BESTIARIO. – VIALE, DON PIERI, BONINO E L’UCCISIONE LEGALE. – FIRMATE PER ASIA BIBI. – PAPA E CELLULARI. – CONVEGNO DEI GIORNALISTI “PRO PAPA FRANCISCO”. – DIO UNICO?

                            

Marco Tosatti

Casualmente siamo cascati su quello che Silvio Viale, il medico politicante che da Lotta Continua è approdato ai verdi, ai radicali e al PD, ha scritto in relazione alla denuncia verbale fatta da don Francesco Pieri nei confronti di Emma Bonino, quando è morto Totò Riina. Don Pieri si è chiesto, retoricamente, in un commento su un social, se avesse ucciso più esseri umani Totò Rina o Emma Bonino. Viale ha commentato, come potete leggere, attaccando don Francesco Pieri. Quello che mi ha colpito è che in diciannove righe non c’è una sola parola che riguardi gli esseri umani (diecimila, sostiene Viale) da lui soppressi. Esseri umani, non scarafaggi. L’altra riflessione che mi sono fatto è diversa. Vi pongo una domanda: come si chiama in lingua italiana il personaggio che, pagato e per conto dell’autorità, ha come mestiere quello di sopprimere con tutti i crismi della legalità un essere umano? Ecco, questo forse si può pensare di Silvio Viale e dei suoi sodali. Ancora una volta solidarietà per don Francesco Pieri.

 

CONVEGNO IN SPAGNA. I GIORNALISTI PRO PAPA FRANCISCO. ERA UN PO’ NECESSARIO…

Dalla Spagna vedo l’annuncio di un convegno di cui si sentiva decisamente la mancanza, vista l’avversione di cui soffre il Pontefice Regnante nel mondo del mass media, soprattutto quelli mainstream, in Italia e all’estero. Si chiama “Primo Congresso Internazionale di giornalisti pro papa Francesco”, e si svolgerà a Madrid. Primo relatore padre Antonio Spadaro, sj, l’uomo dei social del pontefice. Devo ammettere che mi ha un po’ ferito non essere stato chiamato a parlare, ma me ne farò una ragione. Ce ne saranno molte altre edizioni…

Urbaniana. Evo Morales e la cittadinanza universale...

Ancora convegni, ma questa volta alla Pontifici Università Urbaniana, che dipende dalla Congregazione di Propaganda Fide, quella guidata dal “papa rosso”, il cardinale Filoni.

Si chiama “Conferenza: Movimenti Sociali per un Mondo senza Muri verso la Cittadinanza Universale”, è a carico del Presidente dello Stato Plurinazionale di Bolivia, Evo Morales Ayma, ed è organizzata oltre che dalla Bolivia dall’Ordine di Malta e dalla Grecia. Morales è quel simpaticone che ha regalato al Pontefice Regnante un bel crocifisso con la Falce e il martello. È giusto che la Pontificia Università Urbaniana ospiti quello che si preannuncia come un bel comizio para-marxista, con contorno di indigenerie a volontà, come le olive ai cocktail. Quelli sì han diritto all’identità e a essere difesi, mica come quelle etnie europee xenofobe e razziste…

Ebrei, cristiani e musulmani pregano un unico Dio? Proprio sicuri?

I convegni non finiscono mai. Questo di cui parliamo sarà certamente molto interessante e ricco di spunti, ma varie persone ci hanno scritto per segnalare il manifesto che lo pubblicizza. E, secondo noi, non a torto. “Corso su Torah, Bibbia e Corano”, è l’occhiello seguito dal titolo : “Un unico Dio, tre messaggi”. Ma è proprio unico? Credo che gli ebrei avrebbero qualche difficoltà a considerare Dio Gesù Cristo, come professiamo nel Credo ogni domenica. E per i musulmani sarebbe pura blasfemia. Un profeta, anche un grande profeta, l’ultimo prima del sigillo dei profeti. Ma Dio certamente no. Senza poi entrare nei dettagli del messaggio…

Il papa e la sgridata sui cellulari mentre si guida

In auto non bisogna usare il cellulare. Lo sappiamo tutti, e tutti lo usiamo. Questa scorrettezza però ha assunto un grado particolare di nobiltà dopo la sgridata del Pontefice a coloro che la praticano. Vi offro un sorriso pubblicando il commento scritto da Cesare Baronio su Stilum Curiae:

Un nuovo peccato va quindi ad aggiungersi alle nuove fattispecie bergogliane, e si dovranno tenere conferenze e corsi di aggiornamento per il reverendo Clero, in modo da renderlo edotto delle implicazioni morali – ahimè diffuse da Roma in giù – dell’avvisar la moglie o la mamma ch’è ora di buttar la pasta, chiamando dalla vettura imbottigliata nel traffico sul Raccordo.

Già m’immagino il meschino:

– Padre ho peccato

– E che hai fatto?

– Ho tradito mia moglie, compiendo adulterio…

– Ma che adulterio! Con Amoris Laetitia basta un po’ di discernimento e non serve nemmeno confessarsi!

– Ma il mio vecchio parroco…

– Lascia perdere! Questa è la chiesa della misericordia! Ma dimmi piuttosto: fai la differenziata? mandi messaggini mentre guidi?

– Veramente qualche volta butto l’umido assieme al resto…

– Ecco vedi: questo è gravissimo!

– E poi rispondo al cellulare quando guido…

– Inaudito! Dovrò chiedere al Penitenziere una speciale autorizzazione per assolverti. Sei uno che getta sassi, che alza muri invece di costruire ponti?

– Io non ho mai buttato sassi dai ponti, per carità!

Un amico che confessa al Laterano mi chiede se l’uso del cellulare in auto va contemplato tra le violazioni del Quinto Comandamento, Non uccidere, al posto dell’aborto e dell’eutanasia ormai derubricati, o del Sesto, Non fornicare, al posto della sodomia, anch’essa depenalizzata assieme all’adulterio e al pubblico concubinato.

Il Prummer, esimio teologo morale, avrebbe dovuto trattare l’argomento in un capitolo a parte: De usu telephoni gestabilis durante automobilis itinere per Magnam Conjunctionem Urbis.

Da povero prete ordinato sotto il Duodecimo, mi sento un po’ confuso e chiedo lumi ai confratelli à la page”.

L’arte e le chiese. Ma come gli viene….

Diciamo che a questo punto l’unica soluzione sembra riderne. Troviamo su un sito francese e traduciamo: “Un artista ha trasformato il pavimento della chiesa di San Paolo Converso a Milano (sconsacrata ) in un campo da tennis, dove tutti possono giocare. Creato dall’artista newyorkese Asad Raza il suolo, la rete, le racchette le palle da tennis, il the ghiacciato e gli istruttori fanno parte di un’opera d’arte interattiva intitolata “Untitled (Plot per il dialogo) che incoraggia i visitaori a giocare a tennis. Lo scopo di Raza è di riempire lo spazio di una nuova pratca sociale, non di ricevere messaggi dall’alto, ma di impegnarsi in uno scambio di gioco da eguale a eguale”.

L’appello per Asa Bibi. Da firmare e diffondere.

Infine, ci sembra giusto diffondere l’appello dell’Osservatorio contro la Cistianofobia, che è impegnato in una campagna di petizione per chiedere al Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica italiana, l’On. Paolo Gentiloni, un intervento chiaro e decisivo del governo italiano in favore della liberazione di Asia Bibi, quella madre di famiglia cristiana pakistana ingiustamente accusata di blasfemia, affinché lei possa ottenere giustizia e sia finalmente liberata. Questo è il link. 


 


Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

160 commenti su “BESTIARIO. – VIALE, DON PIERI, BONINO E L’UCCISIONE LEGALE. – FIRMATE PER ASIA BIBI. – PAPA E CELLULARI. – CONVEGNO DEI GIORNALISTI “PRO PAPA FRANCISCO”. – DIO UNICO?”

  1. QC

    Anch’io ho l’impressione che le perplessità su questo pontificato siano più ampie di qualche sito tradizionalista. Ho la certezza che le interviste rilasciate a Scalfari ed i loro contenuti imbarazzano chi si occupa della comunicazione dello stato vaticano, così come ho la certezza che la decisione di allontanare Mueller fosse presa mesi prima di quando gli è stata comunicata. “Che questi qui non credano di venire a farla da padroni. Gli venga fatto pagare il biglietto pieno, tanto lo mandiamo via e al suo posto mettiamo uno dei nostri”. L’autore della frase è un vescovo. Il soggetto è il card. Mueller. Detto questo, propendo per una corte di adulatori che sta imbrogliando il papa e non concordo con chi si burla del pontefice.

    1. Caro Lutman,
      se, come Lei mi insegna giustamente, le conclusioni di un’indagine filologica sono pur sempre congetture, immagini l’opinabilità di qualsiasi valutazione effettuata senza disporre di prove.
      Personalmente, su un buon 99% di quel che si dice, per me andrebbe steso un “non liquet”.
      E credo vada dato più credito alle poche certezze che un cristiano dovrebbe avere, ossia, nel caso di specie, alle promesse e indicazioni contenute nei Vangeli in merito alla Chiesa ed a Pietro & Successori.
      Quando si pontifica contro il Pontefice, per superare certe soglie di critica, bisognerebbe prima almeno sapere se Gesù abbia per caso smesso di pregare per Pietro.
      Un caro saluto.

      1. Ho descritto dei fatti, non ho fatto congetture.
        Per quanto riguarda il resto, a me non sembra di criticare il pontefice. Condivido le opinioni del card Caffarra e le riflessioni di padre Cavalcoli sul testo di AL (http://isoladipatmos.com/il-cardinale-muller-fa-proposte-folli-su-amoris-laetitia-no-ha-solo-proposto-una-di-quelle-disputatio-che-fanno-parte-della-storia-della-teologia-che-il-direttore-del-sismografo-luis-ba/). Perché mai Gesù dovrebbe smettere di pregare per il papa?

  2. Claudius: Questo qui non fa altro che applicare lo stesso metodo, che e’ una variante del metodo comunista: un passo a destra, due passi a sinistra
    Lucy: e` necessario fare due passi avanti e uno indietro se serve alla causa

    Quando si dice “le coincidenze”….

  3. Brava Giusy !!! Mettendo assieme i commenti di Ecclesia Afflicta , Gervasi e la tua acuta percezione dela situazione sugli ” incursori” nel blog il quadro e` chiaro.Essi non hanno ancora capito, a Roma si dice “sono de coccio “,che ormai dopo piu` di quattro anni le persone hanno tali e tanti elementi di giudizio su discorsi , interviste , omelie quotidiane del papa, che non e` sufficiente staccare pezzetti per accreditare un papa ortodosso .
    Le loro difese cozzano contro l’evidenza di una rivoluzione passo dopo passo per cui come ben sanno i rivoluzionari seri e` necessario fare due passi avanti e uno indietro se serve alla causa ; qundi sono difese patetiche che scivolano come acqua sulla lavagna.

  4. Buona settimana dott Tosatti provi a rileggere i commenti degli ultimi giorni, c’è l’okkupazione del blog da parte di BERGOGLIOSI/SPADAROSI che alla fine fanno tutti parte dello stesso disegno atto a confondere e destabilizzare la Santa Chiesa Cattolica. I maranatha, gli spettri, i Mario, i loro cugini e i loro cloni provengono tutti dalla stessa mano o dalla stessa redazione, non è difficile infatti per esperti di informatica come ad esempio il direttore dell’ INCIVILTÀ CATTOLICA spadaro scrivere sotto diversi nick e da account diversi, dicono che lo spadaro BERGOGLIONE sia preparatissimo informaticamente……peccato che non lo sia altrettanto come prete cattolico quale dovrebbe essere. Lasciando loro tanto spazio si fa ulteriore pubblicità gratuita alle scelleratezze BERGOGLIONE e alla fine si ritroverà solo loro sul suo blog perché è davvero eroismo per noi Cattolici tradizionali resistere e supportarli con la loro spocchiosita’ e la loro ipocrita misericordia ogni giorno, anche perché noi, contrariamente a loro, lavoriamo da mattina a sera. Santa giornata e grazie per la pazienza verso i miei sfoghi.

  5. ATTENZIONE! ATTENZIONE!
    A TUTTI I CONFRATELLI E LE CONSORELLE!!

    All’Angelus di questa mattina il Papa ha pronunciato le seguenti, gravissime, parole:

    ”Dopo aver vissuto l’esistenza terrena in umiltà e povertà, Gesù si presenta ora nella gloria divina che gli appartiene, circondato dalle schiere angeliche. L’umanità intera è convocata davanti a Lui ed Egli esercita la sua autorità separando gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dalle capre’

    Sembra dunque che Egli sostenga l’idea di un Gesù giudice e di un Giudizio universale.
    Sono molto amareggiato e delusi di voi. Mi avevate assicurato che il Papa aveva abolito il Giudizio e che saremmo andati tutti in Paradiso.
    Ora, al di là dei rancori, in concreto che si fa? Mica ci toccherà fare i bravi, vero???

    1. Ma per favore!
      Non scambi la bonomia con dabbenaggine.
      Sappiamo leggere, scrivere far di conto. E quindi siamo in grado di conoscere e valutare. Papa Francesco, ahimè, o è falso o è smemorato.
      Oppure si è reso conto di essersi incrodato su certi argomenti ed ora ha cambiato gli scrivani . Ma i passi falsi che ha fatto ormai li ha fatti e i segni rimangono. Indelebili purtroppo!
      Comunque sul capitolo 25 di Matteo sembra che non ci sia nulla da discutere,ma in realtà ci sarebbe da discutere per anni.

    2. QC, ti è stato spiegato più volte: Bergoglio ha un’agenda, rinnovare la chiesa secondo la sua ideologia. Lo fa con piccoli passi, introducendo ciò che gli suggerisce il dio sorprendente. La dottrina è fluida, a lui interessa iniziare dei processi. Perciò può enunciare una dottrina nuova, e poi ribadire contradditoriamente quella tradizionale. La dottrina nuova lieviterà in seguito, crescendo piano piano. La dottrina tradizionale si ridurrà al rango di una mera opinione, che dovrà coesistere con quella nuova. A questo punto, quando una dottrina non è più universale, cessa di essere una dottrina.
      Il problema di Bergoglio è la sua scarsa onestà intellettuale, unito al fatto che sta usando il ministero di Pietro per fini che non sono la custodia del deposito della fede apostolica. Oltre ad altri limiti personali che non sto ad elencare. Non provo alcun piacere ad affermare quello che sto dicendo, ma occorre guardare in faccia alla realtà. Anche tu dovresti farlo, se ti sta a cuore la chiesa.
      Auguro al papa una totale conversione.

      1. Il tizio fa finta di non capire (oltre al fatto di farci sapere, non richiesto, che lui si becca tutti gli Angelus del papa la domenica e che solo per questo gli si dovrebbe togliere il saluto).

        Comunque, tanto perche’ oramai siamo in argomento, tanto vale andare fino in fondo, chissa’ che anche il nostro caro zuavo bergoglionide la capisca: di papi che “parlano a destra e lavorano a sinistra” ne abbiamo gia’ avuti, uno su tutti: il disastroso Montini. Questo qui non fa altro che applicare lo stesso metodo, che e’ una variante del metodo comunista: un passo a destra, due passi a sinistra. Fine della storia.
        Poveraccio il nostro amico che e’ rimasto al passettino a destra di Bergoglio.

    3. Mah, caro confratello 😊 il vangelo e la bibbia e le lettere canoniche dicono tutto e il contrario di tutto (pure che i vescovi DEVONO essere sposati, per gestire la casa di Dio, quindi anche Bergoglio non e’ papa, dopo che decisero il celibato dei vescovi 😂). Qui siamo tutti che interpretiamo….quando l escatologia e’ scomparsa. Se non altro perche’ fallita, dimenticata, stravolta. Inutile qui citare frasette, fuori contesto (ama e fa cioe’ che vuoi- Sant’ Agostino). Nessuno sa, se non il catechismo, cosa dovra’ accadere. L inferno e’ gia’ e non ancora (forse esagero?) ed e’ la mancanza di fede, di senso, la DISPERAZIONE. Dio e’ buono, onnipotente ecc. ecc. Ad Auschwitz. Wiesel ne “la notte” scrisse che Dio era appeso ad una forca: ed era un bambino impiccato che lui era obbligato a guardare, mentre non “riusciva a morire”. Per me Dio e’ amore. Per questo “ritarda”. Perché vuol salvare tutti. Certo ci sara’ un giudizio, ma sara’ l uomo (speriamo di no!) , che avra’ rifiutato l Amore (con la A maiuscola), a RIFIUTARE LA SALVEZZA.. Ci danneremo da soli, e con grande dispiacere di Dio, che non puo’! obbligare nessuno (libero arbitrio). Prego per lei è preghi per me. 😊

    4. Tranquillo, è che il tasso alcolemico non era ancora salito, dopo pranzo ritorna se stesso. Specie se ha consumato il pranzo in comunione con Sosa, Spadaro e Galantino.😂😂😂 Ma noi non siamo poi preoccupati che li sopprima, noi ci crediamo! Il problema è suo e dei suoi seguaci. Devono solo attendere di essere stesi con gli occhi chiusi dalla morte, allora vedranno.😊😊😊

    5. @ QC
      Interessante che Lei trovi degno di nota un riferimento
      del Sommo Pontefice alle Sacre Scritture, che Lei poi si affretta a relativizzare con un “sembra che …” prima di chiamare a raccolta i confratelli e le consorelle perché
      esprimano anch’essi la loro “maraviglia” e la loro delizia
      nei confronti del pontefice apparentemente tanto ortodosso.
      Ci vuol ben altro, QC, per cambiare la percezione che
      larghi strati del cattolicesimo “ordinario” si sono fatti
      ormai del satrapo regnante! Anche i “fan clubs” del
      pontefice, che il fedelissimo Spadaro con ammirevole energia stá organizzando in giro per il mondo e per le
      professioni sono in grado di cambiare ben poco in tale
      percezione. Con “hurrah” e con “evviva” non si ristabilisce
      la verginità perduta dal regnante in campo di ortodossia.
      Seguiamo ormai divertiti il magistero non infallibile,
      spero, che il Bergoglio sviluppa regolarmente su “Repubblica” in colloqui con il suo esegeta del cuore
      Eugenio Scalfari, tra l’altro su temi escatologici.

      1. Gervasi, la mia domanda era molto concreta, quindi la prego di tenere per sé ogni considerazione ultronea, tanto più che in questi giorni dovrebbe occuparsi di Claudius e del suo indottrinamento in materia di papi eretici. Ultronea e, oserei dire, anche arbitraria, perché sono certo che Lei, nel riferirsi a “larghi strati” non dispone di alcun dato statistico né di studi sociologici, ma – come sempre nel suo caso – di mere supposizioni trasformate in certezze (e probabilmente copia-incollate da qualche discutibile sito, come da Sua prassi).
        Ciò posto, indotto da voi, ho confidato nell’abolizione del Giudizio universale, del peccato ecc. ecc. e mi sono quindi sentito libero di investire la paghetta di due settimane (diconsi: due settimane!) nell’acquisto di una cerbottana di precisione per impallinare i prof. comunisti che prendono parola nelle assemblee di istituto.
        Ora, se scopro che devo tornare a comportarmi bene perché mi avevate dato informazioni scorrette, mi dice Lei chi mi ripaga della spesa sostenuta? Stia attento, Gervasi, perché se ho buttato i soldi, non solo Le addebito i costi, ma La raggiungo in Germania e la impallino per una settimana di fila, lasciandoLe solo la libertà di scegliere se con ceci o palline di carta fatte con le pagine dei libri che fa finta di leggere!!
        Non cordiali saluti!

        PS: naturalmente scherzavo. Sono uno spettro burlone. Baci! :-)))

        1. @ QC
          Come giovinetto studente liceale Lei dovrebbe occuparsi piú a fare bene i compiti che ad essere onnipresente sui blogs piú disparati a dire spropositi
          sulla brava gente che non fá ció che Lei, senza né prove né statistiche (!) all’uopo, di loro suppone, nel vano tentativo di difendere come al solito sofisticamente il Tiranno-sauro regnante!
          Se vuol cerziorarsi sulla posizione del Pontefice sui novissimi, rilegga semplicemente le di lui interviste
          concesse a Eugenio Scalfari su “Repubblica” e riapparse poi su libri e libretti o addirittura sull'”Osservatore Romano”, organo ufficiale della Santa Sede.
          Le Sue vane quanto stolte speranze che non ci fosse
          un giudizio universale non m’interessano, e nemmeno il Suo bisogno di consolazione da parte dei critici del
          Satrapo, ora che queste speranze sono state
          “apparentemente”, come dice Lei, da lui infrante.
          Da ingenuo pervicace, Lei ha voluto credere ció
          che da cattolico non poteva e non doveva credere, basandosi almeno sulle sue conoscenze del catechismo per faciulli di Pio X.
          Adesso paghi pure per il Suo errore, versi le Sue lacrime di coccodrillo, si laceri i suoi vestitini cuciti
          con amore dalla mamma e lasci i Confratelli e le Consorelle in pace!
          Per quanto riguarda i miei postings, infine, decido io
          sul mio parlare e sul mio tacere, non il giovine e stolto liceale vaneggiante QC. lol

          1. Interessante che per replicare a me Lei insulti qualcun altro (il Papa). Faccia il bravo Gervasi, che Lei sa bene che conosco le fonti dei suoi precari collage. Così come sa bene che ogni volta che la sbugiardo, non lo faccio col catechismo dei bambini. Dipoi, decida pure sul suo parlare e sul suo tacere, ma se si rivolge a me, come ha fatto, almeno sappia incassare sportivamente le risposte che Le do. Infine, se ne faccia una ragione se a metterla in difficoltà basta un moccioso liceale con la terza media come me.
            Cordiali saluti.

    6. Spettro.
      Chi si contenta gode. Nel Vangelo del giorno c’era scritto molto di più e molto di più duro. Soprattutto nelle parole del Papa non si capisce bene perché Dio abbia fatta la divisione. Forse Lui voleva fare solo una bella fotografia. I più tranquilli a destra e più birichini a sinistra

      1. @ QC
        Qui non s’insulta nessuno.
        Lei solleva una questione di metodo con le Sue supposizioni circa le fonti delle mie informazioni
        su eventi e persone dello scacchiere ecclesiale attuale.
        Giá come studentello liceale Lei dovrebbe sapere che
        la veridicitá del contenuto di un’asserzione, una volta posta la ‘quaestio de veritate’, non dipende in alcun modo dalla fonte della stessa. Al massimo ci puó dare
        un indizio di affidabilitá o meno di chi l’ha fatta.
        Tanto che di San Tommaso viene citata la sorprendente asserzione che lui si toglierebbe il cappello anche a Satana, se questi gli rivelasse una veritá.
        Quindi i Suoi innuendo circa le mie fonti di informazione fanno regolarmente cilecca.
        Per questioni di attualitá trovo vari blogs cattolici
        del campo conservatore utilissimi per avere delle informazioni di prima mano, che probabilmente
        non appariranno mai sulla grande stampa.
        Il Suo difetto metodologico fondamentale, giá da me criticato in altri postings, é che Lei, invece di porre,
        come si deve, la ‘quaestio de veritate’ su ció che vien detto, specie se ció non Le vá a genio, si getta a capofitto, direi con l’affanno respiratorio di un vecchio monsignore in pensione, sulla fonte, nel tentativo
        di inficiare, di seminare dubbi sulla veridicitá di quanto vien detto, come se la fonte avesse una particolare rilevanza, in senso stretto, per la veridicitá del contenuto e non fosse al massimo altro che un’indicazione sull’affidabilitá dell’autore.
        Un riflesso dell'”ipse dixit”, purtroppo frequente nella mentalitá clericale, nella fattispecie in vecchi teologi
        che possono aver perso il pelo dell’autoritarismo
        in campo teoretico ma certo non il vizio.

        1. @ QC
          Per quanto poi riguarda lo “sbugiardare”, mi meraviglio che Lei usi questo termine. Deve
          davvero trovarsi in una situazione di stress.
          Basandomi sulle Sue reazioni ai miei postings,
          Le rammento che Lei non é mai riuscito finora
          a contraddirli con un’argomentazione chiara e pertinente, come si deve, quando si parla
          seriamente, né a brillare per competenza teologica
          o giuridica. Questo glielo riconosco onestamente
          e volentieri.
          In vece di tale argomentazione, da QC una caterva
          di sofismi, per la maggior parte ‘ad hominem’,
          o – una sua specialitá – il portare il discorso su una banalitá che col tema principale del posting non ha nulla che fare – una tecnica piuttosto elementare per sviare il discorso ed evitare di rispondere a domande precise ed imbarazzanti.
          Lei é un vecchio volpone, QC, arrogante e scettico,
          spesso prepotente, cui interessa soltanto (per la paghetta settimanale?) portare a compimento la ‘mission impossible’ di difendere ad ogni costo e
          con ogni mezzo l’indifendibile Satrapo infelicemente regnante.

  6. Oggi e’ CRISTO RE DELL UNIVERSO.

    E mentre noi ci dividiamo tra “io sono di Paolo, io di Pietro, io di Francesco, io di Benedetto”. Chi di loro ha redento il mondo? Chi dovremmo aspettare come Re? Lo stiamo aspettando?

    1. E perche’ NESSUNO LO ASOETTA PIU’????? Il tempio di Dio e’ Cristo non il terzo tempio, che non deve per forza essere a Gerusalemme

      Poi c è una domanda di 2pt (tutto e’ come prima!) Ma noi l abbiamo superata, mi pare, dicendo: meglio! Abbiamo i nostri riti, le nostre chiese, le nostre “buone” azioni, la nostra fede. Puo’ anche non ritornare…o se ritornasse (come nella leggenda del Grande inquisitore) ci guasterebbe i piani. MA NON SARA’ COSI! GESU TORNERA’ E LUI GIUDICHERA’ OGNI SOTTOLINEO OGNI UOMO DELLA TERRA non la piccola parrocchia cattolica. E , Dio non voglia, molti degli ultimi saranno i primi e i primi gli ultimi, perche’ l uomo guarda all’ apparenza Dio al cuore (bibbia). Sia lodato Gesù Cristo.😖

  7. Amabile spettro di Q.C..Vero:nel 2003 la Chiesa di Roma ripristinò la memoria liturgica facoltativa di S.Caterina d’Alessandria.Sull’argomento consiglio il molto chiaro testo:”traditioliturgica.blogspot.com/2014/11/il-dolce-oblio.html. Certa che il tuo spirito o spettro alla D.Gray ami le prelibatezze delle rarità sconosciute al volgo,invoco su di te la benedizione di S.Antonio “il grande”.Suppongo l’abbia ripristinata-facoltativamente-perchè accortasi di averla fatta troppo grossa,rinnegando troppi santuari tra cui quello celeberrimo di S.Caterina nel Sinai.

  8. Nel mio precedente commento c’è qualche errore di battitura ma il senso si capisce.

    Completo il discorso scrivendo che non sto difendendo Papa Francesco, ma che umanamente parlando l’anomalia era Benedetto XVI papa. Secondo i progetti divini, è tutta un’altra storia, perché le Sue Vie non sono le vie del mondo.

  9. Commento sulla partita di tennis nella chiesa sconsacrata. Fin dalla mia tenera infanzia quindi 35 anni fa mi aveva colpito una chiesa al centro della mia città, nel cattolicissimo veneto, che aveva dei tavolini fuori. Mi dissero che era una chiesa sconsacrata ora utilizzata come ristorante. Ancora adesso, e senza postare foto per ovvie ragioni di pubblicità, quella chiesa antica pur mantenendo sia esteriormente che all’interno, sia più ristrutturata, le caratteristiche di una chiesa, con le sue navate, le sue colonne, é un ristorante che porta il nome di un santo, probabilmente a cui era dedicata la chiesa prima del cambio d’uso.

    Se poi penso al Belgio, penso alle centinaia di chiesa vendute e divenuta moschee. Mia sorella che abita lá, mi ha narrato che per una chiesa diventata moschea avevano concordato comunque che il 25 dicembre i cristiani potessero celebrare la Santa Messa. Per cui anche lei aiutó a coprire con dei panni le insegne islamiche, per poi ripristinarle dopo la celebrazione.

    Di un’altra chiesa invece, mi mandó un articolo di giornale di un parroco che offició la liturgia della parola funebre per la morte dell’adorata cagnolina di una signora con tanto di ceneri dell’animale e di una sua foto fronte altare con oltre 100 partecipanti.

    E tutto questo molto prima del 13 marzo 2013.

    1. Al paese mio si dice: in paradiso non c è un prete per dire messa. Gli ebrei (quelli di Giacomo) han prevalso qui sui gentili (di Paolo). Teniamoci la nostra fede, preghiamo per loro e per noi. Mi dispiace per papa Francesco. Anzi per i 2 papi. Son sicuro che Benedetto non gode di queste polemiche. Preghiamo per tutti.

    2. Insomma sarebbe come dire che siccome San Paolo è stato decapitato, sarebbe giusto che decapitassero anche lei. Mah….

      1. La sauna era un altra. Di gente vicina a chi HA CAMBIATO IL VERTICE IOR senza avvisare Benedetto (Nuzzo, peccato originale). Ma quello era il regno di Dio in terra…non c era Bergoglio, i migranti ne le direttive europee per vedere a chi era veramente intestato il conto “cardinal spellmamn” (archivio Mons dardozzi) bei tempi!

  10. Non riesco a capire davvero come si possa, da cristiani, elogiare attivisti del partito radicale mai pentiti (figurarsi se sono o son stati dei leader) e senza neppure una buona scusa tipo una pistola puntata alla tempia, un ricatto con minaccia di morte od almeno un percepibile imbarazzo.

    Come appunto d’archivio e ripasso (doc. del 1975, fonte fuor di sospetto):

    http://old.radicali.it/search_view.php?id=45439

    1. Ma saranno affari dell’ animaccia sua? Ma voi siete sicuri che BONINO SCALFARI WELBY siano dannati? Che bonohffer sia dannati? Che un sufi sia dannati. E’ possibile ma non sta a noi giudicare, ne ammazzare se siamo cattolici! Gesù non prese la spada boh

      1. Non si chiama più spettro di Paolo ma Maranaha, ma rompe uguale. Sti’ bergogliolatri stanno un po’ annoiando con i loro giochini da bambini s..mi💤💤💤💤💤💤💤

      2. Se non si pentono per i gravissimi peccati mortali, non si salvano.
        L’aborto non è rimuovere un brufolo od una cisti, si rende conto di cosa si sta parlando?
        E sull’eutanasia, se scelta ponderata, premeditata, pensa si tratti di veniale peccatuccio?

        E non possiamo, né cristianamente, né cattolicamente, fregarcene dell’animaccia di chiunque.

        Tra i motivi anche quello di adoperarci affinché altri non siano ingannati e traviati.
        Ovvero: non possiamo fregarcene perché siamo chiamati ad essere caritatevoli.
        E non vi può essere carità senza verità.

      3. Se non si pentono per i gravissimi peccati mortali, non si salvano.
        L’aborto non è rimuovere un brufolo od una cisti, si rende conto di cosa si sta parlando?
        E sull’eutanasia, se scelta ponderata, premeditata, pensa si tratti di veniale peccatuccio?

        E non possiamo, né cristianamente, né cattolicamente, fregarcene dell’animaccia di chiunque.

        Tra i motivi anche quello di adoperarci affinché altri non siano ingannati e traviati.
        Ovvero: non possiamo fregarcene perché siamo chiamati ad essere caritatevoli.
        E non vi può essere carità senza verità.

  11. Amabile Spettro di Q.C.,tra il 1962 e il 2002 la dinamica Chiesa di Roma ha depennato dal martirologio S.Caterina d’Alessandria in nome di uno scabro storicismo.Restano “un sacco” di splendide pitture e un sopravvissuto devozionismo .Di chi era la voce di S.Giovanna d’Arco denominata S.Caterina?Giovanna,santa problematica perchè piena di “hate”,o,si direbbe oggi,di schizofrenia.E Cristo Re che si festeggia oggi è re dell’isola che non c’è ,perchè più adeguato al democratico dinamismo attuale suonerebbe:”Fratellino Presidente”.Quanto al tuo digiuno:chapeau! Ma : non sappia il tuo esofago quello che fa il tuo colon.Con l’augurio di astenerti da ogni dipsepsia,vale.

    1. Non mi ricordo quale Santa fosse che chiamava il papa dolce Cristo in terra. Era un eresia. I santi son fatti dopo morti, nonostante alcuni loro errori. Siamo tutti peccatori e bisognosi di misericordia e…di Parusia (il non attendere ma il voler ritardare la Parusia non e’ apostasia dal credo?)

      1. Santa Caterina da Siena che peró quando c’era da randellare il Pontefice, ai tempi ad Avignone, usava tutta la parresia che solo una Santa e Donna puó avere. ☺

        Il papa può essere un grande peccatore. Il più grande esempio é Pietro. ‘Vade retro satana’ si sentí dire da Gesú. E tralasciamo il rinnegamento. Ma su Pietro, Gesú ha fondato la sua Chiesa, col potere di sciogliere e legare in terra e in cielo, e le porte degli inferi non prevarranno.

        Quando San Francesco ottenne l’indulgenza del Perdon d’Assisi da Gesù su intercessione di Maria, si sentí dire dalla Seconda Persona della Trinità, che sarebbe stata valida solo con l’approvazione del Suo Vicario allora regnante.

        1. Si ma il dolce Cristo in terra e’ l anticristo di Soloviev. Quinzio lo diceva gia’ quando Socci doveva ancora nascere. Pio IX fece uccidere 2 persone ed e’ beato. Giuda FORSE fece la comunione . IL PUNTO DI QUESTI SIGNORI E’ QUESTO. NEGANO IL PECCATO ORIGINALE. PENSANO DI SALVARSI CON LE OPERE. CRISTO PER LORO E’ INUTILE?

        2. Tra Pietro e’ Giuda la differenza e’ che uno ha accettato il perdono, l altro ha cercato di pagare ridando i soldi e punendosi.

    2. Strano, stamattina a Gorgonzola (MI) la celebravano. Sono passato di lì a renderle omaggio mentre tornavo dal santuario di Treviglio.
      L’avranno reinserita…

      1. w2.vatican.va/content/paul-vi/it/motu_proprio/documents/hf_p-vi_motu-proprio_19690214_mysterii-paschalis.html

        Da quel che capisco Paolo VI ha tolto dalle memorie obbligatorie alcuni Santi per altri piú recenti e/o internazionali, pur lasciando facoltá alle Chiese locali di mantenerle. Un esempio emblematico dovrebbe essere San Gennaro.

  12. Povera chiesa ! Poveri noi con gesuiti gayfriendly e transfriendly compreso Dio !!! Al peggio non c’e` mai limite.
    Noi per consolarci ci troviamo e sentiamo tra parenti e amici , spesso amici ritrovati. Si` perche` l’unico dato positivo di questo pontificato e` che ci ha spinto a cercare e scoprire tutta la bellezza della nostra amata chiesa cattolica prima del “buonnasera ” .
    Cosi` noi che non avevamo mai letto un’ enciclica in vita nostra abbiamo scoperto la commovente tenerezza dell’Humanae vitae , la profondita` teologica della Spe Salvi e tutta la bellezza dottrinale della Veritatis Splendor. Ci scambiamo testi discorsi e video dei nostri amati Papi ; uno che mi e` arrivato da poco e` il discorso di Wojtyla alle donne che hanno abortito , da pelle d’oca.Meravigliosa e` anche della Veritatis Splendor l’ultima parte su Maria madre di Misericordia ( quella vera) :” Maria non accetta che l’uomo peccatore venga ingannato da chi pretenderebbe di amarlo giustificandone il peccato perche` sa che in tal modo sarebbe reso vano il sacrificio di Cristo suo Figlio “.
    Una profetica pietra tombale su Amoris Laetitia .

    1. Lucy se Gesù non avesse giustificato il tuo, come il mio, peccato. Andremmo all’ inferno. Il crocifisso non e’ solo imitare Cristo ma anche accettare che ha pagato per i nostri peccato. Non credo in un Dio giudice. Ma credo all’ inferno. Cioe’ a chi rifiuta la sua misericordia. Si condanna il peccato non il peccatore. Comunque aldila’ Delle confessioni, e’ possibile, anzi e’ così ad es. per i popoli non raggiunti dal vangelo: che Dio perdoni se uno non usa i metodi naturali! Suvvia!

      1. O il sig maranatha non ha capito che su un blog non si viene a dar lezioni non richieste e a fare i professorini sapientoni di turno oppure, cosa più probabile e anche evidente per via dello stile presuntuoso, è sempre lo spettro o qualcuno della cricca dei BERGOGLIONI spocchiosi.

  13. Cari Confratelli e Consorelle,
    Oggi la Chiesa ricorda Santa Caterina di Alessandria martire.
    Rivolgiamole le nostre preghiere perchè interceda a beneficio di tutte le donne vittime o potenziali vittime dei soprusi maschili.
    Secondo la tradizione, Santa Caterina protegge anche dalle malattie della lingua. Preghiamola dunque perchè guarisca le molte lingue malate che popolano questo blog, soprattutto quelle più biforcute.
    Pace a voi, saluti fraterni e buon pranzo (io digiuno).

    1. Spettro di Q, il comandante kirk, Sovrano archetipo degli spettri, vi ha inviato una silente supposta perché possiate anche voi moderare la lingua se non riuscite più a tenerla a freno. È una supposta alla nitroglicerina e che si attiva nel momento in cui il velenoso parlare degli spettri colma la misura di tolleranza. Che il Supremo Mork, sovrano delle profondità obscure sia con voi! Ps. Attesi per il tramonto alla base per il bacio del sacro tridente.

      1. Divina, al capitano Kirke fa riporto l’altro Spettro. Io obbedisco all’Abbè Marco da Genova. Non ha ancora capito???

    2. A proposito di lingue biforcute, è proprio il caso di dire: toh un bue che dà del cornuto all’asino o , se più vi piace , un cammello che dà del gobbo al dromedario.

      1. Caro Amedeo, spero lei comprenda che non le rispondo come si dovrebbe, solo per rispetto al suo capo canuto. Cordiali saluti!

        1. Dott Tosatti per la dignità e la saggezza della sua persona e del suo blog, come può permettere che spetttri spocchiosi e multinick sporchino tutto con idiozie infantili e demenziali, atte solo a distogliere l’attenzione dalla gravità dei temi che lei propone?

    3. Santa Caterina si ricorda il 25 novembre… al momento ti sei perso la seconda “ora giusta” , ma attendo con fiducia che ci riprovi: coraggio forse ce la fai .

      Comunque sappi che Caterina ha subito orribili tormenti da parte di “uomini” non come “soprusi maschili” ma con la granitica certezza che le avrebbero meritato di stare col suo Signore “faccia a faccia”,perchè affrontandoli testimoniava la sua incrollabile fede.

      Quanto alla faccenda della lingua non so… ma se scopri chi
      protegge dallo scrivere con acida superbia, mi raccomando, pregalo con fede: potrebbe esaudirti con grande sollievo di parecchia gente.

      1. Sì ma dove è patrona si celebra oggi, con tanto di cambio di paramenti. Strano non sappia certe cose, proprio lei…

        1. Per sua informazione ho assistito ieri alla Santa Messa di Santa Caterina d’Alessandria, con paramenti rossi ecc. ecc…. Però pensavo che mi avrebbe rimbeccato sulla faccenda dei “soprusi maschili” che lei ha tirato in ballo.

    4. Questo blog almeno accoglie in parte anche la parte avversa. Gli altri se la cantano e se la suonano talmente bene che io, seppur laici, li farei papi.

      1. Infatti è così ma su quei blog almeno si può commentare in pace ed esprimere la propria sofferenza per la sciagura di questo “pontificato”, senza infiltrati BERGOGLIONI e BERGOGLIOLATRI, che non paghi che al loro kapo argentino tutti i media siano prostrati e osannanti in modo vomitevole, devono venire a difendere l’indifendibile IMPOSTORE anche sui blog Cattolici.

  14. Stiamo-state contenti tutti.Procediamo ,avanti,”en marche”,dinamici.La chiesa svedese ha tolto-per democrazia-alcuni “titoli onorifici”coi quali appellare Dio,(ad es.Signore).Non paga,ha eliminato da preghiere ed inni pronomi e aggettivi declinati al maschile per non offendere/turbare l’accoglienza di ogni Gender.Viene intervistato il gesuita Gamberini(prof.associato della University di Sa.Francisco).Risponde:”Dio è transessuale e transgender in quanto è al di là di ogni genere in quanto trascendente e ogni linguaggio che lo congela in un genere,maschile o femminile, è IDOLATRICO”.Idolatrico perciò è anche il Figlio dell’Uomo che usava rivolgersi a un Padre.Il linguaggio crea idee,ma il linguaggio è caratteristica tipica dell’uomo che se ne serve-come una scala -in sù o in giù-per cercare conoscenza.Questa è censura sulle parole,sulle immagini,sulla conoscenza.I ritardati -che pure avevano contezza della trascendenza -ancorati alle viete immagini maschile-femminile nell’al di qua vanno buttati al macero,nell’al di là,indegni anche dell’inferno,obnubilati,inguaribilmente cretini e idolatri.

    1. Urca… Che brutta notizia. Fonti statistiche indubitabili mi dicono che nei 73 libri della Bibbia ” Signore” ricorre 8198 volte. Pota! Io di bibbie ce ne ho tre, mi toccherà di usarle per accendere il camino….. Guarda te , alle volte! Cosa fa il progresso.. 🙁

      1. Ne ho parlato al mio amico della Val Brembana e mi ha risposto: ma lo sai te che è peggio di quando mi hanno detto che il vino per più dell’ottanta per cento è acqua…

    2. Adesso ho capito perché in latino c’è il genere neutro. Però che vista lunga avevano i nostri padri……

  15. “Corso su Torah, Bibbia, Corano.
    UN UNICO DIO, TRE MESSAGGI”.
    Non credo che questa sia la verita. Ecco qualcosa sull’ Islam:
    “RELIGIONI ASTRALI. In Arabia, il dio sole era considerato come una dea e la luna come un dio. Come è stato posto in rilievo da molti studiosi come Alfred Guillame, il Dio della luna era chiamato con diversi nomi, uno dei quali era Allah! (Islam, p.7).
    Il nome Allah era usato come nome personale del dio luna, oltre agli altri titoli che potevano essere dati ad esso. Allah, il dio luna,era sposato con la dea sole. Assieme generano tre dee che erano chiamate “le figlie di Allah.”Queste tre dee erano chiamate: Al-Lat, Al-Uzza, e Manat.
    Le figlie di Allah, insieme ad Allah e la dea sole, erano considerate come sommi dei. Cioè erano considerate come sulla vetta del panteon delle deita’ arabe.
    ” Insieme ad Allah, comunque, essi (gli arabi) adorarono un gran numero di dei minori e “le figlie di Al-Lah”.(Enciclopedia of World Mythology and Legend, I:61)”.
    IL SIMBOLO DELLA LUNA CRESCENTE
    Il simbolo dell’adorazione del dio luna nella cultura Araba e in tutto il Medio Oriente, era la luna crescente.
    Gli archeologi hanno scovato numerose statue e iscrizioni di geroglifici nella quale una luna crescente era assisa sulla cima della testa della deita’ per simbolizzare l’adorazione del dio luna. Alla stessa maniera come il sole è pitturato sopra le deita’ egizie.
    Mentre la luna era generalmente adorata come una deita’ femminile nell’Antico Vicino Oriente, gli Arabi la consideravano come una deita’ maschile.
    GLI DEI DEI COREISCITI
    La tribù dei Coreisciti dal quale era nato Maometto era particolarmente devota ad Allah, il dio luna, e specialmente alle tre figlie di Allah che erano considerate intermediarie tra il popolo e Allah. L’adorazione delle tre dee, Al-Lat, Al-Uzza, e Manat ebbero un significante ruolo nella adorazione nella Kaba a la Mecca. Le prime due figlie dee hanno nomi che erano forme femminili di Allah.
    Il nome letterale arabo del padre di Maometto era Abd-Allah. Il nome di suo zio era Obied-Allah.
    Questi nomi rivelano la personale devozione che la famiglia pagana di Maometto ebbe nell’adorare Allah, il dio luna”.
    (Da brani tratti dal “The Islamic invasion” di Robert Morey; Harvest Home Publisher,1992. Traduttore: Antonio Aragoni- Nuoro.

    SIA LODATO GESÙ CRISTO!

  16. Caro Direttore:
    Questo non ha rimedio e quello è il gran problema di quelli battezzati nella Chiesa cattolica:
    Che Jorge Mario Bergoglio Sívori, Francesco, non è un altro più dei molti brutti Papi che ha avuto, né il 36 Antipapa:
    CHE FRANCESCO È QUELLO PROFETIZZATO IN ZACCARIA E APOCALISSE “PASTORE STOLTO E FALSO PROFETA” CHE APPARIVA ALLA “FINE DEI TEMPI” E PREPARA IL CAMMINO L’ANTICRISTO!
    Saluti.

  17. Contubernales, nel vangelo, libro peraltro obsoleto, non certificato e non corredato da registrazione vocale, pare si possa evincere che ad ognuno viene assegnato un certo ammontare di talenti, secondo capacità, quindi contro la democratica uguaglianza e con la protervia dell’antimisericordia.
    Ho un rovello, a sua cremeria quanto sarà stato assegnato, che resa darà, almeno li sotterrasse, ma non pare proprio, sembra anzi che inflazioni e perdindirindina falsifichi , o no?
    Chiedo lumi ai dotti, prego delucidatemi.
    G. Vigni

    1. Chiarezza e semplicità di Papa Francesco:
      La fede cos’è?
      È la palingenetica obliterazione dell’io cosciente, prototipo che s’infutura nel volto misericordioso dell’antropomorfismo universale.

      Chiaro no?

  18. Poiché il giorno declina e si fa sera è il momento di tirare le somme di questa giornata. Forse perché è l’argomento più facile o quello che tutto sommato si presta di più a dare la stura al bottiglione dell’ironia su SS. quasi tutti i commenti si sono concentrati sulla sgridata sui cellulari.
    Ma l’amico Tosatti di argomenti da sottoporre alla nostra riflessione ne ha indicati altri sei che riassumerei così:
    – ipocrisia e falsità ( anche vicino se non dentro la Chiesa ) riguardo all’aborto
    – i battitori di gran cassa pro Bergoglio e la loro sfacciata quanto inutile invadenza
    – la cittadinanza universale come obiettivo dell’internazionale comunista pilotata dai grandi dittatori sudamericani
    – un dio improponibile non in tre persone ma con tre facce diverse per tre religioni diverse
    – l’uso volutamente dissacrante di edifici nati per il culto e finiti preda della mondanità
    – l’indifferenza dei cattolici verso persone come Asia Bibi, perseguitate a causa della loro fede, che ormai sono diventate solo dei simboli.

    Ce n’è abbastanza per un grande mea culpa collettivo.

    1. “Ce n’è abbastanza per un grande mea culpa collettivo”

      Vero: per non essere ancora riusciti a cacciarlo… non si può continuare a lasciarlo infierire senza reagire. Sarà sempre peggio e non c’è più tempo da perdere. Deve andarsene e portarsi dietro quelli che lo esaltano. Dice bene il card Cesare Baronio: “possiamo chiederlo, possiamo protestare, possiamo domandare ai buoni Vescovi – quei pochi che rimangono – di guidare un moto di protesta per pretendere che gli eretici lascino i posti che occupano e si facciano la loro setta altrove, o che raggiungano i loro “fratelli” – figli dello stesso padre della menzogna – in una delle tante denominazioni acattoliche. Possiamo dar coraggio ai sacerdoti, facendo loro comprendere che non sono soli, e che anzi con loro c’è la maggioranza dei fedeli. Possiamo dire chiaramente ai nostri Parroci, ai nostri Vescovi, che non avranno né il nostro aiuto, né le nostre preghiere, né le nostre offerte se si discosteranno dalla fedeltà a Nostro Signore e alla Sua Chiesa.”
      Questo sì che lo possiamo fare, anzi credo che sia nostro dovere farlo.

  19. Caro Spettro,
    ” Di cosa doveva parlare? Del tasso alcoolemico?”
    Di quello presente nelle interviste e negli interventi di certi suoi collaboratori magari anche.
    Comunque grazie per l’appello alla giornata del Banco.
    È davvero una grande grazia potervi partecipare.

    1. Papa Francesco ha una parola appropriata per tutti. A un gruppo di donne ha spiegato come fare a trovare il fidanzato : come ultimo rimedio alla soglia dei quaranta anni bisogna pregare San Antonio.
      Al caro Spettro consiglio di partecipare al Convegno Vaticano degli Spettri cattolico progressisti ” Anche noi spettri siamo chiesa” : sicuramente papa Francesco dara’ buoni consigli su come smacchiare il lenzuolino bianco o come smaterializzarsi al canto del gallo.

      1. Eheheh quanto inchiostro virtuale e quanto veleno per tre parole su cinquecento. Il Papa saprebbe farvi discutere anche stando zitto :-))))

        Ma parlando più seriamente, magari leggete quello che commentate: tutte queste chiacchiere, come se avesse scritto un’enciclica sul cellulare, non vi fanno fare una gran figura…lui fa ridere, ma voi fate ridere al cubo!

        Ps. io non sono progressista.

          1. No grazie, non cerco un fidanzato…e poi sono già devoto di un altro Sant’Antonio.
            Per farlo trovare a te, invece, io mi affiderei alla Madonna delle Grazie di Primolo in Val Malenco. A giudicare dagli ex voto esposti nel santuario, pare proprio che ascolti ed esaudisca.
            Saluti.

          2. Sant Antone del purcel fimen trua’ u sior e bel.
            Tradotto per i tagliani:
            Sant’ Antonio del porcello fatemene trovare uno ricco e bello.
            Se a qualcuna potesse servire… Non si sa mai.
            Anche questa è cultura.

        1. Certo che non è progressista LO SPETTRO perché è già andato oltre, è BERGOGLIONE e anticlericale, zerbino del REGIME
          che da Santa Marta sta tentando di eliminare LA SANTA CHIESA dalla faccia della terra.

          1. Perche’, che cosa ho scritto di tanto ridicolo su Pio X?

            Forza, illuminaci con la tua immensa saggezza, sapientone della domenica.

          2. @ Claudius

            Ho cercato anch’io nei commenti per spiegarmi il motivo dell’ilarità che avresti provocato al fantasma formaggino…

            Visto che copia-incollare è facile e veloce, il nostro avrebbe potuto farlo, ma sua incommensurabile altezza non si è degnato illuminarci in proposito.

            Attendo anch’io fiduciosa un chiarimento.

          3. Claudius, è ridicola la domanda che hai fatto su San Pio. Non te la ricordi già più?? È in questo topic.
            Però apprezzo la tua fantasia…

          4. Visto che il chiarimento tarda ad arrivare forse ho trovato il post incriminato.

            Saranno stati questi i post a cui faceva riferimento?

            “G.Gervasi ha detto:
            novembre 25, 2017 alle 11:12 pm
            @ Claudius
            un papa formalmente eretico decade automaticamente.
            Questa é “opinio communis” di teologi e canonisti fino ad oggi.

            Claudius ha detto:
            novembre 26, 2017 alle 8:54 am
            Avevo letto che S. Pio X aveva affrontato la questione e aveva sostenuto (ma potrei sbagliarmi) invece che un papa che cade nell’eresia rimane formalmente papa, sebbene eretico. Mi piacerebbe saperne di piu’ su questo argomento.”

            Se sì, il suo “ilare” commento definisce tutta LA STATURA DEL PERSONAGGIO mentre ne acquista quella di Claudius che sa ammettere la possibile non esattezza delle sue affermazioni, e si dimostra desideroso di colmare le lacune in merito…

            …cosa che Formaggino non ha fatto, limitandosi a sghignazzare…

          5. @ Mari, si’, e’ come dici tu. Ho fatto una domanda mettendo bene in chiaro che potrei sbagliarmi perche’ si tratta di cose che ho letto anni fa. In effetti per una persona normale si fa fatica a capire cosa ci sia da ridere. Il problema e’ che qui abbiamo a che fare con un mocciosetto presuntuoso e un po’ ottuso che come tutti i presuntuosi ha la convinzione di avere la verita’ in tasca, e come tutti gli ottusi ha il riso facile, perche’ non si rende conto della miseria umana nella quale affoga. Forse dovremmo lasciarlo ridere in pace.

          6. Claudius fa ridere che a uno possa anche solo saltare in testa che un papa come San Pio X abbia speso parole per trattare idiozie come quelle. Tutto qui. Niente di personale. Business is business.

          7. Io veramente non ho ancora capito se tu sei un poveraccio sul serio o uno che gioca a fare il bambino capriccioso. In ogni caso, cerca di precisare meglio, perche’ a questo punto sono io a volere ridere un po’: cosa c’e’ di tanto ridicolo nel pensare che “un papa come San Pio X abbia speso parole per trattare idiozie come quelle”? Quale sarebbero di preciso le idiozie? Per caso quelle di un papa eretico?

        2. Tu invece SPETTRO, AL CUBO, fai TANTA TANTA MA TANTA PENA perché sei così PIENO DI TE che scrivi come se ti ritenessi il più bravo, il più intelligente, il più simpatico, il più colto, l’ unto dal Signore……ma se anche, PER CASO, tu fossi tutto questo, la tua superbia, la tua ambiguità, la tua ipocrisia, la tua TOTALE MANCANZA DI UMILTÀ, ti rendono solo RIDICOLO. Poveretto.

        3. Tanto peggio, tanto meglio. Oggi si vaglia….l ho gia’ scritto: non capisco perche’ la gente tema cosi’ il ritorno di Cristo. Era l attesa dei primi cristiani! Oggi anche Muller “attacca” il papa. Io posso attaccarlo sull’ amoris laetitia. Non perche’ sia sbagliata, non so! Ma perche’ ha creato “odio” la sua non risposta. In realta’ mai i papi han risposto al popolo e penso nemmeno ai cardinali. Bergoglio e’ un uomo. Non un santo. Come gli altri. Non arriva…a tutto. Dio e’ Amore, carita’, misericordia. Per me il peccato contro lo spirito Santo e’ il non lasciarsi perdonare, e il credersi non peccatori. Ho passato qualche Natale fa, in un hospice. Con mio padre 😖. Natale di merda (per gli altri). L hospice e’ una Delle anticamente della tomba!!! Ci sono i terminali. Ero depresso , anche dal Natale consumistico, non c era medicina che mi aiutasse. Se uno dovesse esser preso “dal figlio della perdizione”, dalla tentazione suicida, ma non riesce ad attivarla . E hai qualcuno che vuoi bene che sta male: quella e’ l unica terapia. amare. L ho scritto minuscolo, perche’ maiuscolo e’ di Dio. Ti solleva, non so perche’, non certo per il “guarda chi sta peggio”.

    1. Nemo, dove le hai scovate le pazze scatenate! Ma che modo di pregare è? Roba da angiporto dove si pratica ogni commercio illecito e contrabbando. Una schifezza indegna di una chiesa, l’impulso, davanti a tanta sconcezza e sciatteria degna di una suburra, è di impugnare un randello e menare a tutto spiano.

      1. Caro Gian, lei é la dimostrazione che la musica é un elemento vivo, perché frutto di interpretazione: per Nemo e per me questo é gregoriano magistralmente eseguito, per lei, altra cosa, addirittura disdicevole, forse perché deve ancora scoprire il segreto di questa preghiera.

        1. Hai frainteso Margherita, mi riferivo alle sguaiate del link (la righetta sottolineata sopra il video) di GloriaTV, non certo al video. Va a vedere e capirai. Hanno portato il rap in chiesa le coatte della suburra!

    2. Certo che si nota la differenza Nemo, è abissale, il Canto che ci hai girato è sublime…..altroché le canzonette da post Vaticano II…..Come è abissale la differenza tra LA SANTA MESSA e le celebrazioncine che ci ha imposto il Vaticano II. Grazie Nemo e santa Domenica.

  20. Il convegno religioso è organizzato dai Paolini….che da quel di hanno deragliato…..Chissà quando organizzeranno un convegno su San Maometto…..

  21. scusate, mi sembra che qui si esageri… spezzo una lancia in favore del regnante, sui cellulari quando si guida… lui parlava alla polstrada e alla polfer, e quindi aveva pienamente ragione sul fatto che non si deve usare il cel a mano quando si guida… semplicemente, quando si guida, andrebbe usato l’auricolare.
    Diciamo che, circa le ferrovie, che il regnante non ha però fatto cenno all’anarchia che capita su certe linee, vedi qui

    http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/11800472/Braccio-tagliato-col-machete–parla.html

    e qui

    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/sputi-ai-passeggeri-e-minacce-furia-dei-nordafricani-treno-1448588.html,

    anche e specialmente grazie all’invasione dell’orda dei barbari, da lui propiziata… resta poi il fatto che, su Lutero, il fatto che lui abbia detto che

    “…oggi luterani e cattolici, con tutti i protestanti, siamo d’accordo sulla dottrina della giustificazione: su questo punto tanto importante lui (Lutero, ndr) non aveva sbagliato”.

    fa di lui né più né meno che un eretico… certo, a paragone dei cellulari, questo è meno rilevante.

    1. Io infatti oramai lo considero un eretico a tutto tondo. L’unico dubbio che mi rimane e’ se un papa eretico rimane papa oppure decade automaticamente ispo facto? In ogni caso, io per non sbagliare non lo sto piu’ a sentire e lo chiamo sig. Bergoglio.

      1. @ Claudius
        un papa formalmente eretico decade automaticamente.
        Questa é “opinio communis” di teologi e canonisti fino ad oggi.

        1. Avevo letto che S. Pio X aveva affrontato la questione e aveva sostenuto (ma potrei sbagliarmi) invece che un papa che cade nell’eresia rimane formalmente papa, sebbene eretico. Mi piacerebbe saperne di piu’ su questo argomento.

          1. @ Claudius (26.11./8:54 a.m.)
            Parlava Pio X di eresia materiale o di eresia formale di un pontefice? Qui si parla di un papa eretico formale, cioé manifesto.
            E già qui il Bellarmino, citando Cipriano, Ioannes Driedonus e Melchior Cano, conclude che un eretico manifesto non puó essere in alcun modo membro della Chiesa, tantomeno il suo capo. Cosí asseriscono pure Wernz-Vidal nel loro “Ius Canonicum” (8 volumi, più di 50 edizioni, l’ultima delle quali del 1943), che si riflette nel Codice di Diritto Canonico del 1917:”Un papa che é caduto nell’eresia pubblica cesserebbe ipso facto di essere un membro della Chiesa; perció egli cesserebbe di essere il capo della Chiesa” (Ius Canonicum, II,453).
            Lo ‘status quaestionis’ attuale viene descritto molto bene da un canonista post-conciliare, J. Corrigan, ripreso in “Crisi nella Chiesa”, che con altri ha curato su incarico della Canon Law Society of America il testo e commentario del Codice di Diritto Canonico, 1983 (New York, 1985) e sul c. 333 cosí si esprime:”I canonisti classici discussero la questione se un papa, nelle sue opinioni private o personali, potesse cadere nell’eresia, nell’apostasia o nello scisma. Se egli vi fosse caduto in maniera pubblica
            e manifesta, avrebbe perso la comunione, e secondo un’opinione accettata, avrebbe perso ipso facto anche il suo ufficio. Poiché nessuno puó giudicare il papa (can. 1404) nessuno potrebbe deporre un papa per tali crimini, e gli autori sono in disaccordo tra loro su come la perdita del suo ufficio dev’essere dichiarata in modo tale che un posto vacante possa essere occupato da una nuova elezione”.
            Si veda anche la recentissima pubblicazione della traduzione italiana del saggio di Arnaldo Vidigal Xavier da Silveria (1970), “Ipotesi teologica di un papa eretico”, Edizioni Solfanelli, 2017, con presentazione di Roberto De Mattei.

  22. Sul fatto del cellulare non farei tanta ironia: è un comportamento grave, che causa molti incidenti e vittime, è pericoloso non solo per chi lo usa ma anche per chi si trova sulla strada dello sconsiderato.: Se parlaste con qualche parente delle vittime della strada forse non fareste tanti sorrisini.

    1. Per quanto mi riguarda non sto ironizzando sulla pericolosità dell’uso del cellulare durante la guida, ma sul fatto che di fronte all’immoralità dilagante e al catastrofico diffondersi di ateismo, agnosticismo, razionalismo anticattolico, neo paganesimo e Islam invadente il Papa si perda in quisquilie. Niente altro. Spero di morire in tempo per avere un funerale in chiesa e non in moschea o in un ex capannone industriale riadatto a centro per esequie.

    2. Certo lo sappiamo tutti che non si usa il cellulare al volante Gabriele, peccato che oltre a salvarsi la Vita, bisognerebbe prima di tutto salvarsi l’Anima e un Autentico Papa di questo dovrebbe parlarci, non di cellulare, di differenziata, di come trovare marito…..sono altri gli incaricati di parlarci di questo! Ma il sciagurato argentino è solo un esaltato ideologizzato, senza fede…..il PAPA è Un’ Altro…..ed È Ben Altro!!

  23. Cari Confratelli e Care Consorelle,
    Oggi è giornata di BANCO ALIMENTARE e non solo di Black Friday prolungato.
    Dimostrate dunque la vostra stoffa, rinunciate agli sconti e andate a fare la spesa. Riempite tanti sacchetti di generi duraturi soprattutto per infanti. Riempirete più sacchetti sacrificando la spesa per voi e dedicando la prossima settimana all’ascesi gastronomica (pane, acqua, qualche verdura).
    Il tuo a lode e gloria dell’Onnipotente che ci vuole suoi cooperatori e che ci affida la cura dei fratelli più sfortunati.
    Saluti.

    1. Ho notato che, questo anno, diversamente dai precedenti, nell’elenco dei prodotti alimentari consigliati per la raccolta del banco alimentare nella mia zona (organizzata dalla C.R.I.) mancano pasta e carne. In scatola. Sostituiti da riso e tonno.
      Ho la sgradevole sensazione che, molto presto, la lista dei prodotti consigliati comprenderà il cous-cous e prodotti certificati halal.

      1. Non ci avevo fatto caso… l’anno prossimo anzichè pasta… Simmenthal, salamini e ragù di carne non Halal; spenderò di più ma almeno aiuterò dei fratelli cristiani più sfortunati (visto che quelli neppure se li è presi dietro il Vescovo di Roma quando era a Lampedusa), e non mangiandoli io mi dedicherò all’ “ascesi gastronomica”.

        Grazie, Spettro: anche gli orologi fermi segnano l’ora giusta due volte a giorno e questo è un proposito che senza il tuo intervento non avrei potuto fare…

        …e naturalmente grazie a te, Andrea, per aver colto questo particolare su “assist” dello Spettro.

  24. La chiesa di San Paolo Converso è una chiesa sconsacrata situata nel centro storico di Milano… La notizia si trova facilmente in internet
    Magari era corretto precisarlo, no?

    1. il commento del lettore a difesa del tennis dentro la chiesa è lì, ognuno può giudicare.

      Piuttosto mi viene in mente un sacerdote, omonimo del lettore che si firma “cesare contarini”, che certamente da buon Ministro di Dio oggi sta celebrando il Sacrificio Eucaristico. E che a differenza dei preti “allegri” della sua diocesi -alcuni con figli, altri con donne (o uomini), altri ancora amanti delle riprese video amatoriali. E ci fermiamo sia per carità cristiana e sia perché è on corso una indagine della Magistratura- lui, don C.C. , è un ptete vero e santo, che passa ore in confessionale e prostrato in Adorazione davanti al Santissimo Sacramento prega per la conversione dei suoi Confratelli diocesani che hanno devastato la Chiesa patavina. Grazie don per tutti i retti insegnamenti che ha dato ai giovani della Fuci preservandoli da quell’eresia modernista che purtroppo proprio da quella terra si è diffusa in tutto lo Stivale.

  25. Per chi ha ne l’opportunità e desidera leggerlo, segnalo il libro di Marcantonio Colonna “Il Papa dittatore”, uscito da pochi giorni e disponibile su Amazon. Esclusivamente in formato kindle.
    Buona festa di Cristo Re.

      1. @Enrico Lutman
        L’autore:
        Marcantonio Colonna si è laureato all’Università di Oxford e possiede una profonda esperienza nell’ambito della ricerca storica e in altri campi. Risiede a Roma fin dall’inizio del pontificato di Papa Francesco, e il suo libro è frutto di stretti contatti con molte persone che lavorano in Vaticano, tra cui alcuni dei cardinali e altri personaggi principali citati nel corso della narrazione.

  26. Credo che si debba riconoscere che il Papa, quando parla di uso del cellulare in macchina, abbia tutte le ragioni, anzi addirittura parla ex cathedra.
    Aggiungo che il suo magistero in materia è esemplare e dovremmo tutti meditare sull’argomento.
    Per quanto riguarda invece altri dettagli, è giusto che il magistero venga lasciato ad altri (Spadaro, Scalfari, Forte, Kasper, Galantino, ecc.): mi riferisco a quelle cosucce che si chiamano SS. Trinità, divorzio, adulterio, transustanziazione, proselitismo, ecc.

    1. A parer mio , il messaggio papale urbi et orbi – De telefonino- ha una spiegazione palese.
      SS. ha più volte affermato di amare e prediligere la gente e i preti di strada. E chi c’è più di strada degli agenti della polizia stradale, sacerdoti implacabili della disciplina stradale e quindi preposti alla soppressione del delitto di uso del telefonino da parte degli automobilisti?
      Tutto chiaro e conforme al diritto canonico secundum Bergolium.

      1. E aggiungo: suppongo che la prossima Enciclica sarà la “Altissimum benzinae pretiium” (in latinus grossus ovviamente) con la quale SS. Ci spiegherà che l’altissimo prezzo della benzina serve a dissuaderci dall’uso dell’automobile e quindi a diminuire il numero di incidenti stradali, e , soprattutto, a ridurre l’inquinamento atmosferico. Nessuno si rende conto di che grazia sia stata per l’umanità la salita di un tal genio universale al soglio di San Pietro. 🙂 🙂 🙂

        1. Confratello Amedeo,
          La potenza della Grazia si vede constatando come si moltiplicano i dibattiti e i messaggi per tre parole dette tra parentesi dal Papa, mentre ragionava coi ghisa.
          L’ulteriore effetto della Grazia si nota vedendo come, in mezzo a tanta ricercata demenza (anzi grazie ad essa e nonostante le intenzioni), il messaggio si amplifichi e riesca a raggiungere tutti. Si senta fiero di aver assecondato la Grazia e si ricordi di non usare il cell. mentre guida!!

          1. Invece io mi sono dimenticato, nell’imitare il suo stile , di dire che cosa il prezzo della benzina “non è ” ( perché lui per prima cosa dice sempre che cosa una cosa ” non è” ). Lo dico adesso : l’alto prezzo della benzina “non è” un mezzo per arricchirsi dei petrolieri….

    2. Dimentica, caro Paolo Giuseppe, anche gli atti del Magistero di Santa Marta relativi al riscaldamento globale, alla raccolta differenziata, al nucleare, ai licenziamenti di questa o quell’azienda. Tutte cose – si sa – in cui il Sedicente è maestro infallibile. Quando si tratta di questioni che esulano dalle sue competenze, ecco il Non expedit, declinato nell’aulico eloquio bergogliano: Non mi immischio.

    3. @ Paolo Giuseppe
      La dottrina nella nuova Chiesa, come si sà, é stata assorbita dalla prassi, secondo il motto: l’uomo viene prima della dottrina! Il vecchio teismo, direbbe Feuerbach, é il nuovo antropocentrismo.
      Quanto alla SS. Trinitá e alla Transustanziazione la NChiesa segue il suggerimento di Wittgenstein, che su cose di cui non si possa parlare bisogna tacere. E, difatti, essa tace,
      e il kerygma si occupa del codice stradale.
      Per quanto riguarda divorzio e adulterio, la teoria
      che riflette la prassi della NChiesa é condensata nel prolisso e in lunghi tratti banale “Amoris Laetitia” (“Le Gioie
      del Sesso”), pilastro su cui la morale della NChiesa si basa
      e nel cui chiaroscuro deve essere re-interpretato tutto ció che la Scrittura e la Tradizione abbiano scritto e pensato su questo tema per 2000 anni. Caramba!, l’uomo moderno
      ha esigenze, il divorzio e l’adulterio, appunto, che non erano le esigenze dell’uomo nato e cresciuto prima dell’etá contemporanea. Ció che conta per l’attualismo latino-americano non é lo ieri o il domani ma soltanto l’OGGI.
      Il Pontefice latino-americano non ha il senso della storia, dello “ieri”: la storia della Chiesa comincia con lui e l’istituzione bimillenaria é a disposizione di ogni cambiamento serio e meno serio che lui con la massima disinvoltura, tipica, appunto delle culture ancora nell’etá infantile, le voglia imprimere.
      Si stia attenti, poi, a ció che nella e della NChiesa si dice:
      gli scagnozzi di Sua Santitá fiutano e mordono.
      Ovunque e comunque!

  27. Io trovo istruttivi questi video (telecamera nascosta) in cui medici e funzionari di Planned Parenthood parlano in modo informale – e perciò più sincero – della loro attività di vendita di organi di feti da loro fatti abortire:
    https://www.youtube.com/watch?v=c9EU_02c5bM
    Siamo ad un meeting di affari ad un elegante meeting del “Consortium of Abortion Providers” e le dirigenti di PP incontrano potenziali acquirenti di organi.
    Dice la direttrice di PP
    “Abbiamo lavorato con con gente che vuole specifici tessuti… vogliono cuori, occhi.. vogliono nervi, spine dorsali… questo genere di cose… certamente noi procuriamo tutto… anche gonadi… o mio dio… gonadi (ridendo)…”
    Quando si tratta di vendere e guadagnare, all’improvviso gli ammassi informi di cellule diventano organi di esseri umani.

  28. Brevemente due osservazioni.
    La prima: al bestiario aggiungerei anche questo:
    Migranti, monito di Papa Francesco ai politici: “Fomentare la paura seminano violenza e discriminazione razziale”
    “Governanti siano prudenti e responsabili”
    La seconda: credo sia più facile dimostrare che ebrei, cattolici e musulmani pregano lo stesso Dio piuttosto che dimostrare che Bergoglio prega lo stesso Dio dei suoi 265 predecessori.

    Buona giornata.

  29. Buongiorno Venerabile Abbè,
    Visto che il bestiario di oggi è ”multidisciplinare” e come sempre ha un certo grado di ironia, mi permetto di integrarlo rimandando a questo gustoso articolo
    http://www.lanuovabq.it/it/il-santo-col-panino-se-anche-locchio-e-malato

    Oltre a ciò, occorre informare il Card. Baronio che nel discorso ai vigili urbani il riferimento al cellulare era un esempio tra parentesi e non una definizione dogmatica di nuovo peccato.
    Tuttavia, la condotta interessa perchè se ci scappa il morto, data l’alta prevedibilità dell’evento, scatta il peccato di omicidio perchè sarebbe difficile negare il deliberato consenso (in gergo giuridico si chiamerebbe dolo eventuale). Quindi è bene sapere che se si stira un pedone per parlare col cellulare – condotta diffusissima –
    oltre alla galera c’è l’inferno.
    D’altra parte dubito che nei manualoni del Cardinale si parli, ad esempio, di bioetica e peccati annessi….quindi che si dovrebbe fare?
    Baciando a entrambi la sacra porpora, invio deferenti saluti.

    Ps.: ma coi vigili urbani di che doveva parlare? Del tasso alcoolemico?

    1. IL problema e’ proprio quello: che parla. Parla, parla, parla…. parla troppo. Forse dovrebbe fare come facevano i papi di una volta: stare zitto e pregare. E parlare solo in circostanze quasi eccezionali.

      1. Scusa Claudius…a quali Papi ti riferisci? A me sembra che da quando esistono i mass media i papi ne facciano largo uso. L’unico non mediatico e poco parlatore, in compenso ha scritto molto.

        1. quest’uomo parla troppo e male. I papi fino a prima del CVII parlavano poco, proprio per dare piu’ forza alle cose che dicevano, quando le dicevano. Ma tutto e’ cambiato negli ultimi decenni, con i papi “superstar”, malati di protagonismo e logorrea, e ora perfino di cretinismo terminale.

          1. Esattissimo Claudius, proprio cretinismo terminale…..e speriamo termini davvero presto il cretinismo, sia dell’ IMPOSTORE che dei suoi zerbini, che continuano a edulcorare le BERGOGLIONATE anche sui blog Cattolici, usando ora parole melliflue e ipocrite, da spettri consumati di regime.

    2. Deduco che all’udienza con i gestori di autofficine ricorderà l’importanza della revisione biennale e di un cambio d’olio regolare…

      1. Si tratterebbe di una catechesi sull’importanza di far bene il proprio lavoro ad onore del Signore. Ben venga quindi: ogni lavoro ben fatto è opera di Dio.

        1. Dott Tosatti PIETÀ…..almeno per un po’ non può evitarci le zerbinanti arrampicate agli specchi pro el berghy degli spettri e dei loro cloni? La ringrazio di tutto ciò che potrà fare!

        2. Trovo che condannare chi usa il cellulare al volante sia farisaico…. Chi fa così non deve essere multato, ci vuole misericordia e discernimento. Eh … Il vigile dovrebbe iniziare con l’automobilista un cammino di riconciliazione con il codice della strada, che peraltro non conta, perché la legge è morte e lo spirito è vita!,, Eh… Non si puà ridurre la guida ad un insieme di regole e prescrizioni! Chi siamo noi per giudicare chi usa il cellulare? Eh …il dio di novità ci può far dire che in quel momento lì, per la mia coscienza, usare il cellulare sia la scelta migliore….

          1. Commento azzeccatissimo … che, appunto, non toglie nulla alla sensatezza di seguire le prescrizioni anche legate al vivere civile: se c’è una legge (morale o civile) c’è un motivo , non è espressione di una “libido del potere” che dimostra la forza di chi ci costringe a fare qualcosa di cui non capiamo il senso.

    3. Menomale che gli spettri questi problemi non li hanno! “Che dovrebbe parlare del tasso alcolemico?” Ve lo immaginate uno che già ubriaco di suo parla del tasso alcolemico? Ma poi che cosa ci può dire uno che di teologia non sa un fischio e che si arrampica sugli specchi della pastorale? Non gli resta da fare altro che parlare di ambiente, di cellulari alla guida, di politica e di tutto ciò che oggi è sotto osservazione alle NU. Cristo è stato superato da Bergoglio! Ma poi cosa potrebbe dire di Cristo se, come dice il suo collega Sosa, non sappiamo nemmeno cosa abbia detto ? Menomale che almeno come politico, per questi politici mondiali, vale qualcosa. Perché come vicario di Cristo non serve a niente! Ai vari spettri, il capitano kirk vi attende per l’ossequio vespertino del bacio della sacra coda! 😂😂😂

    4. vorrei rammentarle che il Codice della Strada contiene apposite sanzione per chi usa il cellulare in macchina. Il vero problema è che, come avviene nel campo dei delitti contro la persona , i furti, l’immigrazione (invasione) , ecc. l’ordine di chi “puote” è di lasciar perdere gli interventi repressivi previsti dalle leggi, ma di avviare un grande chiacchericcio, onde poter creare “l’état d’esprit” adatto alla introduzione di nuove norme restrittive della libertà in ogni campo.

      1. L’assurdo è proprio questo : mentre da un lato si reclama una libertà senza limiti su tutto, dall’altro si richiede una legge su tutto.

        1. Hai centrato il punto. Ma qui bisogna capire bene che non c’e’ alcun assurdo, al contrario: e’ una precisa strategia di potere. Il liberismo globale da una parte impone leggi liberticide a proprio favore, cioe’ in funzione del “mercato” che regola a proprio piacimento, a danno di tutti gli altri (per cui tu devi pagare un mare di tasse, mentre loro ne sono esentati). Dall’altra invece, promuove l’anarchia sociale, il “fate quel che vi pare”, al fine di creare una massa di deficienti intossicati dal vizio, che e’ l’unica cosa che permette di manipolare le masse fino in fondo. Fascismo e Comunismo hanno fallito: volevano creare un uomo razionale, duro, bellicoso. Molto meglio crearne uno irrazionale, stupido, manipolabile e passivo. Come si fa? Promuovendone i vizi. Tutta qui la storia del potere degli ultimi 70 anni.

    5. SPETTRO mi scusi, ma se l’è cercata…..ma pare dai suoi interventi prostrato a el kapo suo, che di tassi alcoolemici siate esperti proprio voi due, più il resto degli SCODINZOLANTI BERGOGLIONI…..per esperienza personale e diretta.

  30. Caro Direttore:
    Propone molti temi, per quello che suolo risponderò a tre molto breve.
    1º. Pro Papa Francisco:
    Il panorama si può dire che è terrificante. Questo Jorge Mario non è nessuno e è arrampicato fino al papato. È un pessimo attore, perché da “il principio” quando era gesuita e dopo vescovo era conosciuto come “viso di veglia funebre”, “viso di aceto”, un amareggiato che ora ride e bacia bambini e fino ad accarezzò un animale, ma chiaro, tutto quello se è filmato bensì no.
    Un cattivo attore e anche un male cattolico: passò per il suo culo gli avvisi del suo santo fondatore Ignacio; non si inginocchia nella Consacrazione; commise un’impostura religiosa; commise due eresie; concedè il divorzio per “ecc”; corresse al Signore in Giovanni 8: 11 col suo Amoris laetitia; dice che non bisogna insultare e a lui porto annotati 184 insulti e disprezzi al personale; il suo ego non ha limiti nelle suo brutte rappresentazioni teatrali quasi giornaliere nella cappella della Casa di Santa Marta e in suo per il momento 74 interviste…: totale che tutto quello non se l’ispira lo Spirito Santo.
    Tutto quello vuole dire che: se questo Jorge Mario che non è nessuno ha in silenzio e spaventata a quasi tutti quelli battezzati, quando venga l’Anticristo con tutto il Potere di Satana… si realizzerà la cosa detta per il Signore: “Troverò fede nella terra?” Luca 18: 8: perché non Signore!
    2º. Il caso Asia Bibi:
    Quello è il vero islam, quello fu quello che predicò e fece Maometto; perché Maometto guerreggiò e ordinò ammazzare, cosa che vogliono sempre dimenticare molti, e è che scrivono sul Corano ma non della pratica di Maometto che ammazzò e fece ammazzare fino all’ultimo giorno della sua vita.
    3º. Quasi straordinari diedi possessione:
    Affinché dopo molti -per esempio, Arturo Sosa Abascal- dicano che non esiste il Male, che è un simbolo.
    Ho riferimento di due casi impactantes.
    Uno, quello di una bambina di 12 anni che parlava spagnolo come lo fa una bambina della sua età, non molto e con accento della sua zona, e risulta che era capace di parlare qualunque lingua in cui era interrogata: greco, latino, francese, tedesco ed inglese migliore che i suoi interlocutori; si alzava a un metro del suolo in orizzontale e si muoveva più di 20 metri, per finire girando come una palla di fuoco.
    L’altro caso è quello di una giovane francese che quando gliela parlava di Dio diventava nervosa e camminava per soffitti e pareti.
    Diceva il gesuita che contò questi due casi che quello che più l’impressionò di questa ragazza francese era che, quando camminava per il soffitto, né i suoi capelli molto né la sua lunga gonna cadevano: per me la cosa più impressionante è che ella non cadesse.
    Saluti.

I commenti sono chiusi.