ROMANA VULNERATUS CURIA SCRIVE AL PAPA: FANNO PAURA I SUOI AMICI, NON I “DIVERSI”.

13 marzo 2018 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, ieri mattina, non appena letti i giornali, Romana Vulneratus Curia (RVC per amici e nemici) ci ha inviato una lettera aperta diretta al Pontefice regnante. Ieri è stata una giornata un po’ complicata per chi gestisce Stilum Curiae, e la pubblichiamo solo oggi, con mille scuse all’autore e a vori lettori. E intanto stiamo riflettendo sul singolare messaggio inviato da Benedetto, e di cui fanno a fanfara tutti i musici di corte. Ma forse ce ne occuperemo un po’ più tardi. Intanto leggiamo RVC:

“Gentile dottor Tosatti, ho letto il messaggio di Papa Francesco dato ieri a Sant’Egidio. In sintesi dice che il diverso, lo straniero non è nostro nemico, non dobbiamo avere paura, nessuno deve essere più straniero, dobbiamo continuare ad aprire corridoi umanitari, i poveri sono il nostro tesoro, ma soprattutto basta paura per lo straniero, il diverso, è una malattia (titola Repubblica il 12marzo). Le chiedo di pubblicare la seguente lettera aperta (e inutile) per il Papa.

<Santità, deve rasserenarsi, noi non abbiamo paura dello straniero o del diverso, sia paziente e misericordioso con me se oso dirle che (in tal senso) noi abbiamo paura di Lei e di chi la circonda. Perché è lei che ci ha insegnato ad avere paura dei diversi. Le ricordo che ci ha insegnato ad avere paura di chi lei considerava diversi e per lei stranieri, come il card. Caffarra, il Card. Brandmüller, il Card. Burke, tanto che lei ha temuto persino di rispondere alle loro suppliche. Per non parlare della paura che ci ha insegnato ad avere verso un cardinale proveniente dalla Guinea, come Sarah, o di un altro cardinale tedesco come Mueller o della paura che ha manifestato verso i Francescani dell’Immacolata, o verso altri che per Lei erano “diversi”, stranieri. Perciò, mi creda, la nostra paura dell’immigrato è minima rispetto alla paura che abbiamo di chi la circonda e la consiglia, abbiamo paura di Paglia, di Galantino, di Spadaro, di Coccopalmerio, di Ravasi, di Marx, di Sorondo. Ma chi le ha detto che noi abbiamo paura di confrontarci, di essere solidali, di dialogare ? Noi lo facciamo da sempre secondo gli insegnamenti di Gesù Cristo. Ma nessuno dei suoi consiglieri, neppure il fondatore di Sant’Egidio, Riccardi, le ha mai spiegato come nasce il processo di immigrazione, chi l’ha voluto e pianificato? Chi ne sta traendo vantaggi? La turberebbe Santità, scoprire che è stato concepito e pianificato al fine di imporre un “sincretismo religioso” per relativizzare la troppo dogmatica fede cattolica? Le hanno mai fatto leggere ciò che hanno scritto negli ultimi anni fa i segretari dell’ONU, Kofi Annan e Ba-Ki moon ? Mi perdoni l’ardire Santo Padre, ma ora capisce quindi di chi, e perché, abbiamo paura?>.

Imploro la Sua Benedizione.  Romana Vulneratus Curia.


Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.

LIBRI DI MARCO TOSATTI SU AMAZON

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

Tag: , , , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

42 commenti

  • giorgio rapanelli ha detto:

    Grazie a Dio, vengo dal PCI, dal materialismo storico, come nemico della Chiesa. Ho passato 40 anni nei vari deserti dell’esoterismo, che implacabilmente mi hanno condotto verso la più alta Magia Cerimoniale esistente sul Pianeta. Non fatevi venire un coccolone, ma la definisco come mi è possibile comprenderla: la Santa Eucaristia. Nulla è superiore a questa Magia. Di fronte ad essa, tutto ciò che è stato tentato (Scientology, Crowley, Ordo Templi Orientis) è inferiore, o inutile per entrare nel Regno di Dio.
    Tutta la forma, la formula, il procedimento, la chiave, la password (chiamate la formula dell’Eucaristia come vi pare) è scienza esoterica, legata alle leggi della Natura. Quando assisto alla Consacrazione, o ascolto e recito il Credo di Nicea, o “vedo” (con la Conoscenza) l’acqua benedetta del battesimo “aprire” quel vortice alla sommità della testa per “immergere” il Verbo nel battezzando, facendolo diventare membro del Corpo Mistico del Cristo, e poi col Sacro Crisma sigillare di nuovo quel varco, io mi chiedo cosa ho fatto di buono nella vita che supera il male commesso o omesso per avere avuto la Grazia dallo Spirito Santo di giungere fin dove sono giunto: a Casa…
    Sto scoprendo, studiando i Vangeli (di notte) e, per ora, Primo Corinzi, che ciò che è scritto è la conferma di tutti i miei 40 anni di studi, dalla parapsicologia, con la magia (per favore non fate magia!) e tutto il resto della piccola Conoscenza che ho raggiunto: i Vangeli e San Paolo sono SCIENZA (esoterica, ma sempre scienza legata alle leggi della Natura). I Vangeli, San Paolo e ciò che studierò (ne sono convinto) nulla fanno che confermare la REALTA’ spirituale di quelle Sacre Scritture….
    Quindi, che bisogno ho di avere conferme dogmatiche, o eretiche, da parte di Papi, di teologi, di cardinali, di vescovi, di preti in merito alle Sacre Scritture? Queste furono scritte per gli analfabeti, o furono scritte perché qualcuno le leggesse agli analfabeti.
    Forse c’è oggi qualche Papa, da Pio XII in poi, o teologo di grido, che possa sentirsi superiore a San Paolo? Se c’è qualcuno, lo dica: sono superiore a San Paolo…. Quindi, quando un papa dice “chi sono io per giudicare un gay che cerca Dio” (o qualcosa con lo stesso significato) e non aggiunge, come farebbe il Cristo, un “va’ e non peccare più”, questo Papa esprime un concetto incompleto che porta quel povero individuo all’inferno e a lui nell’Ottava Sfera, o Luna Nera, insieme ad altri papi, cardinali, vescovi, parroci e preti. Ma dove non andrò io…
    Perché io mi colloco alla destra del Trono insieme agli Agnelli. Non perché io sia santo e di fede, ma perché sono un bastardo, ma non uno stupido. Che segue le chiacchiere di papi, cardinali, vescovi, parroci e preti e non le Sacre Scritture.
    PS – mi giunge notizia che il Padre Nostro verrà cambiato e che per l’Eucaristia si riuniranno i vescovi per decidere sul da farsi. Il nostro problema non sono I papi e i cardinali e i vescovi, o noi stessi. Il nostro problema è l’ignoranza dei fedeli. I quali, come sono pronti a lasciarsi ingannare dai politici, lo sono pure per l’inganno degli eretici accoliti di Satana.
    Adesso comincio a capire perché ha chiuso con la sua vita terra il nostro carissimo fratello Caffarra.
    Forza, STILUM CURIAE, tieni duro…

    • alice ha detto:

      Le Scritture sono per tutti, anche se verso il 1300 ne venne impedita la libera lettura. Quando Bergoglio elogia Lutero e pensa che fu da Lutero rimessa la sacra Scrittura nelle mani dei fedeli, forse non sbaglia. Anche se una gran parte della dottrina di Lutero e l’eliminazione dei sacramenti così come li conosciamo noi , sono chiaramente errati… in più da Lutero si arriva dritti dritti alla shoa…

  • Ira Divina ha detto:

    Ora che le voci a più cori cantano di un Francesco non ortodosso e sempre più bandiera dei lupi modernisti e che premono per un cambio di registro, hanno invocato la testimonianza di Benedetto XVI. Fino a ieri doveva tacere, oggi viene sollecitato a intervenire! Per dire cosa? Che sono in continuità intima di intendi. E viene detto in prossimità del 5to anniversario di Francesco. Bella trovata pubblicitaria per cercare di far salire gli indici di gradimento di questo pontificato! Viene da chiedermi: quel fulmine sul cupolone è caduto per i lupi o per chi ha indietreggiato davanti ai lupi? L’assalto dei lupi c’è stato e l’umile operaio chiamato a lavorare nella vigna del Signore cosa ha fatto? Confido in te Signore! Che io non resti confuso.

  • peter ha detto:

    Dalla rinuncia del pontefice Benedetto XVI ad oggi sono passati cinque anni. Una rinuncia, quella di Benedetto, che ha creato dubbi, perplessità e ,in qualche caso, sconcerto.
    Pur amando e venerando la figura straordinaria del pontefice, non ho compreso la sua scelta di mantenere il nome pontificale e il colore bianco della veste! Una scelta che oggettivamente non ha riscontro nella storia della Chiesa. Altra cosa sono gli antipapi del passato! La situazione attuale, con due papi viventi, è davvero inquietante! Certamente nasconde qualcosa di torbido!
    La “continuità interiore”dei due pontificati volutamente sottolineata dalla lettera attribuita all’emerito, prova lo scisma, sebbene non dichiarato, apertosi nella comunità ecclesiale. Nonostante la dichiarazione sospetta di Benedetto XVI circa la competenza teologica del successore e la continuità, è sotto gli occhi di tutti la rottura operata da Francesco nei confronti dei pontificati precedenti sia dal punto di vista dottrinale che politico!
    La lettera del pontefice emerito, se vera, dimostra la crisi dell’attuale pontificato, e lo scollamento della comunità ecclesiale. Una crisi senza precedenti!

  • lucis ha detto:

    Ci si continua a illudere che BXVI sia contrario a Francesco. Ma già un po’ di tempo fa parlando davanti a Francesco, l’emerito (mi sembra in occasione del suo 60° di sacerdozio) fece grandi elogi al papa attuale. Socci censurò quell’intervento, non ne tenne conto, mentre prese in considerazione altre parti di quell’intervento (mi chiedo se anche lui sia in buona fede o no). Credo che dovremmo liberarci dall’illusione di credere che Ratzingher sia in opposizione a Francesco. Se davvero ne vedesse i pericoli e l’eresia avrebbe il dovere di intervenire. Ma ormai lasciamo ogni speranza. Forse è vero che il processo di dissoluzione della fede cattolica è iniziato ben prima di Francesco, ed hanno usato la tattica della rana bollita per impedire che ce ne accorgessimo. solo ora l’acqua è prossima a raggiungere i 100 gradi e non possiamo non accorgercene.

  • nat ha detto:

    Sulla lettera di BXVI a Francesco mi permetto solo una osservazione: avrebbe potuto qualcuno immaginare una lettera di GPII a BXVI in cui l’emerito polacco si fosse dato da fare per sottolineare la continuità fra i due pontificati?
    Era cosa talmente evidente a tutti…

  • deutero.amedeo ha detto:

    Da “click to Prato” di questa mattina:

    13 MARZO

    CON GESÙ AL MATTINO

    Preghiere2666 PREGHIERE
    Padre onnipotente, comincio questo giorno con gratitudine. Aiutami a fare sempre più la tua volontà nella mia vita e a riconoscere il tuo volto in tutti quelli che incontro. Ti offro il mio cuore e tutto ciò che sono, per le intenzioni di Papa Francesco in questo mese.
Padre Nostro

    Domanda: chissà che cosa vedeva il figlio Gesù nel volto dei farisei quando diceva loro: razza di vipere, ipocriti, sepolcri imbiancati, guai a voi ecc. Avrà visto in loro il volto del padre? Mah, io ho qualche dubbio.

    • deutero.amedeo ha detto:

      E.C. Click to pray. Pray, non prato. Maledetto word processor!

    • Vittorio ha detto:

      I farisei non erano cattivi. Gli mancava una cosa. Sentirsi peccatori. Non dispero della loro salvezza. Loro mettevano in pratica la legge di Mose’. Beh tentavano! Questa la differenza tra pubblicano e peccatore. Nessuno e’ giusto davanti a Dio.
      Lancio una provocazione “quinziana”?

      La crocifissione fu religiosamente e legalmente logica.

      Il diavolo e’ logico, chi ci dice che lo sia anche l Amore (Dio)?.

      Non fu Gesu’ che condanno’ i farisei, furono loro che non accettarono la Sua salvezza. Gesu’ smaschero’ il limite delle opere umane. Legalmente puoi fare morir di sabato un uomo come un asino (beh il secondo lo salvavano)

  • Veronica ha detto:

    Ma che senso ha una lettera aperta firmata con uno pseudonimo?

  • Lucy ha detto:

    È vero, come dice R.V.C. c’è da avere paura degli “amici “di Bergoglio.
    I cardinali Kasper , Lehmann e altri hanno vivacemente per anni e anni contestato sia Papa Wojtyla che Papa Benedetto ma , almeno a quanto ne so, sono stati rispettosi perchè entravano nel merito della idee , che giudicavano sbagliate , e non si accanivano contro le persone.Altra levatura rispetto per es. al card.Maradiaga che non riuscendo a entrare nel merito dei Dubia definisce il card.Burke ” un pover’uomo ” , o a mons.Pinto, l’estensore delle cause per ottenere la nullità matrimoniale tra le quali ha infilato il famoso”eccetera” giuridicamente assurdo , che aveva chiesto a Bergoglio di togliere ai 4 cardinali(allora ancora 4) dei Dubia la berretta cardinalizia !!!per lesa maestà?.
    E non parliamo di Andrea Grillo , “teologo” laico molto ascoltato a Santa Marta , che ha augurato a Papa Benedetto ” la morte istituzionale ” e l’esilio fuori dal Vaticano dopo il duo messaggio di cordoglio per la morte dell’amico fraterno card.Meisner.
    E non parliamo di quello che ha detto , sempre il Grillo, del card.Caffarra :”ha un teologia intollerante ….una intelligenza dell’etica DISUMANA….ora un nuovo magistero ha segnato non solo LA FINE DI UN INCUBO MA LA FINE DI UN DELIRIO”(!!!!).Questa è solo una piccola sintesi delle “carezze” dei novatores ai “diversi ” di cui parla R.V.C..

  • deutero.amedeo ha detto:

    LA LETTERA DEL PAPA EMERITO PER IL QUINTO ANNO PONTIFICATO FRANCESCO
    Ratzinger: «Basta stolto pregiudizio contro me e contro Bergoglio»
    Benedetto XVI: falso che Francesco sarebbe un uomo pratico privo di formazione teologica o filosofica e io solo un teorico della teologi, continuità tra i 2 pontificati
    di Gian Guido Vecchi

    Il pubblico ringrazia e dice a loro: basta con i vostri stolti pregiudizi sui cattolici fedeli alla dottrina e alla Parola di Dio.
    Che il Signore ricco di Misericordia abbia pietà di voi.

    • Catholicus ha detto:

      Ben detto, mi associo,non ritengo, infatti, Benedetto un ottimo papa in netto contrasto con la linea di Bergoglio, ma semplicemente un suo predecessore nell’attuazione degli errori e delle eresie del CV II, che però non si è dimostrato capace di portare a termine la distruzione di anta Romana Chiesa nei tempi e nei modi desiderati dalla massoneria ecclesiastica (..e, chissà, forse anche da Satana in persona, consapevole del poco tempo che gli resta prima che l’Immacolata gli schiacci il capo e lo rigetti nell’abisso infernale assieme a tutti questi suoi scherani). ecco il vero motivo dell’allontanamento (mascherato) del papa tedesco: la sua riluttanza a fare “il matador” di quel poco di cattolico che rimaneva nella (ex) Chiesa Cattolica. le esternazioni, scritte o verbali, a sostegno di Bergoglio gli saranno state imposte o estorte, ma certamente non era il tipo da divulgare il complotto contro di lui: se lo porterà nella tomba. Lasciamoli perdere entrambi, e teniamoci stretti a Gesù e Maria SS.ma, con Loro non si sbaglia di certo : Viva Gesù, Viva Maria, abbasso il clero modernista !!!

  • Usain Bolt ha detto:

    Il mantra di Bergoglio è, come sempre, falsato e falsante.

    Io non ho paura dell’acqua, la bevo tutti i giorni e mi ci lavo tutti i giorni, il problema subentra quando mi butti in casa 10 milioni di metri cubi di acqua.

    Chiaro il concetto?

    • deutero.amedeo ha detto:

      Mantra è parola troppo rispettosa per indicare un chiodo fisso nella mente di un uomo afflitto da sindrome maniacale.

  • Sempliciotto ha detto:

    A me lo pseudo scritto di BXVI non preoccupa.

    Se fosse vero non direbbe niente di contraddittorio, parla di un’idea sbagliata per cui lui non era solo teologo da scrivania e Bergoglio non è solo pastore da osteria, il che è vero, a Francesco manca il discutere la tesi di dottorato, mica deve fare l’esame di quinta elementare…

    Oltretutto la cultura e la preparazione di una persona non sono assimilabili unicamente al titolo di studio conseguito, Leopardi docet.
    Poi BXVI parla di una non definita “continuità interna”, e allora?

    È come se Achille ed Ettore avessero detto
    “CI UNISCE UNA FORTE VOLONTÀ DI VINCERE QUESTA GUERRA”,
    il che è vero,
    nessuno dei due ha però specificato che combattono per eserciti nemici.

    Questa definizione vuol dire tutto e vuol dire niente, la qual cosa, a mio parere, è voluta ed anzi manifesta chiaramente la volontà di dare un contentino al richiedente, per non parlare invece della discontinuità dogmatica, morale, dottrinale, teologica.

  • Anna ha detto:

    Relativismo, sincretismo, modernismo, e altri deleteri ismi è proprio quello che Bergoglio col suo pontificato è riuscito a introdurre nella Chiesa…non ha paura, la produce.
    Per quanto riguarda l’assist di Benedetto a Bergoglio…che lo definisce ” uomo di profonda formazione filosofica e teologica”, voglio sperare che tale affermazione sia dettata dalla profonda umiltà di Benedetto…. personalmente, visto il suo operato in questi pesanti cinque anni, penso l’esatto contrario.

  • giulia anna meloni ha detto:

    un boomerang la lettera di Benedetto XVI,il livello di popolarità di Francesco I è cosi ai minimi termini che hanno ingenuamente pensato che un intervento a suo favore,da parte dell’unico Santo Padre vivente ,potesse risollevare le sorti di un papato occupato da persone inique.Continuano a pensare al popolo di Dio come a un popolo-pecora…forse,ma non tutti;Grazie al Signore Nostro Gesù Cristo ,non tutti.
    Il tradimento sarà consumato fine alla fine,che la Vergine SS ci consenta in questo tempo immeritato di Grazia di rimanere fedeli al Vangelo.

  • Paola Ricci ha detto:

    Bellissima lettera, adesso bisognerebbe fotocopiarla ed attaccarla ai muri, o almeno al Pasquino o chi per esso. Così rimane solo una bellissima lettera per iniziati o quasi.

  • Adriana ha detto:

    Penso sia da temere qualunque Entità che , forte del suo potere , predichi una società senza limiti , una terra” nullius ” , attraverso una ideologica trasformazione dei popoli in entità senza radici , senza consapevolezza , vorticanti all’interno di una società disintegrata , disunita e, quindi , debolissima.

    • alice ha detto:

      Società disintegrata e disunita… verissimo. Ma se la disunione e la disintegrazione fossero volute per poter imporre il nuovo ordine, che noi non conosciamo ancora ?

      • Adriana ha detto:

        @ Alice
        Certamente , ma per trasformare il congiuntivo ipotetico nell’indicativo della certezza occorrerebbe qui riportare una troppo lunga serie di dati . Del resto siamo ciechi anche a quel che accade sotto i nostri occhi. Vale

  • Pierluigi ha detto:

    D’accordissimo con l’articolo.
    Aggiungo tra i “non diversi” di cui temo molto di più dei veri diversi le influenze sulla nostra cultura due categorie: certi politici che agiscono sui temi dell’immigrazione e altri di tipo etico/antropologico proponendo decisioni senza prevederne le ricadute sul futuro, prossimo e anteriore, e certi magistrati che tendono a “tutelare” i diversi anche aldilà della legislazione vigente (in Italia già molto garantista se non addirittura lassista rendendo una chimera la certezza della pena) e agli stessi criteri basilari di giustizia.

  • Maria ha detto:

    @malibu stacy
    Potresti scrivere in italiano corretto per favore?

  • Chiara ha detto:

    Caro Direttore, cari tutti.
    Non ho mai commentato, ma oggi non posso tacere: la notizia del commento del Papa Emerito mi ha turbato e sconfortato. Quindi sì La prego, datemi una spiegazione. Quale Chiesa si prenderà cura delle anime dei miei piccoli figli?

    • Nicola ha detto:

      Chiara, anche a me quella PARTE di lettera pubblicata mi ha portato turbamento e sconforto. Poi però mi sono ripreso leggendo il commento di Antonio Socci sulla sua pagina Facebook che dice di “aspettare di leggere TUTTA LA LETTERA e che vuole VEDERE la FIRMA di Ratzinger “. Ha ragione. Ed inoltre ricordiamoci la parte finale pubblicata del Segreto di Fatima dove la Madonna conclude il Suo Messaggio dicendo ” eccetera eccetera…” ? Giustamente Socci faceva notare che a) La Madonna non parla così, e non ha MAI PARLATO COSÌ sarebbe assurdo ( ” eccetera, eccetera…). b) il Messaggio in questo modo era tronco , mancante di una parte. Ragionando come Socci, il Ratzinger che conosciamo ( degli scritti e dei discorsi a voce) HA MAI PARLATO COSÌ, IN QUESTO MODO ? A me non pare proprio………..

    • Mazzarino ha detto:

      Serenità! In attesa di commentare più diffusamente il messaggio. Per lei come per tanti è il passo più doloroso, ma anche quello che apre i polmoni. E’ un passo che ho fatto il 28 febbraio 2013 perdendo il sonno per settimane. Ben prima di Bergoglio, che di quella data è il prodotto, anche se inaspettato. E’ stato purtroppo Papa Benedetto VI, colui che ho seguito e stimato fin dai primi anni 80 che ha ucciso, con un Atto di Illuminismo, Papato e Santa Romana Chiesa. Bergoglio solo il “terminator” che inevitabilmente ne è scaturito. Oggi la Cristianità, o ciò che ne resta, vede finalmente pubblicamente sciolto un nodo decisivo. Niente mediazione, niente ermeneutica della continuità, invece lenta e “dolce” morte di 200 anni di storia cristiana e distino finale tracciato , dalle parti più eretiche del CVII. Insomma una presa per i fondelli durata 40 anni.
      Diciamo con don Villa. E’ finitaaaaa! Finalmente. Capisco lo sgomento, ma tra poche ore si renderà conto che oggi è una giornata importante. Oggi la luce viene da Maria Santissima e non da Cartesio e Kant.

  • franz ha detto:

    stavo pensando che la prossima mossa di Bergoglio potrebbe essere far parlare una Veggente per avere un assist direttamente dalla Vergine. O persino , si rivolgerà a un medium che , a nome di PIO IX , dirà che nessun pontefice è stato migliore di lui…

    • Maria Cristina ha detto:

      Oppure in occasione della prossima visita a Padre Pio da Pietrelcina organizzeranno L” endorsement” di Padre Pio a Bergoglio.

    • lucis ha detto:

      già fatto. qualche anno fa il finto veggente di Medgiugorjie Ivan, nel tentativo di ingraziarsi le approvazioni vaticane ha fatto dire alla “Madonna” “pregate per il mio amatissimo papa Francesco” o qualcosa del genere.

  • Cesare Baronio ha detto:

    La turberebbe Santità, scoprire che è stato concepito e pianificato al fine di imporre un “sincretismo religioso” per relativizzare la troppo dogmatica fede cattolica?

    No, non lo turberebbe, perché è esattamente quello che vuole: il sincretismo religioso, teorizzato dal Vaticano II e professato indistintamente da tutti i Pontefici da Paolo VI ad oggi.

    • Maria Cristina ha detto:

      E’ l’ applicazione dell’ ermeneutica della continuita’ : la continuita’ ininterrotta da Paolo VI a GPII a Benedetto XVI a Francesco I. I papi post conciliati sono tutti in continuita’ ” spirituale” : tutti si appellano al Concilio Vaticano II, come fosse L’ UNICO loro riferimento, tutti sono andati all’ incontro sincretistico di Assisi, tutti hanno riverito i fratelli maggiori e i musulmani, hanno chiesto scusa per le Crociate, tutti pacifisti, tutti in continuita’ nel prendere le distanze dalla Chiesa cattolica preconciliare, dogmatica e retriva.
      Per questo chi non vuol vedere e vuole chiudere gli occhi nell’ illusione che questo papa attuale con la sua corte di Galantino, Paglia, Fernandez, Forte, sia una brutta parentesi temporanea che fra poco si chiudera’ e’ costretto a fare i conti con la realta’ : Bergoglio non e’ una brutta parentesi, non ci sarà’ dopo di lui un Pio XIII, ma un Francesco II, magari uno della sua corte attuale. E poi per decenni la Chiesa continuera’ su questa solfa. Cosi’ e’ e non vale cercare di evadere in sogni ad occhi aperti.
      Leggetevi il libero satirico di Aldo Maria Valli ” come la Chiesa fini’ “

    • alice ha detto:

      C’è una certa differenza tra il socchiudere una finestra per far entrare aria fresca o aprire tutte le finestre e far entrare la tramontana..
      Il sincretismo religioso è professato da persone come Scalfari che afferma che il Dio esiste ed è unico per tutti… senza rendersi conto, nella sua ignoranza che c’è una storia della salvezza ( che lui, lo scalfari, non conosce), una Incarnazione, una Passione, una morte ed una Resurrezione in cui alcuni, non tutti, credono.

  • Vincenzo ha detto:

    Sottoscrivo tutto quanto espresso da RVC. E – avendola indirettamente provata e subita – posso dire di avere personalmente un certo terrore della misericordia di Bergoglio e dei suoi fedelissimi…

    • Colaus de Arce (Francesco) ha detto:

      @ Vincenzo
      ” posso dire di avere personalmente un certo terrore della misericordia di Bergoglio e dei suoi fedelissimi…”

      Infatti, basti vedere la sua misericordia con il blog “InfoVaticana”

  • Enrico66 ha detto:

    Concordo al 100%.
    Aggiungo: abbiamo paura di partiti politici di cui Galantino, paglia, betori, riccardi, ciotti, e soci sono “garanti”, e che in poco tempo ci han dato divorzio lampo, aborto libero, matrimonio gay ed eutanasia.

  • malibu stacy ha detto:

    caro tosatti giustamente dici “E intanto stiamo riflettendo sul singolare messaggio inviato da Benedetto, e di cui fanno a fanfara tutti i musici di corte. ”
    bisogna vede
    a) ki l’ha scritto
    b) se davvero razzinger l’ha firmato.
    c) se non gli hanno fatto un ricatto morale o materiale.
    e poi un pò di tempo fa Francesco disse ke Razzinger era come un nonno, cioè rincoglionito, adesso lo usa x legittimarsi come grande teologo? Ma spadaccino, piegakukkiai e giampiero non sanno fare di meglio?
    ciao tosatti buona giornata

    • yehohanan ha detto:

      In attesa che si tratti il tema della disgraziata dichiarazione di Ratzinger, dico che secondo me Benedetto ha perso il senno. Lo ha perso nel momento in cui è voluto rimanere Papa emerito con tanto di veste bianca e via dicendo. E lo ha perso ora firmando, o magari prestando il suo nome per dire assurdità come quelle affermate nella dichiarazione. E che credeva? Che sarebbe rimasto libero di dire e fare come voleva? Ma se così desiderava bastava tornare cardinale, magari tornare nella sua Germania lontano da Roma. Invece vuole stare lì dove può essere manipolato…come è accaduto ieri. Povera Chiesa…come ti sei ridotta! Tutti ridono di te e nessuno ti prende più sul serio…ah…dolore!

  • Stimato Direttore: 13 di marzo di 2013-13 di marzo di 2018: CINQUE ANNI CHE SEMBRANO CINQUE SECOLI SOPPORTANDO AL PROFETIZZATO “PASTORE STOLTO E FALSO PROFETA” FRANCESCO: E LA COSA PEGGIORE STA PER VENIRE… ¡
    Certo è che a Dio non possiamo rinchiuderlo nei nostri calcoli umani, ma certo è che Dio “accorcia” o allunga “i tempi”: Matteo 24:22 / / Marco 13:20. Il 15 agosto di 2013 scrissi nella prima parte del tema, che seguendo gli anni della durata dei Papi dal Concilio il Vaticano II, a Francesco gli corrisponderebbe più anni che l’anteriore Papa: Giovanni XXIII 5 anni, Paolo VI 15 anni, Giovanni Paolo I 33 giorni, Giovanni Paolo II 27 anni e Benedetto XVI 8 anni. In agosto di 2014 affermava Francesco nel suo 14 ego intervista: “Perché io so che questo durerà poco tempo, due o tre anni, e dopo… alla casa del Padre…”.
    In marzo di 2015 diceva nel suo 24 ego intervista: “Ho la sensazione che il mio pontificato sarà breve, quattro o cinque anni”.
    Conclusione: Non si fidino di quello che dica un frate che passò per delle parti basse le avvertenze del suo santo fondatore Ignazio di non aspirare ad episcopati, perché un individuo che passa per delle parti basse le avvertenze del suo santo fondatore passerà per delle parti basse la Parola di Dio e fino allo correggerà, come fece questo individuo col suo Amoris laetitia in Giovanni 8:11. Ma a questo Francesco come profetizzato “Pastore stolto e falso profeta” gli rimane che gli dìano il Nobel e imbogliare alcuni, il suo profetizzato attentato Zaccaria 11:15-17 e imbogliare a multi, e seguire preparando la strada al profetizzato Anticristo al cui destino e fine sono uniti per il Potere: Apocalisse 13:11. 16:13. 19:20. 20:10. E per certo, quello Anticristo è il falso Messia che aspettano quelli che seguono la legge di Mosè ed il falso Gesù che aspettano quelli che seguono la legge di Maometto. Il Catechismo della Chiesa Cattolica, 675, afferma: “Prima della venuta di Cristo, la Chiesa deve passare attraverso una prova finale che scuoterà la fede di molti credenti [Cf Lc 18,8; Mt 24,12]”:
    Non esistere maggiore prova per la Chiesa che essere guidata dal profetizzato “Pastore stolto e falso profeta” che cerca di correggere a Dio! “Non conosciamo il giorno e l’ora”, né il mese né l’anno, ma il Signore ci chiede che conosciamo “i tempi” Matteo 16:1-3 // Luca 12:54-56: e questi sono “i tempi” dove il male passa come un bene ed un diritto come l’assassinio di milioni di non nati, e è anche “i tempi” del profetizzato “Pastore stolto e falso profeta” Francesco. Nel frattempo: il Mondo lo vuole, la Massoneria lo vuole, l’Anticristo lo vorrà: Satana lo vuole. Saluti.
    Estimado Director: 13 de marzo de 2013-13 de marzo de 2018: CINCO AÑOS QUE PARECEN CINCO SIGLOS SOPORTANDO AL PROFETIZADO “PASTOR NECIO Y FALSO PROFETA” FRAN”CISCO”: ¡Y LO PEOR ESTÁ POR VENIR…! Cierto es que a Dios no le podemos encerrar en nuestros cálculos humanos, pero cierto es que Dios “acorta” o alarga “los tiempos”: Mateo 24:22 // Marcos 13:20. El 15 de agosto de 2013 escribí en la primera parte del tema, que siguiendo los años de la duración de los Papas desde el Concilio Vaticano II, a Fran”cisco” le correspondería más años que el anterior Papa: Juan XXIII 5 años, Pablo VI 15 años, Juan Pablo I 33 días, Juan Pablo II 27 años, y Benedicto XVI 8 años.
    En agosto de 2014 Fran”cisco” afirmaba en su 14 ego entrevista: “Porque yo sé que esto durará poco tiempo, dos o tres años, y luego… a la casa del Padre…”. Y en marzo de 2015 decía en su 24 ego entrevista: “Tengo la sensación que mi pontificado será breve, cuatro o cinco años”.
    Conclusión: No confíen en lo que diga un fraile que se pasó por su entrepierna las advertencias de su santo fundador Ignacio de no aspirar a obispados, porque un sujeto que se pasa por su entrepierna las advertencias de su santo fundador se pasará por su entrepierna la Palabra de Dios y hasta la corregirá, como hizo este sujeto con su Amoris laetitia en Juan 8:11. Pero a este Fran”cisco” como profetizado “Pastor necio y falso profeta” todavía le queda que le den el Nobel y engañar a unos pocos, y su profetizado atentado Zacarías 11:15-17 y engañar a muchos, y seguir preparando el camino del profetizado Anticristo a cuyo destino y fin está unido por el Poder: Apocalipsis 13:11. 16:13. 19:20. 20:10. Y por cierto, ese Anticristo es el falso Mesías que esperan los que siguen la ley de Moisés y el falso Jesús que esperan los que siguen la ley de Mahoma.
    El Catecismo de la Iglesia Católica, 675, afirma: “Antes del advenimiento de Cristo, la Iglesia deberá pasar por una prueba final que sacudirá la fe de numerosos creyentes (cf Lc 18:8; Mt 24:12)”:
    ¡No existe mayor prueba para la Iglesia que ser dirigida por el profetizado “Pastor necio y falso profeta” que intenta corregir a Dios!
    “No conocemos el día y la hora”, ni el mes ni el año, pero el Señor nos pide que conozcamos “los tiempos” Mt 16:1-3 // Lc 12:54-56: y estos son “los tiempos” donde el mal pasa como un bien y un derecho como el asesinato de millones de no nacidos, y es también “los tiempos” del profetizado “Pastor necio y falso profeta” Francisco. Mientras tanto: el Mundo le quiere, la Masonería le quiere, el Anticristo le querrá: Satanás le quiere. Saludos.