IL PATRIARCA KIRILL: I SEGNI DI CUI PARLA GIOVANNI NELL’APOCALISSE SONO SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. SOLO I CIECHI NON LI VEDONO

                            
Marco Tosatti

Ne ho scritto questa mattina su “La Nuova Bussola Quotidiana”, ma vorrei rilanciare l’articolo anche su Stilum Curiae, perché mi sembra importante e singolare il fatto che Kirill, notoriamente una persona aliena da misticismi, ritenga opportuno lanciare un messaggio del genere.

Il patriarca Kirill ha detto nei giorni scorsi in un discorso pubblico che i segni del Libro dell’Apocalisse sono ormai evidenti. Ha anche chiesto ai politici, agli artisti, agli scienziati e ai comuni cittadini di unirsi, per fermare il movimento verso l’abisso: “Stiamo entrando in un periodo critico nello sviluppo della civiltà umana”.

Sono parole straordinariamente chiare e dure, certamente non usuali sulla bocca della più alta autorità della Chiesa Ortodossa russa. “Tutti coloro che amano la Patria devono essere insieme perché stiamo entrando in un periodo critico nella storia della civiltà umana. Questo può già essere visto a occhio nudo. Bisogna essere ciechi per non notare l’avvicinarsi di momenti che ispirano timore nella storia, ciò di cui l’apostolo ed evangelista Giovanni parlava nel Libro dell’Apocalisse”.

Il Patriarca di Mosca e di tutte le Russie ha aggiunto che il momento preciso della fine dei tempi dipende dalle azioni di ciascuno. Ha chiesto al popolo di capire la responsabilità delle persone per ciò che riguarda la Russia e l’intera umanità, e di bloccare “il movimento verso l’abisso della fine della storia”.

Ha poi sottolineato che molti rappresentanti dell’intelligentsia della Russia moderna stanno ripetendo gli errori commessi dai loro predecessori, che portarono il Paese nei rovinosi eventi rivoluzionari del XX secolo. “Oggi è il momento sbagliato per far oscillare la barca delle passioni umane, perché ci sono già troppe influenze negative sulla vita spirituale delle persone”, ha detto Kirill. Il Patriarca ha celebrato una messa nella cattedrale di Mosca, la chiesa del San Salvatore. Subito dopo il Sinodo della Chiesa Ortodossa ha offerto al Patriarca una copia del copricapo cerimoniale indossato dal patriarca Tikhon, l’uomo che fu eletto a quella carica esattamente un secolo fa.



Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.

 


LIBRI DI MARCO TOSATTI SU AMAZON

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

21 commenti su “IL PATRIARCA KIRILL: I SEGNI DI CUI PARLA GIOVANNI NELL’APOCALISSE SONO SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. SOLO I CIECHI NON LI VEDONO”

  1. Sull’Apocalisse e sul cristianesimo, andrebbero scritti libri. Apocalisse significa rivelazione, ma per molti catastrofe. Se e’ vero che la resurrezione di Cristo e’ la pietra del cristianesimo, il ritorno di Cristo e’ “una beata speranza”. Indi, quando uno vuol allontanare l apocalisse non e’ un apostata? Un emerito ignorante, fosse pure papà o pope? Non si puo’ non meditare su 300 anni di ricerca storica, ne sulle scritture, ne sui rituali (almeno cattolici). Un cattolico deve PREGARE per la fine di questo mondo, o no? In quanto al l’imminenza, il primo deluso fu Paolo, e forse Gesu’. Eppure senza resurrezione e fine dei tempi e’ tutta un illusione (Paolo)

  2. Si sta avvicinando qualcosa di brutto. Da quanto accade nel mondo sembra proprio che siamo alla vigilia di un cambiamento epocale. Un tempo potevamo contare su una Chiesa cattolica vigile e ferma,Ma oggi?

    1. Sicuramente, soggettivamente, non ricordo un epoca così angoscioso. Non avessi un briciolo di fede, per grazia, non so….

  3. Un passo dell’Apocalisse si sta realizzando in pieno: Colui che deve andare in prigionia, andrà in prigionia, colui che deve essere ucciso di spada di spada sia ucciso.
    Il perverso continui pure ad essere perverso, l’impuro continui ad essere impuro,ed il giusto continui a praticare la giustizia, e il santo si santifichi ancora.
    Vedremo molti che credevamo buoni rivelarsi per ciò che già erano, e conversioni clamorose. Soloviev scrisse che due terzi di Cattolici, protestanti ed ortodossi seguiranno l’anticristo, il resto si unirà sotto la direzione di Pietro II…

  4. Caro Direttore:
    È chiaro quello che sta passando e di quello che passa per i che sono attenti ai “segni dei tempi”, e quello di dire che non passa niente che ebbe sempre e ci saranno tempi brutti non è certo.
    Da quando esiste il Mondo non ha passato mai il Male come un Bene e un Diritto: vicino a 50 Milioni di non nati assassinati ogni anno: Apocalisse 6: 10-11.
    Da quando fa più di 2.000 anni che esiste la Chiesa cattolica ci sono stati 35 Antipapi e molti terribili Papi; ma è in questo tempo, in questo “Fine dei Tempi”, è quando era profetizzato che apparirebbe il “Pastore stolto e falso profeta”: Jorge Mario Bergoglio Sívori, Francesco.
    Da ultimo, tra pochi anni, apparirà il profetizzato Anticristo, il Seduttore, il Bugiardo che “tirò per terra la verità e l’accompagnò il successo” Daniel 8: 12. E la Fine profetizzato per il Signore in Matteo 24 Marco 13 Luca 21.
    Saluti.

  5. nel cap.652 del 10° volume dell’Evangelo, http://www.scrittivaltorta.altervista.org/10/10652.pdf
    il 28 aprile 1947,Gesù dettava a Maria Valtorta le ragioni profonde del dono dell’Opera….”La ragione più importante”…dice il Signore…”è che voi state perendo e vi voglio salvare”… “Il patriarca Kirill ha detto nei giorni scorsi in un discorso pubblico che i segni del Libro dell’Apocalisse sono ormai evidenti. Ha anche chiesto ai politici, agli artisti, agli scienziati e ai comuni cittadini di unirsi, per fermare il movimento verso l’abisso”…
    Il Patriarca russo merita certamente credibilità,ma anche il Signore la merita.Egli ha sempre illuminato anime umili, consacrate e laiche,per darci una maggior conoscenza di Sè cosi da amarlo di più e seguire la sua parola che è vita.Buona parte della Chiesa docente e militante preferisce snobbare questi richiami del Signore e della Vergine a favore di grossi studiosi consacrati e laici vanagloriosi e superbi.
    Questo cap.citato sono solo sei pagine, chi può le legga,senza pregiudizi,Gesù spiega perchè in quest’ opera c’è la chiave della salvezza e le risposte a tutte le nostre domande. http://www.scrittivaltorta.altervista.org/bv110.htm
    Sempre grazie infinite al dott.Tosati per l’ospitalità.

    1. Cara giulia anna meloni, questo é il momento della prova e chi ha ricevuto Battesimo e Cresima ha anche l’arma per difendersi: la preghiera fiduciosa in quel Signore Gesù che ci ha riscattati con il suo sangue.

      1. Non vorrei sembrare una beghina con occhi bendati, mi rendo conto benissimo della tragica situazione in cui si vive al limite dell’assurdo, dove tutto è il contrario di tutto.
        Solo la preghiera è garante di aiuto. L’educazione dei bambini, il nostro futuro più prezioso, è messo a rischio da una cultura che non tiene in alcun conto di loro, in tutti i campi anche se si parla de “I diritti dei bambini”.
        Fino a quando il nostro governo finanzia circoli culturali come UNAR e Mario Mieli, ai quali viene dato il permesso di entrare nelle scuole per educare all’affettività i nostri figli, significa che si è perso il senso della dignità umana più elementare.

  6. L’umanità, rinunciando progressivamente al sacro, giusto e santo vivere Cristiano si è ritrovata ad essere disgregata e priva dei veri, forti e vitali antichi valori morali.
    L’attuale triste umanità, immersa nella perversa satanica mondanità, ha perso ormai il senno, da non poter più discernere fra il bene e il male.
    E l’oscuro abisso della dissoluzione, si avvicina.
    Preghiamo.
    SIA LODATO GESÙ CRISTO!

  7. Vedranno in cielo Papa Francesco fermare con le proprie mani i missili nucleari ma in terra a fermare queste bombe no.

    Palermo, vietato pregare in scuola elementare. Rimosse statua della Madonna e foto del Papa. Vietato ai bambini recitare la preghiera di benedizione e ringraziamento prima di consumare la merenda.

    Mah, posso dire mah?

  8. Se nella Russia che si è riappropriata con Putin della sua millenaria identità il Patriarca Kirill ha lanciato un grido di dolore, cosa dovrebbe dire il nostro Santo Padre? Egli più di noi vede il baratro in cui sta cadendo l’intera Chiesa Cattolica. Non solo e non tanto per la pederastia imperante, insieme al sesso nelle altre due forme, in Vaticano , nelle Curie e nelle Diocesi, quanto per l’eresia e l’apostasia che ormai impera in ogni ambiente della Chiesa, seminari compresi.
    So per certo che molti Vescovi temono Roma, come pure molti sacerdoti temono i vescovi. Il Clero fedele al Cristo nella liturgia teme l’eresia e l’apostasia imperanti.
    Quindi, dobbiamo essere noi laici a difendere la Chiesa con i suoi Dogmi. Soprattutto le donne fedeli dovranno prendere in mano le redini della lotta contro l’oppressione della Chiesa.
    Furono le donne a restare sotto la croce del Calvario, mentre tutti i discepoli – salvo Giovanni – che erano nascosti. Ed erano sempre nascosti nel Cenacolo quando le donne andarono al Sepolcro per seppellire il Maestro.

    1. giorgio-rapanelli
      “cosa dovrebbe dire il nostro Santo Padre? Egli più di noi vede il baratro in cui sta cadendo l’intera Chiesa Cattolica. ”

      Con un piccolissimo particolare, è proprio il”santo padre” a condurre la chiesa nel baratro, e come disse il patriarca Kirill, solo un cieco non lo vede.

  9. Anche un bambino moderatamente “litterato”ci arriverebbe.Giungerebbe a gridare:”Il Re è nudo”.Miracoloso è che l’abbia gridato un adulto e ,per di più,non particolarmente misticheggiante,e,ancor di più,appartenente alla casta sacerdotale senza lettino di psicanalista.

  10. Ma che pericolo e pericolo?
    Caro Kirill, c’è la Misericordia, Dio mica castiga…
    Non l’ha sentito il galante Galantino?
    Sodoma e Gomorra non sono mica bruciate!
    D’accordo, sulla Bibbia c’è scritto così,
    ma bisogna comprendere che non c’erano registratori a quei tempi…
    Impari anche lei a discernere e ad omettere… all’occorrenza!
    Dobbiamo tuffarci felici nell’abisso, mica con le facce da sott’aceto!

    1. E poi mi pare sia tanto amico di F.H.S. ( Franciscus Hominum Salvator ) . Abbia fiducia in lui . Lui fermerà con le sue mani persino le bombe nucleari.

    2. E dobbiamo anche imparare ad ….ACCOMPAGNARE ( verbo ormai diventato un must nella neo Chiesa 2.0 ) , ad ACCOMPAGNARE….VERSO L’ABISSO…….CON MISERICORDIA….OVVIO…

I commenti sono chiusi.