolo, le catacombe, tante chiese antiche, eppure ci sono state tante guerre? Non potevano riservare all’Italia un trattamento analogo a quello dell’Etiopia?
          Quindi, secondo lei: la tratta dei negri si poteva fare nei confronti delle nazioni non cristiane, mentre in Etiopia non si è andati perché c’era la ricchezza della fede. Perché non pubblica queste clamorose sue scoperte in qualche rivista di Storia?

  • Claudius ha detto:

    Se e’ vero quello che si dice in questo articolo, allora significa che Bergoglio e’ un criminale.

    E giusto un fantasma di un prete (non certo un prete vero…) puo’ venire a dire che un’azione del genere sia perfettamente legittima e sensata.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Claudius,
      proprio perché ai preti non credete più mi presento come fantasma, sperando di farvi un po’ di paura…

  • Iginio ha detto:

    “Sono persone, non numeri”. Giusto. E allora, proprio perché sono persone e non numeri, evitiamo di imbarcarne a carrettate come se fossero tutti uguali.
    Dire che combattere l’aborto sarebbe divisivo e dunque bisogna cercare temi che uniscono, come l’aiuto agli immigrati, è ridicolo: anche l’immigrazione è un tema divisivo, anzi qualsiasi tema è divisivo, Gesù stesso era divisivo.
    Per il resto, come credo di avere già scritto altrove, c’era un’epoca, non tanto remota, in cui l’Italia era flagellata da politicanti, giornalisti e cattedratici che tuonavano contro le “ingerenze vaticane”, il “cancro del Vaticano da estirpare”, volevano “il Tevere più largo” e così via. Che fine hanno fatto costoro?

    • anonimo verace ha detto:

      queste persone che lottavano contro l’ingerenza vaticana sono state lentamente sostituite da persone non contrarie all’ingerenza vaticana. Mai sentito parlare del patto (segreto) Gentiloni Sivieri, cha risale ad un antenato del penultimo Presidente del Consiglio ?

      • Iginio ha detto:

        Non solo ne ho sentito parlare, dato che sono professore di storia, ma so anche che quel Gentiloni del Patto Gentiloni NON aveva niente a che vedere con la famiglia Gentiloni Silveri e dunque NON è un antenato del precedente inquilino di Palazzo Chigi.
        Che poi lui lo lasci credere e molti lo credano, è un segno di stupidità, non di cultura.
        Semmai, c’è da dire che i Gentiloni Silveri negli anni Trenta erano pienamente clerico-fascisti e monarchici. Il Paolo si fece conoscere negli anni Settanta come rivoluzionario da operetta e poi militante di Democrazia Proletaria, nientemeno. Ma questo non gli ha impedito di continuare ad abitare nel palazzo di famiglia e di mantenere i contatti giusti. Lo zio di Paolo era un gesuita che si spretò per sposare una sua alunna di liceo (molto più giovane di lui, tra l’altro) e poi passò a scrivere sul “Manifesto”, ovviamente prendendosela con la “Chiesa reazionaria” di Giovanni Paolo II. E’ morto recentemente.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Iginio,
      io non trovo niente di ridicolo nella questione dei migranti, che non sono ancora immigrati. Visto che sono persone e non possiamo prenderne a carrellate, che cosa propone? Teniamo quelli in buona salute e gli altri li buttiamo in mare?

  • wisteria ha detto:

    Trovo isopportabilmente melenso denominare i migranti “disperati”. A me sembrano piuttosto speranzosi e determinati. Come i soldati di un esercito in marcia, cui sia stato ordinato di conquistare, sottomettere e depredare un paese nemico. E chi ci invita ad accoglierli non sarebbe da considerare un traditore del proprio paese? Dal monento poi che siamo in guerra, dichiarata, quale pena meritano questi traditori, che ogni anno , badate, festeggiano con calore il 25 aprile, la lotta partigiana, ecc.? Sarebbero andati ad aiutare anche gli elefanti di Annibale?

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Wisteria,
      ecco il punto! Siamo al 25 aprile! Lei non pensa che in quella data del 1945 siamo stati liberati dalla feroce dominazione nazista?

  • Paolo O. ha detto:

    https://twitter.com/civis_hyrule/status/1007493559233150976?s=19

    Bel link è riportato un eccellente articolo di Marcello Veneziani, su “il silenzio della Chiesa” o meglio…. Parla solo di terzomondismo. Ma tutto il resto, cioè dei beni spirituali?

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Paolo P.,
      lei legga i documenti del Magistero del papa Francesco e troverà anche i beni spirituali. Ma attenzione: i beni spirituali non riguardano solo se prendere la comunione in mano o in ginocchio, quante ore di digiuno fare, se è obbligatorio il manipolo o no, c’è dell’altro: per esempio, lasciare affogare in mare dei migranti è proibito dal IV comandamento: “Non uccidere”. Il Vangelo si prende tutto, altrimenti non serve.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Nel 1935 alcuni Vescovi benedivano cannoni e mitragliatrici che avrebbero sterminato gli Etiopi. Pensavano in BUONA FEDE che gli italiani andavano a fare del bene.
    Il fatto è che i Vescovi enunciano PRINCIPI assolutamente giusti, ma quasi sempre non sanno leggere la realtà.
    Sono come un medico che sa tutto di medicina ma non azzecca la diagnosi e, perciò, la cura.
    Oggi è così per i MIGRANTI. I poveri africani, infatti, sono quelli che non hanno né soldi e spesso nemmeno la salute per partire e quelli che arrivano, a parte alcuni casi, spesso non sono affatto poveri. Parlo anche per ESPERIENZA. Anzi, chi arriva, invece di sviluppare il proprio Paese, andandosene lo impoverisce.
    Salvare i naufraghi SEMPRE, ospitare chi fiugge dalla guerra, SEMPRE, ma favorire questo tipo di immigrazione è un atto CRIMINALE. Fatto in buona fede (almeno spero).
    Occorre fare ciò che dicono (i Principi morali), ma non fare ciò che fanno (come li applicano o, meglio, dicono agli altri di applicarli).

    • Lucia ha detto:

      Gentile signor Astore i migranti da quello che ho capito non sono per la maggior parte poveri
      ma figli della medio borghesia , di insegnanti e ingegneri .Solo che avendo altri 5 fratelli e per chi e mussulmano almeno altri 10 per via dei matrimoni poligamici e allora loro partono in cerca di qualcosa che pensano di meglio.La saluto

      • Astore da Cerquapalmata ha detto:

        Buana sera signora Lucia. Non intendo demonizzare chi vuole migliorare la sua situazione. Dico però che chi non fugge da situazioni disperate non dovrebbe arrivare da clandestino e, se anche lo fa, va accolto, curato ma, se non ha i requisiti, non può rimanere con le risorse che andrebbero ai veri profughi. Che non solo vanno sfamati, ma anche integrati e per questo occorre il lavoro.
        Poi c’è da considerare che chi muove questa immigrazione selvaggia sono i super capitalisti come Soros, ma non solo.
        Cosa ci si può aspettare da chi con delle speculazioni ha affamato milioni di poveri?

        • Lucia ha detto:

          Signor Astote e quello che intendevo io .Se fossero stati poveri sarei la prima ad ospitarli , ma questi i soldi ce li hanno se non altro relativamente alla situazione dell Africa .I vescovi Africani hanno invitato i loro giovani ad usare i famosi 6 mila euro del biglietto agli schiavisti a investirli in loco.Purtroppo le Chiese in Europa invece di appoggiare ed estendere con fondi adeguati le campagne pubblicitarie che alcuni vescovi e le autorita civili africane stanno facendo per porre fine a questa corsa all Europa che a me ricorda dell oro nel far west.Senza contare che in mezzo a chi parte ci sono anche gli Oseghale e i suoi compari venuti qui per delinquere e diventare moooolto ricchi come hadetto lo stesso Oseghale .Invece la Charitas italiana ha lanciato il progetto ” liberi di partire liberi di restare” .Se a questo si aggiungono le assurdita uscite dalla bocca di padre Zanotelli che ha definito Salvini razzista e l altro don giorgio che ha sostenuto che Salvini e i votanti della lega dovrebbero non essere scomunicati ma cacciati fisicamente dalle chiese.Puo immaginarsi la reazione di milioni di persone , il Papa continua a ripetere che noi dobbiamo accogliere , ma insomma in vaticano si vuole una guerra sul suolo italiano oltre a provocare una crisi di fede e ostilita verso la chiesa ancora piu gravi di quelle che ci sono? La saluto.

          • Lo spettro di don Ezio ha detto:

            Lucia,
            gli immigrati non sono tutti cattolici… In questo post si parlava di invasione mussulmana, adesso si parla di partenze volontarie di cattolici ricchi… Ma davvero viene la cirsi di fede perché il Papa dice una cosa, padre Zamotelli qualcos’altro e don Giorgio peggio ancora? Nella mia parrocchia dove abitavo da ragazzo vedo tanti miei coetanei che non vanno a Messa e immigrati africani che lavorano e vanno in chiesa.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      ASTORE DA CERQUAPALMATA,
      guardi non molti anni fa il vescovo castrense disse in tv che per pilota cattolico sganciare delle bombe con un bombadiere può essere un atto di carità, e un mio confratello sacerdote una volta mi disse che le due atomiche sganciate sul Giappone erano giustificate moralmente. Se di fronte a queste cose incredibili c’è il silenzio del Pontefice di turno, si fa solo confusione: non vedo molta differenza tra Pio XII e Francesco in questo. Non so quale esperienza lei abbia, ma mi è difficile immaginare che uno che abbia i soldi se ne vada dal proprio paese dopo aver attraversto terre desertiche per poter finire annegato in mare. Chi ha i soldi, cerca qualcuno che è già qui e possa fare la pratica dell’immigrazione regolare, se no se ne sta a casa.

  • Filippo Barboglio ha detto:

    Qualche giorno fa ho ascoltato dal vivo un intervento del vescovo di Palermo, quello che gira in bicicletta sull’altare.
    Pensavo che per salvare l’anima un successore degli apostoli dicesse qualcosa su Gesù e sul Vangelo. Nulla. Nulla di nulla. Solo migranti, arrivi, accoglienza senza condizioni e senza regole, a prescindere. In venti minuti ha citato il Vangelo una sola volta, per dire che il Mediterraneo è il nuovo mare di Tiberiade, e che dobbiamo aprire, includere, ospitare ed essere degni dell’insegnamento di questi fratelli (maomettani ed animisti inclusi, penso io).
    Due considerazioni:
    1. Questi vescovi sociologi, antropologi, psicologi, economisti e invasionisti mi fanno pena. Mi sembrano anime perse. Banali e retorici, spesso ignoranti, senza fede nell’assoluto e nel trascendente. Tutti tesi alla piatta, orizzontale, decadente attualità.
    2. Consapevole di non poter esibire prove documentali, mi arrischio in una valutazione. Secondo me, oltre che banale, retorico, ignorante e senza fede, il monsignore in questione è pure bugiardo. Non gli importa nulla di questi immigrati.
    È preoccupato perché passerà alla storia della Chiesa di Sicilia come il primo vescovo di Palermo non cardinale, mentre cardinale è il suo micro collega di Agrigento. Chi conosce l’isola sa bene cosa significhi tutto ciò.
    E allora per rimediare, sua eccellenza si uniforma all’ossessivo linguaggio del suo capo di bianco vestito per cercare di carpirne attenzioni e riguardi.
    Non ce la farai, mons. Lampedusa è in diocesi agrigentina: o si cambia la carta geografica o si incentivano nuovi arrivi direttamente sotto il monte Pellegrino.

    • Astore da Cerquapalmata ha detto:

      Il fatto è che i Vescovi, almeno quelli italiani, sembra, per dirla col Papa, che non hanno più l’odore delle pecore. Vanno a incontri, ma poco conoscono della viota della gente. Per questo spesso sbagliano.
      Alcuni mi sembrano anche ideologizzati. Scambiano il Vaticano II per il Sessantotto.
      E’ vero che senza le opere la fede è morta, ma è anche vero che senza la fede le opere sono morte.
      Sembrano (alcuni, non tutti) annunciare un galateo più che la Salvezza che è, innanzi tutto, salvezza dell’ANIMA. Che coinvolge anche il corpo e la psiche, ma che essenzialmente non è una salvezza di tipo temporale e millenarista

      • Lo spettro di don Ezio ha detto:

        ASTORE DA CERQUAPALMATA,
        col millenarismo che c’entra nulla lei aggiusta tutto. Occuparsi dei migranti, non è mica questione di galateo, sah? Citi, per favore san Giacomo per intero, cap. 2, 19-25: ” Che giova, fratelli miei, se uno dice di avere la fede ma non ha le opere? Forse che quella fede può salvarlo? 15 Se un fratello o una sorella sono senza vestiti e sprovvisti del cibo quotidiano 16 e uno di voi dice loro: «Andatevene in pace, riscaldatevi e saziatevi», ma non date loro il necessario per il corpo, che giova? 17 Così anche la fede: se non ha le opere, è morta in se stessa. 18 Al contrario uno potrebbe dire: Tu hai la fede ed io ho le opere; mostrami la tua fede senza le opere, ed io con le mie opere ti mostrerò la mia fede. 19 Tu credi che c’è un Dio solo? Fai bene; anche i demòni lo credono e tremano! 20 Ma vuoi sapere, o insensato, come la fede senza le opere è senza valore? 21 Abramo, nostro padre, non fu forse giustificato per le opere, quando offrì Isacco, suo figlio, sull’altare? 22 Vedi che la fede cooperava con le opere di lui, e che per le opere quella fede divenne perfetta 23 e si compì la Scrittura che dice: E Abramo ebbe fede in Dio e gli fu accreditato a giustizia, e fu chiamato amico di Dio. 24 Vedete che l’uomo viene giustificato in base alle opere e non soltanto in base alla fede. 25 Così anche Raab, la meretrice, non venne forse giustificata in base alle opere per aver dato ospitalità agli esploratori e averli rimandati per altra via? 26 Infatti come il corpo senza lo spirito è morto, così anche la fede senza le opere è morta.”

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Filippo Barboglio,
      guardi che Mons, Lorefice non gira intorno all’altare in bici. E’ entrato una sola volta in bici in chiesa. Sarà pure una caduta di stile, ma non fa molta differenza a chi in chiesa ci andava coi cavalli.
      Evidentemente per salvarsi l’anima occorre fare annegare gli immigrati? La carità non fa parte delle virtù teologali, necessaria per salvarsi l’anima?
      Lei ha lo strumento per misurare la fede di una persona? Come sa anche lei e Lorefice, i cardinali sono scelti personalmente dal Papa, anche se nell’ultimo secolo certe sedi erano ritenute “cardinalizie”.

  • deutero.amedeo ha detto:

    Francesco non si comporta da pastore di un gregge, come dovrebbe essere, secondo il mandato divino, ma da gaucho di una mandria di buoi. E le pecore non sono solo divorate dai lupi, ma incornate dai buoi.

    • Astore da Cerquapalmata ha detto:

      Io credo che Papa Francesco non sia né eretico, né un cattivo Papa. Anzi lui personalmente è una buona persona, solo che viene dal Sudamerica, un continente in cui famiglie enormemente ricche spesso si dicono cristiane, sono contro l’aborto, ma sfruttano i poveri.
      Quio avviene l’esatto contrario: i cattolici mondani sono i cattocomunisti, gli immgrazionisti, i buonisti, tutti immancabilmente dell’alta borghesia. E questo favorisce i Vescovi sessantottini

      • deutero.amedeo ha detto:

        Ho capito, ma se un capo reparto diventa direttore generale, deve smettere di ragionare da capo reparto e deve cominciare a ragionare da direttore generale. Altrimenti non combinerà che disastri. Comincerà a dire che gli amministrativi sono solo dei passacarte, che i commerciali non servono perché tanto il nome dell’azienda sono i prodotti che lo fanno, e via discorrendo….
        Uno che diventa Papa deve ragionare da Papa non da gesuita argentino frustrato, discendente da una famiglia di migranti.

  • Luisa S. ha detto:

    Piccola nota: canale di Sicilia ? con la Libia? ma quando mai! Un po’ di geografia no?

  • Nicola ha detto:

    Sempre per riallacciarci a quanto rivelato in questo articolo di oggi del Dott Tosatti e all’affondo di ieri del Papa sui ” migranti ” ( che ho postato in precedenza), vi allego l’affondo di oggi , ovviamente pro ” migranti ” e pro INVASIONE.

    http://www.ilgiornale.it/news/politica/migranti-papa-non-lasciate-balia-delle-onde-chi-fugge-fame-1541351.html

    A questo punto anche il più sprovveduto capisce che qui c’e’ in atto una CAMPAGNA e che c’e’ una regia…..

  • EquesFidus ha detto:

    https://www.ilprimatonazionale.it/cronaca/albinati-speravo-morisse-un-bambino-su-aquarius-87447/

    Questo è il livello, morale ed umano, dei capirione a favore dell’invasione, cosciente e programmata, dell’Italia e dell’Europa tutta da parte dei barbari islamici: arrivano ad augurarsi la morte dei bambini pur di mettere in difficoltà l’attuale governo. Giudicate voi.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      EquesFidus,
      io credo di essere un discendente di quei rozzi e pagani Celti che hanno invaso la pianura Padana, perciò in quanto discendente di invasori non posso che solidarizzare con gli invasori di tutti i tempi: i seguaci di Pietro e Paolo, invasori semiti e i loro seguaci detti cristiani, i Romani che hanno occupato abusivamente la pianura Padana, ecc. ecc. ecc.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      EquesFidus,
      l’attuale Governo si mette in difficoltà da solo: galateo istituzionale che Salvini non conosce, tangenti al M5S per lo stadio di Roma, inconciliabilità dei programmi dei due partiti, in particolare promesse di riforme sociali e nel contempo di riduzioni di imposte che renderanno impossibili le riforme…

      • GMZ ha detto:

        Stia tranquillo, Don Ezio,
        ché Salvini vola nei sondaggi proprio perché non ha riguardo alcuno per quel galateo per cui lei tanto si cruccia.
        Pensi a Sarkozy, pensi a Renzi, al kapò di berlusconiana memoria e – tra poco – a Trudeau Merkel et similia: leccar loro le terga, e per che cosa? Per diventare la terra di Sant’Egidio?
        Inchini e salamelecchi fanno di un uomo un baciapile, e Salvini non mi pare granché attento a codeste vostre preoccupazioni.
        E adesso dai, aprite le vostre belle canoniche ai giovani virgulti dell’africa: date a loro tutto ciò che avete, dai! 😉

        • Lo spettro di don Ezio ha detto:

          GMZ,
          molte canoniche non più occupate dai parroci sono state assegnate agli extracomunitari su richiesta delle prefetture e anche vari istituti con locali disponibili. La Chiesa fa la sua parte.

          • GMZ ha detto:

            Caro Don Ezio,
            Saprebbe quantificare cosa intende per “molte”?
            La verità è affatto diversa: pochissime canoniche sono state aperte ai bei nigeriani – neppure una su cento!

            Dove sto io, il bravo prete ha detto: e chi li sfama? Con quali soldi? Li sfama il Papa? Allora che li accolga lui in Vaticano!
            Ma dove vivo, no tel digo mai tel dirò! 😉

            P.S.
            Che poi va detto che in Vaticano due famiglie le hanno accolte, no? Ah no, le hanno appaltate a Sant’Egidio… Ma allora quante ce ne stanno, all’interno delle mura?

          • Don Ezio Fonio ha detto:

            GMZ,
            lei quanti ne ha accolti? Io non sono al Viminale per darle la risposta. A questi immigrati provvede la Prefettura, non i parroci. Gli enti che hanno locali sfitti, Istituti religiosi e parrocchie sono tenuti a cederle alla Prefettura che comunque paga, anche se in ritardo, un affitto.
            Poi, ne ho VERAMENTE BASTA DEL LETAME CHE QUESTO BLOG SPANDE CONTRO IL SANTO PADRE. BASTA. MIA MADRE DICEVA CHE CHI VA CONTRO LA CHIESA E I SUOI MINISTRI FINIRA’ MALE. BASTAA……..
            Per una volta ritorno prete in carne e ossa, non c’è mica solo un pazzo come don Minutella in Italia, sah?

  • Lo spettro di don Ezio ha detto:

    Dott. Tosatti,
    il Papa può esprimere la propria opinione e telefonare a qualsivoglia persona o capo di governo. Non è un’ingerenza, visto che poi il Governo è libero di adottare i provvedimenti che ritiene utili. Se l’operazione Mare nostrum e quella successiva non hanno scoraggiato il traffico di esseri mani, la colpa non sta certamente in una telefonata di un papa.

    • deutero.amedeo ha detto:

      J.M.Bergoglio può dire ciò che vuole e telefonare a chi vuole. Il Papa, in,veste di Papa, non può dire e fare tutto quello che all’uomo Bergoglio piace di fare. Quando la capirete?

      • Grog ha detto:

        É difficile a farlo capire a certi spettri cattocomunisti…

        • Massimiliano ha detto:

          Mi perdoni ma direi che è impossibile. Perlomeno per noi comuni mortali…
          Massimiliano.

          • Lo spettro di QC ha detto:

            Veramente dovrebbero essere i cattocomunisti e i cattoliberali a non volere le ingerenze papali nei fatti della politica. Io sono anticomunista, antidemocratico, antiliberale e credo che il Papa abbia tutto il diritto di telefonare a qualsiasi politico per dirgli cosa ritiene che sia giusto fare.
            Anzi, a dirla tutta, per me a Roma non dovrebbe nemmeno esistere un Presidente del Consiglio di un altro stato ex Savoiardo a cui telefonare. Ma mi rendo conto che questo è troppo per voi.

          • Flora ha detto:

            Questo caro don spettro che rintuzza minuto per minuto qualsiasi commentatore del blog e che in certi giorni è davvero presente h24, o non ha affatto una parrocchia, o non la segue assolutamente. E ben più facile pensare che sia a libro paga di un certo signor Qualcuno. Decidete voi chi.
            Tanto sui caporioni, italiani o stranieri che siano, ci si azzecca sempre. Talmente sollecito minuto per minuto che sembra dover rendere conto al o ai padroni, poverino, perché probabilmente controllato anche lui h24.

          • Lo spettro di don Ezio ha detto:

            Flora,
            ho già scritto più volte che non ho parrocchia, sono incaricato di un laboratorio di chimica e scienze naturali e la scuola è finita.
            https://www.facebook.com/donezio.fonio
            Non sono controllato da nessuno e non sono a libro papa di nessuno: oltre un anno fa il dottor Tosatti mi ha incluso tra i destinatari del suo blog.

          • Lo spettro del fegato dello Spettro di QC ha detto:

            E allora non faccia la pantomima a dire che di politica “non si impiccia“.

            ma LVI parla di cose che interessano la vita umana e bla bla bla gne gne gne

            E allora avrebbe dovuto telefonare quando c’erano in discussione le unioni civili e le DAT, cosa che non ha fatto.
            E avrebbe dovuto sostenere la Marcia per la Vita, che ha dovuto evitare S.Pietro per evitare l’imbarazzo di non essere ricevuta dal papa.

          • Lo spettro di don Ezio ha detto:

            Fegato,
            lei ha il registro delle telefonate del Papa per sapere che non ha telefonato?

          • deutero.amedeo ha detto:

            Spettro, ma di che nazionalità sei ? E di che religione sei?
            Dove aveva la propria reggia il tuo Gesù Cristo?

          • Lo spettro di don Ezio ha detto:

            deutero.amedeo
            io sono di nazionalità italiana e di religione cristiana. La reggia del mio Gesù Cristo è alla destra del Padre.

          • Lo spettro di qc ha detto:

            Deutero: in questo scambio ci sono tre spettri. Se non dici a quale ti rivolgi, come fa l’interessato a risponderti?

            Fegato: rileggi. Io e don Ezio stiamo parlando di legittimità della telefonata. Tu di altro.

          • Lo spettro del fegato dello Spettro di QC ha detto:

            Io e don Ezio stiamo parlando di legittimità della telefonata.

            COL C****

            Le politiche di immigrazione sono esclusivo interesse dello Stato. La religione non c’entra NULLA.
            Tanto più un Capo di Stato estero.

          • Lo spettro di don Ezio ha detto:

            Fegato,
            giustamente le politiche di immigrazione sono di esclusivo interesse dello Stato. La religione detta l’etica di tali politiche. Il Papa non ingerisce come capo di stato estero, ma ricorda quali sono i principi etici che devono essere tenuti presenti da qualsiasi Stato, in questo caso l’Italia, di cui il Papa è primate.

          • Lo spettro di qc ha detto:

            Fegato mi sorprendi!! Cos’è questo laicismo liberal-cavourian-massone? Sarai mica un modernista spero….

        • Lo spettro di don Ezio ha detto:

          Grog,
          io non sono un catto-comunista, per favore.
          Bergoglio può tifare per una squadra dell’Argentina. Papa Francesco può telefonare ai capi di governo come ritiene opportuno.

        • Lo spettro di don Ezio ha detto:

          Grog,
          i fantasmi non fanno politica…

    • Lucia ha detto:

      Caro don Ezio lei ha ragione ma cosa fara adesso il Papa nei confronti di quel sacerdote che ha definito razzisti Salvini e i suoi elettori , io non sono una sua elettrice ma i suoi sostenitori adesso sono furiosi, moltissimi sono praticanti e adesso si aspettano che il Papa lo punisca proprio perche la vedono come un ingerenza del Vaticano .Naturalmente adesso non vogliono piu dare l 8 per mille e si aspettano che il Papa lo scacci.E il Papa telefonera al ministro tedesco che vuole mandarci indietro decine di migliaia di richiedenti asilo li ma passati in Italia e protestera con i Francesi per aver malmenato ragazzini migranti di 12 anni , spedendoli Illegalmente da noi? Non lo so. secondo me il vaticano sta mettendosi gli italiani contro con questa storia dell immigrazione.La saluto con affetto.

      • Lo spettro di don Ezio ha detto:

        Lucia,
        non ho la sfera di cristallo per sapere che cosa farà il Papa. Posso solo valutare le azioni passate, non quelle future.

  • Franco ha detto:

    Se la notizia è vera perché non ringraziare?
    – grazie papa Bergoglio perché stai contribuendo a mandare a picco l’Italia magari con l’intervento disinteressato ed umanitario di Soros & C.
    – grazie perché avevamo bisogno di supporter agli sgovernanti che hanno fatto orecchie da mercante al popolo italiano;
    – grazie perché in nome del popolo italiano hai contribuito a far si che parlamentari gattolici (in) fedeli approvassero leggi che sono esattamente quello che voleva la massoneria, l’Europa con la sua costituzione e l’Onu distruggendo ciò che restava delle radici cristiane di questa Cara Italia;
    – grazie da parte del popolo della famiglia perché ha dovuto e deve camminare e difendersi da solo dagli attacchi di altre famiglie targate LGBT che stanno per ricevere la benedizione di “prelati illuminati dal fuoco ….. degli inferi anziché quelle dello Spirito Santo” ;
    – grazie infinitamente perché abbiamo capito che oggi la Chiesa in uscita deve occuparsi delle cose del mondo anziché delle anime dei credenti;
    – grazie e grazie ancora perché i cattolici che vogliono mantenersi fedeli al messaggio del Vangelo dovranno testimoniarlo a costo della propria vita.
    Resisteremo nonostante tutto perché siamo convinti che alla fine la Santa Madre di Dio manterrà la sua promessa a dispetto di tutti coloro che non ci credono.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Franco,
      fonti bene informate mi dicono che la Madre di Dio sta con l’attuale Pontefice.

      • Franco ha detto:

        Caro Don Ezio a leggere in lungo ed in largo gli articoli del dr. Tosatti e gli innumerevoli suoi interventi (mi pare i suoi interventi non siano secondi a nessuno), ho la strana sensazione che la sua sia una specie di difesa ad oltranza.
        Per carità se lei ritiene di avere una risposta per tutto e per tutti lo faccia pure ma a questo punto sarebbe preferibile che lei si facesse intervistare a 360 gradi dal dr. Tosatti in modo che tutti noi potremmo avere piacere di leggere il suo pensiero e conoscerla meglio.
        Se diversamente il suo intento è per caso di compulsare ogni argomento e fare il difensore d’ufficio, beh allora significa che rischiamo di parlare due linguaggi diversi.
        Dagli interventi che ho potuto leggere, sia pure facendo la tara a certe espressioni, viene sollevata un sempre più drammatica situazione nella quale la chiesa si trova (mi pare che non sia solo una specie fissa di certi cattolici ma che. guarda caso trovi risconto anche da parte di una certa gerarchia della chiesa.
        Provi a questo punto ad interrogarsi, magari lo ha già fatto per conto suo, se tutto dipende solo dallo straparlare di questi “strani visionari” trasmettendo magari anche più in alto la percezione di questo grave disagio nel quale si trovano i fedeli.
        A meno che per pura contrapposizione siano tutti contro la Chiesa compresi quei cardinali e quella parte della gerarchia che hanno sollevato dubbi e perplessità.
        Grazie.

        • Lo spettro di don Ezio ha detto:

          Franco,
          le pare che uno che si definisce cattolico possa scrivere in questo blog espressioni del tipo “Bergoglio è un delinquente” e cose simili e io debba stare a guardare senza battere ciglio? Se ne faccia una ragione. Quella parte di cardinali e vescovi che hanno sollevati dubbi e perplessità non hanno mai detto che l’attuale Pontefice sia eretico.

  • Lo spettro di QC ha detto:

    O.T. Sull’informazione Vaticana

    Venerabile Abbè Tosatti, prostrandomi ai Vostri piedi e baciando i Vostri sacri calzari da evangelico karateka, mi rivolgo all’Autorità Vostra, quale supremo ed infallibile Vaticanista Emerito, per una Vostra opinione sul metodo di gestione dell’informazione da parte della sala Stampa.
    Che in Sala Stampa ci siano delle testine un po’ bacate l’avevamo capito al tempo della vicenda Viganò: al di là del merito, quella vicenda aveva rivelato senza dubbio un grave dilettantismo, dimostrato dal fatto stesso che la furbata è stata smascherata in due giorni e con modalità davvero imbarazzanti. Non ci volevano dei geni per fare una furbata un po’ più “blindata”, credo.
    Oggi accedo al bollettino della Sala Stampa e leggo, nell’avviso riguardante la conferenza stampa del 19.6.2018 ore 11,00
    “L’Instrumentum laboris della XV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi è da considerarsi sotto embargo fino alle ore 11.00 di martedì 19 giugno 2018.
    Il testo del Documento – in lingua italiana – sarà a disposizione dei giornalisti accreditati a partire dalle ore 20.00 di lunedì, 18 giugno”.

    A parte la terminologia utilizzata (“embargo”), alla sala Stampa sono convinti di poter tenere sotto embargo il documento fino all’inizio della conferenza, dandolo la sera prima ai giornalisti accreditati???
    Le cose sono due: o i giornalisti accreditati sono soggetti a penali gigantesche (ed a ciascuno verrà data una copia diversa per sgamare il traditore e andare a batter cassa), oppure alla Sala Stampa usano droghe davvero di avanguardia che potrebbe valer la pena utilizzare per favorire la contemplazione durante gli esercizi spirituali.

    Voi cosa ne pensate? Nel secondo caso, sapreste dirci presso quale pusher si approvvigionano i confratelli della Sala Stampa?

  • rita ha detto:

    Ma si parla ancora di Chiesa Cattolica? Io direi d’iniziare a parlare di Partito Politico della Chiesa di Sinistra ex cattolica.
    Mi fa ridere a crepapelle il fatto che la Chiesa cattolica fa politica come l’Islam,i preti non parlano più di Vangelo etc…e la SX PERDE inesorabilemnte. La SX pensava d’aver fatto un affare conquistando la Chiesa dalla sua parte invece porta SFI*A.

  • Massimiliano ha detto:

    Noooo… Non ci credo! Non può essere vero. E poi come si fa a pensare che il Papa in persona possa telefonare a destra e a manca. Impossibile. Tanto più al Ministero dell’Interno di uno stato “sovrano”. Davvero non ci credo. E poi sono anche preoccupato. Ora chi ha il coraggio di dirlo a don Ezio e all’allegra brigata…? Sicuramente si sbagliano. Sarà stato don Minutella che falsificava la voce del Santo Padre… Saluti.
    Massimiliano.

    • Franco ha detto:

      Don Minutella tutto sommato alza la voce ma se non vado errato non ha ancora preso la frustra ed il randello per cacciare i mercanti dal tempio come fece nostro Gesù Cristo il quale evidentemente aveva i suoi buoni motivi per farlo anche se era la bontà in persona.
      Forse è quello che ci vorrebbe (speriamo solo che il Buon Dio lo faccia presto) data la piega che sta prendendo quella falsa chiesa vomitevole che fra poco ci fa andare tutti fuori di testa.

    • Antonio ha detto:

      Don minutella imita già la voce della Madonna e Padre Pio. Il Papa non gli viene a causa della cadenza troppo sicula.

  • deutero.amedeo ha detto:

    Parole tratte da un discorso di S.S. Francesco del 14/6/2018:
    – la responsabilità della gestione globale e condivisa della migrazione internazionale trovi il suo punto di forza nei valori della giustizia, della solidarietà e della compassione. A tal fine, occorre un cambiamento di mentalità: passare dal considerare l’altro come una minaccia alla nostra comodità allo stimarlo come qualcuno che con la sua esperienza di vita e i suoi valori può apportare molto e contribuire alla ricchezza della nostra società. Perciò, l’atteggiamento fondamentale è quello di «andare incontro all’altro, per accoglierlo, conoscerlo e riconoscerlo» –
    La tiene la capa tosta costui!

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      deutero.amedeo,
      una società chiusa in se stessa è destinata a finire. Ne abbiamo già i sintomi. Non c’è una italianità da conservare, non ci saranno più gli italiani. Io comunque, penso di essere un discendente dei Galli Celti che hanno invaso la pianura Padana un po’ di tempo fa. L’italia è nata con l’imperatore Augusto, ma era già allora una mescolanza di tanti popoli immigrati. E allora?

  • lizuz ha detto:

    La carità coi soldi altrui è a dir poco irritante.

  • Nicola ha detto:

    Carissimo lettore Gian, allego,l’articolo di Piero,La Porta che hai citato nel tuo post, è un articolo davvero straordinario ed illuminante. Tutti lo dovrebbero conoscere.Eccolo.

    http://www.pierolaporta.it/vergogna-lettera-papa-francesco/

    • Gian ha detto:

      Grazie per il link, caro Nicola. Ho riletto con piacere. Sempre attuale, anche se scritto 600 mila clandestini fa… Clandestini che nel frattempo ci siamo ritrovati a raccogliere e mantenere e che ancora ospitiamo nelle nostre città, a parte quelli occupati a squartare, picconare, spacciare, sgozzare, o in altro modo delinquere. Effetto soprattutto di quell’epocale anatema da Lampedusa. Ma il nostro non si dà per vinto e insiste, ancora, tutti i santi giorni! Ce l’ha conficcato in fronte, il chiodo!

      • deutero.amedeo ha detto:

        Un chiodo che non ha niente a che vedere con i chiodi con i quali fu crocifisso Gesù Cristo. Quello di Cristo fu amore, quello di Bergoglio non si sa cosa sia, ma di certo non è amore.

        • Lo spettro di don Ezio ha detto:

          deutero.amedeo,
          il cosiddetto “chiodo” del Papa è Vangelo, quello sine glossa però.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Nicola,
      un articolo che non risolve nulla, salvo prendersela perché il Papa ha usato la parola “vergogna” invece che “tragedia”.

  • Lucis ha detto:

    Miope e beota buonismo, oppure ha eseguito gli ordini di chi l,’ ha messo li’ visto che per altre questioni devastanti come le unioni civili non ha messo bocca… dicendo che lui non si immischia di politica?

  • Nicola ha detto:

    Questa notizia caro Dott Tosatti e cari lettori, si collega guarda caso a quanto dichiarato ieri da Papa Francesco sui ” migranti” in particolare la frase che dice ” questi nostri fratelli hanno bisogno di PROTEZIONE CONTINUA INDIPENDENTEMENTE DAL LORO STATUS MIGRATORIO” che in pratica si traduce con ANCHE I NON AVENTI DIRITTO ALLO STATUS DI RIFUGIATO O DI PERMESSO UMANITARIO, HANNO DIRITTO A QUESTI DIRITTI E QUINDI GLI VANNO ACCORDATI. CIOÈ SIA A PROFUGHI VERI CHE A FINTI PROFUGHI VANNO ACCORDATI TUTTI I DIRITTI . Questo è l’incitamento all’invasione più totale e brutale che sia mai stato fatto…..leggetevi i due articoli. Grazie. Ed adesso dopo questa dichiarazione, quanti ne arriveranno ?

    Migranti, Papa Francesco: “Sono persone, non numeri. Bisogna cambiare mentalità, l’altro non è una minaccia” – Il Fatto Quotidiano
    https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/06/14/migranti-papa-francesco-sono-persone-non-numeri-bisogna-cambiare-mentalita-laltro-non-e-una-minaccia/4426622/

    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/papa-francesco-i-migranti-non-sono-numeri-bisogna-abbattere-1540665.html

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Nicola,
      il numero delle persone residenti in Itlaia lo scorso anno è diminuito per il secondo anno consecutivo, nonostante gli immigrati. Quindi, gli immigrati impediscono solo l’estinzione della nostra nazione, non sono il problema.

      • Franco ha detto:

        Caro Don Ezio visto che ha le idee chiare su quello che deve essere fatto perché non entra in politica e si fa nominare primo ministro? Almeno ci provi. Sono sicuro che risolverebbe tutto in due e due quattro con buona pace di quel popolo italiano che lei mi pare affermi non esista più grazie a quei “gattolici di grande spessore” che hanno fatto di tutto per distruggerlo.
        Vede il problema di fondo non è tanto quello di affermare principi generali irrinunciabili (il diritto alla vita) che è compito della Chiesa proclamare quanto entrare a gamba tesa (e cioè interferire) su una situazione che è diventata insopportabile proprio perché i “gattolici di provata fede?” (Renzi, Cirinnà, Bonino & soci) hanno fatto di tutto per tradurre i principi enunciati, compresi quelli di distruggere quegli altri principi irrinunciabili di cui pochi parlano od alzano la voce, in azione politica con i risultati che abbiamo tutti sotto gli occhi.

        • Lo spettro di don Ezio ha detto:

          Franco,
          non mi candido in politica perché constato che lei ha le idee ben più chiare delle mie. Poi, io non mai preso l’aereo e come primo ministro non saprei come fare per incontrare i capi di stato e di governo stranieri.
          Ho però un’impressione, quando il Papa dice cose che piacciono a lei, non ingerisce nella politica, viceversa ingerisce nella politica. Ma il Papa parla a tutto il mondo, mentre il Parlamento italiano è sovrano e il PD non significa Partito Cattolico ma Partito Democratico, no lo sapeva?

  • Rosario ha detto:

    Ovvie indebite ingerenze che non spostano di una virgola la realtà che già conosciamo. La Barca di Pietro e l’Aquarius non presentano grosse differenze:timoniere e capitani sono gli stessi.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Rosario,
      se il Papa dice cose innocue per lei, non sono indebite ingerenze, se dice cose che le dànno festidio sono indebite ingerenze. Le leggi le fa il Parlamento nazionale, il Papa ha diritto di parlare.

  • Gian ha detto:

    L’ho sempre saputo. Del resto cosa pensare di quel fiondarsi d’imperio a Lampedusa, per tuonare quello storico VERGOGNA, omettendo però di precisare a chi fosse rivolto… (quando, tra l’altro, i primi responsabili del disastro erano le vittime stesse, che si erano avventurate in quel modo sfidando la sorte). Tutti annichiliti, tutti con lo sguardo basso, come si fosse complici e quindi colpevoli… Di cosa, sua disgrazia, di essere INVASI? Storico l’articolo denuncia di Piero La Porta sul suo blog, sarebbe da mettere nei testi scolastici. In quel momento ho avuto chiaro che Bergoglio ci aveva fottuti. Scusate il linguaggio, ma non mi è ancora passata. L’ho sempre denunciato che quello fu il LA che dette il lasciapassare all’invasione, grazie anche alla viltà dei nostri politici traditori della Patria. Vergogna Bergoglio piuttosto, un papa non si comporta in quel modo. Comunque nel tempo abbiamo avuto modo di conoscerti meglio, ed è stata una conferma.

  • Paolo O. ha detto:

    Penso sia lecito e dovuto l’intervento delle Santa Sede anche presso uno stato, per il bene e per la giustizia.
    Anche Giovanni Paolo II lo faceva, faiutava Solidarnosc.

    La domanda è: questa azione persegue il bene e la giustizia?

    • deutero.amedeo ha detto:

      Per quanto possa valere il mio parere penso di no.
      L’operazione nel suo insieme è dannosa per tutti sotto ogni aspetto: umano, sociale, economico, politico e anche religioso.
      Le migrazioni in corso non sono l’ e s o d o di biblica memoria. Qui Dio è tirato in ballo come strumento di pressione sulle coscienze, ma non c’entra per nulla.

      • Lo spettro di don Ezio ha detto:

        deutero.amedeo,
        Dio c’entra solo dove lo vuol fare c’entrare? Dio c’entra dappertutto, se no che Dio è?

  • Luigi ha detto:

    Se tutto ciò è vero, mi chiedo, ad esempio, se una telefonata a Renzi o Gentiloni mentre facevano le “unioni civili” o il divorzio brevissimo o le Dat l’avrà fatta? 😕

    • Rita ha detto:

      Ecco bravo. Tutti l aspettavamo con santa ansia…!

      • Lo spettro di don Ezio ha detto:

        Luigi e Rita,
        un conto è un intervento presso il Governo, un conto è dire a un partito non cattolico che dovrebbe votare secondo la dottrina cattolica. Queste leggi anti-cattoliche sono passate a larga maggioranza. E poi che ne sappiamo a chi telefona il Papa? Qualcuno ha il registro delle sue telefonate?

    • Grog ha detto:

      Certo che l’ha fatta: “andate avanti cosi, avete la mia benedizione”

  • Adriana ha detto:

    Luttwack l’ha detto con quella “candida ironia “che dimostra come il re sia nudo. ” Bergoglio è un extra-comunitario .Perciò vuole che entrino tutti gli extracomunitari…Lo capisco “

  • pier luigi Tossani ha detto:

    prendo atto di queste rivelazioni… che però non cambiano di una virgola la sostanza della cosa. Letta non era di certo obbligato a seguire le indicazioni di Bergoglio, quindi…

    …il problema è un altro, e consiste nel fatto che:

    1. quella dell’invasione dell’orda dei barbari è una guerra vera e propria.
    2. Nell’Italia debosciata dai regimi democristiani, socialisti e liberali, che hanno promosso il consumismo per decerebrare il popolo e controllarlo meglio, nessuno vuole combattere una guerra, né è in grado di farlo. Quindi… a logica, dovremmo soccombere, come accadde al tempo del crollo dell’Impero Romano. Eravamo già in estinzione, anche demografica, prima della guerra dell’immigrazione.
    3. Quindi ci sta che, nel giro di pochi lustri, scomparsi i vecchietti di oggi, l’Italia sarà molto diversa, meticciata dai popoli più forti, i cinesi, gli africani e i balcanici. La vita andrà avanti, certo, la cultura sarà molto diversa da quella che avevamo ereditato, e non siamo stati capaci di mantenere.
    4. per quanto riguarda Bergoglio, si sa che non avrà pace finché non avrà distrutto l’Occidente, tra il favoreggiamento della guerra dell’immigrazione, da una parte, e lo sdoganamento dell’adulterio, con Amoris letizia, da quell’altra.

    A fronte di tutto questo, volendo fare una proposta politica, visto che di questo si sta ragionando, credo sia ragionevole la posizione di Mario Adinolfi, per il “Popolo della Famiglia”: Ogni vuoto viene riempito, per cui dobbiamo recuperare la nostra identità cristiana:

    http://www.lacrocequotidiano.it/articolo/2017/09/05/politica/ogni-vuoto-viene-riempito

    • zuzzurellone ha detto:

      Letta non era obbligato…. vero, verissimo… ma ricordo a Pier Luigi che, tra i familiari di Letta (Enrico), c’era anche suo zio, il più famoso Gianni, e che tra i vari seguaci di berlusconi, me compreso, era l’unico (il Gianni Letta,intendo) ad essere gentiluomo di camera di sua Santità. Quindi Bergoglio telefonava al nipote di uno dei suoi gentiluomini di camera…. solo incidentalmente Presidente del Consiglio pro-tempore.

      • Lo spettro di don Ezio ha detto:

        Zuzzerellone,
        e che vuol dire? Gentiluomo di camera di sua Santità è un titolo onorifico, no è che Gianni Letta fa il cameriere a Santa Marta.

    • alice ha detto:

      concordo sui punti 1 e 3 di Pier Luigi.
      Per quanto riguarda il punto 4 lo scopo ecumenico di bergoglio è di unificare il cristianesimo romano con l’Islam… seguendo in questo una vecchia tradizione della chiesa di Roma.
      Il papato permise che il sultano conquistasse Costantinopoli, rifiutando gli aiuti militari che aveva promesso. L’unico occidentale presente era un genovese, Giustiniani Longo, che con la sua nave ed i suoi soldati si impegnò nella difesa di Costantinopoli.
      Senza prendere aiuti dalla Chiesa, ma solo ed esclusivamente con mezzi propri.

      • Lo spettro di don Ezio ha detto:

        Alice,
        ma non s’inventi la storia dell’unificazione delle due religioni che non è mai esistita. Un conto sono le scelte politiche (opinabili), un conto le strategie teologiche: una cosa del genere avrebbe reso ipso facto il papa eretico, quindi non avremmo più papi validi da secoli…

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Pier Luigi Tossani,

      …il problema è un altro, e consiste nel fatto che lei ha una fantasia grande:

      1. quella dell’invasione dell’orda dei barbari è una leggenda: non esite;
      2. cosa voleva? un regime, dove le donne continuassero andare a lavari i panni alla fontana, non comperare il frigorifero ecc.? Che vuol fare sparare cannonate ad una nave carica di persone che non hanno nessuna arma di offesa? Ai confini dell’Impero Romano arrivano interi popoli con le loro armi e i loro capi, non gruppi di persone su singole navi o traghetti sgangherati.
      Per evitare l’estinzione basta fare figli. Coraggio: crescete e moltiplicatevi.
      La cultura di oggi è già molto diversa di quella del fascismo o degli anni Cinquanta o Settanta, indipendemente dagli immigrati.
      4. Ma non c’è nessuna guerra dell’immigrazione, questi immigrati non hanno neppure una fionda. Ma dove mai il Papa ha sdoganato l’adulterio? Si rilegga l’Amoris laetitia, che forse l’ha letta in modo un po’ superficiale.
      Il Popolo della Famiglia non ha alcuna prospettiva elettorale: bisogna che ne prenda atto: il 4 marzo i suoi voti hanno solo favorito il Movimento5Stelle.

  • Nat ha detto:

    Tassello dopo tassello il mosaico diventa sempre più leggibile: protagonisti, comparse, ambiente …
    Quando sarà completato…non ho quasi il coraggio di immaginare cosa vedremo.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Nat,
      per limitarmi all’ambiente, ma le pare che uno possa essere un buon cristiano e inquinare l’ambiente che è poi il Pianeta che Dio ci ha dato in amministrazione per poterci vivere noi e i nostri posteri?

  • Fabio ha detto:

    Non a caso gli hanno dato il premio Kalergi.
    Di tutti gli immigrati è di gran lunga il più nocivo va rimpatriato con urgenza

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Fabio,
      io invece chiederi alla Regina d’Inghilterra se ci dà una mano per deportare in un’isola lontana tutte le persone che sragionano come lei, visto che i manicomi sono stati chiusi. Ma è mai possibile che una persona sana di mente, quale reputo sia lei, giunge a dire che il Papa debba essere rimpatriato? Questa sì che è una VERGOGNA.

  • Gianni ha detto:

    Bergoglio e Soros soci???? Ma noooooo…..

  • Marco Matteucci ha detto:

    La cosa più giusta da fare sarebbe quella di staccare la linea a Casa Santa Marta, sperando che così il papa pensasse di più alla preghiera e all’adorazione eucaristica e meno agli impicci politici.

    • Isabella ha detto:

      La cosa più giusta da fare sarebbe quella vaticinata da Jean Raspail ne “il campo dei Santi”, quando uno dei pochi a non aver perso la brocca si sente domandare come possa conciliare il suo essere cattolico con gli appelli del Papa (sudamericano e pauperista) all’accoglienza).
      E il tizio ribatte che, se fosse accaduto nei secoli passati, la gente avrebbe semplicemente marciato su San Pietro, avrebbe defenestrato il pontefice regnante e, con una manciata di cardinali compiacenti (con le buone o, soprattutto, con le cattive), lo avrebbe definito anti-papa e ne avrebbe acclamato un altro al suo posto.
      Con tanti saluti al “lo Spirito Santo soffia dove vuole… se Dio ha voluto così significa che è la volontà di Dio” e atarassia e apatie varie che di cattolico hanno poco e niente.

      Ps.
      Spoiler: ovviamente nel romanzo non succede. E finisce malissimo. Per tutti.

      • Adriana ha detto:

        Isabella , veramente Ceronetti -che NON è traduttore approssimativo-aveva tradotto :” Lo Spirito soffia dove PUO'”.

        • Adriana ha detto:

          Isabella ,e poi ,Costui ,mi fa pensare sempre al monaco Zenone
          dell'”Armata Brancaleone” .” Trasite lo cavalcone ! Deus lo vult “.

          • Isabella ha detto:

            Vero cara Adriana. Entrambi i tuoi commenti. Il lato pagliaccesco ha ormai preso il sopravvento e quado questo accade, l’autorità è ormai nella polvere.

      • Lo spettro di don Ezio ha detto:

        Isabella,
        erano i sovrani o le fazioni di cardinali che eleggevano gli anti-papi, non il popolo…

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Marco Matteucci,
      lei è irriverente verso la sacra persona del Papa. Perché non cominciamo a staccare la linea a casa sua?

      • A volte tornano ha detto:

        Questo cosiddetto “papa ” sarebbe una sacra persona? Ma non bestemmi signor ezio politico accecato e travestito da prete!
        E provi a rileggersi tutti i suoi “misericordiosi ” interventi”, ricchi di ascolto e spirito dialogante…..fossi in lei mi Vergognerei…..ha mai pensato di farsi una curetta? Secondo me lei signor ezio ha la pressione piuttosto alta….attento!

        • Lo spettro di don Ezio ha detto:

          A volte tornano,
          per me lei è un vero fantasma che si trincera dietro un anonimato. Il Papa è persona sacra non è una bestemmia, sah? Quindi, si faccia lei una cura di ripasso del Catechismo. Poi chiami don tutti i preti, non solo quelli che le piacciono.

          • A volte tornano ha detto:

            Io chiamo don i Sacerdoti fedeli, e politici esagitati quelli che fanno come lei su questo blog. E se non le dispiace non ricevo ordini da lei che non ha nulla da insegnare a nessuno…..anche se immagino che per questo non le dispiacerebbe darmi l’olio di triste memoria. Poveretto, occhio alla pressione signor ezio, poverino.