VESPRI ANGLICANI IN SAN PIETRO, E IN PIAZZA UN ROSARIO DI “RIPARAZIONE”. SULLO SFONDO L’ACCORDO FRA ROMA E I LEFEBVRIANI

Marco Tosatti

Ieri pomeriggio, poco dopo che nella basilica di San Pietro si erano celebrati i Vespri con esponenti della Chiesa anglicana, alcune decine di persone recitavano una rosario di riparazione per l’unità della Chiesa in piazza San Pietro. Contemporaneamente, tramite al tam tam sui social media, molte altre persone si univano alla preghiera ciascuno dove si trovava.

Personalmente non ritengo scandalosa la celebrazione di una preghiera come i Vespri insieme con esponenti delle altre confessioni cristiane, e tanto meno con gli Anglicani, che probabilmente nella galassia della Riforma sono una delle confessioni più vicine a Roma, e in cui una forma di trasmissione apostolica si è conservata, anche dopo lo scisma.

Penso però che sia interessante per i lettori dare questa notizia.

Anche perché si tratta di una prima, per quanto numericamente esigua, manifestazione di protesta in San Pietro, nata dal basso. Il gruppo, molto eterogeneo, comprendeva, a quanto mi riferiscono, persone che gravitano nell’ambito di Ecclesia Dei, della Fraternità San Pio X, oltre ad altre di ispirazione diversa. La Fraternità di San Pio X ha ufficialmente aderito all’evento organizzando una messa prima e facendo guidare il rosario da uno dei suoi sacerdoti. E’ interessante questa partecipazione, se si tiene conto che a quanto si dice l’accordo fra la Fraternità e la Santa Sede potrebbe essere imminente.

L’iniziativa del Rosario nasce dalla Milizia dell’Immacolata, una piccola associazione rifondata dall’ex superiore italiano della FSSPX don Pierpaolo Petrucci, ispirata quella fondata ai tempi da San Massimiliano Kolbe. Scopo dell’associazione è l’apostolato mariano sia spirituale che di evangelizzazione, quella di ieri è stata la prima sortita pubblica.

Fra i mezzi di comunicazione Radio Spada ha promosso l’evento. Poco dopo anche la FSSPX ha dato il suo appoggio ufficiale. Altre celebrazioni di “riparazione” della Fraternità si sono svolte in tutta Italia; l’impressione che è si siano decisi a partecipare quando è apparso chiaro che l’evento si stava diffondendo molto diffuso negli ambienti tradizionalisti. Una certa prudenza da parte della FSSPX sarebbe, secondo alcuni, riconducibile al fatto che il distretto è sotto la guida dell’assistente del Superiore Generale, Fellay, che proprio in questo periodo starebbe definendo i termini di un’eventuale regolarizzazione canonica. Nessun alto prelato ha aderito all’iniziativa, nata praticamente su Facebook e col passaparola.



Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco. 

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.

53 commenti su “VESPRI ANGLICANI IN SAN PIETRO, E IN PIAZZA UN ROSARIO DI “RIPARAZIONE”. SULLO SFONDO L’ACCORDO FRA ROMA E I LEFEBVRIANI”

  1. Comunque sia, bello vedere come qualcosa finalmente stia cominciando a muoversi dal basso. Il CVII voleva una maggiore partecipazione dei laici? Benissimo; peccato che non sia quella modernista che esigono buona parte dei novatores, bensì ci sia un dissenso sempre più ampio e battagliero verso chi “apre” al mondo ma chiude a Dio. Le valanghe cominciano così, con qualche sassolino che cade; ma poi, con il tempo, diventano delle forze distruttive.

  2. @ Acchiappaladri:

    Bene! Sono felice di aver parlato di un sacerdote che conosci.
    Eh sì:predica bene e razzola…ancora meglio!

    Ringraziamo Dio di tutto, incluso il fatto che suscita i Sacerdoti a parlare con chiarezza.

    Un saluto alla cara Emilia allora, terra di santità.

    1. Grazie di cuore sempre sia lodato Gesù !

      Visto che oggi viene trattato con un buongiorno e un buona sera appena, ripeto anch’io:
      sia lodato Gesù Cristo

    2. @cosimo de matteis

      Ma è lui! Da poche settimane ho avuto il grande dono di poterlo vedere durante celebrazioni della Santa Messa festiva!
      E’ Don Giorgio Bellei, il parroco della chiesa dello Spirito Santo nella prima periferia di Modena: una grossa chiesa davanti alla quale nella mia vita ero passato tante volte senza che attirasse la mia attenzione (architettonicamente è una di quelle “strane” chiese moderne di cemento armato: non è fra le più brutte però a me non ispira la voglia di fermarmi proprio lì per una preghiera).

      Fra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio (non ricordo la data esatta) da una ricerca su internet ho trovato che in quella parrocchia viene regolarmente celebrata ogni festività anche una messa Vetus Ordo Summorum Pontificum.
      Volevo provare per la prima volta nella mia vita ad assistere consapevolmente ad una Santa Messa celebrata in quel modo sicuramente gradito al 100% a Dio e quella chiesa è la più vicina a casa mia fra le poche che offrono messe V.O. .
      Così, dopo il mio iniziale sconcerto nel non riuscire a trovare fra quel modernismo (solamente!!!) architettonico l’acquasantiera e il tabernacolo dove mi sarei aspettato che fossero, ho potuto apprezzare all’opera Don Giorgio.

      Don Bellei non è più un giovanotto ma ho constatato che ha tanto zelo … e predica bene … e razzola ancora meglio 😀

      Che il Signore gli dia speciale forza e conforto e ce lo conservi ancora per tanti anni come suo fedele ministro.

  3. Come mai Francesco non mostra la medesima generosità verso chi vuole rimanere cattolico. Che contrasto, da una parte un sentimentalismo al limite del banale verso i non cattolici e una perfidia difficilmente superabile verso dei cattolici come i Francescani dell’immacolata.
    Nato ieri

    1. Dottor Regazzoni, L’albero si vede dai frutti, aspettiamo e vediamo se questo albero darà spine o frutti buoni. Parlando per me io sento solo spine da questo papato

  4. Se gli anglicani avessero una “forma di successione apostolica”, John Henry Newman non sarebbe mai diventato cattolico e se ne sarebbe rimasto bello tranquillo nella Chiesa d’Inghilterra.

  5. @ Dottor Tosatti

    Mi scusi se importuno ma trovo l’argomento interessante e voglio commentare un altro dettaglio del Suo articolo.

    Questo evento della celebrazione ANGLICANA della loro “evening prayer” ieri in San Pietro è uno di quelli che al battezzato cattolico qualunque, come sono io, a prima vista sembra appunto:

    – poco importante;
    – la replica di eventi simili già avvenuti molte volte negli ultimi 50 anni;
    – comunque positivo poiché gradito a Dio, ravvicinando il ritorno di cristiani separati all’unica Fede.

    Poi se capita che qualche misericordioso cattolico che ha ancora una buona conoscenza di quella che dovrebbe in teoria essere la Fede comune a tutti i cattolici te la rammenta per quanto possa essere attinente a questo evento, lo cominci a vedere da un altro punto di vista e alla fine devi dolorosamente ammettere che si tratta (dal punto di vista cattolico) di una grave offesa a Dio.

    A me è capitato così un paio di settimane fa è perciò adesso mi trovo fra forse quel milionesimo di cattolici addolorato e preoccupato per la (ennesima) dissacrazione avvenuta in una chiesa cattolica, con l’aggravante che la chiesa è la basilica papale maggiore di San Pietro e cardinali e vescovi cattolici sono stati parti attive nella dissacrazione, avvenuta per di più con l’assenso almeno implicito del regnante vicario sulla Terra di Gesù di Nazareth Nostro Signore !

    Per favore voglia considerare che oggi il problema per me e per moltissimi cattolici (non per tutti! ci sono ancora dei fedeli cattolici molto rigorosi che ritengono necessario continuare a seguire il magistero di alcuni papi, santi e teologi dei secoli passati che definirono peccato il pregare INSIEME a cristiani eretici) NON è di trovarci con battezzati di buona volontà di altre denominazioni cristiane a pregare insieme Dio in una chiesa cattolica.

    Il cuore della disgrazia vaticana di ieri è che dei cristiani battezzati qualunque, e in più pubblicamente eretici e scismatici, hanno CELEBRATO una LORO liturgia eretica e scismatica (e quindi presumibilmente, per chi ha fede cattolica, NON gradita a Dio) in una chiesa cattolica, fra l’altro invitati dal clero cattolico di quella chiesa che ha PRESO PARTE attivamente al rito eretico e scismatico!

    Sono ben consapevole che per chi ragiona dal punto di vista politico-diplomatico e non ha più fede in Dio Cattolico il dolore dei fedeli cattolici che han fatto preghiera di riparazione è per lo meno immotivato e probabilmente per loro fastidioso e ridicolo.

      1. @Enza

        solamente 1,88 m 😉 😀

        e sono solamente un cristiano piccolo piccolo.

        Fino a pochi anni fa, prima della truffaldina accelerazione bergogliana della pratica apostasia dalla Fede Cattolica da parte delle gerarchie attualmente al governo terreno della Chiesa, nemmeno avrei “perso tempo” a cercare su internet il blog del Dottor Tosatti.

        Adesso invece cerco di dedicare tutti i giorni un po’ di tempo per informarmi e ragionare con altre persone interessate a capire, evitando gli imbrogli, quali pastori veramente cattolici possiamo ancora seguire in questa valle di lacrime per aiutarci a comprendere la vera Rivelazione di Gesù e a ricevere i Suoi Sacramenti:
        per quanto mi riguarda mi sembra cosa importante per aumentare le mia probabilità di scampare all’Inferno.

        1. Beh acchiappaladri, sei solo 20 cm più alto di me 😄😄😄😄 Ma riguardo la fede siamo sempre tutti un po’ piccoli, ecco perché tutti abbiamo bisogno di chiedere ogni giorno aiuto al signore specialmente nella messa.

          In merito ai sacerdoti sono ormai tanti che seguono il papa, felici di poter seguire la sua Amoris Letitia che da tempo aspettavano. Ma pure quell’accoglienza assoluta senza denunciare la politica mondialista che sta rovinando tutti i popoli. Ma ciò che più mi interessa è dire che questo papa rinnega tutto ciò che è cattolico, e i sacerdoti tacciono, molti perché hanno paura a parlare, altri perché sono d’accordo pienamente avendo accolto, spiritualmente e mentalmente l’insegnamento che ormai da decenni si fa nei seminari.
          Infatti la madonna nelle sue apparizioni lo dice che siamo il piccolo popolo e di rimanere fedeli al magistero. https://youtu.be/HBLfc2iYZx0
          Ascoltare questo video.
          Io ho visto la gioia che hanno avuto nella mia parrocchia i sacerdoti e le suore quando Papa Benedetto si è dimesso. Ora a distanza di quattro anni quando ho parlato con il mio parroco delle comunioni ai divorziati risposati, mi ha detto che lui è d’accordo perché bisogna vedere le situazioni, come se Gesù quando ha dato l’ordine sul matrimonio avesse parlato con gne gne gne….avesse guardato a chi ha sofferto di più, a chi ha sofferto di meno, per poi dire: vabbè tu sei esonerato dal peccato. Però guardacaso li mandano in altre parrocchie a messa per non dare confusione e scandalo. Che ipocriti!
          I comandamenti……è il papà il primo a non volerli più, sentite cosa dice qui:http://www.tv2000.it/prega-con-noi/2017/01/27/omelia-di-papa-francesco-a-santa-marta-del-27-gennaio-2017/
          Sentirete cosa dice alla fine del video: I comandamenti paralizzano bisogna solo ricordare che Dio è buono, cosa che io faccio ogni giorno ringraziandolo di vero cuore per avermi assistita e per aver organizzato per la mia famiglia tutto il bene possibile. Però senza i comandamenti, senza conoscerli, l’uomo che è debole cade facilmente nel peccato e ci cadrà ancor meglio perché si scorda delle leggi di Dio. Infatti i primi tre comandamenti sono delusi completamente ormai dalla società!
          In pratica il suo insegnamento è puramente protestante, infatti loro dicono che noi siamo salvati senza metterci alcun impegno.
          Poveri Santi che hanno donato tutto al loro Signore, oggi sono sbeffeggiati proprio nella loro Chiesa. Tutte le loro opere contro il peccato, i combattimenti, le rinunce, l’amore dato a tutti privandosi, annullandosi….. non servono a niente secondo Papa Francesco! L’importante è ricordarsi che Dio è buono e vivere in allegria olè! Buona giornata, sapendo che dobbiamo essere prudenti ma limpidi, perciò andiamo alla ricerca di sacerdoti santi per poterci confessare e comunicare con Gesù. Ciao 👋🏽

    1. Riusciamo a capire perché benedetto XVI stava sui piedi a questa gente? (teologi, sacerdoti vari, molti vescovi e porporati?) Ahimè troppo cattolico, Troppo cristiano e troppo credente!

  6. @ Dottor Tosatti

    mi permetto di ribadire quanto già detto da altri lettori qui sul blog riguardo alla Sua affermazione:

    “… una forma di trasmissione apostolica si è conservata, anche dopo lo scisma. ”

    Essa da quasi 121 anni è vera solamente dal punto di vista anglicano.
    Per secoli anche nella Chiesa Cattolica c’è stata discussione su questo argomento, con qualcuno in buona fede ma poco informato che ipotizzava la conservazione di ordinazioni anglicane valide.

    Il 13 settembre 1896 il Papa Leone XII ha definitivamente chiuso la discussione fra i cattolici con la sua lettera apostolica:

    “APOSTOLICAE CURAE – De Ordinationibus Anglicanis”
    ” … Noi abbiamo deciso di rivolgere l’attenzione ad una causa precisa di non minore importanza, che è in linea con lo stesso problema e con i Nostri desideri.
    Presso gli inglesi infatti, dopo un certo tempo dalla separazione dal centro dell’unità cristiana, è stato introdotto pubblicamente, sotto il re Edoardo VI, un rito completamente nuovo per il conferimento degli ordini sacri.
    Che per questo motivo sia venuto meno il vero sacramento dell’ordine, cosi come lo ha istituito Gesù Cristo, e contemporaneamente anche la successione gerarchica, fino a questo momento la sentenza comune lo ha tenuto per fermo, e gli atti e la costante disciplina della chiesa più di una volta l’hanno confermato.
    Tuttavia da qualche tempo e soprattutto in questi ultimi anni, si è ricominciato a discutere se le sacre ordinazioni compiute con il rito edoardiano abbiano o no la natura e l’efficacia del sacramento: danno corpo alla discussione, in modo affermativo o dubitativo, non solo diversi scrittori anglicani, ma anche alcuni cattolici, specialmente non inglesi. …

    … È sembrato bene allora permettere, con grandissima benignità, il riesame della causa: e in modo tale che, con la massima scrupolosità della nuova inchiesta, fosse del tutto eliminata per il futuro ogni possibilità di dubbio.

    Gli autorevoli comportamenti di Giulio III e di Paolo IV che abbiamo richiamato, mostrano chiaramente l’inizio di quella dottrina a cui in modo costante ci si attiene da più di tre secoli, e cioè che le ordinazioni con il rito edoardiano sono ritenute invalide e nulle; a questa dottrina sono poi di ampio sostegno le molte testimonianze di ordinazioni che, anche in questa città, sono state frequentemente e incondizionatamente ripetute secondo il rito cattolico.

    … Pertanto, approvando in modo globale tutti i decreti dei Nostri predecessori su questo problema, e confermandoli e rinnovandoli pienamente, in forza della Nostra autorità, di nostra iniziativa, per sicura conoscenza.
    Noi dichiariamo e proclamiamo che le ordinazioni compiute con il rito anglicano sono state del tutto invalide e sono assolutamente nulle.

    … Noi poi decretiamo che la presente lettera, con tutte le cose in essa contenute, non potrà mai in nessun tempo essere censurata o impugnata per vizio di surrezione o di orrezione o di intenzione Nostra, o per un qualsiasi altro difetto; ma che sarà ed è sempre valida e in vigore, e che deve essere osservata infallibilmente da tutti, di qualsiasi grado e onore, nel giudizio e fuori; dichiarando anche invalido e nullo se mai capitasse che fosse portato contro di essa un attacco, consapevolmente o inconsapevolmente, da chiunque e con qualsiasi autorità o pretesto, nonostante qualsiasi cosa contraria.
    …”

    Quindi per i battezzati cattolici (dal più semplice dei laici sui fino ai vescovi e al papa) che vogliano essere fedeli ai canoni della loro chiesa NON ESISTONO diaconi, sacerdoti e men che meno vescovi nella comunità dei cristiani anglicani.

    Caro Tosatti, la Sua imprecisione mi ha fatto ritrovare la maliziosa e tagliente battuta del (tristemente IMHO) famoso teologo Hans Kung, mi sembra negli anni ’60 ai tempi di Paolo VI, quando commentò l’ abbraccio del papa con l’ arcivescovo anglicano di Canterbury:

    “Ma il papa chi pensa di aver abbracciato: un vescovo o un pio laico?”

    Kung fu con quella battuta cattolico ortodosso! L’ipocrisia e la semina della confusione su questo argomento fra le pecorelle cattoliche da allora in poi sono responsabilità di papi e altre alte gerarchie cattoliche.

    1. @don chi

      Mi sembra che il bravo Dottor Tosatti non si meriti rimproveri forti per la sua imprecisione (che per tanti anni, dopo aver ricevuto molte “catechesi televisive” di sedicenti vescovi cattolici a fianco dei papi anche in atti liturgici in San Pietro, avrei fatto anch’io in perfetta buona fede).

      Immagino che oggi la stragrande maggioranza di battezzati cattolici laici, anche rimanendo entro la piccola percentuale di quelli che conservano ancora una fiammella di fede cattolica e seguono un pochino in parrocchia e sui mezzi di comunicazione, sia convinta che le cose stiano pacificamente come sopra scritto da Tosatti.

      Direi che con i nostri ultimi commenti qui sul blog la questione sia stata chiarita secondo i canoni cattolici AD OGGI.

      Per il futuro nella neo-chiesa bergogliana, dopo aver già abrogato nella prassi un po’ di IPSISSIMA VERBA CHRISTI che non erano state incise bene sul nastro del registratore di San Matteo, non ho difficoltà ad immaginare che anche la lettera di Leone XIII possa essere abrogata 😉

      1. La successione apostolica anglicana è stat dichiarata invalida da Leone XIII perché all’epoca della Riforma era stata interrotta a causa della diversa interpretazione della dottrina introdotta dai protestanti. Dopo la dichiarazione sull’invalidità di Leone XIII un certo numero di vescovi appartententi all’ala più filocattolica della chiesa anglicana si sono fatti ordinare da vescovi scismatici cattolici i cui ordini erano validi. Per questo motivo, in certi casi, alcuni vescovi anglicani che sono diventati cattolici (come il vescovo di Londra qualche anno fa) sono stati riordinati “sub conditione”, cioè con il dubbio che i precedenti ordini anglicani potessero essere in qualche modo validi.
        Credo però che con l’attuale tendenza degli anglicani a ordinare anche le donne vescovo l’interesse di questa chiesa nei confronti della dottrina cattolica sull’ordine sacro vada scemando.

        http://www.ecclesiaafflicta.blogspot.it

  7. Molti anni fa chiesi ad un monaco buddista come migliorare la recitazione dei mantra orientali. Mi rispose che i mantra orientali non sono adatti per gli occidentali per via delle vibrazioni elettromagnetiche del corpo eterico, che sono diverse da quelle degli orientali. Mi disse che noi occidentali avevamo un mantra molto potente, adatto per noi… Curioso, chiesi quale fosse quel mantra molto potente che avevamo. Rispose: Il vostro Santo Rosario. Possibilmente in latino, per via delle vibrazioni ritmate di quella lingua. Il sistema per dirlo nella maniera migliore era quello di recitarlo con “fede”, oppure di recitarlo col sistema orientale di fissare la fiammella rossa del Tabernacolo, onde “bloccare la mente”. Quella fiammella rossa era stata messa proprio con quel compito.

    1. Aveva ragione quella vecchia a non voler morire perché ogni giorno ne imparava una nuova.
      Ciò che dici è veramente consolante visto come ormai molti sacerdoti e teologi sono nelle grinfie di Satana volendo allontanare sempre più il tabernacolo e il rosario

  8. Gli Anglicani NON hanno la successione apostolica, né si può pregare insieme, cattolici e protestanti. E tanto meno in S. Pietro ! Non lo dico io, lo afferma il Magistero della Chiesa, per es. l’enciclica Apostolicae Curae di SS Leone XIII.
    E neanche nei documenti del CVII si afferma esplicitamente tale possibilità o la parziale successione apostolica.
    Quindi un altro passo verso il baratro.

      1. abbi pazienza.
        la fretta viene dal diavolo.
        E comunque le sentirà tutto il mondo. Anche tu, se non ti turerai le orecchie.

        Lei è Mater Ecclesie e Debellatrice di tutte le eresie.

          1. Caro Cosimo,

            L’articolo che lei ha linkato, che ha scritto lei stesso, dice

            “Anche il percorso di Radio Maria corre parallelo alla grande mariofania: e lo è tuttora. Incalcolabile il bene operato da questa radio e, certamente, da padre Livio. Ci avviciniamo al 18 marzo: pochi giorni, poche ore ancora e la Madonna parlerà, in una apparizione straordinaria, al mondo intero.”

            Ora, oggi pare che sia il 20 Marzo e non c’è stata nessuna apparizione straordinaria al mondo intero.

            Come la mettiamo?

  9. Ciao Enza come stai? tutto bene?

    Concordo che ormai in molte celebrazioni il senso del sacro è sparito, soprattutto quelle messe cosiddette “per i ragazzi”, la predicazione è spesso carente e di discosta dalle letture, la musica pessima, la gente sembra assistere e pensare spesso ad altro, etc. Sembra un incontro per far festa piu che per celebrare il sacramento. Però è anche vero che certe osservanaze di una volta sono superate, il sacerdozio è anche unversale, etc. quindi un aggiornamento non è sbagliato. Ma non bisogna buttar via l’aspetto liturgico che eleva. Sono rimasto sorpreso assistendo ad un culto luterano del fatto che, nonostante le poche persone, c’era molta piu partecipazione, senso del sacro, musica che eleva lo spirito, predicazione di alto livello, etc.

    Sui rosari o le messe di riparazione, boh non capisco che cosa di male ci sia stato, una recita assieme di Vespri fra fratelli nella stessa fede….

    1. Ciao Giorgio sto bene grazie sono molto impegnata e sto vivendo una Quaresima davvero di pace e gioia nel cuore ❤️
      Detto questo vorrei sottolineare che la sacralità non deve mai essere affiancata al modernismo. “Sono cambiati i tempi…. è giusto cambiare anche la liturgia!” NO GIORGIO!
      Tutto ciò che volevo dire l’ho detto nel mio post, e tu non sei stupido per non capire. Io più di te prego perché i protestanti possano ritornare alla Chiesa cattolica in quanto sono loro ad essere usciti cambiando tutto nella Bibbia, togliendo libri e accogliendo una teologia eretica, perché anche se si afferma di credere nella Santa trinità, di eresia e Lutero né ha elargite a iosa: rifiuto dell’eucaristia, nonostante 800 anni prima a Lanciano Gesù ha dato una prova concreta della sua presenza nell’ostia. Rifiutano i dogmi e questa è eresia grande. La vergine Maria è presa per i fondelli e non è creduta come madre di Dio ma solo madre di Gesù. Purtroppo questi sono i tempi di Maria contro Satana, e un giorno quando toccheremo il fondo allora Maria trionferà e tutti lo potranno vedere.
      Maria dice: quando il Papa proclamerà il dogma, Maria corredentrice, il mio cuore immacolato trionferà e ci sarà un tempo di pace. Io come milite dell’Immacolata consacrata nella milizia di San Massimiliano Kolbe, posso assicurarti che tutti coloro che la rifiutano non possono avere quelle grazie promesse da Gesù anche se dicono di credere in lui, perché senza andare a Maria non si può andare totalmente a Gesù, in quanto Lei è quella che ha accolto il Verbo e Gesù stesso c’è l’ha lasciata come Madre della Chiesa. Ecco perché i protestanti devono convertirsi e ritornare nell’Ovile anche se per il momento non abbiamo canti e musiche sacre come loro le vorrebbero, ma questo non è un problema no?? Ciao Giorgio!

      1. Ciao Enza 🙂

        Sei stata chiarissima, però io penso sempre che i protestanti siano nostri fratelli nella fede, siamo qui su questa terra pe un brevissimo tratto e come loro di passaggio, noi come loro possiamo dare una testimonianza comune che non è piu ormai quella delle reciproche scomuniche. Qui in provincia di Bergamo la diocesi ha organizzato con la piccola comunità evangelica (valdesi) una serie di iniziative per commemorare i 500 anni della Riforma, e nel mio paesello ha orgnaizzato un sabato sera una celebrazione eucaristica (messa cattolica) con lo “scambio” dei pulpiti, cioè era presente una delegazione della chiesa evangelica e la predicazone è stata fatta dal pastore, mentre la messa è stata velebrata dal parroco (cattolico). Ovviamente nel momento della comunione gli evangelici sono stato seduti e nonhanno ricevuto il sacramento. Ma il clima era davvero bello, spero che prima o poi su questa questione dei ministeri e della interpretaine simbolica/sostanziale della Santa Cena si raggiunga un accordo teologico (come sulla giustificazione per grazia/opere del 1999), ma intanto noi camminiano assieme come fratelli e amici. Io penso che non ha piu senso scomunicarci vicedenvolmente come in passato, quello che potrà avvenire (e mi pare che il papa sia su questa linea) è quella di diversità riconciliate: ci sono punti di divergenza, anche fondamentali, ma in fondo confessione lo stesso Signore Gesù il Cristo, morto e risorto per la redenzione di molti. Su Maria loro non è vero che non abbiano alcun culto o la disprezzino, semplicemente non ritengono sia corredentrice e immacolata (senza peccato originale), mi pare non credano nella nascita verginale (ma non credo sia cosi essenziale, mi pare lo disse anche il cardinal ratzinger molto tempo fa), eppure la considerano la prima e piu importante discepola alla sequela di Gesù.

        Buona continuazione di quaresima! Giorgio

        1. Giorgio stai attento: non è vero quello che dici o meglio quello che ti fanno bere spacciandolo per verità.
          I protestanti, gli anglicani etc. non sono nostri fratelli, il loro battesimo non è il nostro, l’eucarestia nemmeno.
          Gesù Cristo si è lasciato mettere in croce anche per non farci cadere in questi errori.
          Ti dispiace ripetere che disse il card Ratzinger tempo fa e se puoi mettere il link relativo? Grazie

          1. Ciao Mary 🙂

            il battesimo è comune, la cena divide, ma il battesimo è comune e riconosciuto da molte chiese protestanti (tranne quelle battiste che non riconoscono il battesimo dei bambini), o mi sbaglio? nei vari discorsi papali lo si ripete spesso come elemneto che unisce, anche papa Bendetto lo diceva spesso…

            Sulla verginità, intendevo verginità perpetua … Un teologo protestante molto importante come karl Barth Barth ha affermato che il concepimento verginale di Gesù è una componente essenziale del cristianesimo, tuttavia ha un significato cristologico, non mariologico.

          2. Intendo il Prof. Ratizger giovane teologo, prima della sua conversione del posto concilio, in uno deisuoi libri piu famosi.

            Da Wikipedia:
            ” Anche Joseph Ratzinger, che pure difende il dogma della verginità di Maria, ritiene che la dottrina della divinità di Gesù non verrebbe intaccata se egli fosse nato da un normale matrimonio umano [41]”

            [41] Joseph Ratzinger, Introduzione al cristianesimo, Queriniana, Brescia, 2005

          3. Io non so perché si dica “post concilio” questo termine si riferisce al concilio di Trento.
            Il Conc. Vat. II è pastorale ed è fuori luogo dire post concilio

          4. Mary ciao. Il battesimo dei protestanti non è come il nostro, il loro è come quello del Giovanni battista, non è un battesimo sacramentale. Buona serata

        2. Ciao Giorgio. Vorrei chiarire alcuni punti riguardo la fede.
          Vorrei chiarire alcuni punti riguardo la fede condivisa sì conosci il Vangelo, sai bene che il signore dice:
          1- chi mangia la mia carne e beve il mio sangue avrà la vita eterna.

          2- arriveranno falsi profeti non ascoltateli (Lutero è nato 1500 dopo Cristo è ha impugnato le Scritture, dogmi e Sacramenti)

          3- amatevi come io vi ho amati e state uniti…… (le parole esatte non le ricordo ma il senso è questo) Ma per unità Gesù intendeva dentro la Chiesa è non fare una brodaglia di unioni dove ognuno la vede a proprio modo.

          4- Gesù ha dato dignità alla donna ma non l’ha inviata nel mondo come vescovi, L’ordinazione sacerdotale è solo per gli uomini.

          5- riguardo a Maria, se non credi che lei è rimasta vergine dopo aver avuto Gesù come vede anche la pediatra Caterina Emmerick quando Maria le ha mostrato tutta la sua vita (ti consiglio la lettura di questo libretto: la vita di Maria), allora crederanno sempre che i fratelli di Gesù citati dal Bangelo siamo i figli di Maria e Giuseppe, mentre invece a quei tempi chiamavano fratelli quelli del casato.

          Riguardo la liturgia insieme ai protestanti, io non vedo la necessità che partecipino ad una funzione a cui non credono.
          Certamente l’abbraccio fraterno è bello, ma è necessario che facciano un passo molto forte e coraggioso per ritornare alla vera Chiesa, senza chiedere nulla in cambio perché con l’eucarestia non si scherza.

          Nell’altro articolo del signor Tosatti ti avevo scritto il mio nome cognome di Skype. Ora sono da mia figlia e torno domani, ma se vuoi leggere trovi il mio nome e cognome.

          Un saluto e un augurio di buona notte! Ciao

          1. Enza, io lo so che non è lo stesso Battesimo, è Giorgio che dice il contrario.

            Per Giorgio: perché ti riferisci a teologi di altre confessioni? A me bastano e avanzano i nostri! Perché rischiare di confonderci?

          2. Si si Mary, l’ho detto qui per dirlo a Giorgio.
            Giorgio non ha ancora capito che senza rimanere fisso nella Chiesa cattolica si fa un bel minestrone di teologie a propria condanna! Giorgio fatto dei corsi seri e trovati sacerdoti veri! 😄😄😄 ciao Mary buona notte

          3. Il Battesimo dei protestanti, piaccia o non piaccia, è valido, è Sacramentale http://www.amicidomenicani.it/leggi_sacerdote.php?id=4667

            “Diverso è il discorso che si fa con i protestanti.
            Essi riconoscono solo due sacramenti (Battesimo ed Eucaristia).
            Il Battesimo che essi amministrano È VALIDO BATTESIMO.
            Ma l’Eucaristia che essi celebrano non transustanzia il pane e il vino nel Corpo e nel Sangue del Signore perché ad essi manca l’Ordine Sacro.
            Il che equivale a dire che ai loro pastori mancano quei divini poteri, propri di Gesù Cristo, che sono necessari per compiere una tale trasformazione.”

            Sarebbe meglio conoscere ciò di cui si parla, prima di sparare tante boiate tutte in una volta, dando prova di ignoranza e superficialità.

            Grazie.

          4. Marco, Sta di fatto che loro cattolici non vogliono essere, e i sacramenti non li hanno proprio perché non hanno il sacerdozio ordinato. Le boiate mi pare che dispari tu perché Gesù a creato una chiesa sola e ha detto di stare attenti a non unirci con i falsi profeti. Infatti il concilio Vaticano secondo, per chi lo vuole davvero seguire e non inquinare con le proprie fantasie, dice che si, deve esserci, ma deve essere quel dialogo costruttivo perché si uniscano alla Chiesa cattolica come figli convertiti.
            Oggi mi pare di vedere un bel minestrone nella Chiesa cattolica dove tutti possono ingoiare la religione che più piace e applaudire a questa falsa chiesa dove ognuno fa e dice ciò che vuole. Grazie a te, però prima di dire che la gente spara boiate prova a convertirti alla vera Chiesa cattolica

        3. Per Giorgio: Errata corrige

          Ciao Giorgio. Vorrei chiarire alcuni punti riguardo la fede.
          Se conosci il Vangelo, sai bene che il signore dice:
          1- chi mangia la mia carne e beve il mio sangue avrà la vita eterna.

          2- arriveranno falsi profeti non ascoltateli (Lutero è nato 1500 dopo Cristo è ha impugnato le Scritture, dogmi e Sacramenti)

          3- amatevi come io vi ho amati e state uniti…… (le parole esatte non le ricordo ma il senso è questo) Ma per unità Gesù intendeva dentro la Chiesa è non fare una brodaglia di unioni dove ognuno la vede a proprio modo.

          4- Gesù ha dato dignità alla donna ma non l’ha inviata nel mondo come vescovo, L’ordinazione sacerdotale è solo per gli uomini.

          5- riguardo a Maria, se non credi che lei è rimasta vergine dopo aver avuto Gesù come vede anche la beata Caterina Emmerick quando Maria le ha mostrato tutta la sua vita (ti consiglio la lettura di questo libretto: la vita di Maria), allora crederanno sempre che i fratelli di Gesù citati dal Vangelo siano i figli di Maria e Giuseppe, mentre invece a quei tempi chiamavano fratelli quelli del casato.

          Riguardo la liturgia insieme ai protestanti, io non vedo la necessità che partecipino ad una funzione a cui non credono.
          Certamente l’abbraccio fraterno è bello, ma è necessario che facciano un passo molto forte e coraggioso per ritornare alla vera Chiesa, senza chiedere nulla in cambio perché con l’eucarestia non si scherza.

    2. Pa: per Giorgio.
      Riguardo le musiche sacre basta aprire i cassetti delle sacrestie rispolverare gli organi e vedi come la Chiesa cattolica canta meraviglie!

      1. si vero, però secondo me i luterani hanno il gioiello musica sacra, tutta la musica sacra di Bach è luterana e per me resta insuperabile; se non si fosse stato Lutero il suo catechismo messo in musica non avremmo avuto lo splendore della musica sacra bachiana. Una colta ad un concerto ho sentito le parole dell’organista titolare di San Pietro, che ha elogiato la musica di Bach per il canto liturgico. Vedi che non è tutto da buttar via dall’altra parte del giardino …

        1. La musica Giorgio ? E come mai disprezzano le icone sacre i quadri dei nostri grandi pittori dove questi quadri si fanno preghiera? vedi i cristiani ortodossi che pregano con le icone!
          Bello vedere in loro i doni che sicuramente hanno, ma stiamo con i piedi per terra, perché loro della Chiesa cattolica disprezzano tutto eh

          1. scusa Enza, perchè sei così drastica? Descrivi la situazione che c’era prima del Concilio, io credo che sia non solo inopportuno ma anche ingiusto dire a un protestante di fare abiure e diventare cattolico perchè la sua religione è falsa. Può essere un buon cirstiano rimanendo luterano, come un cattolico può essere un buon cristiano rimanendo cattolico. E questo, essere buon cristiani, è piu importante di adesioni formali. Se ci pensi, perchè sei cattolica e non protestante? Semplicemente perchè sei nata in una famiglia e una comunità e una società cattolica. Fossi nata in Svezia saresti stata educata alla fede luterana e magari ah ah … saresti stata vescovessa visto il tuo elogiabile zelo di fede! E solo perchè sei nata e hai avuto quella educazione religiosa vengo io a dirti che se non ti converti alla vera religione non ti salverai?

          2. No io non sono drastica Giorgio, sono realista, che è un’altra cosa.
            Io posso anche andare ad ascoltare un protestante nella sua Chiesa e cantare i bellissimi canti con loro. Ma alla fine dov’è Gesù vivo? Loro recitano un credo molto simile al nostro, ma non come il nostro, perché non credono nella Chiesa cattolica.
            Possiamo volerci bene ognuno stando nella propria casa? Quando qualcuno accoglierà la grazia della conversione ai sacramenti, che sono solo nella Chiesa cattolica, saranno loro stessi a fare un cammino di fede senza tanti teatrini che confondono solo il popolo.
            Comunque sappi che a me di questo ecumenismo non me ne può fregar di meno. E pensare che Maria lo continua a dire nei suoi messaggi!

  10. Senza più ricordarmi che ieri sera c’erano questi vespri in Vaticano, lo spirito Santo mi ha portata a recitare il rosario per il papa, chissà poi perché proprio ieri pomeriggio tra le 17-18
    Io credo che pregare insieme tra cristiani non sia niente di male, l’importante però sarebbe di ritornare alla vera santa messa: mettere almeno gli inginocchiatoi, non dare più la comunione sulle mani, togliere i laici come ministri dell’Eucarestia, dove il concilio non ha detto di arrivare a tanto, come al giorno d’oggi stiamo vivendo, ma solo in caso di urgenza, per questo però ci sono anche le suore. Obbligare al silenzio prima, durante e dopo la messa. Avvisare di spegnere i cellulari, che immancabilmente durante la consacrazione Gesù è seguito da un concerto che lascia sbigottiti 😕 Le profanazioni eucaristiche ci sono, e sono ormai troppe, allora come dice l’angelo a Fatima ai tre pastorelli: adorare il Signore, adorarlo, perché oggi tutto si fa tranne che metterlo in primo piano nelle chiese, ma guarda caso tutti possono pregare anche quelli in cui all’eucaristia, come Pane di vita eterna, non credono!
    Quanti peccati mortali avvengono ormai nella Chiesa oggigiorno causa questo modernismo, e il fastidio che dà ormai il signore vivo nell’ostia e presente! Vedrete che ora, visto che non c’era un registratore durante l’ultima cena, diranno ai cristiani cattolici che fa bene anche un pezzo di pane condiviso con i protestanti, perché non siamo più sicuri che il signore ha detto quelle parole per essere sempre, e ogni giorno con noi.
    Ormai il lavoro in questi cinquant’anni è stato un lavoro per portare le menti a cambiare idea sulla Chiesa cattolica, è ci sono riusciti bene i figli di Satana. Maria è sempre presente per dirci ciò che dobbiamo fare, e se a Bruno Cornacchiola disse di andare nell’ovile santo e di farsi cattolico, vuol dire che il compito della Chiesa è quello di portare i credenti in Gesù all’unica Chiesa e non fare mescolanze strane.

  11. Trasmissione apostolica nella Chiesa anglicana? Ne è proprio sicuro? Che lo dicano gli anglicani, si può capire, ma non credo proprio che possa dirlo la Chiesa cattolica apostolica romana.

I commenti sono chiusi.