IVANKA TRUMP SI È CONVERTITA UFFICIALMENTE ALL’EBRAISMO. LA CONFERMA DEL RABBINO CAPO DI ISRAELE.

Marco Tosatti

Ivanka Trump adesso è ufficialmente di religione ebraica: Yitzhak Yosef, il rabbino capo sefardita di Israele, ha espresso il suo parere: La conversione al giudaismo di Ivanka Trump non ha bisogno di nessuna indagine ulteriore, e non c’è bisogno di nessuna chiarificazione aggiuntiva a questo avvenimento. Quindi Ivanka Trump, la figlia del presidente degli Stati Uniti, è ufficialmente riconosciuta come ebrea.

La conversione di Ivanka è stata oggetto di controversie. C’era chi si chiedeva se rispondesse ai requisiti stabiliti dal Rabbinato Capo di Israele, in relazione al grado di fiducia accordato ai rabbini della Diaspora in tema di conversioni. E a questo si aggiungevano le polemiche relative al Rabbinato Capo di Israele, perché i critici affermavano che le corti rabbiniche israeliane mancavano di criteri chiari e uniformi quando si trattava di convalidare le conversioni avvenute fuori da Israele stesso. Spesso si trattava di un giudizio fornito caso per caso.

Per quel che riguarda Ivanka Trump, la sua conversione era passata al vaglio particolarmente dal Consiglio Rabbinico di America (RCA); e questo grazie a un accordo stipulato fra questo organismo e il Rabbinato Capo di Israele.

Ivanka è stata convertita dal rabbino Haskel Lookstein, un religioso molto noto a New York. Per avere ulteriori dettagli, potete leggere questo articolo di World Religion News, in inglese. Di conseguenza se il precedente inquilino della Casa Bianca, Obama, aveva dei collegamenti familiari con l’islam, il suo successore, Donald Trump, ne ha con l’ebraismo. Il che appare anche coerente con il suo proclamato sostegno a Israele.



Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”. 

Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.


L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.

18 commenti su “IVANKA TRUMP SI È CONVERTITA UFFICIALMENTE ALL’EBRAISMO. LA CONFERMA DEL RABBINO CAPO DI ISRAELE.”

    1. Non penso proprio: solo nel cristianesimo c’è il Cristo, Via, Verità e Vita. Capisco che lei fosse protestante (e quindi priva della grazia sacramentale, se escludiamo quella del Battesimo), ma ciò nonostante l’apostasia resta un grave peccato (anche se non dubito che qualcuno accorrerà e comincerà a dire che è una venialità…).

        1. L’avversione di Bergoglio per Trump è arcinoto.
          Ora aumenterà ancora: e chissà come sta spettegolando sulla scelta della figlia Ivanka!
          Lui, il misericordioso che dice “le chiacchiere sono il male assoluto”.

          Per essere ancora più chiari: egli odia Israele almeno quanto Benedetto XVI, invece, lo ami!

          1. Ed aggiungo: l’odio (si, o-di-o) verso Israele è sulfureo.
            E’ il Popolo Eletto.
            Poi, certo, con Cristo si porta a compimento il Disegno di Dio.
            Ma Israele è Israele.

            Lutero era ferocemente antisemita, come Hitler.

            E ferocemente contro i fratelli Ebrei sono tutti quei fanatici che pure si dicono cristiani.
            Deliranti sedevacantisti che odiano tutto e tutti.
            Eppure Cristo ci ha insegnato l’amore!

          2. O lei è un burlone o si deve dare una regolata: non vede che sta parlando di sue fantasie? Siccome a Bergoglio non sta simpatico Trump e la figlia di Trump (notizia di oggi) si è convertita all”ebraismo, papa Francesco sarebbe contro l’ebraismo! Ma e’ un ragionamento folle!

          3. Tra l’altro, c’è da precisare una cosa: un conto è essere antisionista (cioè contro la politica, anche in campo religioso oltre che sociale ed economico dello Stato d’Israele), ed un conto essere antisemita (cioè contro le persone di etnia ebraica). Io, per esempio, in tutta tranquillità affermo di essere antisionista ma non sono per niente antisemita; ancora, io sono fermamente convinto che al Vecchia Alleanza, in seguito al sacrificio dell’Agnello Pasquale per eccellenza, non sia più valida perché decaduta ed estesa da un popolo al mondo intero tramite il Cristo. Ciò nonostante, affermare che il Pontefice sarebbe antisemita è effettivamente esagerato e piuttosto offensivo, dal momento che niente supporta tale tesi (anzi, semmai è vero il contrario, cioè è eccessivamente “dialogante” con la religione ebraica).

          4. Cosimo de Matteis,
            ma come fa a fare queste contrapposizioni tra i due Papi? Entrambi amano l’umanità, come Dio ci chiede di amarla, indipendentemente dal giudizio politico su Israele, su Trump e dalle scelte religiose di sua figlia.

      1. Eccomi, accorro per dire che l’apostasia è un grave peccato per chi ne è consapevole. Che ne sappiamo della consapevolezza della figlia di Trump? Ad ogni modo, essendo lei stata prima protestante il problema della sua apostasia non si pone neppure. E poi, che vuol dire che un protestante è privo della grazia sacramentale? Lo Spirito Santo soffia dove vuole.

        1. Da quando in qua i protestanti hanno Sacramenti validi (ad eccezione del Battesimo), “don”? Inoltre, l’apostasia era e rimane un grave peccato; questo, a prescindere dall’ignoranza (da verificare) o meno della sig.ra Trump.
          P.S.: lo Spirito Santo non soffia dove vuole, soffia nella Sua Chiesa. Al di fuori di Essa, di certo non sostiene l’eresia e l’apostasia.

          1. Bravissimo Eques Fidus. I protestanti sono per propria scelta privi della Grazia Sacramentale, stando che nel corso della loro messa non hanno la reale Presenza di Cristo, che nel Rito Cattolico si manifesta tramite la Transustanziazione del Pane e del Vino. Pertanto la loro visione della Fede così com’è attualmente confligge con la Fede Cattolica.

          2. EqueFidus,
            i protestanti non hanno sacramenti validi ad eccezione del Battesimo. Questo è noto. Io ho parlato di grazia sacramentale. Forse che il Battesimo non dà la grazia sacramentale ai protestanti, pur essendo valido?
            Ma che è questa storia che lo Spirito Santo non soffia dove vuole? Qualcuno ha vietato a Dio qualcosa?
            Non è più valido Mc 9,38-40?:

            38 Giovanni gli disse: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava i demòni nel tuo nome e glielo abbiamo vietato, perché non era dei nostri». 39 Ma Gesù disse: «Non glielo proibite, perché non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito dopo possa parlare male di me. 40 Chi non è contro di noi è per noi.

            Il movimento pentecostale, opera dello Spirito Santo, non è forse sorto in ambito protestante e successivamente è entrato nella Chiesa Cattolica?

            Il problema dell’apostasia riguarda un cattolico che apostata dalla fede cattolica: comporta la scomunica. Il problema dell’apostasia della signora Trump che non era cattolica, riguarda la confessione cui lei prima apparteneva. Di conseguenza, se poi fosse ignorante in materia, non spetta a noi verificare.
            Certamente lo Spirito Santo non sostiene l’eresia e l’apostasia, soffia sulla sua Chiesa e sostiene il Pontefice regnante, perciò sono tranquillo.

          3. “i protestanti non hanno sacramenti validi ad eccezione del Battesimo. Questo è noto. Io ho parlato di grazia sacramentale. Forse che il Battesimo non dà la grazia sacramentale ai protestanti, pur essendo valido?”

            Solo quella del Battesimo, non certo di tutti i Sacramenti; se non hanno la Confessione, non possono ottenere il perdono sacramentale, e così via. Mi sembra lapalissiano.

            “Ma che è questa storia che lo Spirito Santo non soffia dove vuole? Qualcuno ha vietato a Dio qualcosa?”

            A furia di soffi e spifferi, sono state giustificate le cose più anticattoliche possibili. Lo Spirito Santo è spirito di verità e di sapienza; cose che si trovano perfettamente solo nella Chiesa cattolica, e non altrove. Il principio di non contraddizione (inventato peraltro da un pagano, Aristotele) non lo fanno più studiare in seminare?

            “Il movimento pentecostale, opera dello Spirito Santo, non è forse sorto in ambito protestante e successivamente è entrato nella Chiesa Cattolica?”

            Sì, e infatti si sono visti i risultati.

            “Il problema dell’apostasia riguarda un cattolico che apostata dalla fede cattolica: comporta la scomunica. Il problema dell’apostasia della signora Trump che non era cattolica, riguarda la confessione cui lei prima apparteneva. Di conseguenza, se poi fosse ignorante in materia, non spetta a noi verificare.”

            Siccome le piace tanto citare la Scrittura a guisa dei protestanti, ecco una bella citazione evangelica:
            “Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato. ” (Mt 16,16). E’ chiaro che, dal punto di vista cattolico, la sig.ra Trump non potesse accostarsi ai Sacramenti anche prima, a meno che non si fosse convertita alla Vera Fede, ma è altrettanto chiaro che l’apostasia dal cristianesimo non è una scelta neutra (come invece ha sostenuto un commentatore più sopra, per cui sarebbe come passare dalla cucina italiana a quella tedesca).

            “Certamente lo Spirito Santo non sostiene l’eresia e l’apostasia, soffia sulla sua Chiesa e sostiene il Pontefice regnante, perciò sono tranquillo.”

            Anch’io, e senza paturnie.

          4. @ EquesFidus

            Sono d’accordo con lei che i protestanti non hanno la grazia sacramentale per i sacramenti che non hanno. Non ho sostenuto il contrario.

            Io ho studiato il principio di non contraddizione al liceo classico statale “Carlo Alberto” di Novara e non sono mai stato in seminario. Essendo religioso ho vissuto in case religiose e studentati religiosi. Ho frequentato scuole teologiche in cui, ovviamente, si insegnava e si insegna il principio di non contraddizione.

            Il Movimento Pentecostale, detto anche Rinnovamento nello Spirito, è stato riconosciuto dalla Chiesa, assistita dallo Spirito Santo. Che lo Spirito Santo abbia fatto sorgere il movimento in ambito protestante è un dato di fatto, non un’opinione teologica.

            La condanna della signora Trump all’inferno per l’ipotizzato peccato di apostasia è di competenza di Nostro Signore Gesù Cristo, non sua né mia. E siccome non era cattolica, la cosa ci riguarda ancor meno, perché non ha abbandonato la Verità del cristianesimo, ma la Verità presentata male dai protestanti. Concordo che non è la stessa cosa passare da una cucina all’altra.

  1. Ivanka si è convertita per amore del marito, ed i figli cresceranno ebrei.
    E’ un fenomwno che avviene sempre di più, anche se gli Ebrei piu’ ortodossi non amano i matrimoni misti. Mma da swmpre le belle e ricche shiksa sono benvenute.

I commenti sono chiusi.