BESTIARIO CLERICAL-POLITICO. BASSETTI PARLA DI “PATRIA”!!! SPADARO BACCHETTATO DA UN GESUITA POLACCO.

31 maggio 2018 Pubblicato da --

Marco Tosatti

 

Le recenti vicende politiche ci impongono un piccolo bestiario clerical-politico. Non avremmo voluto, sono stati loro, non noi a farlo…

Per prima cosa vi ricordiamo – lo trovate qua sotto – il comunicato dopo le elezioni e la raccomandazione a “non perdere il respiro europeo”. Come lo leggete? Dopo aver fatto campagna per il PD e la sinistra in generale per mesi e mesi (a questi migranti…) non resta che cercare di predicare verso Bruxelles.

Ieri invece abbiamo avuto uno choc. Il presidente della Conferenza Episcopale Italiana, vedova del Partito Di riferimento e di governo, ha lanciato dalle pagine di Avvenire un appello a lavorare in  “umile spirito di servizio e senza piegarsi a visioni ideologiche, utilitaristiche o di parte”. Ma la parte choccante è questa: anche se citando don Sturzo, Bassetti parla di Patria! Ma come! Ma non era un termine fascista? Il SIR scrive: “Rinnovando l’appello di don Luigi Sturzo a ‘cooperare ai fini superiori della Patria’, il presidente della Cei ritiene ‘eticamente doveroso’ ‘lavorare per il bene comune dell’Italia’”.

Bassetti condanna l’uso “irresponsabile” ed “esecrabile” dei “social network” contro il presidente della Repubblica e “la sua misurata e saggia azione di garanzia di tutti i concittadini”.  Ora, parlare di misurata e saggia azione, quando Mattarella ha fatto fallire un governo che – fatto raro – aveva una solida maggioranza perché temeva che un ministro potesse avere idee diverse dalle sue; ha affidato l’incarico a un poveretto che non aveva nessuno che lo sostenesse; così facendo ha provocato disastri in Borsa e finanza; e questa sarebbe una saggia e misurata azione di garanzia? Verso chi? Forse verso la Chiesa, timorosa che un governo leghista chiuda il proficuo traffico di migranti. Certo non verso il Paese, anzi, la Patria, e gli elettori, giudicati di fatto un po’ minus habens…ma chi avete votato?

E questa sarebbe la Chiesa vicina al popolo?

Comunque deve essere un ordine di scuderia, partito o concordato con la Segreteria di Stato, se anche la lingua parlante di Santa Marta, il gesuita Antonio Spadaro, si dedica a un bombardamento sui social a favore di Mattarella. Tanto da meritarsi la tirata d’orecchie di un confratello gesuita, che lo riporta all’ordine così: “Sembra molto strano, per non dire di più, che il direttore della Rivista ufficiale della Santa Sede si schieri così apertamente con una delle forze politiche, mischiandosi, in questo modo, nella battaglia puramente politica, cioè facendo esattamente questo che critica negli altri”.

Come potete vedere.

Non sappiamo che cosa abbia risposto padre Spadaro, perché impegnato a costruire ponti e non muri ci ha bloccato, e non possiamo di conseguenza leggere la sua risposta. Conosciamo però la risposta del gesuita: “Il ruolo principale del vostro Presidente della Repubblica è l’obbedienza alle decisione del popolo italiano espresse nel voto. Il ruolo di gesuita, come sappiamo ambedue, è promuovere l’unità e la concordia, cioè svolgere il ministero di conciliazione. Tali dichiarazioni non aiutano”. E ancora: “No, non voglio giudicarti. Però coem uno che proviene da una nazione molto divisa, ti voglio dire che la responsablità per tale divisione cade anche su molti preti che invece di conciliare si fanno parte delle forze politiche. Stai attento! È una tentazione sottile ma morbosa”.

Accicpicchia! Bravo don Ziólek! Direi, a occhio: tre a zero e palla al centro…

Qui sotto invece trovate le emissioni social di padre Spadaro:

E anche di Cottarelli….quasi una captatio benevolente, non si sa mai.

 







Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.




LIBRI DI MARCO TOSATTI SU AMAZON

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.



UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

25 commenti

  • rita ha detto:

    La Gerarchia ecclesiastica è ormai …schizofrenica.
    Dal crollo del Comunismo sono diventati i VERI KOMUNISTI e ha fatto scuola, educandoli, i prelati di SX. Questa SX poi ha AZZITTITO Papa Ratzinger, tacciato sempre d’ingerenza, mentre Papa Francesco è stato osannato non solo dalla SX ma anche da tutta la sua COORTE. La Gerarchia fa SOLO POLITICA mentre le chiese sono vuote. Vedere Don Ciotti fare l’antimafia mi viene da ridere a crepapelle. Caro Ciotti, lascia la tonaca(che hai dimenticato nell’armadio) e fai il magistrato, se vuoi fare guerra alla mafia. Eppoi la maggio parte dei preti che odia il CDX…è una vergogna. I focolarini, ad es., che fanno tanto i perfettini, bistrattano in modo chiaro, chi non è di Sx.
    E allora? Io farei questo:
    -farei sposare i preti perché tanto hanno quasi tutti una donna,
    -le chiese le trasformerei in Centri Caritas,
    -sostituirei il Vangelo con il Capitale di Marx.
    E i VERI cattolici? Inizino a pregare Dio …IN SPIRITO E VERITA’ a casa propria perché val molto di più riunendosi in pochissimi ma che siano davvero…un cuor solo un’anima sola…
    Non penso ci sia altro da fare.

  • Iginio ha detto:

    Scusi, caro Tosatti, ma questo fatto che lei sia stato bloccato da Spadaro è troppo divertente… Bisogna dare risalto a queste scemenze, che la dicono lunga su com’è veramente certa gente che si atteggia a genio. Una risata li seppellirà, dicevano certi.
    Del resto, i gesuiti ormai diffondono il culto di papa Francesco vivente: per fare un esempio, recentemente un certo padre Massimo Nevola, che sta a Sant’Ignazio a Roma, durante una messa se n’è uscito ripetendo che “il papa ha tanti nemici”, intendendo coloro che gli impedirebbero dentro la Chiesa di fare le sue magnifiche riforme.
    Bisogna ridicolizzarli pubblicamente, è l’unico linguaggio che capiscono, dato che sono inabili al ragionamento.

  • Nicola ha detto:

    Gli ultimi due messaggi della Madonna ad Anguera in Brasile.
    Tribolazione, prova spirituale, divisioni. Prepariamoci.

    http://www.apelosurgentes.com.br/it-it/mensagens/4643

    http://www.apelosurgentes.com.br/it-it/mensagens/4644

  • Bartimeo ha detto:

    Scusate ma stasera mi va cosí……

    Sta per partire il governo giallo-verde Di Maio – Salvini,
    tutti fiduciosi e giá fra 9 mesi nasceranno molti bambini.

    I nonni sessantenni saranno tutti in pensione,
    mentre i giovani al lavoro avranno la loro occasione

    e chi per qualche motivo indietro resterà,
    un sostegno economico per un periodo avrà.

    La gente spenderà di più essendo le tasse
    con le aliquote diventate più basse

    e se pure la museruola avrà la burocrazia
    molti investimenti prenderanno il via.

    E lo straniero che in Italia non ha diritto di rimanere
    la sua patria a breve sará invitato a rivedere

    spedito via e trascinato in aeroporto con un foglio
    fosse anche il prescelto di San Gallo chiamato Bergoglio.

    Ahimé non voglio essere tacciato di essere pessimista,
    ma vita e circostanze mi hanno reso realista,

    e capiremo trattasi ennesima illusione o tradimento,
    e ricorderemo che solo su Dio va fatto affidamento.

  • Paolo Giuseppe ha detto:

    Ciò che mi deprime, circa le dichiarazioni degli uomini di Chiesa (e dei più importanti) è il ricorrente tentativo di influenzare le scelte politiche.
    Che c’entra con l’evangelizzazione, fulcro della missione ecclesiale, la posizione di un quasi-ministro rispetto alla Unione Europea o il “respiro europeo” del popolo italiano?
    E, riguardo la missione della Chiesa, cosa ha fatto Mattarella di cristianamente rilevante per esprimergli “stima e gratitudine”?
    Sarà ora che la Chiesa, dal Papa all’utimo prete-eremita, facciano il loro mestiere che è, ripetiamolo per l’ennesima volta, quello dell’ANNUNCIO della parola di Dio e lascino perdere le vicende politiche, perchè quando parlano di politica mi ricordano ciò che (cito ancora una volta Cùperlo) il ragioniere più famoso d’Italia disse della corazzata più famosa della storia.

    • zuzzerellone ha detto:

      forse, caro forumista le è sfuggito qualche giorno fa, un servizio della Rai sul nostro nuovo premier.
      Sembra che un suo zio paterno, ovvero con lo stesso cognome, sia un frate nel convento di san Giovanni Rotondo e ,così mi è sembrato di capire, rivesta anche una posizione di un certo peso all’interno del convento stesso.

  • GIORGIO VIGNI ha detto:

    Francamente sono perplesso davanti alla corale levata di scudi, stracciamento di vesti alla Caifa, per le parole di Herr Oettinger.
    Tizio va dal dottore. “Caro signore lei ha un brutto cancro”. “Farabutto , miserabile, come si permette…..”
    L’ Herr ha semplicemente fatto una diagnosi, il bel paese è una colonia, ergo ha gettato luce sull’azione del grande marabutto del colle.
    Credo, fino ad oggi, che le diagnosi siano fondamentali per la cura. O no !?

    G. Vigni

    • deutero.amedeo-Osservatore brembano ha detto:

      No. Oggi si usa la cura come strumento diagnostico. Se con quella cura il paziente migliora allora vuol dire che la malattia era proprio quella alla quale quella cura si addice.

      • GIORGIO VIGNI ha detto:

        Soc’, come direbbero a Bononia. Forse non ha tutti i torti. Questo è ancora più triste. Non illudiamoci di poter toccare il fondo……….

        G. Vigni

  • Enrico66 ha detto:

    Bravo don Ziólek!
    Quanto a Spadaro, lasci perdere, che si occupi della sua agenzia di “matrimoni volanti a sorpresa”.
    Lui ed il superiore generale padre Sosa sono la lampante dimostrazione che la Compagnia di Gesù necessita urgente riforma.
    (Sosa è quello che invitava a “riflettere su che cosa ha detto veramente Gesù… a quel tempo nessuno aveva un registratore”: per chi se lo fosse perso allego il link al sito Rossoporpora di Rusconi)
    https://www.rossoporpora.org/rubriche/interviste-a-personalita/672-gesuiti-padre-sosa-parole-di-gesu-da-contestualizzare.html

    • Franco ha detto:

      Rispondo a Enrico 66
      In questi tempi forse l’etimologia della parola gesuiti potrebbe essere riferita a coloro che da Gesù se ne sono andat. Letteralmente: Gesù iti .
      Certo non è quello che pensava San Ignazio.di Loyola.

  • Franco ha detto:

    Il problema di chi apre la bocca per parlare davanti al popolo è quello della credibilità che non può essere a corrente alterna.
    Detto questo come può essere credibile chi non ha aperto bocca o l’ha aperta appena o in ritardo ignorando le legittime istanze di un popolo credente?
    E’ proprio vero che siamo nella confusione più totale come ai tempi della torre di Babele.

  • tossani pier luigi ha detto:

    E’ bene, anche se può essere ruvido, non lasciar cadere quanto ha detto recentemente, in suo intervento, Bassetti: “Perché il dibattito tra noi è così stentato?” Credo che una ragione di questo sia perché i nostri concetti sulla Dottrina sociale non sono ancora abbastanza chiari. Ovvero, ha ragione Bassetti, quando apprezza don Sturzo.

    Sturzo aveva ragione, come dico più approfonditamente qui

    https://lafilosofiadellatav.wordpress.com/i-maestri-2/luigi-sturzo/.

    Ma succede che Bassetti, come apprezza Sturzo, si sa che apprezza anche La Pira, avendolo appena citato a proposito del Governo Conte, dicendo che il premier dovrebbe ispirarsi al già Sindaco di Firenze, vedi qui

    http://www.lastampa.it/2018/05/24/vaticaninsider/bassetti-e-il-nuovo-governo-vigileremo-sui-principi-irrinunciabili-Ek86X6QtS6ClLnGowd5hZL/pagina.html

    La Pira diceva il contrario di quello che diceva Sturzo, e , anzi, lo criticava fortemente. Trovate le ragioni di questa affermazione nel medesimo articolo che ho linkato per primo. Fatto è che La Pira, che pure ha fatto molte cose buone per Firenze, dal punto di vista del pensiero politico, tendeva decisamente all’assistenzialismo e allo statalismo, come approfondisco meglio qui

    https://www.ilcovile.it/scritti/Quaderni%20del%20Covile%20n.11%20-%20Giorgio%20La%20Pira%20-%20Una%20riflessione%20critica.pdf

    dove, specificamente, la diatriba di La Pira contro Sturzo si legge al capitolo 3. Insomma, le due cose non stanno insieme: o ha ragione La Pira, o ce l’ha Sturzo. Si tratta di due visioni politiche opposte.

    Bassetti, volendo tenere insieme le due figure, senza approfondire i rispettivi pensieri politici, fa, mi si consenta, un “mescolone”, nel quale non si capisce chi ha ragione e chi ha torto, rispetto alla visione politica. E questo è estremamente rilevante, quando, come succede ora per il Popolo della Famiglia, giustamente si cercano delle figure alle quali ispirarsi politicamente, e Sturzo va benissimo, mentre realisticamente è bene, al tempo stesso, che un partito che si ispira alla Dottrina sociale esamini attentamente il pensiero politico lapiriano, e comprenda le ragioni per cui – ripeto, pur con tutti i meriti da riconoscergli per quanto egli fece a suo tempo per Firenze – oggi è meglio lasciarlo, e andare avanti.

    Si spera, in tal modo, che il dibattito politico nel nostro mondo cattolico sia più fecondo.

    • Paolo Pagliaro ha detto:

      Lei ha perfettamente ragione. Ma pretende che i vescsovi sappiano cosa pensavano Sturzo e, rispettivamente, La PIra? Lei prende troppo sul serio la competenza e la profondità dei nostri pastori.
      Questo tipo di dichiarazioni sono pura retorica: si citano nomi noti di cattolici del passato perchè… sono noti – poi gli si metterà in bocca quel che si vuole.
      E’ un po’ come si è fatto con Giovanni Paolo II: un volta santo (giustamente), si citano pezzi delle sue encicliche o discorsi fuori contesto, per fargli dire il contrario. E a chi protesta si risponde: “Ma come puoi pensare che noi si sia in disaccordo con san Giovanni Paolo II? L’abbiamo fatto santo noi!”

  • Isabella ha detto:

    Governanti che invocano l’arrivo di altre potenze straniere per prevalere sui rivali, prelati che si danno alla bella vita nei loro palazzi lontani dal popolo e lucrano sulle indulgenze (in forma di contributi a cooperative e progetti per i migranti), un clero in larga parte accidioso e connivente, cardinali sposati e un Papa impegnato a governare come un sovrano fra i giochetti della Corte.
    Praticamente siamo tornati al Rinascimento.
    Solo che al posto di Brunelleschi, Michelangelo e Leonardo Da Vinci abbiamo Selvaggia Lucarelli, Barbara D’Urso e Young Signorino.

  • Nicola ha detto:

    Ennesima prova che dimostra ove sia posizionata la Chiesa Cattolica politicamente parlando….anche se non c’è ne era bisogno perché lo sapevamo da un pezzo…..

    • Catholicus ha detto:

      Altro che toglier loro solo l’8 per mille . qui a calci nel cxxo bisogna prenderli, questi disgraziati di pretacci e prelatacci, che non si vergognano di tifare così sfacciatamente per una parte politica, e sempre la stessa, i sinistri anticattolici. Così dimostrano anche loro (Bassetti, Spadaro,Bergoglio, ecc.) di essere nell’animo fortemente anticattolici, filoislamici, filooluterani, sostanzialmente massoni; insomma, dimostrano di avere per padre il diavolo, non l’Onnipotente Domineddio. Ma andranno sicuramente a fargli compagna: che non mi vengano attorno, perché non so se saprei trattenermi. Vigliacchi e traditori !!! vi punisca il Signore (come disse l’Angelo al demonio)

      • Nicola ha detto:

        Bisogna avere pietà e commiserazione per loro e non disprezzo…….I giudizi sferzanti e le espressioni di mancanza di carità lasciamole agli atei ed ai nemici della Chiesa Cattolica. Io per loro provo una infinità pietà. Sappiate che se finiranno all’inferno, questo sarà per loro ancora più pesante rispetto a quello di noi laici, come hanno rivelato tutti i mistici. Perché loro hanno ricevuto di più e avevano il dovere di proteggere e salvare il gregge. Facciamo come Santa Caterina da Siena che pregava per questi prelati ( allora i lussi erano altri ma comunque ce ne erano sempre tanti nell’alto Clero.) Il giudizio lasciamolo al Signore. Padre Pio disse a suo tempo a chi si scagliava contro il Clero che sbagliava, che il giorno del Giudizio per noi ci verrà chiesto dal Signore:” E tu per lui cosa hai fatto ? ” Perciò basta con queste espressioni ” prendere a calci nel cxxo ” e ” pretacci ” et similia. Preghiamo per loro e basta. Come ci ha chiesto la Madonna in tutte le attuali Apparizioni Mariane nel mondo, da Medjugorie ad Anguera ecc ecc.

  • Quatto ha detto:

    Dott. Tosatti faccia un altro account Twitter con un nome delle rubriche o del sui blog direttamente per lo Spadaro. Non che non si dormi la notte se non sappiamo cosa dica ma per il ruolo che ricopre.

  • Mario Armosini ha detto:

    Michail Aleksandrovic Bakunin Zurigo, 5 ottobre 1872
    Alla redazione della ” Liberté” di Bruxelles

    Signori redattori,
    dopo che avete pubblicato la scomunica pronunciata contro di me dal congresso marxista dell’Aia, riterrete certo giusto – non è vero? – ospitare anche la mia risposta. Eccola.
    Se l’Internazionale fosse meno vitale – se essa fosse, come essi s’immaginano, basata soltanto sull’organizzazione di centri dirigenti e non sulla solidarietà fattiva degli interessi reali e delle aspirazioni del proletariato di tutti i paesi civili (?), sulla libera e spontanea federazione delle sezioni e federazioni operaie, ecc. i decreti di questo infelice congresso dell’Aia, sarebbero bastati a ucciderla. ecc
    Un solo stato, un solo governo, una sola dittatura universale! Il sogno di Gregorio VII, di Bonifacio VIII, di Carlo V e di Napoleone, sotto nuove forme, ma sempre con identiche pretese, trapianto nel campo della democrazia socialista! Ci si può immaginare qualcosa di più ridicolo, ma al tempo stesso di più esecrabile?
    La pretesa che un gruppo di persone, sia pure abilissime e animate dalle migliori intenzioni, sia in grado di diventare la mente, l’anima, la volontà direttiva e unificante del movimento rivoluzionario e dell’organizzazione economica del proletariato di tutti i paesi è una tale eresia contro la sana ragione umana e l’esperienza storica che ci si chiede sbalorditi come una simile idea sia potuta venire in mente a un uomo intelligente come Marx.
    Qui mi fermo. La pubblicazione del libro risale al 1977, oggi 31/05/2018 argomentiamo ancora gli stessi problemi!
    Così per caso mi è capitato un articolo del 4/01/1990 scritto dal Sig Paul Johnson sul Giornale, quando il direttore era il sig Indro Montanelli, il titolo dell’articolo dice tutto : Il falso infinito! Il signore in questione, scoprì cosa fece nella biblioteca da lui frequentata ( Marx), sui dati consultati, perché potessero servirgli come documento ai suoi studi, scusate ma ad un uomo intelligente come Marx, tutto può essere concesso.
    Piccola mia riflessione: quando si verificavano questi fatti, i signori che oggi si lamentano, dove erano?

  • Maria Teresa ha detto:

    Con il CVII furono abbattuti i bastioni eretti dal Papa Santo Pio X: i seminari si svuotarono e la corruzione prese il sopravvento. Paolo VI disse che il “fumo di satana” era entrato nella Chiesa e poi lamentò l’autodemolizione della Chiesa: i marrani, da allora, governano la Chiesa. “DAI FRUTTI LI RICONOSCERETE” (Mt 7)

  • marco marco ha detto:

    È desolante l’orgia di mistificazione e menzogne che è stata scatenata in questi giorni.Le cose stanno semplicemente come scritto da Tosatti e da tutti quelli che hanno un briciolo di onestà intellettuale.Flores d’Arcais ad esempio l’ha avuta.Ha iniziato dicendo che un governo era urgente e poi l’ha rifiutato per un motivo puramente politico.Non lo può semplicemente fare.Ha incaricato uno che sapeva senza maggioranza:non lo può fare.Così ha ridotto una istituzione super partes in una che ha un indirizzo politico e du quella base si muove.Non lo può fare.Non può bypassare il Parlamento e se questo venisse accettato sarebbe un giorno molto triste.La natura della Repubblica sarebbe cambiata.E l’urgenza è diventata:dare tutto il tempo.Di rimangiarsi le,scelte,sbagliate o giuste ma legittime fatte.E giù il terrorismo Il Sole parla di bollette e altri disastri uscendo dall’euro.Cosa che nessuno,meno che mai il Professor Savona ha ipotizzato.Tutti parlano del piano B,doveroso,ma nessuno del piano tedesco di modificare i trattati in modo da uscire dall’euro ma non dalla ue.E uscire richiedendo alla Bce i crediti dati.Ecco chi vuole uscire dall’euro dopo averlo usato per arricchirsi a spese degli altri.Ogni banca centrale usa la possibilità di emettere moneta o acquistare titoli statali in funzione di politica monetaria.La Bce ha,per volontà interessata della Germania,poteri ridotti.La Banca d’Italia nessuno.Così assicurazioni e banche sono piene di titoli pubblivi

    • marco bianchi ha detto:

      Non capisco perché invia un messaggio non completato e con il nome della email.Niente di grave 🙂
      volevo dire che piene di titoli pubblici le banche sono esposte al rischio sovrano e alle variazioni dei tassi che non rimarranno sempre così bassi.Quindi più rischi e già meno fondi per prestiti.Per le mistificazioni aggoungerei il Renzi di nuovo piazzaiolo che parla si Salvinitax per lo spread e Marcucci di governo non fatto perchè non si sono messi d’accordo sulle famigerate plotrone.Come se Conte fosse andato con la lista della spesa e come le poltrone quando ci sono loro fossero non-poltrone.E parlano di calma e rispetto! E poi sembra,spero non sia vero,di governo con Savona in disparte,Sarebbero dei buffoncelli e darebbero il timbro al ruolo politico del Presidente.Uno stravolgimento non da poco della Costutuzione,da chi,fno ad un giorno fa,parlava di
      messa sotto accusa.Auguri.

  • Anonimo ha detto:

    Dottor Tosatti….che esternino pure!
    Tanto la quasi prossima cabina elettorale è ancora (per ora) riservata al cittadino.
    Per essere un esperto di comunicazione monsignor Spadaro dimostra di essere più intemperante di Salvini che sdogana (non a torto) l’ arrabbiatura dopo tre settimane di inutile lavoro.
    Rimproverano tutto a Salvini, persino di tenere un rosario tra le mani mentre i vescovi e Spadaro perdoperdono molte occasioni per fare una vera opera di misericordia al popolo di Dio: tacere. Ma quando pregano questi qui che stanno tutto il giorno sui social a preoccuparsi degli euro che possono perdere le tasche della carità a progetto globale? Francesco stesso dice di pregare! Almeno per finta….dovrebbero ogni tanto mettere in bacheca il post “Momentaneamente in silenzio per preghiera”. Che gran bella propaganda sarebbe!
    Fare i sacerdoti.. .che gran bella novità dello Spirito Santo!