ROMANA VULNERATUS CURIA CI SCRIVE DAGLI USA. CI DICE: I CATTOLICI YANKEE SI STANNO STUFANDO. PREPARANO QUALCOSA.

23 febbraio 2018 Pubblicato da --
Marco Tosatti

Romana Vulneratus Curia (RVC per amici e nemici di Stilum Curiae) è in viaggio. Ma ha voluto renderci partecipi delle sue esperienze oltreoceano. Collegate, naturalmente, alle vicende della Chiesa. Ecco il suo messaggio.

“Caro Tosatti, sono RVC in visita “apostolica” negli Stati Uniti d’America. Negli ambienti (rimasti) cattolici che si preoccupano della sopravvivenza della nostra santa chiesa, si parla molto della cacciata dal consiglio dello IOR di Mary Ann Glendon, ex ambasciatrice Usa presso la Santa Sede ed ex Presidente della Pontificia Accademia delle Scienze, quella di cui il vescovo argentino Sanchez Sorondo è Segretario Generale e “deus ex machina”. Ovviamente i commenti hanno un valore di verità in funzione della provenienza e dei possibili pregiudizi verso il Pontificato, gli affari finanziari della Santa Sede e così via, perciò potrebbero esser anche un po’ ritoccati.

Le partecipo comunque due indiscrezioni, che ho ridimensionato nel tono, che potrebbero interessare i suoi lettori italici.

La prima è che alcune istituzioni cattoliche americane si sono stancate di veder dissipare in questo modo sia il patrimonio dottrinale, sia quello finanziario; e stiano preparando un’azione che, sempre come indiscrezione, mi dicono sarà piuttosto incisiva. Come si dice, o meglio come si diceva quando si parlava latino, siamo al “redde rationem”, cioè alla resa dei conti, almeno per quanto riguarda Ior, Apsa, ecc.

La seconda è più complessa per me da valutare. In una cena in un locale di midtown (a Manhattan) mi son trovato come vicino di tavolo un ex ambasciatore russo di origine ebraica, ora in pensione ma piuttosto lucido e consapevole. Mi sussurra all’orecchio (ed io mi son trascritto su un foglietto subito dopo): “But what do you think of the current Jesuit pontificate? We are worried for two reasons. First: until yesterday were you Catholics our lifesaver in case of danger, tomorrow? Second: Catholic education, which we do not naturally observe, but which we benefit from, what will the end be?”.

“Ma che cosa pensa del pontificato gesuita in corso? Noi siamo preoccupati, per due ragioni. Primo: fino a ieri eravate voi cattolici, i nostri salvagente in caso di pericolo. Domani? Secondo: l’educazione cattolica, che noi naturalmente non osserviamo, ma da cui traiamo benefici, che fine farà?”.


Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.

LIBRI DI MARCO TOSATTI SU AMAZON

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

94 commenti

  • Vittorio ha detto:

    Ci saranno prostitute pubblicano e eroi borghesi che vi precederanno nel regno dei cieli

    https://youtu.be/EDhNvAQ9Dbk

  • Iginio ha detto:

    Bisogna chiedere il benestare di Faggioli, un professorucolo discepolo di Melloni finito in America a pontificare e assurto a notorietà internazionale benché non siano chiari i suoi meriti, al di là dell’affiliazione ideologico-settaria.

  • Vittorio ha detto:

    Della carita’ o Delle definizioni di un papa me frega poco. Festeggio i santi canonicamente: il giorno del loro dies natali, della morte umana. In vita possono dire eresie o essere assassini e poi fatti beati (mandanti di assassinio, vabbe’). Mi piace la parabola del pubblicano e del peccatore. Erano 2 peccatori ma solo uno invoco’ la misericordia di Dio e fu perdonato.

  • Mario ha detto:

    Scrive Deutero.amedeo: “L’educazione cattolica che fine farà?”.
    La domanda corretta da porsi è a mio parere un’altra: Oggi, si fa ancora educazione cattolica?
    Qual è la risposta? No, non si fa più educazione cattolica!
    Il perché è evidente: perché non esiste più quell’humus familiare fertilissimo che riusciva a dare ai bambini e ai ragazzi l’infarinatura necessaria alla realizzazione di un iniziale percorso religioso. Un percorso fatto non soltanto di belle parole lette o sentite da qualche parte ma frutto dell’atmosfera familiare, della partecipazione e degli esempi concreti messi in atto dai familiari stessi, che consentiva ai ragazzi di vivere e di far propri gli insegnamenti e le tradizioni religiose.
    Naturalmente, come sempre accade, esistono le eccezioni che tuttavia non mutano lo scenario, perché rappresentano una percentuale ininfluente.
    C’è ancora qualcuno che uscendo da casa si segna con il segno della croce? Quante mamme insegnano ai bambini le preghiere prima di dormire? Quella preghiera serviva a incuriosire e a far percepire al bambino l’esistenza di un’entità non familiare cui rivolgersi per chiedere rassicurazione e aiuto. Chiedere ad esempio alla Madonnina e a Gesù bambino che mamma e papà o i nonni stessero in buona salute o affidar Loro qualche pensierino con la “certezza” di essere accolti e accontentati. Piccole cose certo, ma fondamentali per generare quell’importantissimo imprinting religioso che in ognuno di noi, a distanza di parecchi decenni, ha lasciato comunque una traccia indelebile, anche se poi in alcuni la fede è svanita.
    Credere che le lezioni di catechismo possano sopperire alla mancanza di quell’humus familiare rappresenta un grave errore di valutazione. Oggi i bambini che partecipano al catechismo hanno 8/9 anni e a quell’età hanno già sviluppato una loro idea di mondo, una “forma mentis” difficile da scalfire e modificare se sono del tutto assenti quei presupposti e soprattutto se di quel brevissimo indottrinamento resta nulla, come accade nella stragrande maggioranza dei casi.
    Sappiamo tutti, sacerdoti compresi, che pochissimi sono infatti i ragazzini che continuano a frequentare la parrocchia, quando in famiglia non c’è nessuno che riprenda o faccia proprio quell’insegnamento. Non c’è nulla quindi di cui meravigliarsi se poi si scopre che per molti genitori il Battesimo, la prima Comunione e la Cresima rappresentano soltanto un’occasione ghiotta come altre per festeggiare l’evento familiare con un rinfresco e la partecipazione di parenti e amici e nulla più.

  • Vittorio ha detto:

    A chi si dichiara cattolico, autorefenzialmente, auguro che la qualifica gli sia vidimata l ultimo giorno. Piu’ modestamente mi accontenterei di essere un pubblicano o una prostituta, dato che per me il vangelo E’ VANGELO, sta scritto : che passeranno avanti a molti nel regno dei cieli.
    Certo, la discriminante e’ l essere pentiti e coscienti dell’ imperfezione dovuta alla caduta originale! In quanto alla morale “tutto mi e’ lecito, ma non tutto mi conviene”. Direbbe Paolo. Alla fine…..nella mia peccatrice confusione vi svelo un “segreto”. Ho scoperto cos è il peccato imperdonabile, la bestemmia contro lo spirito.
    E’ il disperare della misericordia di Dio. Siamo noi che rifiutiamo la misericordia, e la salvezza. Io non so se Gesu’ fosse buono, so che senza il suo sacrificio i riti le opere e anche la fede non mi possono salvare. Dio invece e’ Buono (lo dice Gesu’). Solo Dio. Ci aspetta . Non nel chiasso. Ma nel silenzio di vento sottile (Isaia). Senza la nostra adesione non ci salviamo. L adesione di riconoscerci TUTTI peccatori, e se santi, grazie al dono di Dio. Imho

    Pregate per me e vi contraccambio come riesco.

    • Maria Cristina ha detto:

      Il peccato contro lo Spirito Santo, quello che non puo’ essere perdonato, e’ dire che cio’ che e’ male e’ bene e che cio’ che e’ bene e’ male.
      E’ L’ “inversione” della Verita’, il ribaltamento di tutti i valori. E’ il peccato luciferino, dal Lucifero L’ Angelo ribelle che disse ” Non serviam” non serviro’ .
      Prostitute e pubblicani sono poveri peccatori nella carne, non commettono il peccato d’ orgoglio luciferino, per questo passeranno davanti a tanti teologi e cardinali a la page, che invece si credono giusti.

      • Vittorio ha detto:

        Il problema che l unico bene Assoluto e’ Dio e lo dice pure il concilio: c è del buono anche nelle altre religioni, basta: extra ecclesia nulla salus! Sicuri di essere cattolici post conciliari?

      • Vittorio ha detto:

        Non penso si possa dire piu’ cio’ che e’ male o cio’ che e’ bene. Urge giudizio divino. Magari alla nostra morte. Poi il peccato nello spirito e’ cio’ che “penso ” io. Non che sia verità ex catedra, mia 😊.

        • Ira Divina ha detto:

          “I peccatori e le prostitute……..” Caro Vittorio non conosco il tuo passato e quindi non so da quando hai iniziato a sentirti cattolico o a definirti tale, ma sappi che l’essere cattolico implica credere a ciò che è stato e sempre sarà il deposito della fede che nemmeno il Vaticano II ha potuto scalfire, anche se “il fumo di satana ” lo ha un po’ offuscato con il tentativo modernista e relativista di portarlo sul sentiero oggi intrapreso da questa gerarchia ecclesiastica, anche se per grazia di Dio si levano voci contrastanti questo tentativo. La grazia di Dio opera nella vita di un credente solo se esso è aperto all’azione dello Spirito Santo, cioè desideroso di conversione. Non basta la coscienza del proprio peccato, ma è necessario venire fuori da quella condizione e camminare in una vita nuova. È questo il senso della Pasqua e dell’uomo nuovo. Chi ha consapevolezza del proprio peccato e non si apre all’azione della grazia, cioè non si converte, rifiuta di vivere una vita santa per la edificazione di una chiesa Santa! Dunque che vuoi fare? Proseguire in una vita di peccato e illuderti di essere salvato dalla misericordia ( pensiero Luterano), o vuoi edificare il corpo mistico di Cristo con un autentica conversione? Non aggiungo altro! Chi ha orecchi per intendere, intenda!

          • Vittorio ha detto:

            Son battezzato da 50 anni. Consapevole che da cattolico o da Cristiano posso andare all’ inferno. A me interessa salvarmi l anima, non le tessere. Dico cio’ che penso: Dio non e’ cattolico, mussulmano o ebrei e se c è appariremo tutti davanti a lui. Ci saranno ultimi che saranno primi e primi ultimi. Magari ci sara’ il nazista Luz Kong protestante, che si trovo’ sul fronte per volere d altri.

          • Vittorio ha detto:

            Longo

          • Vittorio ha detto:

            Ira divina sicuro che i protestanti di oggi vivano in peccato? O hanno una morale è un etica per certi versi pure piu’ biblica? Son cattolico perché non mi e’ impedito l accesso alla messa, non son scomunicato…la mia cattolicita’ vale come la vostra. Parole umane. Comunque cosa aspettate a dichiarare eretico questo papa? Cosa aspettano i cardinali? Sono eretico? Non mi faro’ certo bruciare da voi…non ho paura degli islamisti…😂

          • Vittorio ha detto:

            Vi fate una bella chiesa di legionari di Cristo, con tutte le forme possibili. Oppure iniziate a ragionare: ma se Dio si e’ servito di certa gente, ha tratto il bene dal male, non ci ha insegnato un po’ più di umiltà? Avevo un grande parroco, da giovane, era l epoca di “via con il vento in Vaticano “. Non era un curiale ma nemmeno fesso…Pero’ li era sincero: mi diceva PENSA ALL ANIMA TUA!! Non lo fecero nemmeno monsignore, ne fecero un altro…che non sa manco più l elenco dei vangeli.

    • Sempliciotto ha detto:

      Allora uno che crede in Gesù, figlio di Dio Padre Onnipotente, incarnato per opera dello Spirito Santo nel seno della Vergine Maria, crocifisso, morto, risorto, asceso alla destra del Padre, e crede alla Chiesa Una, Santa Cattolica e Apostolica, e cerca di vivere la fede Cattolica con tutte le sue forze non può definirsi Cattolico?!
      Forse meglio Cristiano Anonimo?
      Siamo alla follia e al relativismo più puro!

      • Vittorio ha detto:

        È uno da la vita per un fratello, magari quel marocchino annegato per salvare una donna, niente, lui sara’ sicuramente dannato perche’ non era battezzato? Non ha ricevuto il suo premio necqui, ne nell’ aldila’.

      • Vittorio ha detto:

        Pure i demoni credono. Magari Amare, seguire la regola Aurea e’ piu’ importante .

      • Vittorio ha detto:

        Se non e’ relativismo che un assassino sia beatificato!!

      • Colaus de Arce (Francesco) ha detto:

        @ Sempliciotto
        ” e cerca di vivere la fede Cattolica con tutte le sue forze non può definirsi Cattolico?!”

        Non solo può definirsi cattolico ma anche “Figlio di Dio”, al contrario dei “figli di Dio”, i quali sono creature ma non “Figli” di Dio.

  • André Sampaio ha detto:

    Una recente situazione di gravissimo sacrilegio in Brasile, in un evento di tono neomarxista (Pellegrinaggio della terra): “Due donne [ministre protestanti] ‘concelebrano’ la messa con vescovi della CNBB [Conferenza Episcopale brasiliana]” (vide https://fratresinunum.com/2018/02/21/duas-mulheres-concelebram-a-missa-com-bispos-da-cnbb-isto-ja-e-possivel-ou-continua-sendo-um-gravissimo-delito/).

  • André Sampaio ha detto:

    Una recente situazione di gravissimo sacrilegio in Brasile, in un evento di tono neomarxista (Pellegrinaggio della terra): “Due donne [ministre protestanti] ‘concelebrano’ la messa con vescovi della CNBB [Conferenza Episcopale brasiliana]” (vide ).

  • Adriana ha detto:

    Err. Corr. Noli legere

  • Adriana ha detto:

    Queste ” reprimende”,,queste proibizioni di leggere testi che evidentemente non ottengono l’imprimatur di Spettro mi sembrano copie carbone – sbiadito- dei diktat di Togliatti (il Migliore) nei confronti di Elio Vittorini . Ma almeno Ercole Ercoli adduceva motivazioni squisitamente staliniste (cioè un tantino meno liberals di quelle di Lenin). Qui però non vedo traccia di motivazioni , necessarie per far supporre che in tali “autorevoli” non expedit et non lege aliti almeno un soffio di carità ( naturalmente quella cristiana moderna e flessibile , non quella tradizionale , stantia e rigida.) Deve entrarci l’influsso di Massimo il Confessore che , come si sa , viene volentieri e spesso citato e preso a modello dal Capo dell’ Entità.

  • Sempliciotto ha detto:

    MI CHIEDONO
    – “Ma tu sei Cattolico?”

    RISPONDO
    – “Sì”

    CONTINUANO
    – “Hai visto com’è misericordioso Papa Francesco?”

    RISPONDO
    – “Ho detto che sono Cattolico!”

    • Marco 2 ha detto:

      CONTINUANO
      – “Appunto!”

      • Maria Cristina ha detto:

        Continuiamo:

        Fra un vero cattolico e la misericordia ostentata a favore di media , e a corrente alterna , non c’ e’ nulla in comune.

        • Vittorio ha detto:

          Lei puo’ giudicare quindi. Pure un papa. Lo fecero pure con wojtila/Agca. Ma un “vero” cattolico e’ cristiano?

          • Mari ha detto:

            Se, come ho scoperto, sei nato negli anni 60, il tuo dubbio è comprensibile: ma, fidati, “vero cattolico” vuol dire “che segue i veri insegnamenti dei Santi Apostoli di Nostro Signore Gesù Cristo”.

            Che tu non abbia i mezzi per riconoscere questa importante verità non è colpa tua… ma poveretti quanti dovranno rispondere di questa tua ignoranza (purtroppo quasi sicuramente voluta) davanti a Dio!

          • Marco 2 ha detto:

            Vittorio, qui Mari afferma che stanno anche curiosando sui tuoi dati personali!

          • Mari ha detto:

            Che? Non mi va di scrivere l’aggettivo che mi è passato per la mente, ma, Marco 2, quando uno scrive che è stato battezzato 50 anni fa, se chi legge un minimo di competenza matematica ce l’ha, può dedurre senza “curiosare i dati personali” che il sunnominato è stato battezzato negli anni 60…

            Si vede che alle 8.15 le tue facoltà mentali, al contrario di quelle che ti pemettono di scrivere col computer, non erano ancora ben sveglie!

          • Marco 2 ha detto:

            Ma forse Mari l’ha scoperto fra le pagine di questo blog. In ogni caso porgo le mie scuse per il mio commento avventato.

          • Mari ha detto:

            Scuse accettate; quanto all’avventatezza e’ bene saperla controllare , lo dico anche per me.

          • Marco 2 ha detto:

            No, Mari, semplicemente non avevo mai letto quel commento. Con un attimo di pazienza, come può vedere sopra , avrebbe anche letto le mie scuse per il commento avventato.
            Magari un giorno arriveranno anche le sue, Mari, per le avventate accuse al papa fatte da lei.

          • Mari ha detto:

            Spero che quel momento giunga quanto prima.

            Per ora la penso come Sant’Ambrogio: “Dite al Papa che per me, dopo Gesù, non c’è che lui. E che la testa che Dio ci ha dato noi la useremo non solo per metterci un cappello”

            E mi auguro che tanti cattolici , dai e dai, finiscano col pensarla come il grande patrono di Milano.

          • Marco 2 ha detto:

            Mari, ma le sembra di pensarla come sant’Ambrogio?

          • Vittorio ha detto:

            Cara mari, son nato alla fine degli anni 60. In una famiglia cattolica. Fino all’ eta’ della “ragione” e dopo…son stato COSTRETTO da mia madre ad andare a messa. Comunque..la mia biografia in 50 anni non merita. Io ero diventato con la ragione: ateo. Essendo uno scettico, pessimista ecc. il fatto che ora sia credente puo’ aver molte spiegazioni, preferirei ipotesi. Potrebbe essere un esccesso di serotonina, di dopamina o magari una psicosi😂 chi potrebbe ancora credere a un morto resuscitato 2000 anni fa che ha promesso di ritornare presto e da troppo tempo latita? Chi potrebbe credere a un evoluzione morale del mondo (alla Tehillard) dopo Auschwitz e i gulag?

            Non mi faccio piu’ domande. Mi tengo questo briciolo di fede “alla Frassard”, e le confesso anche fosse un illusione, ME LA TENGO STRETTA!

            Le battaglie le feci 20 o 30 anni fa, da giovane. Non son mai stato nella norma. Non mi andavano i preservativi in Africa (o non li capivo), non mi andava la cancellazione dell escatologia finale.
            Oggi ho scoperto che pure l individuale e’ sparita.
            Ho dovuto “consolare” il mio prete al funerale di una persona a me vicina. Altro che francescana sorella morte!! Non ci crede nessuno all’ aldila’. Credono all’ etica, morale, politica e basta 😂 Sono atei devoti, cattolici non cristiani.

            Son sempre stato relativista. Non credo al bene e al male netti. Ma soprattutto non credo al giudizio umano. C è un unica certezza ex catedra che e’ Dio che e’ Amore. Credo al sacrificio di Cristo e son sicuro che un buon mussulmano si salvera’ (grazie al sacrificio di Cristo) a sua insaputa . Cio’ non leva l evangelizzazione. Ma ne esistono parecchie . Io preferisco quella dell Amore….poi tutto puo’ venire da se….”sai io credo in un Dio così, credo in un mondo decaduto , nel peccato, e in una redenzione finale grazie a Dio che ha pagato per noi e non ci ha abbandonato. Credo in un etica….ma le nostre etiche sono imperfette. Quando Nell’armonia condannava Galileo aveva ragione eppure un papa dovette 400 anni dopo chiedere scusa. Non parliamo poi di bioetica…son stato negli hospice…e testimonio che non c e (gia’ prima della legge) eutanasia. Solo levare il dolore.

          • Mari ha detto:

            @ Vittorio: quanto scrivi mi ha fatto vergognare… la mia esperienza avrebbe potuto essere molto simile alla tua (e mai come adesso me ne rendo conto) ma, per motivi che non so (e non per meriti, che non ho), ho incontrato persone che mi hanno fatto amare la Chiesa e quanto insegnava (quanto mi stringe il cuore usare un imperfetto!)

            # non mi andava la cancellazione dell escatologia finale.
            Oggi ho scoperto che pure l’ individuale e’ sparita.
            Ho dovuto “consolare” il mio prete al funerale di una persona a me vicina. Altro che francescana sorella morte!! Non ci crede nessuno all’ aldila’. Credono all’ etica, morale, politica e basta 😂 Sono atei devoti, cattolici non cristiani. #

            Analisi spietata (ma quanto mai veritiera) dello stato attuale di tanta, tanta Chiesa: ho in mente un sacco di fatti che confermano le tue osservazioni.

            Vedi, io accetto l’etica e la morale che la Chiesa propone da sempre perché sono stata guidata a riconoscerne la razionalità e il legame con la Fede… ma se tu hai, di fatto, saltato questo passaggio (ma non per colpa tua) è comprensibilissimo che non ne colga l’importanza, anzi è logico che sembrino indicazioni vessatorie, se non vere e proprie intrusioni nella “sfera privata”.

            Sai, posso proprio dire “Chi sono io per giudicare” : avrei potuto essere anch’io nella tua confusa situazione

          • Mari ha detto:

            @Marco 2 (febbraio 25, 2018 alle 7:53 pm)

            Per comodità riporto:

            “Dite al Papa che per me, dopo Gesù, non c’è che lui. E che la testa che Dio ci ha dato noi la useremo non solo per metterci un cappello”

            Chi ti dice che io non riconosca il ruolo del Pontefice?

            L’ho sempre fatto, soprattutto quando tanti, ma proprio tanti, nella Chiesa e anche fuori, manifestamente (ma senza subirne alcuna conseguenza) e con la più grande faccia tosta, ne ignoravano tranquillamente le indicazioni.

            Ho cercato si seguire i suoi insegnamenti e non mi importava di andare contro la mentalità corrente. Quindi la penso come Sant’Ambrogio.

            “E che la testa che Dio ci ha dato noi la useremo non solo per metterci un cappello”

            Passiamo ora alla seconda affermazione: cosa intenderà dire Sant’Ambrogio? Perché ha voluto puntualizzare l’uso pensante (e quindi, se necessario, critico) della “testa” individuale?
            Questo atteggiamento diventa necessario quando quello che prima era bianco ora lo chiamano nero: anche se lo dice il Papa, io non sono esonerata dal farmi delle più che legittime domande in merito. Quindi la penso come Sant’Ambrogio.

            A proposito: come mai con i pontefici precedenti tanti del “Dite al Papa che per me, dopo Gesù, non c’è che lui” se ne fregavano altamente, e agivano di conseguenza… mentre ora vogliono che sia accettato senza discutere?

          • Mari ha detto:

        • Vittorio ha detto:

          Errata corrige: Bellarmino, non nell’ armonia

          PS: qualcuno sa come si leva il correttore android su smartphone e ci si riappropria della propria scrittura? 😑

      • Sempliciotto ha detto:

        Leggiti Settimo Cielo di Magister di stamattina, che forse è meglio, così al posto che scrivere sciocchezze, magari finalmente impari cos’è la Misericordia di Dio, non quella di Bergoglio, e il vero Peccato contro lo Spirito Santo.

    • Vittorio ha detto:

      Secondo me non e’ misericordioso papa Francesco ma Dio. Dato che la memoria qui non si ha vado a braccio.
      Abramo non crede alla promessa di Dio quindi la mette in pratica ingraviando la schiava (oggi la chiameremmo adulterio eterologo a scopi fecondativi).
      Lot scappa dai feroci sodomiti e ingravia le figlie.
      Davide e’ un assassino .
      Ok erano tutti perfidi ebrei deicidi…il difficile e’ parlare dei redenti. Dei santi. Di 2000 anni di cattolicesimo. Senza dover prendere atto che se non si e’ ciechi o in malafede solo la misericordia di Dio puo’ salvare, pure la chiesa. A partire dal papa relativo, qui tanto adulato .

      • Mari ha detto:

        Probabilmente a non credere ormai più alla promessa di Dio (credo avesse quasi 80 anni) era Sara, e non Abramo, che se ne lamentò sì con Dio ma non prese lui l’iniziativa dell’ “adulterio eterologo a scopi fecondativi”.

        Lui sarebbe stato fedele fino alla morte a Sara, infatti quando si lamenta con Dio che l’erede promesso non arriva e loro due stavano diventando vecchi, considera come logico (anche se gli dispiace) il lasciare la sua eredità a Eleazar di Damasco: perché aspettare ad avere circa 90 anni per “arrangiarsi” (ma lui non era un credente “moderno”).

        E’ la moglie, forse sopraffatta dal marchio di “sterile”, che era quanto di peggio potesse capitare alle donne, a insistere perchè si unisca alla sua schiava Agar.

        Ma senza l’insistenza di Agar Abramo non avrebbe preso l’iniziativa di arrangiarsi: è e resta un modello di fede incondizionata alla promessa di Dio.

        Siccome viviamo tempi condizionati da mentalità perverse crediamo di potercene scusare attribuendo le nostre sconcezze ai grandi Patriarchi: “… del resto, se lo facevano loro…

        Quanto a Lot, si rilegga il testo sacro: sono le figlie, cresciute in mezzo ai perversi sodomiti, a mettere in atto, con uno stratagemma, l’incesto.

        E anche questo fatto, come tanti nella Sacra Bibbia, ci consegna un insegnamento, quanto mai urgente in tempi come i nostri : ci ricorda che anche l’ambiente può pervertire figli di persone buone (la cui moglie però, ricordiamolo, si era “affezionata”alla turpe città)

        Che Dio guardi poi con misericordia qualsiasi essere umano, anche quello nato nelle circostanze più abiette, potrebbe ricordarcelo il fatto che il figlio di una delle due figlie di Lot sarà l’antenato di quella Rut ricordata nella genalogia di Gesù.

        Lei di Davide ricorda solo gli orribili peccati: io l’adamantina fede di cui lui, unico e giovanissimo fra i figli di Israele, affronta uno spaventoso gigante che ha insultato il suo popolo ma soprattutto il suo Dio; e dopo peccati enormi (che Dio gli farà amaramente espiare in vita) è il modello dei credenti che riconoscono il male commesso e implorano il perdono di Dio.

        Scusatemi, ma l’imbrattare i santi del Vecchio Testamento con le nostre sozzure proprio non posso sopportarlo.

        • Gian ha detto:

          Ben detto Mari, come sempre.

        • Mari ha detto:

          “Ma senza l’insistenza di Sara…” non di Agar, scusate.

        • Vittorio ha detto:

          Davide sì penti….ma senza Cristo e senza la misericordia di Dio non si salva nessuno. I dieci comandamenti c erano gia’! Basta metterli in pratica. A che serve il sacrificio espiatorio di Cristo che sceso agli inferi salvo pure, forse, uomini di 25.000 anni fa che adoravano il sole, nelle caverne? Non faccio l apologia del peccato ma della misericordia di Dio.

          • Mari ha detto:

            Infatti, se tu non fossi, come me, nato negli anni ’60, sapresti che Davide dovette attendere, come tutti i giusti del Vecchio Testamento, il sacrificio redentore di Nostro Signore Gesù Cristo per poter entrare nella beatitudine del Paradiso…

            Mia nonna lo sapeva !
            Ed era nata in una sperduta parrocchietta di montagna! Era arrivata solo fino alla 3^ elementare!

            Ma la Chiesa che aveva trasmesso a lei le verità di fede, quando è toccato a noi aver bisogno della sua opera di “Maestra” non è stata più in grado di farlo!

            A chi dir grazie? Tu sei la dimostrazione vivente dei danni che la nostra Santa Madre Chiesa ha patito.

            Avverto (ma posso sbagliarmi: ho notato che spesso voglio vedere negli altri aspetti positivi che poi si sono dimostrati miei errori di prospettiva) che a te sembra che l’insegnamento della Chiesa possa essere stato “poco misericordioso” nei confronti di tanti nostri fratelli che, incolpevolmente, non hanno avuto i mezzi di salvezza di cui la Chiesa è (ma, ahimè, verrebbe quasi da dire “era”) custode irreprensibile ( e a mio parere tu rientri in questa sfortunata categoria per motivi anagrafici).

            E l’essere sensibile alla sorte delle anime di fratelli lontani nello spazio, e anche nel tempo, è sicuramente una predisposizione di animo che Dio apprezza e che, mi auguro di tutto cuore, premierà.

            Come? Permettendoti di capire che quella che a te appare durezza di cuore, (e che il demonio è riuscito a gabellare come essenza dello spirito dei farisei) altro non è che la sollecitudine, (che un tempo la Chiesa aveva ben chiara), di educare i suoi figli a riconoscere ed evitare a tutti i costi l’offesa a Dio (cioè il PECCATO).

            E questa grazia, se tu sinceramente sei disposto ad accettarla (e io pregherò per questo), farà cadere, come a Saulo, il persecutore dei Cristiani, le scaglie che impediscono agli occhi della tua anima di riconoscere la Verità.

        • Vittorio ha detto:

          Era per non imbrattare i santi cattolici. Qualcuno qui scrisse di don Milani. Io non faccio nomi. Ma potrebbero pure esserci santi canonizzati tendenzialmente PEDOFILI.

          • Mari ha detto:

            Equiparare Abramo a chi oggi pratica l’ “adulterio eterologo a scopi fecondativi”, dare a Lot dell’incestuoso, ricordarsi solo di Davide come omicida e dare a tutti gli Ebrei il titolo di deicidi quando tra di loro ci sono Maria Santissima, gli Apostoli, i primi martiri cristiani, mi dispiace per te, ribadisco che è precisamente “imbrattare” i Santi cattolici con le nostre lordure.

            Se tu appartieni ai cattolici della mia generazione posso capire ( vedi sopra) ma devo correggere.

            # Ma potrebbero pure esserci santi canonizzati tendenzialmente PEDOFILI.#

            Stante quanto ti ho esposto nella mia risposta al tuo post (Vittorio ha detto:febbraio 24, 2018 alle 6:46 pm) purtroppo non me ne stupirei.

            Oltre che nella trasmissione della fede credo che ci siano grossi problemi anche nel riconoscere la vera santità: e senza le basi di dottrina cattolica quanti hanno i mezzi per contestare certe canonizzazioni?

            “L’è tutto sbagliato… l’è tutto da rifare!” avrebbe detto il caro, cattolico, Bartali…

          • Ottone di Sassonia ha detto:

            ”senza le basi di dottrina cattolica quanti hanno i mezzi per contestare certe canonizzazioni”

            Mari abbia pazienza, uno che ha le ”basi di dottrina cattolica” sanno che le canonizzazioni non si contestano mai.

          • Vittorio ha detto:

            Io non ho contestato le canonizzazioni. Solo detto che in vita furono assassini, si dice pedofili, morti di sifilide (via con il vento in Vaticano, appunto per ritardarne la canonizzazione) e gay.
            Certo si saranno corretti e pentiti!!!

          • Vittorio ha detto:

            Mari mica ti posso citare tutta la bibbia. Pero’ pensaci. Esistono tabù UNIVERSALI. La bibbia e’ l unico libro in cui vengono infranti. Di chiunque sia colpa e’ sempre l uomo che sbaglia, che si esclude dalla promessa, Dio aspetta il suo “ritorno”. Non e’ un libro di misericordia? Non possiamo TUTTI sperare? La NS stessa chiesa non e’ immutabile. Cammina e si adegua. Non verso la giustizia morale, che e’ “eterna”. Ma verso il non fare condanne ULTIME che spettano a Dio.
            I suicidi non venivano portati in chiesa..oggi non si dispera della loro salvezza.

            In quanto ai canonizzati mi basta citare Pio IX. Fu probabilmente mandante di omicidi. Esistono valori non negoziabili? Dati a Mose’? Ma chi son io per giudicare, nel caso pure l atto? In altri casi…il deliberato consenso e l’amore piena avvertenza. Credo, per fede, sia beato. Non c e scandalo: Davide fece uccidere Uria eppure e’ il padre del Messia. E anche oggi tanti divorziano, sbagliano ecc. Ma il giudizio ultimo spetta a Dio. Le prostitute magari erano costrette, Gesù le fa passare davanti ai farisei. Cio’ che colpisce e’ l accettazione del perdono, RICONOSCERSI PECCATORI DI FRONTE A DIO. Quello che non fece il fariseo. Seguiva il sabato ecc. ma non aveva capito CHE NON CI SI SALVA SENZA LA MISERICORDIA DI DIO.

          • Mari ha detto:

            # La NS stessa chiesa non e’ immutabile. Cammina e si adegua, # eccetera
            farneticazioni moderniste allo stato puro.

            Valgono per quella che voi credete la VS chiesa, ma scoprirete di sbagliarvi: la Chiesa è e resta la Sposa di Cristo, non la complice delle vergogne del mondo.

  • Ecclesia afflicta ha detto:

    In effetti i catttolici americani stanno incominciando a farsi delle domande, ad esempio sul recente scandalo finanziario che ha visto il Vaticano dirottare soldi ( 25 milioni di dollari), offerti in beneficenza per i poveri del Terzo Mondo, alla Clinica Dermatologica Immacolata di Roma per coprire qualche opaco buco di bilancio dovuto a cattiva gestione…. Non mi risulta che a Roma ci siano guerre, siccità, carestie o cose del genere e manchino gli ospedali.

    http://www.patheos.com/blogs/standingonmyhead/2018/02/explaining-latest-vatican-scandal.html

    http://ecclesiaafflicta.blogspot.it/

  • Nicola ha detto:

    Gentile Dott Tosatti. In questo articolo sono riportate le preoccupazioni di un ebreo riguardo la Chiesa Cattolica. Io invece da moltissimo tempo ormai mi chiedo quali siano le preoccupazioni ed i pensieri dei Luterani, Ortodossi, Anglicani ecc ecc convertiti al Cattolicesimo, riguardo quello che sta accadendo nella Chiesa Cattolica sotto questo Pontificato . Me lo chiedo sia riguardo i loro Pastori che riguardo i semplici fedeli. Io penso che Lei, con tutte le Sue conoscenze accumulate in tanti anni di giornalismo,potrebbe intervistare molti di questi ” nuovi cattolici ” e scrivere cosa ne pensano. Credo che sarebbe importante e farebbe riflettere molto chi di dovere. Grazie, Nicola.

  • Gian ha detto:

    Con quello che sta succedendo sempre più rapidamente, come se il tempo stesse per scadere, penso che chi sta ai vertici della Chiesa cattolica ed ha il potere di imporre tutte le novità, che fanno a pugni con la Tradizione e il Magistero millenario, lo fa spudoratamente perché non crede. Se davvero credesse non lo farebbe. La maggioranza dei cattolici non se ne rende conto dato che da troppi anni non si insegna più il catechismo, si fida ciecamente o gli fa comodo andargli dietro secondo il pensiero dominante. Se ne accorgono, e sono scandalizzati, e soffrono coloro che hanno imparato da piccoli il catechismo di San Pio X, quando ancora lo si insegnava in preparazione della Prima Comunione, fino ai primi anni ’60. Poi è arrivato l’harmattan del post-concilio ed ha spazzato via tutto.

  • deutero.amedeo ha detto:

    L’educazione cattolica che fine farà?
    Domanda veramente inquietante quella che ha posto l’amico di RVC.
    Ammesso che una educazione cattolica ancora ci sia, che educazione e’?
    È una non educazione, ma un indottrinamento pasticciato, multiculturale, multireligioso, sentimentaloide, calabrache, senza radici …. tuto va ben, tuto fa brodo.
    Mah!

  • Lucy ha detto:

    Il cattolicesimo USA, quello fedele alla Chiesa di sempre, è entrato subito nel mirino di Santa Marta .Oggi questa voglia di normalizzarlo si è fatta piů pressante e va dalle mine anti-uomo delle nuove nomine di vescovi e cardinali di provata fede bergogliana, agli articoli/bazooka di Civiltà Cattolica .Questo cattolicesimo USA ha dato fior fiore di cattolici in ogni campo, giudici della Corte Suprema del calibro di Antonin Scalia , donne di ptofonda cultura religiosa e professionale come Ann Mary Glendon di fama internazionale nel campo delle scienze giuridiche , già Presidente dell’Accademia Pontificia delle Scienze oggi gestita da Sanchez Sorondo (non dico nulla ).
    Poi padre Richrard Neuhaus autore di “Lo Splendore della Verità (sottotitolo: perchè sono diventato cattolico )” testimone di un ‘epoca quando la Chiesa convertiva e faceva convertire.Ancora : George Weigel e un elenco sterminato di vescovi e cardinali di fama mondiale.
    Questo cattolicesimo va “normalizzato ” e a Santa Marta sono sempre più nervosi.Da poco si è saputo dell’incredibile richiesta di un ignoto ex esponente del FMI di ” interdire”( nientemeno) la T.V. cattolica EWTN se non licenzia un giornalista , critico con Bergoglio , Raymond Arroyo.
    Attacco frontale anche con Rod Dreher che non è nemmeno cattolico ma della chiesa ortodossa , autore di”Opzione Benedetto”( Benedetto da Norcia) che consiste nella proposta ai cristiani di oggi di fsr rinascere esperienze di vita e valori religiosi fuori dal mainstrem ideologico che ormai è una vera e propria dittatura.L Opzione di Dreher è pericolosa perchè potrebbe allearsi a quella parte di cattolicesimo USA oggi in sofferenza verso la nuova chiesa.Da qui subito lancia in resta di Civiltà Cattolica di ” eresia donatista “, da ridere quando oggi nemmeno lo 0,1% dei cristiani sa chi erano i donatisti.Ma tant’è.
    È la solita storia,non una critica in buona fede ma un pretesto ( eresia), una calunnia che dice molto sulla tattica che la chiesa bergogliana usa per delegittimare i critici , per affermare un potere , un dominio su chi dissente.
    Giusto quindi che i cattolici DOC USA cerchino di reagire, speriamo anche in alleanza con gli evangelici , alleanza stroncata a Luglio da Spadaro come ” ecumenismo dell ‘odio (!!!)”,gli evangelici del mitico pastore Bill Graham morto ieri.
    Staremo a vedere.

    • deutero.amedeo ha detto:

      s’i fosse papa, allor sarei giocondo,
      ché tutti i cristiani imbrigarei;
      (Cecco Angiolieri)

      NB: imbrigare = imbrogliare, ingannare.
      Cecco Angiolieri e’ nato nel 1260 e morto in data imprecisata tra il1311 e il 1313. Proprio vero che “Quel che è stato sarà, e quel che si è fatto si rifarà; non c’è niente di nuovo sotto il sole.” (Qoelet 1,9). E “c’è un tempo per piantare è un tempo per sradicare quel che si è piantato” (Qoelet 3,2), altrettanto vero, ahimè.

      • Lo spettro di QC ha detto:

        No…credo che per Papa Cecco sia più adatta l’ultima strofa:

        S’i’ fosse Cecco, com’i’ sono e fui,
        torrei le donne giovani e leggiadre:
        le vecchie e laide lasserei altrui

        e, come sempre, avrebbe tutta la mia approvazione (sempre se con me fa un’eccezione caso per caso e mi lascia una giovinetta)

        • Adriana ha detto:

          Un” tantino”, ma solo un “tantino ” antifemminista . Forse anche un po’ “molestatore seriale”. (Almeno nei sogni proibiti e segreti). Meccanismo di proiezione piuttosto irriverente ,direi . Si impone un inchinato bacio sullo scarpone papale!

        • deutero.amedeo ha detto:

          Lo immaginavo che tu fossi un porcellone.!!!

        • Ira Divina ha detto:

          E se fosse dell’altra sponda? Attento al giovinetto! 😂😂😂😂

    • giorgio rapanelli ha detto:

      A mio parere – un giornalista esperto del settore come il nostro carissimo Amico, e amato, MARCO TOSATTI, dovrebbe farci un pensierino – ciò che manca è un FOGLIO on line, possibilmente tradotto nel maggior numero di lingue con il sistema della traduzione simultanea, in cui si dovrebbero giornalmente fare confluire – e se del caso pubblicare – tutte le notizie delle lotte che a livello mondiale si stanno attuando contro la gestione di Bergoglio e dei suoi accoliti.
      Oggi, abbiamo Stilum Curiae, aperto al dibattito pur seguendo la linea dogmatica,. Ma abbiamo Radio Spada, Chiesa Viva, Riscossa Cristiana, ed altri cento fogli online. Miei informatori mi buttano giornalmente addosso parecchi documenti, che a volte non riesco a leggere. Pur godendo, quando, questa mattina, ho letto di monsignor Cesare Baronio (non sapevo che fosse un sacerdote) su Radio Spada.
      So di essere un ignorante in fatto di fede, tradizione, dogma. Però, so la tecnica della comunicazione di Scientology. So cosa significa trovare il sistema per essere uniti ed operativi grazie al PCI…
      E’ possibile riunire tutte le informazioni della “rivolta cattolica, della “riscossa cristiana” contro questi accoliti di Satana?
      Possibilmente avere una redazione e un archivio a cui fare affluire le informazioni della lotta di base, da quelle delle parrocchie fedeli, ai singoli fedeli che si stanno battendo in solitudine. Certo occorrono soldi, ma alla fine li ha trovati Radio Maria, e potremmo trovarli anche noi se l’iniziativa è benedetta dallo Spirito Santo.
      Non so se mi sono spiegato bene, caro dottor Tosatti…

    • Giov ha detto:

      Antonin Scalia, si vocifera in USA, è stato ucciso dagli stessi mandanti che hanno dimesso a forza un Papa per favorire la distruzione della Chiesa.
      Ma Q è in arrivo. You can feel it in the air…

    • Ottone di Sassonia ha detto:

      Eresia DONATISTA è la stessa di cui alcuni settori del tradizionalismo (nitoglia&co) accusano altri settori rivali (de mattei&co). Precisamente l’accusa prende in considerazione la piega montanista-gioachimita.

  • giorgio rapanelli ha detto:

    https://www.radiospada.org/2018/02/quella-del-concilio-buono-e-del-postconcilio-cattivo-e-una-maxibufala-ecco-perche/

    Questo scritto pubblicato da Radio Spada l’ho mandato in giro, sperando che ci capiscano più di quello che ci ho capito io. Io ho capito solo che una serie di accoliti di Satana, magari pure demoni incarnati (è possibile, dato che Arimane si è forse incarnato, come si prevedeva conto anni fa) hanno preso il potere, grazie all’ignavia di tanti don Abbondio cardinali, vescovi, parroci e presbiteri.
    Però, un segnale c’è da darlo. Intanto con le elezioni. Votando “Il Popolo della Famiglia”, pure in presenza di defezioni verso Lega e Fratelli d’Italia…
    Ciò che accade nella Chiesa Cattolica riguarda il suo “karma”, il destino per ciò che si è seminato per secoli…
    Ancora si enuncia il “Mistero della Fede”, pur cambiandolo di posto da quello stabilito dalla “forma” dell’Eucaristia di Papa San Pio V. Il “mistero” non ha permesso ai cattolici del XX e XXI secolo di comprendere quale “effetto” causano le “forme” (formule, “chiavi”, password) dell’Eucaristia, del Battesimo e degli altri Sacramenti, Sacramentali, Rosario, eccetera.
    Non solo, ma i cattolici (che ascolto) ancora credono che ciò che dice il Papa sia la “verità” ispirata dallo Spirito Santo… Per cui, se verrà concessa la Comunione ai divorziati, alle coppie gay, se si benedicono i matrimoni gay, e via elencando, significa che lo Spirito Santo ha dettato al Papa tutta questa mostruosa idiozia, e che i tempi moderni vogliono aggiornato ciò che fu scritto nei Vangeli, in San Paolo, negli Atti… Costoro non sanno nulla delle Scritture, che sono molto chiare sui problemi legati al sesso e al matrimonio e che sono, poiché ispirate dallo Spirito, da considerare come “statiche”, ossia prive di “materia, energia, spazio, tempo”, al pari della Divinità. Quindi, eterne, immutabili. Frutto dell’Amore del Padre, attraverso il Figlio e per mezzo dello Spirito Santo, per la salvezza spirituale di “molti”, ma non di “tutti”, come vorrebbero gli eretici. Senza un “inferno” in cui cadere per l’eternità.
    Ditemi se ho commesso errori teologici, o come diavolo si chiamano.

    • Marco 2 ha detto:

      Giorgio Rapanelli, lei giudica il papa e poi chiede se ha commesso errori teologici! Falsa modestia?

    • Marco 2 ha detto:

      Inoltre, Giorgio Rapanelli, lei prima afferma che Il papa non è ispirato dallo Spirito Santo, poi fa l’elogio del Popolo della Famiglia che, se non sbaglio, ha in uno dei suoi fondatori l’avvocato Gianfranco Amato. Ecco, siccome io quest’avvocato l’ho seguito in alcuni suoi convegni, non di persona ma tramite Web, ed ho constatato che per sostenere i suoi timori sulla teoria del gender si richiama anche alle affermazioni del papa a riguardo, facendone presumere una stima nei suoi confronti, gradirei se mi aiutasse a capire come lei possa avere così tanta disistima per l’uno e stima per l’altro.

      • Ottone di Sassonia ha detto:

        Io più che altro gli chiederei cosa c’entrano il karma e le password. Manca solo la consacrazione crittografata e zippata….

  • franco vr ha detto:

    MAMMA SANTA AIUTACI PERCHE’ CI STIAMO FACENDO MALE DA SOLI!

  • Sempliciotto ha detto:

    Non è Gesù il Salvatore del mondo,
    ma Bergoglio,
    con AL, infatti, siamo tutti giustificati!
    “Sola AL”

  • natan ha detto:

    Improvvisamente i gesuiti si accorgono di Asia BiBi. La Pravda vaticana mette in risalto che l’augusto inquilino dell’ospizio di S Marta riceverà marito e figlia con tutti gli onori offrendo un “mato cocito”. Un “segnale di preoccupazione” da parte dei vassalli del Sovrano . Ma si sa , i Gesuiti si adattano a tutte le stagioni, un altra operazione di maquillage per attirare le folle plaudenti cieche e sorde delle “minchionate” dette o fatte in alta quota o in luoghi sperduti dell’orbe cristiano e non.

  • Maria Cristina ha detto:

    Sicuramente io credo ,da semplice fedele, che la Chiesa cattolica uscira’ prima o poi da questa prova tremenda, ma NULLA SARA’ PIU’COME PRIMA.
    il piccolo resto o piccolo gregge che sopravvivera’mantenendo e tramandando con religioso rispetto la tradizione cattolica, la Sacra Liturgia, il Magistero, non avra’mai , piu’mai piu’quella fiducia tranquilla e serena che nel passato I fedeli avevano nei propri pastori. Se penso a mie ave, a mie bisnonne o vecchie zie alla loro commovente devoziove verso papi quali Pio XI o PioXII, penso che purtroppo come dice Mons. BARONIOla fiducia nel papato e nella Chiesa istituzionale e’stata IRRIMEDIABILMENTE minata da generazioni di sacerdoti che da cinquanta anni a questa parte non fanno che gettare alle ortiche tutto il patrimonio spirituale e culturale della Chiesa cattolica.
    Tuttavia quando ogni domenica alla Santa Messa il celebrante dice Sursum Corda, io e altri rispondiamo con slancio Habemus ad Dominum.
    Il piccolo resto, dopo la prova, manterra’la fede in Dio ,nel Dio SantissimaTrinita’. Di questo non dobbiamo dubitare.

    • deutero.amedeo ha detto:

      La chiesa cattolica uscirà da questa prova tremenda, quando sarà estinta la Federprelati fondata e capeggiata da J. Mario Bergoglio.

  • Baronio ha detto:

    Caro Tosatti,

    questo in cui ci troviamo nostro malgrado a vivere è uno dei periodi più oscuri per la storia della Chiesa, ormai ne siamo tutti persuasi.

    Da un lato vi è lo scandalo vieppiù crescente anche nei semplici fedeli, per il moltiplicarsi di offese e sacrilegi contro Dio, e che si ripercuotono anche sull’onore ed il prestigio della Chiesa e dei suoi membri; dall’altra pare che l’intera Gerarchia – e con essa anche il basso Clero ed il popolo cristiano – si dividano in due schieramenti in cui il primo, minoritario ma agguerritissimo, si ribella a tutto ciò che vi è di più sacro ed abbraccia con furia satanica le istanze dei nemici di Cristo; mentre l’altro schieramento assiste con attonito sconcerto e tace.

    Direi di più: siamo giunti al punto in cui per un Principe di Santa Romana Chiesa, per un Presule ma anche per un semplice chierico o laico è motivo di imbarazzo e di vera e propria vergogna l’esser considerato parte della stessa istituzione di cui si vuol capo il Sedicente.

    In tutta la mia vita, mai mi ero dovuto vergognare di esser Cattolico. Oggi il solo pensiero che mi si consideri anche solo consentaneo con la corte bergogliana mi fa quasi desiderare di inventarmi una nicchia in cui potermi rifugiare, purché non si pensi che ho alcunché in comune con questi individui scandalosi.

    Sono riusciti a screditare a tal punto la Sposa di Cristo – un carrettiere userebbe probabilmente più colorite espressioni – da farci provare non solo vergogna per il nome cristiano, ma anche una profonda rabbia nel dover condividere lo stesso recinto con la setta infame degli usurpatori che infestano la Curia Romana e le nostre chiese e che vi spadroneggiano come lanzichenecchi, profanando tutto ciò che gli capita a tiro.

    Vedere quel figuro che se ne sta impunemente in piedi coram Sanctissimo durante gli Esercizj quaresimali mentre i suoi scherani farneticano di Comunione agli acattolici e di benedizioni ai sodomiti, patteggiando nei tribunali per detenzione di materiale pedopornografico o per bancarotta fraudolenta è una pena indicibile, perché per quanto un domani si possa riparare al danno arrecato, umanamente riesce difficile pensare che la Domina gentium potrà mai ritrovare lo splendore e la credibilità internazionale di cui godeva ai tempi di Pio duodecimo.

    Verrebbe voglia di rimboccarsi le vesti e cacciarli tutti a pedate, trascinandoli fuori dalle Mura Leonine senza remissione. Perché se speriamo che questi se ne vadano da sé, stiamo freschi.

    • Maurizio ha detto:

      “Vedere quel figuro che se ne sta impunemente in piedi coram Sanctissimo durante gli Esercizj quaresimali” …
      Per chi non capisse a chi ci si riferisce, basta guardare la foto qui: http://blog.messainlatino.it/2018/02/tutti-si-inginocchiano-il-papa-no.html
      Si ha come l’impressione che l’attuale occupante del Soglio Pontificio (dal momento che in altre occasioni si inginocchia, e come!) voglia alimentare il culto di se stesso, anche in conflitto con l’Altissimo … D’altra parte, visti i suoi trascorsi in materia di psicanalisi, c’è da immaginare che la sua personalità sia tuttora gravemente disturbata …

      • Alessandro2 ha detto:

        Lui non si inginocchia (impressionante davvero la fotografia: salvata), l’Altissimo si alzerà contro di lui. Mo’ so’ c*** sua, direbbe Alberto Sordi.

      • Ira Divina ha detto:

        Qualcuno avrà osato: santità, davanti a Nostro Signore ci si inginocchia! Quale signore? Avrà risposto. Io pensavo che vi siete inginocchiati per mio rispetto! Qua l’ unico signore sono io, non c’è né altri all’infuori di me! Questo è l’unico comandamento che vi ho dato e non lo avete ancora imparato?

    • Stefano ha detto:

      @Baronio
      Grazie reverendo, mi ha tolto tutte le parole di bocca e sottoscrivo con grande piacere le sue!
      Vedere bergogliolo sfacciatamente in piedi davanti al SS. Sacramento, mentre tutti erano inginocchiati in adorazione, mi ha fatto letteralmente annodare le budella!…
      Ricordo bene, infatti, fior di foto in cui il papocchio si inchina a baciare mani di: ebrei; regina di Giordania; sacerdote omosessuale dichiarato etc. etc. Per non parlare dei piedi dei clandestini, uomini e donne di tutti i colori e sapori, che bacia con lo stesso trasporto con cui un bambino si getta su un barattolo di nutella. Al punto che ormai la gloriosa “Lavanda dei piedi” del Giovedì Santo è diventata il “Baciapedi dei Clandestini islamici” di bergoglio…
      Io penso che ormai l’Okkupante della Cattedra si arrivato al delirio di onnipotenza, viste le note sedute psichiatriche dalla strizzacervelli ebrea, e prova un gusto sadico e sprezzante a scandalizzare i fedeli cattolici che non si allineano ai deliri suoi e della sua accolita di modernisti e pederasti, e li considera una massa di bigotti, farisei ipocriti e formalisti.
      Non considera però il papampero argentino che “sora nostra morte corporale” è dietro l’angolo, e che Nostro Signore, che tanto disprezza sotto il Velo eucaristico, se lo dovrà vedere faccia a faccia come Giudice… Non vorrei essere al suo posto per tutto l’oro del mondo!…

  • franz ha detto:

    Mi piacerebbe chiedere a RVC di verificare quanto seguen: ma è poi vero che fondi dell’Obolo di San Pietro raccolti in USA son stati utilizzati per la campagna presidenziale della Clinton ?

  • Vincenzo ha detto:

    Fantastiche le ammissioni dell’ebreo in pensione in fondo alla comunicazione!!

    ‘I cattolici sono i SALVAGENTE degli ebrei’
    E poi tutti i giorni leggiamo invece sui giornali ed ascoltiamo in TV che i cattolici HANNO PERSEGUITATO GLI EBREI PER MILLENNI!! E troviamo tante calunnie sull’opera dei papi, prima di tutto su PIO XII… Un pontefice che merita sicuramente di essere almeno beatificato e magari santificato: certamente ben di più rispetto a RONCALLI e a MONTINI…

    NOI NON OSSERVIAMO L’EDUCAZIONE CATTOLICA, MA NE TRAIAMO BENEFICIO’
    Geniale!! Creare miti cattolici, religiosi, bonaccioni e lavoratori, sempre aperti al dialogo e a spalancare le porte senza costruire i muri – COME FANNO INVECE IN ISRAELE!!! – porta beneficio direttamente agli EBREI…
    In pratica i cattolici bonaccioni sono la massa perfetta per essere degli ‘schiavi ubbidienti’, purché credano sempre e comunque DI DOVER AVERE un forte debito di riconoscenza verso i loro FRATELLI MAGGIORI…

    L’evidenza del pensiero del SIONISMO e della religione TALMUDICA… Secondo cui Cristo, uno stregone che voleva traviare il popolo ebraico, sta bruciando in un cumulo di escrementi nell’Aldilà, ma i suoi fedeli (considerati non UOMINI, ma semplici ANIMALI PARLANTI) sono buoni per essere sfruttati dai ‘buoni ebrei’…

    • Alessandro2 ha detto:

      Eh certo caro Vincenzo, noi goyim non meritiamo nulla più che il loro scherno. Loro per noi fratelli maggiori, noi per loro animali parlanti. Un po’ come con l’Islam: da noi moschee, da loro Asia Bibi.

    • Ecclesia afflicta ha detto:

      Non capisco come si possa interpretare così malevolmente la dichiarazione dell’ex ambasciatore di origini ebraiche. Affermare che (ovviamente) gli ebrei non osservano l’educazione cattolica, ma ne traggono beneficio è riconoscerne la qualità, ed è anche vero che oggi è in declino (pensiamo solo alle università dei gesuiti, ormai cattoliche solo di nome). In quanto ad Israele, anche se non si è d’accordo con la politica del governo israeliano, occorre riconoscere che è l’unico paese mediorientale in cui c’è la libertà di coscienza. Su Talmud, Sionismo, ponti, muri, animali parlanti e altre amenità scritte stendo un pietoso velo.

      http://ecclesiaafflicta.blogspot.it/

  • Pier Luigi Tossani ha detto:

    “alcune istituzioni cattoliche americane si sono stancate di veder dissipare in questo modo sia il patrimonio dottrinale, sia quello finanziario; e stiano preparando un’azione che, sempre come indiscrezione, mi dicono sarà piuttosto incisiva”.

    Bene, vediamo che succede… non ci piace annoiarci.
    Nel mentre, per frenare le derive italiche e generare anzi un nuovo inizio, rammentate, cari amici, la possibilità di scegliere “il Popolo della Famiglia” il 4 marzo p.v.

    http://www.lacrocequotidiano.it/articolo/2018/02/12/politica/pdf-la-discontinuita-del-voto

    • Alessandro2 ha detto:

      Aridaje.

      • Adolfo ha detto:

        Voltagabbana e “profeti”

        “Quella di oggi potrebbe essere una giornata da storica. Se, come sembra, Sergio Mattarella sarà eletto presidente della Repubblica italiana al quarto scrutinio una scuola politica, una identità culturale ben precisa, otterrà “l’accoppiata” tra Palazzo Chigi e Quirinale. La scuola politica è quella del popolarismo italiano fondato nel 1919 da un prete, don Luigi Sturzo. L’identità culturale è senz’altro la matrice cristiana. Mattarella è un cattolico e lo è anche il presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Attenzione, non si tratta di due cattolici all’acqua di rose, di quelli che dichiarano vaghi riferimenti alla fede e poi affondano in comportamenti pubblici e privati più che discutibili. Stiamo parlando di due cattolici praticanti, da Santa Messa tutte le domeniche, da una moglie sola, non stitici di figli. E stiamo parlando di due popolari, di due figure rilevanti del fu Partito popolare italiano fondato da don Sturzo.

        Questa duplice matrice è un unicum, mai nella storia Italiana si era verificata una condizione del genere sull’asse tra Palazzo Chigi e il Quirinale…

        Si può tranquillamente dire, però, che l’accoppiata Renzi-Mattarella è di altra pasta. Sì, continueranno da parte del presidente del Consiglio i vaghi accenni a una necessità di varare leggi che vadano nella direzione del matrimonio omosessuale “con un altro nome”. Dovrà pure tenere buono gli Ivan Scalfarotto, le Paola Concia, gli Aurelio Mancuso vari. Ma di certo se oggi dovesse arrivare l’elezione di Sergio Mattarella alla presidenza della Repubblica il varo concreto di una normativa contro la Costituzione e contro la famiglia naturale appare francamente poco probabile.

        Abbiamo aperto il primo numero de La Croce il 13 gennaio scorso con il titolo “Serve un presidente cristiano”. Era un auspicio, ma anche un monito. Mai come in questo momento il paese ha bisogno di unità e l’unità si raggiunge tornando alle radici. Volenti o nolenti le radici italiane affondando nel cristianesimo e oggi saluteremo con gioia, se avverrà, l’elezione del presidente cattolico che abbiamo così esplicitamente augurato al nostro paese…

        Quel che è certo è che in questo 31 gennaio 2015 l’Italia volta pagina e lo fa con due figli di don Sturzo e due cattolici veri nei ruoli di maggior peso…”

        Mario Adinolfi, La croce, 31/1/2015
        http://www.libertaepersona.org/wordpress/2018/02/profezie/

        ***
        Adinolfi ai suoi: “Non sostenete il Bus della Libertà a Torino”. Possibile?

        Sta circolando in diverse chat di WhatsApp, partecipate da centinaia di utenti, uno screenshot preso dal gruppo PDF PIEMONTE in cui si dà conto dell’ordine imposto da Mario Adinolfi ai membri del suo partito a Torino di non sostenere né avvicinarsi al Bus della Libertà di CitizenGO Italia e Generazione Famiglia, al centro in queste ore di un vero scandalo democratico.

        Ieri infatti, a meno di 24 ore dalla sosta del mezzo, l’Assessore alle Pari Opportunità e “alle Famiglie” Marco Giusta, già presidente di Arcigay Torino, ha chiesto agli Uffici comunali di revocare la concessione del suolo pubblico già data e che i promotori avevano peraltro già pagato. L’Assessore ha motivato la revoca tacciando la presenza del Bus della Libertà di fascismo, razzismo, omofobia, sessismo.

        Un vero e proprio attacco alla libertà di pensiero ed espressione di tutto noi. Ecco perché i militanti del Pdf in città si sono chesti come poter partecipare alla disobbedienza civile annunciata dai promotori, che oggi saranno sul luogo dell’appuntamento nonostante la revoca del Comune.

        Ma gli entusiasmi sono stati spenti dal diktat piovuto dall’alto: “Ignorare assolutamente e totalmente“. Possibile mai che Adinolfi si schieri con L’Assessore Arcigay e contro gli amici di CitizenGO e Generazione Famiglia? Oggi si svolgerà a Roma l’assemblea nazionale del Pdf prima del voto del 4 marzo. Ci si augura arrivi presto una smentita di questa micidiale raffica di fuoco amico.

        Post scriptum: la segnalazione ci è giunta contemporaneamente da più parti. La abbiamo pubblicata, disponibili, ovviamente, ad ospitare gradite smentite.

        http://www.libertaepersona.org/wordpress/2018/02/adinolfi-ai-suoi-non-sostenete-il-bus-della-liberta-a-torino/

        *
        Alla domanda posta sul nostro sito, dietro segnalazione di persone evidentemente vicine al Pdf, riceviamo e pubblichiamo la seguente rettifica.

        Tutto a posto? Non proprio:
        1) il “contesto” era presente nei messaggi pubblicati, nei quali militanti del PDf che evidentemente stavano a Torino e non a Roma, manifestavano la volontà di sostenere il bus della libertà, non in alternativa al viaggio romano, ma, evidentemente, perchè intenzionati a non lasciare la propria città (nessuno imsomma aveva chiesto: “che, invece di andare a Roma, stiamo a casa e sosteniamo il bus?”);
        2) le parole non sono state attribuite da noi a Mario Adinolfi, ma da qualche suo militante evidentemente accreditato (non avrebbe altrimenti scritto a tutti i membri della chat il volere, vero o presunto, di Adinolfi stesso).

        http://www.libertaepersona.org/wordpress/2018/02/rettifica-di-mario-adinolfi-tutto-a-posto/

    • Meo ha detto:

      Ao e basta. Tosatti ma non si può fare nulla per fermare questo venditore di tappeti? Ma da chi è andato a scuola di propaganda elettorale, da quel Messina che ha fatto perde Cameron e poi Renzi ai referendum?

    • Michela ha detto:

      Noi cattolici ci vogliamo davvero male:
      -un divorziato risposato a guida del Popolo della Famiglia,
      -un gesuita a guida della Chiesa!

      Davvero vogliamo tentar Dio o, comunque, farci ridere dietro!