RICORDARE IL CARD. CARLO CAFFARRA. PER LE VIE DI ROMA, UN CAMION-VELA. LE PAROLE DI SAN WOJTYLA IN DIFESA DELLA FAMIGLIA.

Marco Tosatti

Un camion vela girerà per le strade di Roma, da oggi fino a sabato prossimo, per ricordare con un grande manifesto di tre metri per quattro il cardinale Carlo Caffarra, che è venuto a mancare esattamente due mesi fa, il 6 settembre 2017.

L’iniziativa, di cui sono promotori “Vita è”, Fede e Cultura e Pro Vita Onlus, è commentata da questo comunicato che volentieri pubblichiamo:

– Oggi, 6 novembre 2017 vogliamo ricordare, a 2 mesi dalla sua morte, il cardinale di Bologna Carlo Caffarra: servitore fedele di Cristo e della Chiesa, fu intimo collaboratore di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI, con i quali condivise l’attenzione verso la famiglia, immagine della Trinità, voluta da Dio per il bene degli uomini.

Il 13 maggio del 1981, nel giorno in cui si festeggiava l’anniversario della I apparizione di Fatima (13 maggio 1917) e Giovanni Paolo II veniva ferito quasi mortalmente con un colpo di pistola, nasceva il Pontificio Istituto per gli studi su Matrimonio e Famiglia di cui Caffarra fu, per volere del papa, primo preside.

Anni più tardi, sempre coraggiosamente impegnato nella difesa della vita e della famiglia contro l’aborto, la fecondazione artificiale, l’utero in affitto e ogni altra aberrazione, Caffarra ricorderà una lettera speditagli da suor Lucia di Fatima, in cui la veggente diceva: “Verrà un momento in cui la battaglia decisiva tra il regno di Cristo e Satana sarà sul matrimonio e sulla famiglia”.

Nell’ultima parte della sua vita Caffarra ha combattuto, con la sua sapienza, la sua umiltà e mite fermezza, per la “sana dottrina” di cui parla l’apostolo san Paolo: “sana dottrina” che sola può permettere, insieme alla Carità vera, la fine della profonda “divisione” in cui versa oggi il mondo cattolico. Perché, come ebbe a dire il cardinal Caffarra in un’intervista al Foglio, “solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Grazie cardinale! -.



Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.

18 commenti su “RICORDARE IL CARD. CARLO CAFFARRA. PER LE VIE DI ROMA, UN CAMION-VELA. LE PAROLE DI SAN WOJTYLA IN DIFESA DELLA FAMIGLIA.”

  1. Caro sig.Rapanelli sono proprio posizioni personalistiche e giustizialiste come la sua che portano germi di eresia dentro l’unica Madre Chiesa.Il primo a dolersene sarebbe proprio il Card.Caffarra che qualcuno si ostina ad usare in contrapposizione a Papa Francesco.La Chiesa e’petrina!

    1. Uffaaaaaa! E avanti con la miSSSSSericordia BERGOGLIONA! Sig. Rapanelli, non sempre sono d’accordo con lei, ma ora ha tutta la mia solidarietà.

  2. Caffarra grande uomo e grande pastore. Tutti gli dobbiamo qualcosa soprattutto per la sua tenacia e fermezza nel non volersi adeguare alla mentalità del mondo ed esser rimasto fedele al Vangelo…

  3. Punto n. 1: se è morto il 6 settembre, sono due mesi e non tre mesi come dice il comunicato ufficiale… un po’ più di serietà nel fare le cose non guasterebbe…
    Punto n. 2: chi paga questa iniziativa? non si potevano usare i soldi che saranno spesi per miglior causa?

    1. Come se i problemi della SANTA CHIESA CATTOLICA fossero questi……ma dai in che cosa ci perdiamo….un errore nel comunicato? E se queste iniziative non sono gradite a tutti, perché non vengono dai critici stessi proposte altre iniziative, subito, adesso, ma concrete non solo parole, come concrete sono il camion-vela e la raccolta di firme pro Card Sarah?!!??

  4. Che bella iniziativa un visibile segnale per non smarrire la strada.
    Grazie Tosatti per il suo prezioso lavoro di informare anche su gesti come questi che potrebbero passare sotto silenzio. Mi è capitato stamani di rileggere l’omelia dell’allora decano Card.Ratzinger per la Missa pro eligendo Pontefice del 18/4/2005.
    Mi permetto di suggerire la lettura,sono parole ancor più attuali.
    Che la Sacra Famiglia di Nazareth,interceda per riportare unità e Comunione nel Corpo Mistico di Cristo, che il Santo Padre testimoni di essere mite ed umile di cuore ascoltando e rispondendo ai molti che hanno motivati dubia su A.L.
    Che le nebbie si diradino nella S.Chiesa Cattolica, e sotto la S.Croce si torni a vedere la Madonna e S.Giovanni che insieme all’acqua sgorgata dal fianco di Cristo sono l’unico segno tangibile della nascita della S.Chiesa.(non altri francobolli)
    Per tutte queste intenzioni ti affido la mia preghiera S.S.Trinità.
    “Te lodiamo Trinità per l’immensa Tua bontà “

  5. Massima stima per il grandissimo Caffarra, ma sinceramente anche questa iniziativa, come la raccolta di firme di solidarietà per Sarah, mi pare sia di uno stile, diciamo, un po’ rozzo… non credo che sia in questo modo che si va a incidere sulla realtà.

    1. Grazie infinite a tutti coloro che si impegnano e mostrano la faccia e rischiano per difendere la Santa Chiesa Cattolica dagli attacchi violenti che sta subendo. Io non ci vedo proprio nulla di rozzo in questa iniziativa e nemmeno in quella della raccolta di firme per solidarizzare con il Card Sarah…..io le trovo coraggiose perché di tiepidi ce n’è già troppi. Se ci sono proposte meno “rozze” e più raffinate, ma anche concrete, ci vengano esposte e verranno certamente sostenute.

  6. Il ricordo sempre vivo di questo Grandissimo Cardinale e la Preghiera quotidiana a Lui perché interceda per la Santa Chiesa Cattolica ora in mano ai poteri più cupi e oscuri. Non riesco a dimenticare che a Lui il ” miSSSSericordioso” impostore argentino ha negato l’ udienza che invece concede allegramente a tutti i nemici più accaniti e cinici della Fede e della Santa Chiesa Cattolica….e il sempre “miSSSSericordioso” non ha mai avuto il coraggio e la trasparenza di rispondere ai DUBIA che umilmente e rispettosamente gli venivano posti. Ma che “grande leale e coraggioso cosiddetto papa” abbiamo!!!!!

  7. Ho avuto il piacere e l’onore di parlare in colloquio privato con Sua Eminenza l’anno scorso. Tra le altre, abbiamo toccato temi non facili e sui quali oggi si discetta disinvoltamente tenendo conto più dello zeitgeist che del Verbo. In lui cultura ed umiltà, empatia e carità, aderenza alla Verità coincidevano perfettamente. Che dal cielo ci continui a proteggere e guidare. Oggi più che mai sentiamo il bisogno di pastori che non siano in realtà lupi travestiti.

    1. Abbiamo bisogno che lo Spirito Santo, per intercessione di Sua Eminenza che sicuramente ora Lo vede faccia a faccia, ci mandi un Papa così come lei ha descritto S.E.: una summa perfetta di cultura ed umiltà, empatia, carità ed aderenza alla Verità. Tutto il contrario, lo dico con la massima umiltà e la consapevolezza di essere solo un umile peccatore, del regnante.

  8. Il nostro caro Cardinale Carlo Caffarra non è “morto”: Egli vive in altre dimensioni e sta continuando a combattere la sua – e nostra – battaglia contro l’eresia infiltrata ipocritamente nella nostra Santa Madre Chiesa Cattolica Apostolica Romana.

I commenti sono chiusi.