SIT-IN IMBAVAGLIATO CONTRO LA CENSURA DI RAGGI AL MANIFESTO PRO VITA

14 aprile 2018 Pubblicato da 17 Commenti
Marco Tosatti

Avete seguito nei giorni scorsi la vicenda del manifesto pro-vita fatto oscurare dal sindaco di Roma, Virginia Raggi, con un gesto che sa assolutamente di censura delle opinioni e contro la libertà di espressione; e che perciò verrà contestato in tribunale. Oggi però si è svolta una protesta, di cui Pro Vita da conto con un comunicato che riportiamo:

Sit in di protesta a Roma contro la rimozione del maxi manifesto di ProVita

Roma, 14 aprile 2018

Circa un centinaio di attivisti romani di ProVita «imbavagliati», hanno partecipato questa mattina al sit in contro la decisione dell’amministrazione Raggi di censurare la gigantografia che campeggiava sulla facciata di un palazzo (misurava 7 metri per 11), strappata dopo due soli giorni di regolare affissione in via Gregorio VII.

È stata una manifestazione compatta, silenziosa, organizzata in piazza Madonna di Loreto perché il Campidoglio non aveva concesso l’autorizzazione alla pacifica protesta davanti a Palazzo Senatorio, sede di rappresentanza del Comune. Vietata agli attivisti pure la piazzetta dell’Ara Coeli, antistante la scalinata. Il sindaco Raggi non voleva proprio vedere bavagli e cartelli: forse sta provando imbarazzo per quell’abuso di potere contro un manifesto per la vita e per la donna, senza parole offensive?

Per più di un’ora, l’immagine del bambino nel grembo materno e la scritta «Tu eri così a 11 settimane. Tutti i tuoi organi erano presenti. Il tuo cuore batteva già dalla terza settimana dopo il concepimento. Già ti succhiavi il pollice. E ora sei qui perché la tua mamma non ha abortito» è diventata un immenso cartello, moltiplicata nelle mani dei manifestanti. Tutti con un bavaglio alla bocca, a rappresentare la censura esercitata dalla Raggi che non ha rispettato la libertà di espressione e di pensiero (diritti garantiti dalla Costituzione). Con il pretesto di affermare che la gigantografia sarebbe una «violazione dei diritti civili», il sindaco in realtà si è piegato al «politicamente corretto» e all’ideologia.

Gli attivisti hanno esibito anche uno striscione con la scritta «No censura alla vita».

La manifestazione di questa mattina è una delle tante iniziative che si stanno prendendo da più parti, in sostegno di ProVita. Sui social, nei giorni scorsi è diventata virale l’immagine del cartello censurato, come nuovo profilo Facebook dei sostenitori della onlus. E sono tanti i Comuni, le scuole, le associazioni, i privati cittadini che chiedono a ProVita una copia del manifesto, per poterlo mostrare.

Con l’avvicinarsi della ricorrenza del 22 maggio, quando quarant’anni fa venne legalizzato l’aborto, le iniziative si intensificheranno. La onlus ha lanciato anche una petizione in difesa della salute delle donne che si può sottoscrivere sul sito notizieprovita.it «affinché il ministero della Salute garantisca che le donne vengano messe a conoscenza delle conseguenze, provocate dall’aborto volontario sulla loro salute fisica e psichica». Ultimata la raccolta delle firme, ProVita le presenterà al nuovo ministro della Salute.


 

Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.

LIBRI DI MARCO TOSATTI SU AMAZON

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

17 commenti

  • virro ha detto:

    Cari amici VIVI perché non siamo stati ABORTITI entro il 90° giorno, e le nostre mamme sono cresciuto in questo ruolo con noi.
    Non preoccupiamoci della Raggi, forse non ha la voce per parlare né la testa per pensare, poiché in televisione sorride sempre ….
    Beh!, che ci crediamo o no, un giorno questi bambini che abbiamo massacrato, nel nome del DIRITTO, ci giudicheranno, nel nome della GIUSTIZIA ETERNA.
    Ma l’altra cosa terribile è che la chiesa tace e condivide (contenta) queste morti, d’altro canto la coppia più importante d’Italia per Berglio e Paglia è la Bonino e Pannella, che secondo Paglia, dovrebbe essere beatificato.
    ONU:
    Da quando non provvedi più al bene comune?
    Perché ti preoccupi solamente di produrre morti?
    Perché quando chiacchierate non dite mai la verità ma vi convincete solamente delle bugie?
    Perché vi imponete sui governi minacciandoli se rifiutano l’aborto?
    Perché non difendete i più deboli ma vi alleate con i prepotenti?
    A questi produttori di morte voglio ricordare che il giorno del Signore è come un lampo, quando arriva non c’è più tempo per fare altro.

  • peter ha detto:

    Bravi! Ogni parrocchia esponga il manifesto. La Democrazia in Italia è morta: VIETATO VIETARE. Sarebbero questi i paladini della Libertà.
    Cento, mille cortei per chiedere il rispetto della Democrazia.
    Dove sono i preti, i vescovi, il Papa! Ovunque silenzio!
    Basta!!!

  • Marco 2 ha detto:

    Chiediamo sempre al Signore di aiutarci a discernere le vere motivazioni che ci spingono a difendere anche delle giuste cause perché non sia che il vero motivo per cui le difendiamo sia il pretesto per screditare, calunniare, offendere.
    Insomma, non sia che sotto il pretesto del difendere una giusta causa si nasconda il desiderio di uno scontro.
    Si possono abbindolare gli uomini, ma il Signore vede.

    • Maria Cristina ha detto:

      Marco2 non facciamo Il solito “processo alle intenzioni”!
      Non cominciamo acavillare sulle intenzioni recondite di chi si batte per una giusta causa. Quello che dobbiamo giudicare e’se la causa e’giusta o sbagliata.
      Le intenzioni segrete dei cuori solo.Dio le puo’scrutare e solo Dio le puo giudicare. Noi dobbiamo giudicare le azioni, Dio giudichera’le intenzioni.

      • GMZ ha detto:

        Brava Maria Cristina!

        Marco 2, pensi lei che a fronte di casi come quello di Kolbe o D’Acquisto c’è chi tira in ballo l’amor proprio e il desiderio di glorificarsi di fronte agli uomini!
        Se anche fosse, la loro vita fu il prezzo che fu pagato affinché altri vivessero.
        Da Francesco in poi ‘sto discernimento sta diventando il grimaldello per svilire tutto ciò che fanno “gli altri” (che di solito sono cattivissime persone che non scattano sull’attenti quando passano i vari principi della chiesa d’oggidì). Che porcheria.
        Ossequi.

        • Marco 2 ha detto:

          Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 6,1)

          “State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli.”

  • Mari ha detto:

    OT (ma non troppo)

    Risposta da cielo ?

    Ho letto in rete che, a Pompei, il 13 aprile (in assenza, pare, di vento) il rosario che pende dalla mano dell’enorme statua della Santa Vergine si sia messo a oscillare (cosa che, mi è sembrato di capire, solitamente NON si verifica neppure con il vento più forte, e che non si era mai verificata a memoria d’uomo ).

    Quasi la Madonna ci voglia dire”Figli miei, datevi da fare: io dall’alto vi proteggo, ma voi fate la vostra parte, come io, 100 anni fa vi ho invitato a fare quando, il 13 di maggio, giugno, luglio, agosto, settembre e ottobre, ho fatto chiedendovi di pregare con la preghiera che mi è più cara”.

    Io a Pompei, purtroppo non sono mai stata, e se le cose stanno così, cioè si è verificata un’oscillazione che s’innesca senza alcuno motivo, prenderei veramente in considerazione un evento inspiegabile come questo.

    Una risposta alle difficoltà umane, la preghiera del Rosario, che una volta i cattolici avebbero data per scontata come risposta ad ogni circostanza che richiedeva l’intervento di Dio perché quello umano nulla poteva… senza bisogno di eventi “straordinari”.

    Credo che tanti si siano rivolti alla Santissima Vergine, sia per Alfie che per la sia per la Siria, anche perchéaltri possibili aiuti umani latitano.

    Potrebbe essere la sua risposta?

    • terzoc ha detto:

      Ho sentito anch’io la storia di Pompei. Potrebbe benissimo essere, perche’ no? Nel 1796 e nel 1850 ci furono fenomeni anche piu’ diffusi.

  • deutero.amedeo ha detto:

    offro la mia vita stanotte stessa al posto della sua, e il dono di tutti i talenti che dio mi diede in affidamento a vantaggio suo. Non dico che voglio un clone, ma un uomo migliore di me, che A SUO TEMPO POSSA PRENDERE IL MIO POSTO.
    DSOMINE EXAUDI ORATIONEM MEAM!

  • Stimato Direttore:
    Da quando gli Stati Uniti in gennaio di 1973 legalizzò l’assassinio del no nato come “un bene e un diritto”, e dopo si estese quasi per tutte le nazioni del Mondo, e attualmente all’anno gli assassini di non nati sta tra 40 A 60 MILIONI:
    http://www.worldometers.info/abortions/
    E io lo interpreto come il primo “segno del nostro tempo” Apocalisse 6:10-11 che ci porta al “Fine del Mondo” profetizzato per il Signore: Matteo 24 / / Marco 13 / / Luca 21.
    Saluti.

  • Iginio ha detto:

    Interessante il fatto che invece nessuno abbia censurato i manifesti blasfemi apparsi nel quartiere di San Lorenzo a opera dei cosiddetti “pastafariani” in cui era scritto, testualmente: “Se Dio fosse uno spaghetto, sarebbe scotto”.
    Lì la Raggi o chi per lei non ha niente da obiettare. L’importante è divertirsi.

    • Enza ha detto:

      Ma per forza, la raggi non ha tolto quel cartello blasfemo perché gli stessi Grillini sono contro la fede e contro la Chiesa. I Grillini sono blasfemi come lo è il loro capo Beppe Grillo. Che Dio ce ne guardi da questa gente in questi giorni di consultazioni elettorali! Atei, blasfemi, amorali…..Pretendete che difendano la vita?

      • Philippe ha detto:

        Condivido la posizione della Sig.ra Enza. Purtroppo il M5S ha avuto molti voti alle elezioni… questa legge elettorale non andava votata oppure più Italiani dovevano votare Salvini e la coalizione di centrodestra.

    • Philippe ha detto:

      Proprio così… dilaga purtroppo il pensiero relativista-satanista! 🙁 Dio abbi pietà del mondo tutto intero…

  • sherden ha detto:

    In altri tempi sarebbe stato disposto di appendere il manifesto in ogni parrocchia e persino in vaticano.
    Oggi pare che chi di dovere non voglia disturbare i padroni del vapore…

    • Vito ha detto:

      Io ho chiesto il manifesto a ProVita.
      Lo appenderò nel mio studio.

    • Enza ha detto:

      Ormai anche il Vaticano non c’è più fede, e si vede, altrimenti si muoverebbero in favore di bambini assassinati perché malati, contro l’eutanasia e contro le pratiche gay che piacciono così tanto alle lobby…. ma d’altronde, chi “sono io per giudicare?”.

Lascia un commento