ALFIE. COMUNQUE FINISCA, ALFIE, THOMAS E KATE HANNO GIÀ VINTO.

24 aprile 2018 Pubblicato da --

 Marco Tosatti

Non sappiamo ancora come andrà a finire la saga di Alfie Evans. Forse avrà un lieto fine, forse terminerà in tragedia. Ma alcune cose le possiamo già dire e vedere. La prima: hanno vinto Alfie, Thomas e Kate e i dottoroni dell’Alder Hey Hospital hanno perso, confermando quello che da sospetto si sta trasformando in certezza. E cioè che nel caso del piccolo hanno capito poco, e hanno sbagliato molto. Secondo loro tolti i supporti Alfie avrebbe dovuto morire in breve tempo. Tredici ore dopo è ancora vivo. I medici sono “gobsmacked”, ha detto Thomas, del fatto che sia ancora vivo e stia respirando. “Sbalorditi”.

Quindi, e questo ci sembra che sia chiaro, hanno cercato di ucciderlo: nelle intenzioni del giudice Hayden, che speriamo – ma non ci speriamo troppo – venga ripagato per la sua straordinaria caparbietà nel voler negare diritti primordiali naturali ai genitori e figlio – e in quelle dell’Alder Hey Hospital. E se capiamo l’ospedale – se Alfie dovesse arrivare in Italia, e persino migliorare, beh questo costituirebbe una patente mondiale di incapacità all’ospedale e al National Healts System, il giudice proprio non riusciamo a comprenderlo. Ci mancano degli elementi. Certo, la patente di incapaci sarebbe tanto più bruciante perché verrebbe dal sud dell’Europa, dall’Italia, a cui gli anglosassoni, e non solo loro, guardano con un razzismo e con pregiudizi che tutto il loro politically correct non riesce a mascherare neanche un po’.

Comunque vada, che Alfie viva o muoia – Dio non voglia – ha dimostrato che quelli che si sono schierati dalla sua parte avevano ragione; e che forse se invece di questa assurda battaglia che non so se definire più orwelliana o kafkiana ci si fosse adoperati per aiutarlo prima, le chances sarebbero state ancora maggiori. E che non era un problema di ideologie, di radicalismi religiosi o ideologici; ma di pura e semplice difesa di diritti naturali.

Che invece stranamente vengono attaccati dal partito dei boia, a cui si sono inscritte di recente – anche stamattina – alcune figure di commentatrici pensierose e filosofiche. Che, naturalmente, non hanno figli. Posso dire una cosa? Ciascuno ha il diritto di pontificare su quello che vuole; ma vedere gente che non ha avuto figli, e non sa che cosa sia averli, non idealmente, ma nella pelle, nelle notti perse, nelle ansie, nelle gioie, e che da un bel pulpito ne discetta con sapienza e brillantemente, mi provoca fenomeni di orticaria. Mi viene in mente un’amica inglese, che mentre durante il parto si lamentava per le doglie, e fu rimproverata da una suora che la accompagnava. “You try, bloody virgin!” le rispose. “Provaci tu, dannata vergine!”. Ecco, è quello che vorrei dire. E vorrei che i soloni sterili facessero come la suora in questione: tacessero.

 

Questo è l’articolo in spagnolo.

 


Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.

LIBRI DI MARCO TOSATTI SU AMAZON

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

Tag: , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

170 commenti

  • GMZ ha detto:

    Grande articolo, Tosatti, semplicemente perfetto da ogni punto di vista!
    E forza Alfie, forza!

  • sherden ha detto:

    Caro Tosatti, in mezzo alla schiera dei perdenti hai dimenticato un po’ di gentaglia porporovestita…

  • Adriana ha detto:

    @ TOSATTI .
    grazie a lei dell’informazione . Quel cucciolo in mezzo alle iene
    mi strazia. Grazie al suo palpitante Blog.

  • Nicola ha detto:

    Orrore. Orrore. Orrore. Preghiamo. Preghiamo. Preghiamo.

    http://lanuovabq.it/it/ultimora-vogliono-togliere-ossigeno-ad-alfie

    • Mari ha detto:

      Non ci sono parole in grado di esprimere ciò che sento.
      Prendiamo in mano l’ “Arma” di padre Pio e non diamo tregua al maligno!
      E’ nostro dovere sperare contro ogni speranza e invocare l’intervento straordinario di tutti i santi del Paradiso (nell’ottenere l’intervento soprannaturale di nostro Signore, tanto per essere chiari).
      Per Alfie, per Thomas, per Kate… e per noi!

    • Nicola ha detto:

      @Adriana. Oltre all’ orrore dei fatti successi , dà da pensare il fatto che qualcuno abbia consigliato alla Signora di “andare all’ Alder Haley perché era il migliore……….” Se questo é il migliore non oso pensare che cosa accada negli altri……..

      • Adriana ha detto:

        @ NICOLA ,
        prima di tutto mi scuso :ho tascurato la barra prima del 04 .
        Poi :non è detto . A volte Ospedali così come Primari illustri sono
        un imbroglio e una catastrofe a differenza di centri o medici meno reclamizzati :-esperienza personale- . Purtroppo è anche vero che
        spesso la fama è data proprio dal consenso della piccola gente.
        Una specie di sindrome di Stoccolma molto estesa . Anche in Italia ,non solo in England. Qua però è stata nascosta per decenni una pratica di banca degli organi che prosperava e potea servire a trapianti
        come a Messe nere . Con la scusa del progresso scientifico.
        Una famosa neurologa milanese mi chiese da dove pensavo
        i neurologi contemporanei avessero ricavato tante informazioni.
        E mi rispose con un bel sorriso che “ovviamente” erano dovute a esperimenti sui corpi e cervelli di vivi .Benefattori particolari erano stati i medici dei lager .Ora i loro discepoli.
        Quella che mi pare particolarmente “deliziosa” è l’appartenenza del giudice Hayden a un certo gruppo portatore di richieste mooolto
        progressiste .Ma poichè oggi, anche nella morale religiosa pare
        che più del bene conti l’esser d’accordo : il CONCORDISMO …
        tutto” va bien Madame la Marquise .Oui, oui ,très bien .”

        • Nicola ha detto:

          Speriamo che non sia come il film Coma Profondo tratto dall’ omonimo romanzo, nel quale ammazzavano la gente sotto i ferri per ottenere poi gli organi in quantità industriale…

        • Adriana ha detto:

          Comunque l’ho già scritto da qualche parte ma non so più dove:
          YOUTUBE-Cose che non vi raccontano di Charles Darwin- è una lectio chiarissima e indimenticabile di Enzo Pennetta. Società,
          Unesco, eutanasia in USA e UK prima ancora che in Germania.
          Come,quando,perchè ,voluta da chi.