MEDJUGORJE. UN LIBRO INCHIESTA, ASPETTANDO IL GIUDIZIO DI PAPA FRANCESCO.

Marco Tosatti

Ventitré milioni di comunioni, 4500 gruppi di preghiera in tutto il mondo, conversioni clamorose: Medjugorje è certamente un fenomeno di religiosità straordinaria, che ormai da decenni coinvolge e divide, interpella la fede e il giudizio di vescovi, sacerdoti e laici. E anche dei papi, e del Pontefice regnante, di cui si attende una parola definitiva. Per quanto sia possibile, visto che il fenomeno continua, sia pure a ritmi meno frequenti che in passato; ed è buona regola della Chiesa attendere che tutto sia concluso, prima di studiare, vagliare ed esprimersi.

“Medjugorje: l’inchiesta. Aspettando il giudizio di Papa Francesco”. Così si intitola il bel lavoro di Marco Paganelli, per le Echos Edizioni. Un’opera “di parte”, nel senso che l’autore laureato in Comunicazione Pubblica e Politica, da una decina di anni segue il fenomeno; ma sin dalle prima righe con grande onestà annuncia che “credo nell’autenticità di tali mariofanie, ferma restando la mia disponibilità a cambiare opinione qualora la Santa Sede dovesse pronunciarsi definitivamente in modo contrario”.

Paganelli affronta il lavoro in base a una divisione sistematica, che aiuta certamente il lettore a fasi un’idea precisa del fenomeno, e del contesto generale in cui esso avviene. Si parte dalla situazione storica e sociale della Jugoslavia all’epoca delle apparizioni, corredata dalle testimonianze dei veggenti e dalla descrizione dei luoghi.

Si passa poi ad un excursus storico sulle devozioni del popolo di Dio, con ampi riferimenti al dibattito non solo religioso ma anche laico, sulla veridicità o meno delle apparizioni; grande evidenza è data, come appare naturale e giusto, ai frutti del fenomeno, in termini di guarigioni e conversioni, sia fisiche che spirituali e morali.

Una terza parte, più specificamente spirituale, riguarda il quadro di combattimento spirituale, metafisico, in cui queste e altre mariofanie si pongono. E’ particolarmente interessante l’attenzione che queste mariofanie sembrano porre sull’Europa, dal 1830 fino ai giorni nostri, con collegamenti e ricadute anche sulla vita politica e culturale del Vecchio Continente.

Per gli appassionati di questa ricerca ai confini fra umano e soprannaturale sarà di sicuro interesse la lettura della parte dedicata ai segreti, e ai collegamenti fra il messaggio di Medjugorje e altre due mariofanie importantissime, Fatima e le Tre Fontane, con i messaggi ricevuti da Bruno Cornacchiola.

L’ultima parte è dedicata ad illustrare quella che è la posizione della Chiesa in questo complicato passaggio, con un fenomeno che mobilita milioni di persone in tutto il mondo e la difficoltà, e la prudenza di una risposta mentre ancora sembra che accadano cose.

E, come dice il titolo di un’opera che ci sentiamo di consigliare, aspettando il giudizio di Papa Francesco.



Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco. 

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.

51 commenti su “MEDJUGORJE. UN LIBRO INCHIESTA, ASPETTANDO IL GIUDIZIO DI PAPA FRANCESCO.”

  1. Dove è finita la vera fede che ha bisogno di segni e apparizioni. Beato chi non ha bisogno di vedere e toccare per credere, disse Gesù a San Tommaso. La conversione nasce dal cuore e non ha bisogno di un luogo per quanto santo per sbocciare.

    1. Sono pienamente daccordo con te, la vera fede non ha bisogno di segni. Ma accetto che Dio li dia. E’ giusto che il papa si prenda tutto il tempo necessario per dare una risposta, non è giusto pretenderla. E’ come se il nostro credo si fondasse su delle risposte di un uomo che per quanto Santo e rappresentante Cristo, è sempre un uomo.
      Cristo va trovato dentro ciascuno di noi.

  2. Il giudizio non è ancora arrivato ma tra le righe arrivano stilettate pesanti. Ecco l’ultima, pubblicata stamani da “Il Corriere della Sera”, all’interno di un’intervista che uscirà integrale su “La Civiltà Cattolica”

    “Non la Madonna capo di un ufficio postale che ogni giorno manda una lettera diversa, dicendo: ‘Figli miei, fate questo e poi il giorno dopo fate quest’altro’. No, non questa. La Madonna vera è quella che genera Gesù nel nostro cuore, che è Madre. Questa moda della Madonna superstar, come una protagonista che mette se stessa al centro, non è cattolica”.

    A questo punto, vista la portata delle affermazioni, tanto vale citare Medjugorje. E anche Anguera, che probabilmente per Bergoglio e i suoi fedeli rappresenta un nervo ancor più scoperto di Medjugorje.

  3. Le considerazioni che avete espresso sono molto interessanti. Ringrazio il Dott. Marco Tosatti per l’interesse mostrato verso il mio testo.

    Chi avesse piacere di leggerlo, potrebbe ordinarlo cliccando qui.

    http://www.echosgroup.it/product.php~idx~~~64~~Medjugorje_+L_inchiesta+_+Marco+Paganelli~.html

    https://www.amazon.it/Medjugorje-linchiesta-Aspettando-giudizio-Francesco/dp/8898824807/ref=sr_1_21/253-3076780-7410520?s=books&ie=UTF8&qid=1484254093&sr=1-21

    Chi mi volesse contattare personalmente, potrebbe farlo tramite mail a questo indirizzo: marco86_18@libero.it

    Un caro saluto a tutti.

    Marco Paganelli

  4. Potrebbe anche essere vero, ma le vorrei ricordare, sig. Salvi, che tutti i dogmi mariani hanno avuto un percorso in salita, almeno gli ultimi due … salvo essere poi essere addirittura “controfirmati” dall’Alto (vedasi l’Immacolata Concezione & Lourdes…).
    Se questo nuovo dogma è realmente voluto dal Cielo, il Cielo avrà sicuramente l’ultima parola in capitolo.

  5. Un cristiano (vero) non puo’ non essere mariano, anzi, mi trovo perfettamente d’accordo con chi afferma che chi non è mariano non è cristiano.
    Il prossimo dogma mariano (che spero venga presto promulgato), espressamente richiesto da Maria in apparizioni approvate dalla Chiesa, sarà quello di Maria Corredentrice.
    E questo già dice tutto.

    1. A proposito di un nuovo dogma di Maria Corredentrice: “Non credo – risponde il futuro Papa Ratzinger – che si darà seguito a questa richiesta, che nel frattempo si è guadagnata il consenso di parecchi milioni di persone, in tempi prevedibili. Secondo la “Congregazione per la Dottrina della Fede”, quelle caratteristiche di Maria che la proposta vorrebbe mettere in primo piano possono essere meglio espresse da altri titoli di Maria, mentre la formula “Corredentrice” si allontana troppo dal linguaggio delle Scritture e dei Padri della Chiesa; e può perciò produrre degli equivoci. (2005)

  6. Io credo fermamente a queste apparizioni. Detto questo penso che invece di fare tanta confusione massmediatica il Papa o chi per lui dovrebbe convocare i veggenti per farsi dire le date dei 10 segreti. Se non lo fanno, tempo una settimana, tutta la vicenda sarebbe messa a tacere anche perché la chiesa di concreto ha solo questo. Sarebbe però la chiesa “democratica” di oggi? Santa Giovanna d’Arco docet. Credo però che se venissero approvate che cosa cambierebbe? Ricordiamoci che tante devozioni, preghiere, santuari italiani e stranieri sono iniziate ed erette a memoria di apparizioni mariane, ma poi il SAPERE per l’uomo della strada della loro approvazione, non modifica alcunché nella condotta e nel rapporto con Dio. La festa del Sacro Cuore è nata dalle apparizioni di Gesù a santa Margherita Maria Alacoque, la giaculatoria dopo la decina del rosario è nata dalle apparizioni di Fatima ecc. Io non credo che la Madonna venga in terra per così tanto tempo per ridurre tutto ad una preghierina che si recita in chiesa o per una Messa che viene celebrata ormai con pochissime persone presenti. Qui si inquadra il tema dei 10 segreti. Siamo di fronte non alla fine del mondo, ma dopo queste apparizioni (che continueranno anche dopo la rivelazione dei segreti) alla fine di UN mondo: quello odierno privo di valori ed avviato alla dissoluzione senza scomodare millenarismi e apocalissi varie. Comunque è la chiesa che deve giudicare e secondo me dovrebbe farlo come ho scritto sopra.

    1. E’ semplicemnte assurdo il solo pensarlo!
      I segreti sono “talmente segreti” che i veggenti non ne parlano nemmeno tra di loro…
      Che senso avrebbe poi chiedere di rivelare cio’ che il Cielo vuole che sia mantenuto assolutamente segreto ? Sarebbe andare contro la stessa volontà di Dio, tantopiu’ grave se fosse il papa a farlo.
      Con Dio non funzionano i sistemi modello Gestapo.

      1. E non solo.

        Il Segreto di Fatima fu consegnato al Vaticano: ed è forse servito a qualcosa?

        Al Concilio c’era la situazione ideale, per consacrare la Russia, visto che la Gerarchia era praticamente tutta lì riunita. Hanno sputato su un’occasione d’oro. E più volte Suor Lucia ha riferito le dolorose parole di Maria Ss, sul fatto che né i buoni né i cattivi avevano ascoltato i Suoi materni richiami.

        Anche se i dieci segreti venissero comunicati al Vaticano… ci ritroveremmo nell’identica situazione. E comunque la Gerarchia potrebbe obiettare che vuole in ogni caso attendere la realizzazione dei segreti medesimi.

        Un vicolo cieco.

      2. Costringere i veggenti a rivelare i segreti con data, ora e tutto metterebbe a tacere coloro che non credono. La chiesa ha questo potere. Un non credente ride sentendo dire che Dio vuole mantenere segreto un segreto ( scusi il gioco di parole) come fa Cecchi Paone che è pure andato a Medjugorje ma non ha cambiato idea.

        1. Mi perdoni, Stefano, ma che senso avrebbe ?
          Il segreto è un annuncio di qualcosa che dovrà accadere (bello o brutto o terribile che sia) e che sarà svelato giusto alcuni giorni prima che l’evento accada, proprio per dimostrare la veridicità dello stesso (e probabilmente anche per offrire qualche possibilità di salvezza/conversione “last minute” a chi si ostina sulla via della perdizione).
          Svelare un segreto anzitempo, significherebbe forzare i piani divini: sarebbe, mi consenta, un atto di superbia che non solo non porterebbe a nulla (e tantomeno a improbabili conversioni), ma suonerebbe come una sfida alla misericordia di Dio (che ha voluto i segreti per la conversione dell’umanità), c ostringendo la sua Giustizia a riprogrammare (mi consenta il termine) il contenuto dei segreti.
          E lasciandoci tutti con un palmo di naso!
          Non si scherza su questo.

          1. Io mi riferisco ai non credenti, perché chi crede non ha bisogno di apparizioni, segreti e manifestazioni straordinarie. Dato che sono 36 anni che l’evento si ripete tutti i giorni e c’è chi crede, chi biasima, chi è entusiasta e chi condanna, un punto fermo della Chiesa non guasterebbe. Io mi domando: se la sacra scrittura è il fondamento della fede perché esiste l’ateismo? Basterebbe la stessa scrittura a convincere, ma così non è. Ora la Madonna non viene sulla terra per farsi dire “lo so che appari, che sei apparsa ma io non ci credo” perché questo si sarebbe un insulto alla nostra Madre Celeste, ma non viene solo per qualche donnetta che va a recitare il rosario o dopo l’eventuale approvazione aggiungere alle litanie “Regina della pace di medjugorje prega per noi” riducendo tutto al devozionismo sterile che non produce nulla e non cambia nulla. Ci troviamo di fronte ad eventi epocali che cambieranno la storia del mondo, altro che preghierine! Per questo la rivelazione dei segreti sarebbe utile, non per i credenti ma per quelli che non credono o che sono indifferenti o ostili. E sono molti, troppi soprattutto in Italia.

        2. Stefano, concordo totalmente con i suoi commenti.
          Completamente, ad eccezione della opportunità dio rivelare ora e subito i segreti (anche se per un fine superiore, che sarebbe la conversione degli irriducibili).
          I segreti sono il progetto di Dio per questi epocali tempi che viviamo e non avrebbe alcun senso ( e logica) andare “oltre” lo stesso progetto del Cielo.
          Noi non siamo piu’ bravi e misericordiosi di Dio (sarebbe lo stesso plateale errore che stanno facendo in tanti (anche gerarchicamente molto altolocati) e se Dio ha questo nei suoi piani vuol dire che questo è il MASSIMO che si puo’ fare per l’umanità che si sta smarrendo.
          Gli irriducibili si covertiranno solo se faranno un bagno di umiltà (sull’esempio di Maria), perchè neanche la resurrezione di un loro conoscente, già morto e “stra-morto” da 4 giorni 4, gli farebbe cambiare idea.

  7. È l’eucarestia il faro della cristianità e della fede, il vangelo è l’ausilio principale per capire e amare più intensamente Gesù. Altrimenti non saremmo chiamati cristiani ma mariani e ciò non va bene anche se andiamo a Gesù attraverso Maria.

  8. Spero che la chiesa non si comporti come nel 1944, Ghiaie di Bonate, perseguitando una piccola veggente di 7 anni. Giovanni XXIII se ne lavò le mani … sempre lui si rifiutò nel 1960 di rendere pubblico il messaggio di Fatima come aveva espressamente richiesto la Madonna (secondo suor Lucia, ciò fu un peccato contro lo Spirito Santo) … sotto Giovanni XXIII fu perseguitato padre Pio … Bergolio non crede alle apparizioni mariane, si è già espresso “la Madonna non è la postina di Dio” … e poi … tutta questa attenzione alla madre di Gesù non va bene … potrebbe dar fastidio ai fratelli protestanti …

  9. Fare e disfare a loro piacimento:gli attuali servi infedeli e sciocchi che hanno smesso di credere nel Signore e adorano l’Uomo e le sue voglie, stannoi tentando di cambiare la famiglia, stanno tentando di distruggere l’Eucarestia, la Confessione, dopo aver cercato di fare una parodia del Rito della Santa Messa. MA una mistica, una serva fedele e saggia, ha detto “…ma il Signore aveva altri progetti”

  10. Forse i mistici e i visionari v one i profeti dell’Antico Testamento danno fastidio alle gerarchie ecclesistiatiche di ogni tempo perche’richiamano loro il pensiero della loro “cattiva coscienza”. I servi infedeli e sciocchi che agiscono come se il Signore non dovesse tornare mai a chieder loro conto sono infastiditi dai servi fedeli che li richiamano li avvertono li rimproverano gli predicono il futuro. Iservi infedeli e sciocchi hanno da tempo insegreto smesso di credere che esista un Signore in None del quale dovrebbero amministrare i beni. I servi infedeli e sciocchi credono di poter essere loro i padroni, di poter fare e disfare a loro piacimento, distruggere quello che il Signore ha loro affidato. Iservi fedeli sono una piccola minoranza una voce che grida nel deserto ma gli altri boriosi e sprezzanti li trattano sa “profeti di sventura”li ridicolizzano.

    1. Nessun Profeta ha avuto vita facile, e ha subito persecuzioni e martirio.

      Nostro Signore ha avuto la medesima sorte.

      Gli individui malvagi si ergono contro la propria coscienza, e si ergono contro chiunque faccia le veci di una coscienza ben formata.

      Qui sta la chiave di certe aberrazioni, divenute sempre più gravi, man mano che il tempo è trascorso: in luogo di ascoltare retta coscienza e giusti consigli, ci si accanisce lungo la via del male, spesso appoggiandosi ad argomenti del tutto speciosi, che tendono a minimizzare o ad annullare i peccati.

      Basti notare come ci si comporta attualmente, dentro fin troppa Chiesa: misericordia a chiacchiere… e bastonate su chiunque osi dissentire dalla mentalità dominante.

  11. Chissà quando verranno approvate le apparizioni di Ghiaie di Bonate (BG) del 1944.
    Tra l’altro attuali per i messaggi sulla famiglia che allora dette la Madonna alla veggente Adelaide Roncalli.
    Ma si sa, il cielo è rimasto un po’ indietro e alla famiglia ora sono subentrate “le famiglie”…
    La Madonna può aspettare!

    1. Non di rado accade, purtroppo, che a valutare una esperienza mistica vengano posti dei prelati i quali, essendo in tutta evidenza essi per primi peccatori gravi, non possiedono le virtù, e in particolare la virtù del discernimento.

      Perciò accade che anime umili e oneste, quali la povera Adelaide, vengano sottoposte a torture psicologiche tremende, specie se si considera la loro giovane età.

      Non mi viene in mente NESSUNA esperienza mistica, riconosciuta infine dalla Chiesa, i cui protagonisti non siano stati in vario modo perseguitati e tormentati, e proprio da alcuni uomini di Chiesa.

      Giovanni della Croce; Teresa d’Avila, Faustina, Suor Lucia, Padre Pio…

      La Chiesa gerarchica dovrebbe essere la prima, ad accogliere e sfruttare i Doni straordinari che il Signore le concede (tramite anime mistiche non di rado appartenenti a un’umile fascia sociale).

      Dovrebbe…

      1. Ha perfettamente ragione ,io mi sono stufata di sentire giudizi da inquisitori .la Madona è amore Gesù é amore e ognuno di noi si rapporta come il cuore ci comanda non come certi prelati vorrebbero inquadrarci .
        Se io mi sento bene ad andre a Megiugory ci vado e basta.

  12. Io credo fermamente che la Madonna appaia a Madjugorje. In quei luoghi si sente, si vede,si respira la Sua presenza. Anche se il Papa non dovesse dare parere a favore io crederò in quello che provo solo andando lì. Amen.

  13. Esegesi moderna, frutto del metodo storico critico..

    I REDATTORI DEI VANGELI AFFERMANO CHE GESÙ CAMMINAVA SULLE ACQUE PERCHÉ PERCHÉ NON SAPEVA NUOTARE. 🏊

  14. Che bello tutti teologi,tutti sapienti, non ho mai sentito la Madonna parlare male del Papa, non mi piace quello che dite che Dio ci perdoni.

  15. Io ho creduto è credo fermamente a Medjugorje, sin dal 2009, anno della mia conversione! Da allora sono andato in totale sette volte, ogni volta ho ricevuto qualcosa da Maria Corredentroce è madre di Gesù! In tutti i suoi messaggi, non vi è una sola parola contro la nostra fede è contro il Papa, ma purtroppo questo Papa penso che non è in linea ai nostri dogmi, è sta facendo errori, uno dietro l’altro! Inizialmente mi prendeva con il cuore, ma la sua falsa umiltà, ma dopo non aver accettato di indossare le scarpe rosse, non simbolo di regalità, ma di sacrificio come il sangue, che il nostro Signore Gesù Cristo ha sparso per noi, ho capito tante,ma tante cose, come mettere la statua di Lutero in Chiesa, il dare la comunione ai divorziati ed infine una commissione affinché si cambi totalmente anche nel rito di trasformazione del pane è del vino, durante la Santa Messa! Ecco il perché del cartellone che è stato messo a Roma, ora mi rendo conto che i tempi stanno finendo, che satana è entrato nelle file della Chiesa è farà di tutto per disgregarla! Medjugorje è la risposta a quello che accade nella Chiesa! Ci sono tantissime conversioni ed è il polmone delle confessioni! Per non parlare dei molteplici miracoli del spirituali è del corpo! Questo è una mia opinione, ed il mio credo, come credo che malgrado tutti questi avvenimenti, il Papa non riconoscerà Medjugorje….

    1. Cara signora Cala’. Ma quali scarpe rosse! Si documenti meglio: “Per quanto riguarda le scarpe rosse, Giovanni Paolo II le abolì di fatto, usando sia scarpe nere, sia marroni, sia rosso scuro. Con Benedetto XVI sono state utilizzate di nuovo, riprendendo una tradizione durata fino a Wojtyla. E ora Francesco, ritiene di portarle nere. Forse che così intende rinunciare al rosso, il colore del martirio? E che dire di Giovanni Paolo II, che non indossava le scarpe rosse ma ha comunque versato il suo sangue in piazza San Pietro? “

      1. Wojtila non abolì i segni del papato. Anzi, riascolti l’omelia di inizio pontificato. Vi è un passaggio preciso. Se invece di Luciani, fosse stato scelto il card. Wojtila avremmo avuto ancora la tiara… perché a quel segno Wojtila darà la giusta interpretazione. Che poi, siamo tutti impallinati dall’argentino che porta pure una borsa nera ( dove tiene tutto o niente) mi rifaccio all’anziano sacerdote ora novantenne che lo vide salire sull’aereo: “questo non è umile!”. Mai ho avuto , come in quel momento la certezza che eravamo davanti ad un buon falso d’autore.

  16. COMPENDIO DI TEOLOGIA CONTEMPORANEA

    Dio è Padre, noi tutti, credenti e non credenti, credenti in altre verità, disobbedienti, pervertiti, assassini, indifferenti, e anche chi ha in odio Dio stesso, restiamo suoi figli amatissimi, per questo avremo in eredità la vita eterna.
    Sistemato così l’annoso intralcio di peccato e conversione…. Tu umanità fa un po’ come credi in coscienza, non per salvarti e salvare, ma piuttosto per vivere meglio qua ed avere una maggiore giustizia sociale.

    Sembra una sciocchezza, ma è il cuore della moderna teologia, nella quale Dio è talmente buono, perdonoso e pacioccone che si può tranquillamente vivere come se non esistesse, ed infatti così accade.

  17. Esatto, il pronunciamento Papale non potrà essere definitivo né in un senso, né nell’altro. Sarà solo un indirizzo pastorale.

  18. Sinceramente non capisco questa pressante aspettativa di un pronunciamento definitivo del Papa sulle (presunte) apparizioni della Beata Vergine ai veggenti di Medjugorje:
    il fenomeno è ancora in corso, i veggenti sono ancora tutti viventi e attivi, le dieci profezie provvisoriamente segrete annunciate devono ancora verificarsi, la misteriosa simil-pergamena extraterrestre nessun’altro l’ha ancora esaminata, ecc.

    Mi sembra che Papa Bergoglio ne abbia già fatte troppe di imprudenti e pasticciate (eufemismo) riforme delle secolari prassi vaticane: eviterei di buttare nella spazzatura anche la prassi del riconoscimento di visioni mariane solo dopo che il fenomeno sia (almeno pubblicamente) terminato.

    Nel frattempo, per tutto quello che viene annunciato dai (presunti) veggenti di Medjugorje in evidente concordanza con gli insegnamenti apostolici e i con consolidati dogmi della unica Chiesa di Gesù Cristo, che gli uomini continuino a farne buon uso come strumento di conversione, a maggior gloria di Dio.
    Ecco, un sommo auspicio ufficiale in questo senso potrebbe essere al contempo prudente e misericordioso.

    Permanesse anche il dubbio di qualche imbroglio dietro le apparizioni, se nel frattempo qualche migliaio o più di persone sono state aiutate dal fenomeno Medjugorje a rimettersi sulla strada di Gesù e Maria e a salvarsi l’anima, ringraziamo comunque la Provvidenza. E speriamo che questi benefici continuino.

    1. @acchiappaladri, La madonna vuole che ci convertiamo e andiamo Gesù. Certo è che dopo tutti frutti, e come successo anche alle tre fontane per bruno Cornacchiola, potrebbe dire qualche parola senza esporsi troppo. Ormai tutta la Chiesa e la a Medjugorje, inutile far finta di niente . La Madonna ha detto: verrà un giorno che non ci sarò più, pregate figlioli per i peccatori. Ci vorrebbe poco: invogliare la gente a pregare il rosario e ascoltare la parola di Dio in quel santo luogo. Sarebbe già una testimonianza grande che il Papa è vicino ai pellegrini, ma dubito che lo faccia, anzi sono sicura che non lo farà mai anche perché ai protestanti non piace parlare di Maria, si è visto come l’hanno oscurata più di una volta negli incontri vari dove c’erano anche loro

      1. Ciao Enza.
        Quanta tristezza ho nel cuore.
        Per me il Papa è il vicario di Cristo e dovrebbe avere il massimo affetto da parte dei cattolici.
        Se il suo fare ci sembra non perfetto, preghiamo per la perfezione della sua anima.
        Il cielo di Medjugorje è il cuore della Madonna. Lasciamo che sia la parola di Dio, anche attraverso Medjugorje , ha svegliare il sonno della nostra anima. Ho vissuto e sperimentato l’amore di Maria per me. Lei, 10 anni fa, mi ha chiamato a Medj, e in quel luogo l’ho incontrata. Da allora ho vissuto una nuova vita.
        Non mi interessa il giudizio del Papa su Medjugorje. La verità non sta in un giudizio. Lui stesso ha detto chi sono io per giudicare?

    2. Se dopo tutto quello che è successo e sta succedendo, continui a definire “presunti” i veggenti, tu non credi nemmeno che esista l’altra faccia della luna.

  19. Let Francis out of this – he is part of the problem. Our Lady has been warning: pray for the Church, as never before. She has good reasons. Medjugorje is the complement of Fatima´s apparitions, whoever lives will see.

  20. Papa Francesco, o altro papa….sta di fatto che la Madonna è sempre stata presente come Madre è poi come profetessa, ma guarda caso è sempre il popolo che poi fa dire si, alla Chiesa tramite il papa cardinali e vescovi. Se voi leggete la storia dell’apparizione di Gesù è Maria a Valverde Rezzato in prov. di Brescia, potete anche lì accorgervi come i vescovi e sacerdoti erano aperti ai segni, li vedevano, mentre oggi fanno tutti finta di niente. Conosco molto bene la storia della Madonna delle tre fontane luogo che sono solita andare ogni anno in pellegrinaggio, e pure quest’anno ci sarò X i 70 dell’apparizione. Papa Pio XII ha creduto fortemente a questa apparizione. Ma vogliamo mettere la spiritualità, l’amore per le cose di Dio e il credere che la Madonna è presente in mezzo a noi per indirizzarci sulla via giusta, che avevano questi papi? Altri tempi! ma per noi cattolici I tempi sono sempre quelli e andiamo a Maria con grande gioia ascoltando ciò che ci dice e ciò che Dio fa in mezzo a noi per la nostra salvezza. Grazie Tosatti!

  21. La sinistra è molto più concentrata su politica, sociologia, psicologia, uguaglianza, libertà, fraternità, dinamismo storico verso il sol dell’avvenire, che sulla teologia mistica, i richiami di Dio, il peccato, la grazia, la salvezza eterna.

    1. Katia, pienamente d’accordo ! Infatti la nostra Chiesa è più vicina alla new , al protestantesimo al Buddhismo che a Cristo

      1. Esiste un solo Dio. Il Dio di tutti gli uomini, il quale permette di amarlo come a ciascuno piace. Non sta a noi dire quale religione è giusta, perché solo Dio è giusto ed è solo il diavolo che esprime giudizi.
        Non sono i miracoli che devono trarre in inganno un cristiano, ma è lo stile di vita che accompagna l’uomo a dare testimonianza a Dio a santificare il suo nome a permettere che anche qui sulla terra venga il suo regno. I sacramenti sono mezzi per ricevere la grazia, ma non sono essi stessi la grazia. La grazia è nella decisione dell’uomo di cambiare non mettendo piu al primo posto se stesso, ma il proprio fratello.

        1. “Esiste un solo Dio. Il Dio di tutti gli uomini, il quale permette di amarlo come a ciascuno piace. Non sta a noi dire quale religione è giusta, perché solo Dio è giusto ed è solo il diavolo che esprime giudizi.”

          Cosa sarebbe questa eresia? “Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura. 16 Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato. “; a me non sembra proprio che il Cristo abbia detto che tutte le religioni sono uguali, o che gli uomini possano seguire quella che più aggrada loro: l’unica, Vera Fede è quella cattolica. Punto. Ogni altro discorso in merito non è cattolico.

          1. E’ grazie a persone che ritengono di avere la soluzione in tasca, magari la più giusta, che sono nate e nascono guerre di religione, che il nostro io si inorgoglisce perchè prescelti e dispensatori del giusto.
            Del vangelo citerei piuttosto il passo in cui Gesù dice: chi non è contro di me e con me. Cosa dire allora, se non che il messaggio di pace e di amore fraterno esiste anche nelle altre religioni e che anche queste religioni meritano rispetto. E’ solo col rispetto reciproco e l’ascolto che si puo vedere la verita per intero.
            L’ammonizione di Gesù di fronte alla domanda dei discepoli, che pretendevano di essere l’uno migliore dell’altro dovrebbe far riflettere

          2. Io quello che mi fa riflettere è il relativismo in questi commenti: pretendere che tutte le religioni siano sullo stesso piano non è cattolico, e dire che anche le altre religioni (che magari disconoscono il Figlio di Dio come Verbo incarnato) presentano lo stesso “messaggio” (come se il Vangelo e la Chiesa si riducessero ad un messaggio di pace, e non fossero invece Rivelazione divina, ma lasciamo stare) “di pace e di amore fraterno” è voler fare uno torto alla Verità ed alla realtà dei fatti. Questi discorsi, alla fine, sono soltanto sincretismo e relativismo allo stato puro.
            Ha ragione però su una cosa, alla fine: i cattolici sono davvero il popolo eletto di Dio (Ecclesia=popolo eletto). Ne consegue che il resto no e non vedo perché dovrei vergognarmene. Non è questione di orgoglio: è questione di fatti.

            P.S.: la citazione del Cristo, come sempre in questi casi, è decontestualizzata: infatti, il Nazareno rimprovera i discepoli perché uno, che non appartiene al novero dei Dodici, scaccia i demoni nel Suo nome. Non giustifica certo né la fondazione di improbabili Chiese extracattoliche, o il paganesimo o le altre religioni; al contrario, enuncia che chi opera nel nome del Cristo (cosa che le altre religioni, ovviamente, non fanno) non può essere contro di Lui.

          3. Inoltre, facile citare a comando, ignorando volutamente passi scomodi del Vangelo; risponda all’affermazione evangelica che ho citato nel mio primo messaggio, piuttosto. E risponda anche a questi tre quesiti: la Chiesa esiste per l’uomo o per Dio? La Chiesa cattolica è prodotto umano o opera divina? Nei Sacramenti sussiste la Grazia efficiente oppure no?

        2. Potresti Monica dirci chi sono questi a cui Gesù fa riferimento?
          ” 11 Venne fra la sua gente,
          ma i suoi non l’hanno accolto.
          12 A quanti però l’hanno accolto,
          ha dato potere di diventare figli di Dio:”
          Giovanni 1

          1. Perché, me lo chiedi? Se il tuo cuore è onesto non ha bisogno che qualcuno glielo dica. A Gesù non è riuscito lapidare l’adultera

  22. Dubito dia un suo parere il Papa, non si sporcano più la bocca per la madonna! Non hanno più la sapienza e l’intelletto per vedere i segni, ahimè. Viviamo una chiesa con grande sofferenza ma avanti con Gesù e Maria , sempre! La nostra fede ci salverà, unita al nostro amore per il prossimo.

    1. Alla Madonna e a Gesù tutti noi crediamo ma alla chiesa come istituzione sta facendo acqua da tutte le parti ,quindi quale che sia il giudizi su Megiugory noi continueremo ad andarci perché è un luogo mistico e di preghiera dove ci si sente più vicino al cielo .

I commenti sono chiusi.