DIALOGO E MISERICORDIA. LA SANTA SEDE CERCA DI STRANGOLARE IL SITO “INFOVATICANA”.

8 marzo 2018 Pubblicato da --
Marco Tosatti

Ci ha scritto l‘amico e collega Gabriel Ariza, del sito spagnolo “Infovaticana”, per raccontarci una storia che avrebbe, dovrebbe avere dell’incredibile; quella della guerra che la Segreteria di Stato della Santa Sede ha messo in piedi contro il sito di informazione spagnolo. Che ospita anche interventi e articoli critici sulla situazione attuale della Chiesa, in Spagna e nel mondo, e di conseguenza è visto con antipatia dal governo attuale.

Ci scrive Gabriel: “Buongiorno! Le parole del Papa “la verità è la verità e non dobbiamo nasconderla mi hanno spinto a raccontare questi fatti per cui sono molto preoccupato da vari mesi. Come sai, Infovaticana ha riportato e celebrato in numerose occasioni le parole del papa Francesco che chiedeva “una Chiesa povera per i poveri”, e combatteva il clericalismo”.

Ma, nota Gabriel, tutto ciò non deve essere ancora penetrato a tutti i livelli della Curia. In breve: “La Segreteria di Stato del vaticano qualche mese fa ha inviato a Infovaticana la richiest di rinunciare al nostro dominio web, sostenendo che tiene i diritti di proprietà esclusiva sul nome del centro fisico del mondo cattolico. Immaginatevi la reazione del pubblico se il sindaco di New York facesse una richiesta simile al New York Times, o se la Repubblica italiana la facesse al giornale La Repubblica”.

Infovaticana, nota Gabriel, “è abbastanza piccola e insignificante per sorprendersi di aver richiamato l’attenzione di una Segreteria di Stato che dovrebbe aver abbastanza da fare a governare la Chiesa”.

Secondo Gabriel, il problema è che alla Conferenza Episcopale spagnola non piace quello che diciamo; “così il suo presidente, il cardinale Blázquez, presenta una denuncia contro di noi alla Nunziatura apostolica, dopo che alcuni vescovi sono andati a piangere perché questo portale non si limita, come fanno altri, a parlare di passeri e fiori e a dire come tutto è bello, ma informa su ciò che accade realmente, compreso quando gli interessati preferirebbero che non si sapesse”.

La cosa che forse però ha più colpito i colleghi spagnoli è che la Segreteria di Stato, “pensando forse di fare una Chiesa povera e per i poveri”, non si rivolge a un modesto ufficio legale, o a un ufficio specializzato in questioni di Chiesa, ma all’ufficio legale più potente del mondo, il gigante multinazionale Baker & McKenzie che lo scorso agosto ha chiesto a Infovaticana di trasferire il suo dominio (www.infovaticana.com) nel giro di una settimana alla Segreteria di Stato vaticana, minacciando un processo costosissimo in caso di inadempienza.

Infovaticana non ha ceduto a una richiesta così sorprendente, e si è affidata a un gruppo di avvocati che ha detto a Baker & McKenzie che Infovaticana era disponibile a un compromesso e proponeva un negoziato; oltre ad eliminare dal logotipo ogni segno che possa provocare il minimo equivoco sulla natura privata e indipendente di quel mezzo di comunicazione. Ma lo studio legale ha comunicato che “il suo cliente” (La Segreteria di Stato) non vuole sapere niente di questo, “che vogliono andare fino in fondo e che ci intimano di cessare dall’uso del titolo e del dominio. In altre parole: che dobbiamo chiudere”.

Il negoziato si è interrotto nel dicembre scorso, di fronte all’impossibilità di raggiungere un accordo. La risposta è stata: “Le esigenze del Vaticano, difeso da Baker & McKenze, non sono negoziabili e InfoVaticana deve sparire”.

E qui ci fa piacere sapere che ancora, da qualche parte in Vaticano, dei principi non negoziabili sono rimasti. Non era mica così scontato…

Attualmente è in corso un processo, di tipo amministrativo, all’Ufficio Spagnolo di Patenti e Marchi, a cui Baker & McKenzie si sono rivolti per ostacolare la protezione del marchio InfoVaticana. E intanto resta in piedi il resto del contenzioso per eventuale concorrenza sleale da parte del Vaticano…

Qui il link all’articolo di InfoVaticana.

Qui trovate il testo in spagnolo.

Buenos días. 

Las palabras del Papa de “la verdad es la verdad y no debemos esconderla” me han empujado a contar estos hechos por los que llevo varios meses muy preocupado.

Como sabes, InfoVaticana ha celebrado en numerosas ocasiones las palabras del Papa Francisco pidiendo una “iglesia pobre y para los pobres” y combatiendo el clericalismo, unas palabras que, como verás a continuación, todavía no han terminado de calar en todos los estamentos de la curia romana.

Te cuento: la Secretaría de Estado del Vaticano envió hace varios meses un requerimiento a Infovaticana para que renunciásemos a nuestro dominio web, alegando que tienen los derechos de propiedad exclusiva sobre el nombre del centro físico del mundo católico. Uno imagina la reacción del público si el ayuntamiento de Nueva York hiciera un requerimiento similar al prestigioso New York Times, o la República Italiana al diario que dirige ese gran amigo de Francisco, Scalfari, La Repubblica.

Pero, naturalmente, nosotros no somos ni el uno ni el otro. En realidad, somos lo bastante pequeños e insignificantes como para que nos sorprenda haber llamado la atención de una Secretaría de Estado que bastante ocupada debería estar gobernando la Iglesia.

Todo tiene, sin embargo, su explicación: a algunos en la Conferencia Episcopal Española no les gusta lo que decimos, así que su presidente, el cardenal Blázquez, presenta una denuncia contra nosotros ante la Nunciatura Apostólica después de que algunos obispos le hayan ido a llorar porque este portal no se limita, como hacen otros, a hablar de pájaros y flores y contar qué bonito es todo sino que informa sobre lo que realmente pasa, incluso cuando los implicados preferirían que no se airease.

Y la Secretaría de Estado de este pontificado, pensando quizá en hacer una Iglesia pobre y para los pobres, contrata, no a un modesto despacho de abogados, no a un bufete especializado en asuntos eclesiales, sino al despacho de abogados más potente del mundo, el gigante multinacional Baker & McKenzie, que envió un burofax el pasado mes de agosto para exigir a InfoVaticana que transfiera su dominio (www.infovaticana.com), en el plazo de siete días, a la Secretaría de Estado del Vaticano, advirtiendo de un carísimo pleito en caso de no hacerlo.

Naturalmente, es indiferente que ganemos un juicio que de ningún modo nos podríamos costear, esa es la idea que se nos ha transmitido. Además, nos advierten de que un pleito por competencia desleal, sólo en abogados, resultaría carísimo y arriesgado para nosotros.

Naturalmente InfoVaticana no cedió en su día a un requerimiento tan sorprendente, sino que lo puso en manos de un equipo jurídico que comunicó a Baker & Mckenzie que este portal está dispuesto a transigir y propone, en una negociación, eliminar del logotipo todo vestigio que pueda provocar el más mínimo equívoco sobre la naturaleza privada e independiente de este medio de comunicación, y que no tenemos con el Vaticano otra relación que la de constituir un tema prioritario de información y la que mantenemos como fieles hijos de la Iglesia.

Sin embargo, los abogados internacionales nos comunican que “su cliente” (la Secretaría de Estado del Vaticano) no quiere saber nada de eso, que van a por todas y que nos conminan a cesar en el uso de la marca y del dominio en el plazo señalado: En román paladino, que cerremos.

La negociación se rompió el pasado mes de diciembre ante la imposibilidad de alcanzar un acuerdo. Nuestro abogado proponía lo siguiente:

  • Renuncia por Infovaticana, total y definitiva, al uso de las llaves de San Pedro y de cualquier tipo de representación gráfica de la misma o de otra que pueda corresponder a emblemas oficiales de la Santa Sede y retirada/renuncia de la marca mixta actual. Nuestro entendimiento en este punto es la de que no hay un uso del emblema oficial tal como se prohíbe por los convenios y leyes aplicables, toda vez que el uso es parcial y solo de uno de los elementos que, por otro lado, se da mucho en escudos de todo tipo, no solo de tipo religioso sino civiles e incluso empresariales. Se ofrece por tanto esta renuncia en consideración a la estima que se tiene a la Secretaría de Estado y a nuestro ánimo de evitar conflictos con la Santa Sede.
  • En lo que creemos justa contrapartida por lo anterior, se pediría una renuncia por parte de la Secretaría de Estado a iniciar ninguna clase de acción contra el nombre de Infovaticana o sus dominios no porque entendamos que necesitamos dicha renuncia sino por el hecho de aprovechar el acuerdo para zanjar cualquier controversia futura.
  • Adicionalmente, podría valorarse la posibilidad de incluir aclaraciones adicionales en los textos legales del Portal que eviten cualquier confusión a pesar de que creemos que los textos actuales dejan claro su carácter de iniciativa privada.

La respuesta fue rotunda: Las exigencias del Vaticano, defendidas por Baker & Mckenzie, son innegociables e InfoVaticana debe desaparecer.

Para InfoVaticana, como puedes imaginarte, es implanteable cambiar el dominio web o el nombre, toda vez que cualquier cambio acarrearía perjuicios irreparables considerando la inversión realizada hasta la fecha en dicho nombre y el entendimiento de que no hay base para la reclamación sobre el nombre, toda vez que la estructura INFO + EMPLAZAMIENTO es muy frecuente en otros casos. Exactamente igual que no es titularidad del ayuntamiento de Madrid ‘InfoMadrid’, una marca registrada… por el Arzobispado de Madrid, qué cosas.

Actualmente el tema está en un procedimiento administrativo ante la Oficina Española de Patentes y Marcas, donde Baker & Mckenzie presentó un escrito contra InfoVaticana en nombre del Vaticano, que ha entorpecido la protección de la marca InfoVaticana y en paralelo sigue viva la amenaza, quizá ya ejecutada, de demanda por competencia desleal por parte del Vaticano. En definitiva, más dinero en abogados, procuradores y procesos administrativos…

Gracias a Dios contamos con el apoyo de nuestros lectores para continuar sirviendo a la Iglesia desde la verdad.

Te envío un fuerte abrazo.

Gabriel Ariza Rossy


Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.

LIBRI DI MARCO TOSATTI SU AMAZON

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

95 commenti

  • G.Gervasi ha detto:

    @ Angel Manuel Gonzalez Fernandez
    Il mondo ama i suoi, ed i poteri forti proteggono i loro.
    Libertá di parola, di opinione e di stampa??????
    Ma scherziamo!

    • @ G.Gervasi:
      Se la Madre di Dio mi protegge, Satana, il Mondo, l’Anticristo e il suo “Pastore stolto e falso profeta” Francesco mi importa un fischietto.
      Si la Madre de Dios me protege, Satanás, el Mundo, el Anticristo y su “Pastor necio y falso profeta” Francisco me importa un pito.

  • anonimo ha detto:

    Piu’ che il nome trovo che non sia appropriato l’uso del simbolo del Vaticano (chiavi e tiara pontificia) che si trova in InfoVaticana twitter e facebook,
    L’uso di questo simbolo fa pensare che siano notizie provenienti direttamente dalla Santa Sede.

    • Cura ha detto:

      Who are you to judge?? (sarcasm) 😆

    • G.Gervasi ha detto:

      @ anonimo
      Oggetto dell’azione legale é il “sito”, in cui tali simboli non vengono usati.
      Per quanto riguarda Facebook e Twitter basta rivolgersi agli amministratori degli stessi e richiedere il cambio del nome. Sarebbe interessante, poi, vedere come le due .com
      decidono al riguardo.
      Gli amici di infovaticana, infine, dovrebbero esercitare
      le loro facoltá satiriche nel suggerire un nuovo nome
      per il sito. E quí, chi piú ilaritá ha, piú ne metta.
      Tali azioni vaticane meritano lo scherno e la derisione
      pubblica di ogni uomo e donna che si ritengano membri
      di una societá libera e civile.
      Suggerisco, per primo, il nome “El Bergoglioso. Noticias
      vaticanas”.

  • Cesare Baronio ha detto:

    Tra l’altro non si comprende come mai la setta conciliare sia così incline a difendere i propri interessi ricorrendo ad un costosissimo studio legale (anche ammesso che esso la patrocini gratuitamente, a fronte del prestigio del cliente e della pubblicità che ne deriva), anziché limitarsi ad una semplice richiesta per via gerarchica.

    Non dimentichiamo che parallelamente ci sono cause contro poveracci che vendono piatti con l’effigie del Sedicente, cui viene intimato di pagare le royalties alla Santa Sede. E produttori di lecca-lecca con la facciona sorridente di Bergoglio nella stessa situazione.

    Mi piacerebbe sapere quanto spende la Segreteria di Stato per farsi tutelare dalla Baker & McKenzie…

  • Stimato Direttore:
    Non so se sarà informato che qui in Spagna, nelle principali web cattolici non può scriversi niente, né con prove, contro il gesuita che passò per il suo culo le avvertenze del suo santo fondatore Ignazio di non aspirare ad episcopati.
    Religión Digital è diretta per un sacerdote che lasciò la Messa per una donna e è un gran amico e propagandista di Jorge Mario Bergoglio Sívori.
    InfoCatólica, Religión en Libertad e InfoVaticana, puoi scrivere contro qualunque vescovo, ma né una parola contro Francesco, né una. Puoi scrivere criticando l’Amoris laetitia, ma non a Francesco. Puoi scrivere sugli attuali mali della Chiesa cattolica, ma non puoi segnalare a Francesco come causa del male.
    In gennaio di 2014 InfoVaticana pubblicò il mio tema: “Grigio, un “cane” molto speciale”; ma smisi di scrivere perché non ammettevano che segnalasse a Francesco come responsabile e principale male della Chiesa, e suolo lo chiamava il profetizzato “Pastore stolto.”
    Stimato Direttore: in queste web spagnole cattoliche non avevano ammesso né uno solo dei commenti che gli ho inviato.
    Saluti.
    Estimado Director:
    No sé si estará informado que aquí en España, en las principales web católicas no se puede escribir nada, ni con pruebas, contra el jesuita que se pasó por su culo las advertencias de su santo fundador Ignacio de no aspirar a obispados.
    Religión Digital está dirigida por un sacerdote que dejó la Misa por una mujer y es un gran amigo y propagandista de Jorge Mario Bergoglio Sívori.
    En InfoCatólica, Religión en Libertad e InfoVaticana, puedes escribir contra cualquier obispo, pero ni una palabra contra Francisco, ni una. Puedes escribir criticando la Amoris laetitia, pero no a Francisco. Puedes escribir sobre los actuales males de la Iglesia católica, pero no puedes señalar a Francisco como causa del mal.
    En enero de 2014 InfoVaticana publicó mi tema: “Gris, un “perro” muy especial”; pero dejé de escribir porque no admitían que señalase a Francisco como responsable y principal mal de la Iglesia, y eso que solo le llamaba el profetizado “Pastor necio”.
    Estimado Director: en esas web españolas católicas no habían admitido ni uno solo de los comentarios que le he enviado.
    Saludos.

    • SPQR ha detto:

      passò per il suo culo
      Interessante questa locuzione. Cosa significa? Forse “non curarsi di qs.”?

      • @ SPQR.
        Cosa significa SPQR?
        Dopo tre giorni di raccoglimento nella sua cella di suppliche e lacrime, Dio ispirò Ignazio di Loyola che doveva lottare affinché nessun della sua Compagnia aspirasse ad episcopati; ma come Jorge Mario è più santo che Ignazio e più misericordioso che Dio: se lo pasó por su culo, se lo pasó por su arco del triunfo, se lo pasó por su mundana entrepierna, se puso por montera el Mundo, hizo lo que quería, hizo lo que le dio la gana…
        Rimane dimostrato che Jorge Mario è più che Ignazio di Loyola, e rimane dimostrato col suo Amoris laetitia dove corregge a Dio in Giovanni 8:11, è più che Dio.
        Per quel motivo Jorge Mario è arrivato ad essere il profetizzato “Pastore stolto e falso profeta” di Zaccaria e Apocalisse.
        Io non giudico, non ho potere per giudicare, Jorge Mario se giudicò essere degno vescovo, cardinale e presentarsi due volte a Papa.
        Potere, potere, Potere !…: il caso Francescani dell’Immacolata, il caso Mario Palmaro, il caso Rogelio Ricardo Livieres Plano, il caso ecc.
        Fine.

        • SPQR ha detto:

          @ Ángel Manuel González Fernández

          SPQR significa Senatus PopulusQue Romanus (o, secondo altra interpretazione Senatus Populusque Quiritium Romanus). La macchina della diffamazione gallica lo interpreta, indebitamente, come “Sono Pazzi Questi Romani”.
          Giacchè mi pare che tu sia di lingua spagnola, eccoti una spiegazione nel tuo idioma: https://es.wikipedia.org/wiki/SPQR

          • Chi ora non si danno il viso e si nascondono nell’anonimato perché hanno paura del profetizzato “Pastore stolto e falso profeta” Francesco, quando arriverà l’Anticristo con tutto il Potere di Satana… saranno i suoi schiavi.
            Fine: non più commento da parte mia.
            Quienes ahora no se dan la cara y se esconden en el anonimato porque tienen miedo al profetizado “Pastor necio y falso profeta” Francisco, cuando venga el Anticristo con todo el Poder de Satanás… serán sus esclavos.
            Fin: no más comentario por mi parte.

          • Lo Spettro di FF ha detto:

            Ecco bravo, non commentare più, che la Chiesa è già abbastanza incasinata senza bisogno di deliri apocalittici.

    • G.Gervasi ha detto:

      @ Angel Manuel Gonzalez Fernandez
      Il mondo ama i suoi, ed i poteri forti proteggono i loro.
      Libertá di parola, di opinione e di stampa??????
      Ma scherziamo!

  • Sempliciotto ha detto:

    PARRESIA

  • Serena ha detto:

    Mi pareva che Bergoglio avesse dichiarato che non gli interessano i siti a lui stesso “non allineati” perchè leggerli gli fa male alla salute mentale. Ma forse gli è capitato per sbaglio di dare un’occhiata a questo sito spagnolo (essendo nella sua lingua madre si può capire l’imprudenza).
    Ne deve essere rimasto così sconvolto che avrà deciso di costituirsi parte civile per avere un risarcimento del danno psichico che gli ha provocato la lettura, con l’intenzione, ben s’intende, di dare poi la somma in beneficenza a qualche ong per il trasporto dei migranti.

  • Manfred Ferrari ha detto:

    Questa reazione della Segretaria di Stato mi meraviglia. Per tanti anni pubblicavo una Newsletter con il nome VATICAN NEWS, un titoli che oggi la Santa Sede usa se stesso. Non avvevo mai in mente di “processare“ il Vaticano per um tale fatto…e non avvrei nismche il denaro per farlo.

    Sembra che la Segretaria di Stato abbia ricevuto delle „nuove“ istruzioni dal „alto“. Non mi sembra una reazione tipica del Cardinale Pietro Parolin, un uomo cauto e ragionevole.

    Cordiali saluti
    http://www.ferrariresearch.com

  • Nicola ha detto:

    Per quanto riguarda la prima chiusura in aprile 2017 di Anonimi della Croce, dalle parole di chi lo gestiva ( Fra Cristoforo) tutto lasciava temere una chiusura definitiva ( ma così non é stato)ma dalle parole di questa seconda chiusura, tutto lascia pensare che si tratti di una migrazione del sito temporanea per ovvi motivi di sicurezza in quanto anche a loro ” danno la caccia ” in quanto non allineati all’ attuale Regime e quindi sgraditi. Io penso riapriranno quando saranno nuovamente ” pronti” e ci saranno le condizioni. Tempo al tempo. https://www.gloria.tv/link/Nid4rvbisyPo2AdnUTQ6oRehc/postings
    https://gloria.tv/article/4og24L68NSD73ZrqBoRjEHmka
    Ma Anonimi della Croce ed Info Vaticana non sono certo i
    Primi Siti che hanno dato fastidio. Prima acora di Francesco, regnante Papa Giovanni Paolo II ( già da allora pensate…….) esponenti della nascente neo Chiesa ( sotterranea all’epoca: oggi sono tutti usciti allo scoperto) hanno fatto fare a pezzi il glorioso e cattolico doc sito Lo Zuavo Pontificio che denunciava tutte le derive dottrinali delle alte gerarchie cattoliche di allora. Ricordo un loro articolo di chiusura del sito in cui si parlava di minacce legali milionarie in CASO di continuazione…..Ecco la loro triste fine.

    http://vocedalvicolo.blogspot.it/2008/11/il-caso-lo-zuavo-pontificio.html

    Per non parlare del sito Antidoti di Rino Cammilleri il quale è stato costretto ad eliminare i commenti dei lettori alcuni anni fa, dopo una convocazione da parte della Polizia Postale, in quanto detto commenti davano fastidio a Qualcuno….
    Siamo in Democrazia ragazzi……

    • Alberto ha detto:

      Personalmente penso che qui ci siano persone che guardano troppa televisione. Mi chiedo e vi chiedo: è credibile che il Vaticano, che tratta con potenze mondiali, politici, governi, istituzioni ecc; che ha grane finanziarie, pedofili, corvi, cleto in conflittoe via di seguito…se la meni per due scappati di casa come gli Anonimi della Croce che non fanno paura a nessuno, ma solo ridere se non pena?
      Posso capire Tosatti, Magister, Socci o altri pochi calibri di qualità del genere, ma cosa volete che gli importi di robaccia come quella che non legge nessuno??? Suvvia siate seri!!
      Per Camilleri…anche qui che fantasia. Se ti convoca la Polizia Postale vuol dire che ci sono dei reati informatici. Se non ci sono reati e ti dicono che ”dai fastidio” li mandi a quel paese in due minuti.

      • Maria Cristina ha detto:

        Ci andrei cauto a dire che i due anonimi della Croce non se li fila nessuno. Anche recenti scandali vaticani col maggiordomo Gabriele in veste di ” spione” ci fanno capire che in Vaticano temono soprattutto le soffiate , le spiate, le indiscrezioni che una volta rivelate possono provocare un effetto valanga.Non importa se lo spione o il soffiatore sia un personaggio importante o no. Secondo me essendo uno dei due anonimi della Croce un sacerdote aveva delle ” soffiate” dall’ interno delle mura leonine, insomma delle notizie scottanti. Il controspionaggio Vaticano deve avuto sentore di chi era la gola profonda . Insomma secondo me una storia di spifferi e controspifferi ha provocato la chiusura temporanea del sito.
        Diverso e’ il ruolo di giornalisti seri come Socci , Valli, Tosatti, Rusconi, Pecchioli di NBQ
        Loro paradossalmente anche se piu’ profondi e piu’ seri nelle loro critiche all’attuale potere in Vaticano sono meno “pericolosi” per il potere Vaticano perche’ non detengono materiale scottante e non sono dei ricattatori o dei “corvi”
        Ricordate la storia di Mino Pecorelli giornalista semi sconosciuto di uno sconosciuto giornalino, dove pubblico’ fra L’ altro, la lista dei prelati massoni all’ interno del vertice della Chiesa? Dopo pochi giorni fece una brutta fine.

        • Colaus de Arce (Francesco) ha detto:

          Alberto ha detto:
          marzo 8, 2018 alle 9:37 pm
          ” come gli Anonimi della Croce che non fanno paura a nessuno, ma solo ridere se non pena?”
          Eccone un altro d’oltre Tevere

        • alice ha detto:

          avete cercato con Google chi fosse Finan di Lindisfarne ? potrebbe essere una ricerca interessante…

      • DeNicola ha detto:

        Non è per niente robaccia. E guarda caso in passato sono usciti commenti piccati sui giornali di vari guardiani della rivoluzione bergogliana( ” teologo” Grillo ad esempio). Poi la stragrande maggioranza degli ” Spifferi ” si sono puntualmente verificati o sono stati confermati anche da altri siti in ritardo però…….. Inoltre a tutte le puntualizzazioni riguardo il cambiamento della Dottrina e del Catechismo, nessuno dico nessuno ha mai risposto dando risposte in merito alla Dottrina Cattolica cambiata , se non con frasi di disprezzo. Per quanto poi riguarda il sito che non leggerebbe NESSUNO, se uno si va a guardare i commenti dei lettori, scoprirebbe che c’erano commenti da lettori di tutto il mondo , sia in lingua inglese che in lingua spagnola. Questo per dire le cose come stanno. Ed inoltre il numero dei lettori italiani era aumentato di parecchio. Per finire quello che dà fastidio è che Fra Cristoforo sia un SACERDOTE, e con una bella preparazione dottrinale altro che scappato di casa. Se poi ad uno non piace il sito, allora legga altrove.

        • Nicola ha detto:

          Errata corrige. Sono sempre Nicola e non De Nicola.

        • alice ha detto:

          oserei dire una preparazione biblica di alto livello. A livello di Docente di Sacra Scrittura in qualche seminario… magari un seminario sgarrupato… ma non è detto che anche nei seminari sgarrupati non ci siano menti eccellenti.
          Io di vocabolari di greco ero rimasta al vecchio Rocci, altro che vocabolari specialistici come quelli citati da Fra Cristoforo !!!

          • Nicola ha detto:

            C’è parecchia gente d’oltre Tevere a quanto pare come ha giustamente commentato Colaus…..

    • SPQR ha detto:

      Se non sbaglio fu imbavagliato anche il povero Colafemmina, per alcune esternazioni fatte nel suo blog Fides et Forma, tra l’altro uno dei più eleganti e meno scollacciati del suo genere. Mi pare che sia stato querelato per diffamazione, anche se, sinceramente, non ricordo le ragioni precise della querela; forse, se non ricordo male, aveva difeso i Francescani dell’Immacolata attaccando il loro “inquisitore”. Mah, insomma, a me sembra che questa smania di censurare, tradizionale fino all’oscurantismo, sia una gran porcheria.

  • Ecclesia afflicta ha detto:

    Scommetto che se infovaticana pubblicasse le veline di Vatican Insider Parolin non avrebbe niente da ridire.
    Se invece Vatican Insider/La Stampa facesse informazione vera e non da Organo del Comitato Centrale di Santa Marta il vescovo di Roma farebbe causa a questi ultimi.

    Patetici.

    Patetica anche la Stampa, che da ex giornale serio è diventato una brutta copia della Pravda.

    In nome della chiesa povera per i poveri, posso chiedere qual è la parcella di Baker & McKenzie? Viene pagata con l’obolo di San Pietro? E il papa che fa il suo predicozzo sulle offerte per le messe, da dove tira fuori tutti questi soldi? Dal tesoretto dell’Ordine di Malta? Paga Maradiaga con i fondi dell’Università dell’Honduras? O la Kirchensteuer della chiesa tedesca, in cambio della comunione per tutti?

    http://ecclesiaafflicta.blogspot.it/

  • Sconsolata ha detto:

    Parafrasando il Sommo Poeta: verità ( e… giustizia! ) vo cercando.
    Ieri è stata autorizzata la promulgazione del decreto relativo al miracolo attribuito all’ intercessione di Paolo VII. Nel rispetto di tutte le opinioni sul suo pontificato, quanto mai di stringente attualità la sua considerazione: «L’uomo contemporaneo ascolta più volentieri i testimoni che i maestri o, se ascolta i maestri, è perché sono testimoni» (2 ottobre 1974; ripresa e sviluppata nella E.N. – 8 dicembre 1975).
    Ogni altra parola è superflua, e ancor di più… superflue interpretazioni altrui verbali e comportamentali di dubbia trasparenza e coerenza.

    • deutero.amedeo ha detto:

      Paolo VII non è mai esistito.

      • Spiridione ha detto:

        Puoi dimostrarlo?

        • deutero.amedeo ha detto:

          No. Però nessuno può dimostrare che sia esistito. Mancano le evidenze.

          • Spiridione ha detto:

            E puoi provare che ”nessuno può dimostrare che sia esistito”??

          • SPQR ha detto:

            No, ma nessuno può provare che nessuno possa dimostrare che sia esistito… Si chiama regressus ad infinitum e c’è chi ci ha provato a costruirci sopra una filosofia (poi è arrivato Basaglia e li ha messi tutti fuori…) 😉

        • G.Gervasi ha detto:

          @ Spiridione
          Purtroppo, Spiridione, l’ “onus probandi” é su di Lei,
          in quanto deutero.amedeo esprime l'”opinio communis”
          che un papa di nome Paolo VII non sia rintracciabile né
          nell’elenco ufficiale dei pontefici romani né in quello degli anti-papi.
          (Mi consenta la facezia!)

    • GMZ ha detto:

      Cara Sconsolata,
      Paolo VI sugli altari non le va giù? Pensi un po’ che un giorno sugli altari ci sarà anche Francesco a fargli compagnia!

      E chissà che miracolo sarà ascritto a quest’ultimo… Beh, trattandosi di Francesco sicuramente più d’uno!

      L’unico ostacolo, allora, sarà la foto in cui Egli effettua carotaggi nelle Sacre Narici e poi saggia la consistenza dei reperti ivi rinvenuti (fotografia che ho visto oggi e che mi fa sorridere. “Il santo scaccolatore” non si può sentire).
      Ossequi.

      • Sconsolata ha detto:

        Ringrazio chi mi ha fatto notare l’errore. È Paolo VI, da me profondamente amato. Non ne avrei giudicato di stringente attualità la considerazione richiamata. È un manifesto in cui cerco un minimo di conforto. Mi scuso per essermi espressa in termini non chiari.

        • deutero.amedeo ha detto:

          Altro punto non chiaro : che è E.N. 8 dicembre 1975?
          Enciclica non è , decreto apostolico non è , discorso non è, esortazione apostolica non è . Eppure qualcosa deve essere.

          • Sconsolata ha detto:

            Non capisco da dove abbia tratto le conclusioni: non è… non è… non è… non è.
            E.N. (o EN) sta per Evangelii Nuntiandi, Esortazione Apostolica di Sua Santità Paolo VI
            dell’ 8 dicembre 1975. Alla nota 67 del medesimo Documento si precisa che la citazione riportata (come tra l’altro lo stesso Paolo VI scrive, ripetendola) era stata pronunciata un anno prima (2 ottobre 1974) nel Discorso ai Membri del “Consilium de Laicis”.

      • Ecclesia afflicta ha detto:

        GMZ, quello che dici è orribile ma ho googlato ed è vero. Dopotutto il santo padre ha fatto la pipì pubblicamente in una latrina per la gioia dei fotografi, per mostrare ai suoi fan adoranti che anche lui è come noantri. Si sarà lavato le mani? Sto discernendo questo punto.

        • deutero.amedeo ha detto:

          Allora nella mia classifizione del genere catholicus alle due specie catholicus vulgaris e catholicus rufus ora dovrei aggiungere quella del catholicus luridus.

      • G.Gervasi ha detto:

        @ GMZ
        Se, infatti, il successore sará della stessa pasta del suo
        predecessore, Francesco dovrá un giorno essere venerato dal mondo cattolico come santo (fondatore della neo-chiesa), vergine (come autore di “Amoris Laetitia”) e martire (martirizzato, infatti, dai suoi critici).
        I miracoli non sono un problema. Come si é visto
        nel caso del Beato Giovanni XXIII, al miracolo richiesto
        per essere iscritto nel catalogo dei santi della chiesa
        cattolica si é generosamente rinunciato, in virtú della
        “fama di santitá” del papa conciliare, che negli equilibri
        vaticani doveva fare da controppeso a un San Giovanni Paolo II, spirito troppo ortodosso e combattivo per essere
        tollerato dai troll della neo-chiesa.
        E cosí la “fama di santitá” di Franceso dovrá sostituire
        ambedue i miracoli necessari per la beatificazione
        e la canonizzazione. La “fama di eresia” dello stesso
        sará considerata irrilevante dal successore proveniente
        questa volta dalle Filippine o giú di lá.

    • SPQR ha detto:

      la promulgazione del decreto relativo al miracolo attribuito all’ intercessione di Paolo VI

      Mah, secondo me un miracolino, se lo si vuole trovare, lo si rimedia sempre…

  • Non Metuens Verbum ha detto:

    Che dire dei pantaloni confezionati in tela vaticana ?

  • Michele ha detto:

    Aspettiamo analoghe azioni legali da parte della Segreteria di Stato contro Andrea Tornielli per il dominio “Vatican Insider”, del Collegio Cardinalizio contro Giuseppe Rusconi per abuso del colore “Rossoporpora”, e dei Cori Angelici contro Sandro Magister per l’appropriazione indebita del marchio “Settimo Cielo”. Sarebbe tutto così ridicolo, se non ci fosse da piangere.

    • Lo spettro di QC ha detto:

      No, a questi le cause potrebbero farle:
      – quanto a Settimo Cielo, il Padre Eterno
      – a Rossoporpora, la catena Rossopomodoro
      – a Vatican Insider, la CONSOB
      Per infovaticana va bene la Segreteria di Stato, perché sembra un organo di informazione del Vaticano. Nella stessa ottica il prossimo Governo italiano dovrebbe fare causa a Radio Italia Network (e non sarebbe male vista la musica che trasmettono).

      • Serena ha detto:

        Toh! Complimenti, Spettro! Per una volta un commento davvero simpatico e divertente. Complimenti, continua su questa strada!

      • SPQR ha detto:

        E a Stilum Curiae – SPQR

      • Ira Divina ha detto:

        Non ho fatto in tempo a salutarvi tutti, spettri, fantasmi e fantasmini che già vi siete stufati del soggiorno a Cuba? Mi sa che la famiglia Castro, ha chiuso le frontiere per la immigrazione, preoccupata dello scompiglio che avreste portato a quelle latitudini! Specie con il vestito di bianco! Dopo che c’è lo hanno mandato qui promuovendolo a gelataio di Santa Marta, figuriamoci se lo riprendevano nelle terre della fine del mondo. Ovviamente lui e il suo seguito. Attenti che con il cambio di registro politico, si può aprire il tempo della caccia per i volatili. Consiglierei la Cina, adesso c’è più dialogo.😂😂😂😂

    • Aurelio ha detto:

      Alle medie mi hanno insegnato che la città di Roma fu fondata nel 753 a.C. su un territorio collinare, di cui faceva parte anche un certo colle Vaticano.
      Questo semplice fatto taglia la testa a qualsiasi pretesa del “Vaticano” inteso come centro del cattolicesimo (?).
      Semmai è la città di Roma, come erede del fondatore di Roma, che avrebbe titolo ipotetico di rivalersi sia sul sito, sia sull’intero stato del Vaticano.

      • G.Gervasi ha detto:

        @ Aurelio
        Non mi sembra che il nome “Vaticano” sia un “TM/trademark” protetto da copyright.
        O che la Santa Sede sia proprietaria di questo TM
        e pertanto, con la causa imbastita contro infovaticana
        possa far valere dei sedicenti diritti di proprietá.
        Si tratta della tipica situazione del prepotente che
        vuol sopraffare il piú debole sapendo che é debole.
        infovaticana potrebbe, infatti, reagire come il “canard
        enchainé” con la minaccia: “si tu me tues, je te mord!”
        (“se tu mi uccidi io ti mordo”.

        • ??? ha detto:

          ”O che la Santa Sede sia proprietaria di questo TM
          e pertanto, con la causa imbastita contro infovaticana
          possa far valere dei sedicenti diritti di proprietá”

          Sa che non ho capito…se é proprietaria perchè il diritto è sedicente?? E come fa un diritto a dire qualcosa di sè????????????

          • G.Gervasi ha detto:

            @ ??? (09.08.18/07:39 p.m.)
            Impari un pó a distinguere e a consultare
            un dizionario della lingua italiana, e tutto Le sará chiaro.
            (1) Proprietaria ‘quoad se’, sedicente ‘quoad nos’.
            “Sedicente”, poi, vuol dire in italiano: asserito, preteso, supposto, presunto, simulato, finto, pseudo…, secondo ció che si dice…. e simili.
            L’unico significato che questa parola NON ha,
            é quello che Lei le attribuisce e che vuole stupidamente rinfacciarmi.
            Ció detto, la Sua Sua ultima domanda dimostra soltanto la Sua ignoranza della nostra, evidentemente non della Sua, bella lingua italiana.
            Abbia la bontá di risparmiarmi tali stupiditá nel futuro.

          • !!! ha detto:

            Come mai quando perdo la carta d’identità e faccio denuncia, nel verbale sostitutivo c’è scritto ”il sedicente sig…”?
            Perchè sono falso o perchè sono uno che ”dice di sé”? Lo usi lei il dizionario!
            Dopodichè compri una grammatica e verifichi se è corretto usare un riflessivo per una cosa inanimata. ”Asserito” va meglio perchè il soggetto è un altro.

  • Grog ha detto:

    E a VATICAN Insider non dicono nulla?

    • G.Gervasi ha detto:

      @ ??? (12.03.18/05:49 a.m.)
      La prego di non insistere nelle Sue assurditá.
      Consulti un buon dizionario della lingua italiana
      e si iscriva a un corso di logica elementare
      all’Universitá della Terza (o Quarta) Etá.

  • deutero.amedeo ha detto:

    Intanto all’ora nona “click to play” propone:

    CON GESÙ NEL POMERIGGIO

    Preghiere3686 PREGHIERE
    “La Chiesa risplende quando è missionaria, accogliente, libera, fedele, povera di mezzi e ricca di amore” (Papa Francesco).
Signore, ti offro il mio cuore. Possa io essere un missionario nella mia vita di tutti i giorni.

    Alla faccia della coerenza

    • deutero.amedeo ha detto:

      Alla stessa ora la vera Liturgia delle Ore invece ci sprona con queste parole:

      NONA Lettura Breve Eb 10, 35-36
      Non abbandonate la vostra fiducia, alla quale è riservata una grande ricompensa. Avete solo bisogno di costanza, perché dopo aver fatto la volontà di Dio possiate raggiungere la promessa.

      Facciamoci coraggio!

    • Ecclesia afflicta ha detto:

      Baker & McKenzie lo possiamo considerare un “mezzo”? Il discernimento cosa suggerisce? E il cambio di paradigma? E le sorprese dello spirito?

      A proposito, come si coniuga discernere al participio passato?

      • Adriana ha detto:

        @ Ecclesia Discreto ( non : dissacrato)

        • Ecclesia afflicta ha detto:

          Grazie! Devo dire che non ci sarei mai arrivato… Quindi posso scrivere “Oggi il mio parroco ha discreto intensamente per tutto il pomeriggio e ha concluso che xyz non è più peccato” (sostituire xyz con furto, adulterio, omicidio, falsa testimonianza o altro peccadillo a piacere)

          • Adriana ha detto:

            @ Ecclesia .Detto tra noi ,puoi anche sbizzarrirti a dire che ha discernuto ( assonanza suggestiva con cornuto ), oppure escreto ( significato che rimanda a una precedente interiorità ). Oppure masticato ( allude a lunga riflessione masticatoria). Vanno bene in questi casi così “chiari ” anche disconfortato ,disconosciuto, disconciato , discostato : chi da che cosa? Persone ignare da principi virtuosi ,of course . Vale sempre la tattica fantozziana . Tanto non se ne accorge nessuno !

          • GMZ ha detto:

            Cara Ecclesia Afflicta,
            Non credo si possa dire così, poiché in italiano non esiste il participio passato di “discernere”; e ove anche esistesse, ricordiamoci che discernere è verbo transitivo.

            Detto questo, c’è un peccato di cui nessun parroco (con le eccezioni di parroci eccezionali) sminuirebbe la gravità: la lesa maestà, sappiamo bene verso chi. Per quella si va all’inferno!
            Ossequi.

      • deutero.amedeo ha detto:

        Caro mio tutto dipende dal fatto che con Papa Francesco sono cambiati i parametri. Non sarai così ingenuo da insegnare ai tuoi figli quello che la chiesa prima di Bergoglio ha insegnato a te. L’importante è cambiare, cambiare. Che cosa e come non ha importanza.

      • terzoc ha detto:

        Discreto (il participio passato di discernere).
        Se sia appropriato non so. Forse no pero’.

  • Lucy ha detto:

    Alla occhiuta vigilanza della dittatura bergogliana nulla sfugge ; i funzionari del KGB ,della Stasi , della securitate oggi potrebbero fare un corso accelerato in vaticano.Ma giriamola in positivo .Il fatto che si scaglino contro il più piccolo segnale di dissenso vuol dire 1) che si sentono insicuri , 2) che non hanno più Fede.Se l’avessero , convinti delle loro buone ragioni , lascerebbero spazi di libertà e di critica .Quando non si ha più Fede il vuoto viene riempito da ossessiva “educazione ” e da manovre intimidatorie e vessatorie .Ma non riusciranno a far tacere la Verità.
    Diceva Paolo VI (cito a memoria):”può darsi che in futuro un pensiero non cattolico diventi maggioranza nella Chiesa , resterà sempre un piccolo gregge….”.Noi ora siamo quel piccolo gregge che deve tenere accesa la fiaccola della Verità e contro il MARTELLO bergogliano dobbiamo dire , come diceva l’Arc.Von Galen contro la propaganda nazista, NOI SIAMO L’INCUDINE.

    • Spiridione ha detto:

      Hai dimenticato la gestapo e l’ovra!!
      Io comunque anche se sono di famiglia greca ho vissuto in DDR e posso asssicurRare che la stasi era tutt’altra cosa!

  • Lia ha detto:

    Interessante e da prendere in considerazione il suggerimento di Baronio. Certo siamo a un buon punto! A quando la persecuzione dei Cristiani Cattolici?

  • Dorotea ha detto:

    ^__^ stia attento ora lei, Tosatti, perché anche il termine “STILUM CURIAE” potrebbe rivelarsi di dominio “privato” ^__^
    se non altro perché potrebbero associarla al Sarpi e quindi – leggendola in negativo – potrebbero avocare il diritto del termine CURIAE ^__^ …. OK. la mia è una battuta, ma i livelli della Curia di oggi non sono da meno 😉

  • deutero.amedeo ha detto:

    A parer mio dovrebbe essere più preoccupante per la Santa Sede il fatto che ormai in tutto il sud America di lingua spagnola papa Francesco sia soprannominato El pancio, che significa più o meno: uno che non sa fare niente e pretende tutto dagli altri.

  • Cesare Baronio ha detto:

    Si dovrebbe evidenziare che “Vaticano” è il nome di un colle di Roma, preesistente alla Chiesa Cattolica ed ancor più allo Stato della Città del Vaticano. Se uno chiama un sito “InfoEsquilina” o “InfoPalatina” è esattamente lo stesso. Altra cosa sarebbe se il sito si chiamasse “InfoSantaSede” o “InfoChiesaCattolica”, ammesso e non concesso che nessun altro possa rivendicare il nome di “Santa Sede” in punta di diritto.

    E’ altresì evidente che il tentativo di silenziare il dissenso da parte della setta modernista che infeuda il Vaticano si esplicita col ricorso alle cause civili patrocinate da grandi studi legali. Peccato che la Santa Sede non si muova con pari sollecitudine nel caso di oltraggi della Religione Cattolica, in cui vengono usati simboli o abiti religiosi o insegne ecclesiastiche: basti pensare ai casi di vilipendio della Religione in cui si usano le vesti sacerdotali proprie del culto cattolico o gli abiti religiosi di suore e frati (compresi film pornografici e spettacoli blasfemi).

    Viceversa, se un sito esprime un dissenso argomentato alla deriva dottrinale e morale della neo-chiesa, ecco abbattersi implacabile la furia dei censori.

    • Laico ha detto:

      Ma non avevano già detto, nei giorni scorsi, che bisognava educare il popolo italiano ? evidentemente anche il popolo spagnolo ha bisogno di essere educato.
      Colpisci uno per dare l’esempio agli altri, che così si dovranno abituare ad una maggior autocensura… no. forse meglio ad un maggior autocontrollo.
      E della fine, pardon della scomparsa del blog “anonimi della croce” cosa ne dite ? Ora frà Cristoforo ed il suo socio Finan di Lindisfarne sono probabilmente ecclesiastici che sono stati ridotti al silenzio da qualche superiore. Per il momento i blog ancora liberi credo siano gestiti da laici e non da membri del clero. Il blog perseguitato legalmente è gestito da un sacerdote o da un laico ?

      • Colaus de Arce (Francesco) ha detto:

        @ Laico
        ” Ora frà Cristoforo ed il suo socio Finan di Lindisfarne sono probabilmente ecclesiastici”
        Solo Fra Cristoforo è sacerdote, Finan di Lindisfarne è laico.

        • Spiffero ha detto:

          Nessuno dei due è sacerdote

          • Colaus de Arce (Francesco) ha detto:

            @ Spiffero
            ” Nessuno dei due è sacerdote”
            Per quello che ci è dato sapere Fra Cristoforo è un chierico, per il resto sono le informazioni che interessano, sia se chierico o meno.

    • Iginio ha detto:

      si dice “in puntO di diritto”, non “in punta”

      • Cesare Baronio ha detto:

        Mi scuso per il refuso. E’ sfuggito… Grazie per la pronta correzione. Rimane il concetto: se la Curia Romana sguinzagliasse i suoi avvocati per farsi risarcire ogni volta che viene ingiustamente diffamato un ecclesiastico o vilipeso uno dei suoi simboli e “marchi”, potrei anche capire che non voglia veder il nome “Vaticana” usato da un sito che non dipende dalla Santa Sede. Ma oggi tutte le peggiori offese del Clero Cattolico sono lasciate impunite, mentre vi sono occhiuti censori che non perdono un attimo a spedir lettere intimidatorie a chi osa criticare il Satrapo di Santa Marta. Finché si bestemmia Dio e si vilipendono le cose sante, guardano da un’altra parte; ma se si tocca Bergoglio…

      • Serena ha detto:

        Ma (azzardo) potrebbe anche essere un’espressione corretta, ina nalogia con “in punta di coltello”…dipende da quel che si vuole intendere.

    • Ecclesia afflicta ha detto:

      A proposito di uso improprio di simboli religiosi, è la stessa Conferenza Episcopale Italiana che prende per i fondelli Gesù Cristo e la Vergine Maria nelle strisce settimanali di Staino su Avvenire. Se sono i vescovi i primi a ridere con queste penose vignette, i cambio di paradigma nel clero bergogliano è già avvenuto

      http://www.lanuovabq.it/it/avvenire-ridicolizza-gesu-almeno-facesse-ridere

  • franz ha detto:

    beh ! tutta pubblicità gratuita . Ora suggerisca all’editore di cambiare solo il nome , che sò in Controinfovaticana . O Infocontrovaticano . oppure VaticanOutsider . O ancora Infoexachiesacattolica . Qualcosa del genere , ironica e spregiudicata. Tanto ormai frittata è stata fatta …

    • Laico ha detto:

      La parola da cancellare è proprio il termine “Vaticano”. Se non ci fosse già il blog di Sandro Magister potrebbe copiare in spagnolo il titolo “SEttimo Cielo”
      In antico, cioè prima dell’apertura di via della Conciliazione, la zona si chiamava “Borgo Pio” Il titolo potrebbe diventare Notizie da Borgo Pio, Semplice e popolare.

      • Iginio ha detto:

        Il rione davanti alla Basilica di San Pietro si chiama (tuttora) BORGO. Sic et simpliciter. Nel settembre 1870, in quanto parte della Città Leonina, fu proposto di lasciarlo al Papa, ma gli abitanti si ribellarono e votarono per l’unione al Regno d’Italia, dopo che il Papa stesso aveva chiesto l’intervento delle truppe italiane.
        Borgo Pio è una delle strade principali antiche di Borgo in direzione est-ovest (le altre sono Borgo Vittorio e Borgo Santo Spirito).