SARAH: L’OCCIDENTE, UNA BARCA UBRIACA NELLA NOTTE. PERCHÉ È SENZA LA LUCE DI DIO.

25 maggio 2018 Pubblicato da --

Marco Tosatti 

L’amico Miguel Cuartero, titolare del blog “La testa del serpente”, e autore del bel libro “Nostra Signora che scioglie i nodi. Storia di una devozione mariana”, ci ha inviato il testo integrale dell’omelia che il cardinale Robert Sarah, Prefetto della Congregazione per il Culto Divino, ha pronunciato in occasione del pellegrinaggio di Pentecoste, di Notre Dame de Paris e della cattedrale di Chartres. Ve lo offriamo, perché ci sembra un testo di grande spessore e importanza, e degno di essere letto, soprattutto dai giovani. Giustamente temiamo che al prossimo Sinodo i giovani avranno poche occasioni di sentire interventi di questo livello, e densità.

 

36° Pellegrinaggio di Pentecoste (Parigi – Chartres)

L’omelia del Card. Robert Sarah

 

Si è concluso il 36° pellegrinaggio di Pentecosteorganizzato dall’associazione laicaleNotre-Dame de Chrétienté. Un appuntamento annuale che prevede tre giorni di cammino, un percorso di 100 km, dalla cattedrale Notre-Dame di Parigi a quella di Chartres. Più di 10mila pellegrini sono partiti alla Vigilia di Pentecoste per concludere il loro pellegrinaggio lunedì 21 maggio con un’ Eucaristia celebrata nella Forma Straordinaria del Rito Romano[1]. Una partecipazione straordinaria secondo gli organizzatori che parlano di un incremento di 10% rispetto allo scorso anno e di una età media in continuo calo assestata attorno ai 21 anni. La solenne celebrazione è stata presieduta da il cardinale guineano Robert Sarah, prefetto della Congregazione per il Culto Divino e ha visto la partecipazione straordinaria di circa 15mila pellegrini, provenienti da tutto il Paese e dall’estero, molti dei quali costretti ad accamparsi fuori dalla cattedrale. Numerosi i sacerdoti, i religiosi e le religiose. Moltissimi i giovanie intere famiglie con bambini (come si può osservare nelle immagini dei servizi della televisione francese qui sotto e in fondo all’articolo). La processione è stata affidata alla protezione di San Giuseppe, “padre, sposo e servitore”. In processione anche la teca con una straordinaria reliquia: il cuore di San Pio da Pietrelcina.

L’omelia del cardinale ha preso le mosse dal Vangelo di Giovanni proclamato durante la liturgia(Gv. 3,16-21). A partire da questo testo, ed in particolare dal versetto 19 («La luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce») il cardinale Sarah ha affrontato diversi temi come la scelta radicale per Dio e la secolarizzazione dell’Occidente che ha rifiutato la Luce.

Il card. Sarah si è rivolto ai sacerdoti parlando dell’importanza dell’Eucaristia – celebrata nel silenzio e nel raccoglimento – come fulcro del ministero presbiterale. Parlando del celibato e dell’idea di ammettere al sacerdozio uomini sposati, il cardinale ha denunciato la tentazione di creare «un sacerdozio a misura umana» promuovendo una pratica che violerebbe la tradizione apostolica. Ai genitoriha ricordato il fondamentale ruolo di educare i propri figli alla Luce di Cristo, sapendo che sarà necessario «lottare contro il vento dominante»; a loro ha anche parlato del «ruolo profetico» affidatogli dall’enciclica Humanae Vitae di Paolo VI: quello di essere «guardiani intelligenti dell’ordine naturale». Il cardinale si è rivolto in modo particolare ai giovani– accorsi numerosi all’evento – invitandoli ad avere il coraggio di rinunciare al mondo, di andare controcorrente, senza paura scegliendo la Luce di Dio che non delude mai («Gesù vi darà tutto! […] non perderete nulla, guadagnerete l’unica gioia che non delude mai»). Ai giovani ha chiesto di opporsi alle leggi “contro natura” e “contro la vita” e ha rivolto, infine, un particolare appello a rispondere alla chiamata di Dio, rinunciando a tutto per seguire radicalmente Lui, scegliendo la strada del sacerdozio o della vita consacrata.

Di seguito il testo tradotto dall’originale francese:

***

Permettetemi innanzitutto di ringraziare calorosamente Sua Eccellenza il vescovo Philippe Christory, Vescovo di Chartres, per il suo fraterno benvenuto in questa splendida Cattedrale.

Cari Pellegrini di Chartres,

«La luce è venuta nel mondo» ci dice Gesù nel Vangelo di oggi (Gv 3,16-21) «ma gli uomini hanno preferito le tenebre».

E voi, cari pellegrini, avete accolto l’unica luce che non delude: quella di Dio?Avete camminato per tre giorni, pregato, cantato, avete sofferto sotto il sole e sotto la pioggia: avete accolto la luce nei vostri cuori? Avete davvero abbandonato l’oscurità? Avete scelto di percorrere la Via seguendo Gesù, che è la Luce del mondo? Cari amici, permettetemi di porvi questa domanda radicale, perché se Dio non è la nostra luce, tutto il resto diventa inutile. Senza Dio tutto è buio!

Dio è venuto a noi, si è fatto uomo.Ci ha rivelato l’unica verità che salva, è morto per redimerci dal peccato, e a Pentecoste ci ha donato lo Spirito Santo, ci ha donato la luce della fede… Ma noi preferiamo le tenebre!

Guardiamo intorno a noi, la società occidentale: ha scelto di organizzarsi senza Dio, e ora è abbandonata alle luci appariscenti e ingannevoli della società dei consumi, del profitto a tutti i costi e dell’individualismo frenetico. Un mondo senza Dio è un mondo di tenebre, bugie ed egoismo.

Senza la luce di Dio, la società occidentale è diventata come una barca ubriaca nella notte.Non c’è abbastanza amore per accogliere i bambini, proteggerli nell’utero della madre, proteggerli dall’aggressione della pornografia. Priva della luce di Dio, la società occidentale non sa più rispettare i suoi anziani, accompagnare i malati alla morte, dare spazio ai più poveri e ai più deboli. È abbandonata all’oscurità della paura, della tristezza e dell’isolamento. Non ha altro da offrire che il vuoto e il nulla.

Permette di proliferare le ideologie più pazze. Una società occidentale senza Dio può diventare la culla di un terrorismo etico e morale più virulento e più distruttivo del terrorismo islamista.Ricorda che Gesù ci ha detto: «Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima; temete piuttosto colui che ha il potere di far perire e l’anima e il corpo nella Geenna» (Mt 10,28).

Cari amici, perdonatemi questa descrizione, ma bisogna essere lucidi e realisti.Se vi parlo in questo modo è perché nel mio cuore di sacerdote e di pastore provo compassione per tante anime disorientate, perdute, tristi, preoccupate e sole.

Chi li condurrà alla luce?Chi mostrerà loro la via della Verità, l’unica vera via della libertà che è quella della Croce? Li lasceremo cadere nell’errore, nel nichilismo senza speranza o nell’islamismo aggressivo senza fare nulla? Dobbiamo proclamare al mondo che la nostra speranza ha un nome: Gesù Cristo,l’unico salvatore del mondo e dell’umanità.

Cari pellegrini di Francia, guardate questa cattedrale,i vostri antenati la costruirono per proclamare la loro fede. Tutto nella sua architettura, nella sua struttura, nelle sue vetrate proclama la gioia di essere salvato e amato da Dio. I vostri antenati non erano perfetti, non erano senza peccato, ma volevano lasciare che la luce della fede illuminasse la loro oscurità.

Anche oggi, popolo di Francia, svegliati, scegli la Luce, rinuncia alle tenebre!

Come si fa? Il Vangelo ci risponde: chi agisce secondo la verità viene alla luce. Lasciamo che la luce dello Spirito Santo illumini concretamente le nostre vite, semplicemente e anche nelle aree più intime del nostro essere più profondo. Agire secondo la verità è innanzitutto mettere Dio al centro della nostra vita così come la croce è il centro di questa cattedrale.

Fratelli miei, scegliete di rivolgervi a Lui ogni giorno. In questo momento, prendiamo l’impegno di prendere qualche minuto di silenzio ogni giorno per rivolgersi a Dio e dirgli: Signore, regna in me, ti offro tutta la mia vita.

Cari pellegrini, senza silenzio non c’è luce. Le tenebre si nutrono del rumore incessante di questo mondo che ci impedisce di rivolgerci verso Dio. Prendiamo, per esempio, la liturgia della Messa di oggi. Ci porta all’adorazione, al timore filiale e amoroso innanzi alla grandezza di Dio. Essa culmina nella consacrazione dove tutti insieme rivolti verso l’altare, lo sguardo puntato verso l’Ostia, verso la Croce, ci comunichiamo in silenzio, nel raccoglimento e nell’adorazione.

Fratelli, amiamo queste liturgie che ci fanno assaporare la presenza silenziosa e trascendente di Dio e ci fanno rivolgere verso il Signore.

Cari fratelli sacerdoti, ora mi dirigo a voi in maniera speciale.

Il Santo Sacrificio della Messa è il luogo dove troverete la luce per il vostro ministero.Il mondo in cui viviamo ci sollecita incessantemente. Siamo costantemente in movimento. Corriamo il grande pericolo di considerarci degli “assistenti sociali”. Non porteremo più al mondo la Luce di Dio bensì la nostra propria luce che non è quella che gli uomini attendono.

Rivolgiamoci a Dio, in una celebrazione liturgica di raccoglimento, piena di rispetto, silenzio e sacralità. Non inventiamo nulla nella liturgia, riceviamo tutto da Dio e dalla Chiesa. Non cerchiamo lo spettacolo o il successo. La liturgia ci insegna che essere prete non significa innanzitutto fare molte cose. È stare con il Signore sulla Croce. La liturgia è il luogo in cui l’uomo incontra Dio faccia a faccia. È il momento più sublime in cui Dio ci insegna ad essere «conformi all’immagine del Figlio suo, perché egli sia il primogenito tra molti fratelli» (Rm 8,29). Non è, non deve essere un occasione di lacerazione, di lotta e di contese.

Nella forma ordinaria del rito romano come nella forma straordinaria, l’essenziale è volgere lo sguardo verso la croce, verso Cristo, il nostro Oriente, il nostro tutto, il nostro unico orizzonte. Sia nella forma ordinaria, sia nella forma straordinaria, celebriamo sempre, come in questo giorno, secondo quanto insegna il Concilio Vaticano II, con una nobile semplicità, senza inutili sovraccarichi, senza estetica fattiva e teatrale ma con senso del sacro, avendo come prima preoccupazione la gloria di Dio e con un vero spirito di figli della Chiesa di oggi e per sempre.

Cari fratelli sacerdoti, abbiate sempre questa certezza: stare con Cristo sulla Croce è ciò che il celibato sacerdotale proclama al mondo.Il nuovo progetto che alcuni hanno suggerito di separare il celibato dal sacerdozio per conferire il sacramento dell’ordine a degli uomini sposati, i “viri probati”, adducendo delle ragioni o delle necessità pastorali, produrrà in realtà la grave conseguenza di rompere definitivamente con la tradizione apostolica.

Si vorrebbe fabbricare un sacerdozio su misura umana, ma così non si sta perpetuando, non si sta estendendo il sacerdozio di Cristo, obbediente, povero e casto. Perché in effetti il ​​sacerdote non è solo un Alter Christus, un altro Cristo. È davveroIpse Christus, Cristo stesso. Ed è per questo che, seguendo Cristo e la Chiesa, il sacerdote sarà sempre un segno di contraddizione.

E voi cari cristiani, laici impegnati nella vita della città,a voi dico con forza: “non abbiate paura!” Non abbiate paura di portare in questo mondo la Luce di Cristo. La vostra prima testimonianza dev’essere la vostra vita, il vostro esempio. Non nascondete la fonte della vostra speranza, al contrario, proclamate, testimoniate, evangelizzate. La Chiesa ha bisogno di voi. Ricordate a tutti ciò che solo «Cristo crocifisso rivela il senso autentico della libertà» (Veritatis Splendor85).

A voi, cari genitori, vorrei rivolgere un messaggio del tutto particolare. Essere padre e madre di famiglia, nel mondo di oggi, è un’avventura difficile, piena di sofferenze, di ostacoli e di preoccupazioni. La chiesa vi ringrazia. Si, grazie per il dono generoso di voi stessi. Abbiate il coraggio di crescere i vostri figli alla Luce di Cristo. A volte bisognerà lottare contro il vento dominante, sopportare il disprezzo e le prese in giro del mondo, ma non siamo qui per compiacere il mondo. Noi proclamiamo Cristo crocifisso, «scandalo per gli ebrei e pazzia per i gentili» (1 Cor. 1, 23-24). Non abbiate paura, non arrendetevi.

La Chiesa, attraverso la voce dei papi, specialmente dall’enciclica Humanae Vitae, vi affida una missione profetica: testimoniare davanti a tutti la vostra gioiosa fiducia in Dio che ci ha resi guardiani intelligenti dell’ordine naturale. Voi annunciate ciò che Gesù ci ha rivelato attraverso la sua vita. Cari padri e madri, la Chiesa vi ama, amate la Chiesa. Amate vostra madre.

In fine, mi rivolgo a voi, a voi i più giovaniche siete qui molto numerosi. Vi prego di ascoltare soprattutto un anziano che ha più autorità di me. Si tratta dell’evangelista San Giovanni. Oltre all’esempio della sua vita, San Giovanni ha anche lasciato un messaggio scritto ai giovani. Nella sua prima lettera, leggiamo queste commoventi parole di un anziano ai giovani delle chiese che egli aveva fondato. Ascoltate questa voce forte di un anziano: «Ho scritto a voi, giovani, perché siete forti, e la parola di Dio dimora in voi e avete vinto il maligno. Non amate né il mondo, né le cose del mondo!» (1Gv 2, 14-15).

Il mondo che noi non dobbiamo amare, commenta il padre Cantalamessa nella sua omelia del Venerdì Santo, e al quale non dobbiamo conformarci, non è – lo sappiamo bene – il mondo creato e amato da Dio. Non sono le persone del mondo, verso le quali, al contrario dobbiamo sempre andare, soprattutto i poveri e i più fragili, per amarli e servirli umilmente.

No! Il mondo da non amare è un altro.È il mondo così come è diventato sotto il dominio di Satana e del peccato.È il mondo delle ideologie che negano la natura umana e distruggono le famiglie. È il mondo delle strutture delle Nazioni Unite (“onusiennes”) che impone imperativamente una nuova etica globale a cui tutti dovremmo sottometterci. Ma un grande scrittore britannico del secolo scorso, il T.S. Eliot, ha scritto tre versi che dicono più di interi libri: «Nel mondo dei fuggiaschi, chiunque si muove nella direzione opposta sembrerà un disertore».

Cari giovani, se ad un anziano come lo era san Giovanni è permesso parlare direttamente a voi, vi esorto anche io e vi dico: “Avete sconfitto il maligno”.Combattete ogni legge che vada contro natura e che vogliano imporvi, opponetevi a ogni legge contro la vitae contro la famiglia, siate di quelli che prendono la direzione opposta. Abbiate il coraggio di andare controcorrente. Per noi cristiani, la direzione opposta non è un luogo, è una persona: è Gesù Cristo, nostro amico e nostro redentore.

Un compito è stato assegnato in modo particolare a voi giovani: quello di salvare l’amore umano dalla tragica deriva in cui è caduto: l’amore, che non è più il dono di sé ma solo il possesso dell’altro, un possesso spesso violento e tirannico. Sulla Croce, Dio si è fatto uomo e ci ha rivelato che Lui è “Agape”, ossia l’Amore che si dona fino alla morte. Amare veramente è morire per l’altro, come il giovane poliziotto, il colonnello Arnaud Beltrame!

Cari giovani, senza dubbio sperimentate spesso, nella vostra anima, la lotta dell’oscurità e della luce, a volte siete sedotti dai facili piaceri di questo mondo. Con tutto il mio cuore di sacerdote, vi dico: non esitate, Gesù vi darà tutto. Seguendolo a essere santi, non perderete nulla, guadagnerete l’unica gioia che non delude mai. Cari giovani, se oggi Cristo vi chiama a seguirlo come sacerdote, come religioso o religiosa, non esitate, ditegli «fiat», un sì entusiastico e incondizionato. Dio vuole aver bisogno di voi. Che gioia, che grazia

L’Occidente è stato evangelizzato da santi e martiri. Voi, giovani di oggi, sarete i santi e i martiri che le nazioni attendono per una nuova evangelizzazione. Le vostre terre hanno sete di Cristo, non deludeteli. La Chiesa si fida di voi. Prego che molti di voi rispondano oggi, durante questa Messa, alla chiamata di Dio a seguirlo, a lasciare tutto per Lui, per la sua Luce. Quando Dio chiama è radicale. Egli ci chiama interamente, fino al dono totale, al martirio del corpo o del cuore.

Caro popolo di Francia, sono i monasteri che hanno costruito la civiltàdel vostro paese. Sono le persone, gli uomini e le donne, che hanno accettato di seguire Gesù fino alla fine, radicalmente, coloro che hanno costruito l’Europa cristiana. Questo perché hanno cercato solo Dio, hanno così costruito una civiltà bella e pacifica come questa cattedrale.

Popolo di Francia, popoli dell’Occidente, non troverete la pace e la gioia se non cercando Dio solo. Tornate alle vostre radici, tornate alla fonte, tornate ai monasteri. Sì, tutti voi, abbiate il coraggio di trascorrere qualche giorno in un monastero. In questo mondo di turbolenze, bruttezza e tristezza, i monasteri sono oasi di bellezza e gioia. Sperimenterete che è possibile mettere concretamente Dio al centro della propria vita, sperimenterete l’unica gioia che non passa mai.

Cari pellegrini, rinunciamo all’oscurità. Scegliamo la Luce! Chiediamo alla Beata Vergine Maria di insegnarci a dire fiat, cioè “sì”, pienamente come lo ha detto Lei, di insegnarci ad accogliere la luce dello Spirito Santo, come lo ha fatto lei. In questo giorno in cui, grazie alla sollecitudine del Santo Padre Papa Francesco, celebriamo Maria, Madre della Chiesa, chiediamo a questa santissima madre di avere un cuore come il suo, un cuore che non rifiuta nulla a Dio, un cuore ardente di amore per la gloria di Dio, desideroso di annunciare agli uomini la buona notizia, un cuore generoso, un cuore ampio come il cuore di Maria, dalle dimensioni della Chiesa, dalle dimensioni del cuore di Gesù.

(traduzione Miguel Cuartero Samperi)

[1]    Per i fedeli e i sacerdoti che lo chiedono, il parroco permetta le celebrazioni in questa forma straordinaria anche in circostanze particolari, come matrimoni, esequie o celebrazioni occasionali, ad esempio pellegrinaggi» (Benedetto XVI, Motu ProprioSummorum Pontificum).







Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.



LIBRI DI MARCO TOSATTI SU AMAZON

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.



UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

 

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

24 commenti

  • Toni ha detto:

    Bellissima omelia che fa bene alla mia anima stanca ed appesantita dalle menzogne mondane.

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Stimato Direttore:
    Questo sta molto bene…:
    https://remnantnewspaper.com/web/index.php/articles/item/3909-anatomy-of-a-cover-up-an-open-letter-to-pope-francis
    Ma non ci stiamo a nessuna parte confondendo “Satana con un angelo di luce”, o al profetizzato “Pastore stolto e Falso profeta” con un “Papa dittatore.”
    Saluti.
    Estimado Director:
    Esto está muy bien…:
    https://remnantnewspaper.com/web/index.php/articles/item/3909-anatomy-of-a-cover-up-an-open-letter-to-pope-francis
    Pero no vamos a ninguna parte confundiendo a “Satanás con un ángel de luz”, o al profetizado “Pastor necio y Falso profeta” con un “Papa dictador”.
    Saludos.

  • giulia anna meloni ha detto:

    le parole del Signore che hanno ispirato l’omelia del cardinale Robert Sarah
    …”Quale è il mio Nome,
    Nicodemo?”
    “Gesù.”
    “No. Salvatore. Io sono la Salvazione. Chi non mi crede, rifiuta la sua salute ed è giudicato dalla Giustizia
    eterna. E il giudizio è questo: ‘La Luce ti era stata mandata, a te e al mondo, per esservi di salvezza, e tu e gli
    uomini avete preferito le tenebre alla Luce perché preferivate le opere malvagie, che ormai erano la
    consuetudine vostra, alle opere buone che Egli vi additava da seguire per essere santi’. Voi avete odiato la
    Luce perché i malfattori amano le tenebre per i loro delitti, e avete sfuggito la Luce perché non vi illuminasse
    nelle vostre piaghe nascoste. Non per te, Nicodemo. Ma la verità è questa. E la punizione sarà in rapporto
    alla condanna, nel singolo e nella collettività. Riguardo a coloro che mi amano e mettono in pratica la verità
    che insegno, nascendo perciò nello spirito per una seconda volta, che è la più vera, ecco Io dico che essi non
    temono la Luce, ma anzi ad essa si accostano, perché la loro luce aumenta quella da cui furono illuminati,
    reciproca gloria che fa beato Dio nei suoi figli e i figli nel Padre. No, che i figli della Luce non temono
    d’essere illuminati. Ma anzi col cuore e con le opere dicono: ‘Non io; Egli il Padre, Egli il Figlio, Egli lo
    Spirito hanno compiuto in me il Bene. Ad essi gloria in eterno’. E dal Cielo risponde l’eterno canto dei Tre
    che si amano nella loro perfetta Unità: ‘A te benedizione in eterno, figlio vero del nostro volere’. Giovanni,
    ricorda queste parole per quando sarà l’ora di scriverle. Nicodemo, sei persuaso?”Gv. 3,16-21..
    .per chi vuole approfondire
    http://www.scrittivaltorta.altervista.org/02/02116.pdf

    • Valentina ha detto:

      Bellissimo stralcio dell’Evangelo come mi è stato rivelato. Consiglio a tutti la sua lettura. Solo chi vi si è accostato superficialmente può condannare la Valtorta… Ricordo che S.Pio da Pietrelcina ne consiglio’ la lettura a una sua figlia spirituale.

  • Nicola ha detto:

    “L’occidente una barca ubriaca nella notte perché è senza la Luce di Dio. ” Già ai suoi tempi, Madre Teresa di Calcutta distingueva tra i morti che trovava per terra nelle città indiane e gli zombie morti viventi senza Dio che camminavano nelle città occidentali……Oggi la situazione è persino peggiore di allora.

  • giulia anna meloni ha detto:

    il cardinale Robert Sarah è un giusto ispirato dal Signore,solo la Vergine SS può proteggerlo dai lupi ,preghiamo per lui.

  • Iginio ha detto:

    Bellissima e commovente omelia, in sintonia con lo stile di Sarah, che dovrebbe essere linguaggio corrente tra i pastori della Chiesa, ma purtroppo non è più così.
    Per inciso: in Vaticano e dintorni certo monsignori curiali insultano Sarah dicendo che non parla bene il francese.

  • Francesca ha detto:

    Che potente omelia! Ha toccato tutti i temi con tutto il calore che solo un vero pastore che ama il suo gregge sa dare. Io spero sempre sia lui il prossimo Papa… lunga vita al cardinale Robert Sarah la nostra vera guida in questi tempi terribili!

  • deutero.amedeo ha detto:

    Sarah sta contribuendo alla grande a riaccendere la luce che Bergoglio, altrettanto alla grande, ha contribuito a spegnere.
    La Stella Polare non è una stella di prima grandezza, ma per secoli ha guidato migliaia di naviganti nella piena oscurità della notte. Ecco, Sarah è una Stella Polare.

  • Lucy ha detto:

    @ Luigi
    Hai perfettamente ragione , un bellissimo e potente discorso paragonabile a quello tenuto da Papa Wojtyla a Washington il 1/10/1989 il discorso di ” noi ci alzeremo in piedi ” e che inoltre tocca tutti i temi caldi della chiesa di oggi dall’Eucarestia al celibato sacerdotale , dal valore del ” silenzio ” all’ Humanae Vitae oggi sotto attacco e alle leggi contro natura e contro la vita col compito affidato ai giovani di contrastarle andando contro corrente. Un discorso capace di infiammare i cuori dei giovani , altro che il documento preparato per il sinodo dei giovani prossimo venturo ! Aldo Maria Valli lo definisce così :” un testo vecchio nel linguaggio e nei contenuti come se fosse stato prodotto da chi non è ancora uscito da certi schemi….e che trasmettono l’idea di una chiesa ridotta a organizzazione sociale preoccupata più che altro di non essere sufficientemente al passo coi tempi “.
    Tutto il contrario nel vibrante e appassionato appello ai giovani del card.Sarah. Che il Signore lo benedica e lo protegga.

    • deutero.amedeo ha detto:

      In effetti la Chiesa è un’organizzazione sociale, profondamente inserita nel tessuto della società umana e saldamente ancorata alla vita terrena. L’errore è di non capire che è un’organizzazione tutta speciale, prototipo di tutte le organizzazioni non governative e senza scopo di lucro, che ha avuto da Dio il compito di condurre e guidare gli uomini nel loro faticoso cammino verso la patria celeste, non di fare il minestrone per i nullafacenti. E il discorso di Sarah su questo è molto chiaro.

  • Alessandro ha detto:

    Bellissima lettura, grazie caro Marco sei una luce in questi tempi bui.. se solo fosse Sarah il Papa e non…

  • Luigi ha detto:

    Grazie per queste preziose parole Cardinal Sarah. Così deve parlare un vero pastore al suo gregge. Non compiacere il mondo con discorsi “inclusivi” o “misericordisti”, ma dire la verità a trecentosessanta gradi sull’uomo di oggi smarrito e senza vere guide.
    In certi punti mi sembrava di risentire San Giovanni Paolo II.

  • Adriana ha detto:

    Ci sono gli Obama e i Milingo ,Ramaphosa e anche Innocent . E ,poi
    c’è il Cardinale Sarah : questa specie di miracolo !

    • deutero.amedeo ha detto:

      [8] Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai di dove viene e dove va: così è di chiunque è nato dallo Spirito”.
      (Gv 3,8)

  • G. ha detto:

    Perché annunciate la croce e non la risurrezione?

    • Massimiliano ha detto:

      Semplicemente perchè senza croce non c’è resurrezione. Saluti.
      Massimiliano.

      • EquesFidus ha detto:

        Precisamente: noi siamo salvati dal sacrificio della Croce, non dalla resurrezione. E’ la resurrezione che attesta che il sacrificio della Croce non è stato vano ma salvifico, non il contrario. Purtroppo, nella Chiesa odierna si è smarrito proprio questo senso, a cominciare dalla liturgia stessa.

        • Iginio ha detto:

          Bisognerebbe spiegarlo a un salesiano dell’UPS che ha inventato la… Via Lucis, con meditazioni su episodi dalla Risurrezione in poi, con la motivazione secondo cui “per troppo tempo si è insistito su croci e dolori, adesso dobbiamo essere testimoni del Risorto”.

          • Adriana ha detto:

            @ Iginio ,
            perdona ma…stai scherzando ? Ignoravo questa “variante” .Mi pare impossibile.

          • EquesFidus ha detto:

            Non mi sorprende: ciò nasce da una parte dalla volontà di rendere più “accessibile” la fede cattolica, finendo per banalizzarla e svuotandola di significato, dall’altra dal non voler riconoscere il valore salvifico della sofferenza e della morte di Nostro Signore sulla croce, preferendo puntare l’attenzione sull’aspetto pasquale (importantissimo, per carità, ma non essenziale). Le stesse cose succedono, ovviamente, anche nella liturgia. Spero che tali iniziative vengano disertate il più possibile e, per quanto mi riguarda, continuerò sempre a preferire una singola Via Crucis di Sant’Alfonso Maria de Liguori a tutte queste sciocchezze.

    • QB ha detto:

      The cross is not an option, sweetheart. It’s a requirement (Mother Angelica).

  • Sulcitano ha detto:

    L’Omelia del card. Sarah, ispira chiari pensieri di profonda meditazione, sincera preghiera e sani principi con forte desiderio di vera conversione.
    SIA LODATO GESÙ CRISTO!