SINODO SUI GIOVANI. PRESENTATO IL DOCUMENTO. LA SANTITÀ NON È MAI NOMINATA. FORSE INTERESSA POCO…:-)

Marco Tosatti

Oggi è stato reso pubblico il documento preparatorio del Sinodo dei Vescovi, la XV assemblea generale ordinaria, che avrà come tema “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”.

E’ uno svelto volumetto di circa 70 pagine, che alla fine contiene un questionario suddiviso per continenti e destinato alle varie conferenze episcopali.

L’abbiamo letto, e ci hanno colpito alcune caratteristiche.

La prima. In tutte le settanta pagine non si fa riferimento alla santità, come un modello da proporre, un obiettivo da raggiungere, qualche cosa per cui spendersi e lottare. L’unica volta che questo termine è citato, è a pagina 50, quando si dice: “La Chiesa stessa è chiamata a imparare dai giovani: ne danno una testimonianza luminosa tanti giovani santi che continuano a essere fonte di ispirazione per tutti”.

E così, anche quando il documento parla di figure di riferimento sono descritte come “vicine, credibili, coerenti e oneste”; oppure “credenti autorevoli, con una chiara identità umana, una solida appartenenza ecclesiale, una visibile qualità spirituale, una vigorosa passione educativa e una profonda capacità di discernimento”.

Insomma, la santità non sembra interessare né come obiettivo né come caratteristica necessaria per ispirare i giovani.

Seconda notazione: bisogna stare attenti perché “occorre verificare quanto le scelte siano dettate dalla ricerca della propria autorealizzazione narcisistica e quanto invece includano al propria disponibilità a vivere la propria esistenza nel generoso dono di sé”. Perciò il contatto con povertà vulnerabilità e bisogno hanno grande importanza per capire se una vocazione è buona o no; e i poveri tornano più volte nel documento: Mentre a preghiera e adorazione vengono dedicate una decina di righe alla fine. L’impressione è che l’orizzonte del documento sia molto orientato in direzione orizzontale, sul sociale e le opere buone. Quanto questo possa risultare appetibile resta da vedere.

La terza, ed ultima notazione: il documento non contiene altre citazioni, e richiami di documenti, che non siano del Pontefice regnante (compreso – poteva mancare – l’ammonizione contro le “rigidità”. Dei Pontefici precedenti, compreso quello che ha inventato le Giornate della Gioventù, ed è stato fonte di moltissime vocazioni, niente.

La Chiesa evidentemente per gli estensori del documento è incominciata il 13 marzo del 2013.

30 pensieri su “SINODO SUI GIOVANI. PRESENTATO IL DOCUMENTO. LA SANTITÀ NON È MAI NOMINATA. FORSE INTERESSA POCO…:-)”

    1. Bisognerebbe piuttosto domandarsi perché’ il Papa Francesco afferma cose contrarie alla Fede Cattolica ,cosi’come e’ conservata dal Magistero perenne della Chiesa?

    2. MA RAGAZZI ANIME VI RENDETE CONTO DI COSA STA CAPITANDO ?? ORA DOPO L,EPISODIO GRAVISSIMO CHE UN CAPPELLANO HA DATO LA CHIESA DI LORETO DELLA MALPENSA DI MILANO AI MUNSULMANI PER LA RECITA DEL CORANO !!!!! ORA ANCHE I PORNO IN CHIESA !! ,.E BERGOGLIO CHE DICE?? !! ,.OVVIAMENTE NON DA RISPOSTE NEANCHE ADESSO ,. DOPO L,INCALZARE DEI VESCOVI LUI FUGGE !!! PERO INVITA ABU MAZEN PER APRIRE UN CONSOLATO IN VATICANO CON UN AMBASCIATA !!! ,.COME HA PORTATO LA STATUA DI LUTERO IN VATICANO 1L 13 OTTOBRE ,MA L,ONNIPOTENTE HA DATO UN AVVERTIMENTO IL 26 OTTOBRE AD AMATRICE CON IL CROLLO DELL,EUROPA IN SAN BENEDETTO E DEGLI ESORCISTI ( E PATRONO DELL,EUROPA E DEGLI ESORCISTI ) I DUE ,.MA INTANTO DIO E MISERICORDIOSO !!! PER BERGOGLIO TUTTO E CONCESSO !!!

      1. LA SS VERGINE NON SA PIU COME FARE !! .-CON TUTTO QUELLO CHE STA FACENDO SI SENTE ANCORA DIRE CHE E POSTINA E I VEGGENTI VISIONARI !!!!! IMPENITENZA E UGUALE A CASTIGO GIUDIZIO MISERICORDIA (QUELLA VERA ) E UGUALE A CONVERSIONE SAVEZZA ., !!

  1. Sarà l’ennesima finta collegialità, con invece “instrumenta laboris” imposto, relatio finale idem.
    Resta memorabile la gustosa -ma anche tragica- scenetta in cui il Magiaro Erdo dice a Bruno Forte: “toh, leggila tu: visto che l’avete preparata voi”.

    POSTILLA: delle vocazioni (come della santità/martirio) importa un fico secco. E naturalmente sarà la scusa per introdurre sacerdozio femminile (sic) e naturalmente abolizione del celibato (ma si dirà “ripensamento, approfondimento et bla bla).diabolici gesuitismi.

    1. ma vi sembra così facile parlare di santità? poi parlarne ai giovani..? mi sembra da papà, educatore, diacono e delegato alla pastorale vocazionale che sia una strategia educativa pienamente condivisibile che sa che chi converte è solo Dio e non certo le “nostre” chiacchiere, dai fratelli datevi una mossa.

      1. Certo che non è facile, ma… allora? Parliamo solo di cose facili? Credo bisogna rischiare con i giovani anche una vita di grandezza, di mete ambiziose, di traguardi spirituali, di vite du santi. Se non siamo noi adulti a parlare di questo ai giovani , chi lo farà?

      2. Certo che non è facile parlare di santità: né ai giovani né agli adulti.

        Eppure Nostro Signore ha voluto la sublime stoltezza (infatti tale appare, agli occhi di molti uomini) della predicazione: andate e annunciate il Vangelo ai popoli…

        Certo che Dio potrebbe convertire “per conto Suo”, ma non lo fa: Egli ha richiesto la nostra collaborazione.

        E, se si vuole che qualcuno si incammini sulla via della santità, in qualche modo, questa santità, bisognerà pur citarla.

        Ovviamente c’è bisogno di supportare l’annuncio con esempi concreti e con molta preghiera.

  2. Se la Legge amabilissima di Dio e’ presentata nella rigidita’invece che nella sua vera natura di libertà’ dal peccato,si da’ cosi’l’impressione ai giovani che essa li blocchi nella loro libertà’.E’ poi,conseguenziale che essi siano allergici alla Spiritualita’e alla Santita’.Il convegno quindi priva i giovani di questi elementi tuffandoli nel sociale,che appare il solo appetibile.Siamo alle solite!

    1. Ha ragione Cosimo de Matteis: a questi pastori non sono mporta un fico secco delle vocazioni, delle chiese che chudoni, della vita eterna e dei martiri. Gli interessa solo il “qui e ora”. E poi a far funzionare la nuova chiesa ci penseranno con l’ordinazione di donne e sposati. Alla fine crolleranno a picco come le sette protestanti…

  3. Una chiesa che non propone la santità ai giovani ha vegogna di sé stessa, è una contraddizione in sé. Si realizza fino ai vertici quel sentimento di “vergognarsi di Gesù” che tiene fermi e tremanti tanti cattolici. Perché mai un giovane dovrebbe entrare in chiesa quando trova dentro lo stesso umanitarismo che trova fuori?

  4. Ma insomma, non è ancora chiaro che si va verso quello sulfurea “religione umanitaria” di cui tanto ha parlato e scritto Padre Livio Fanzaga? (Cfr; https://ilbenevincera.wordpress.com/2015/08/18/padre-livio-papa-francesco-non-e-lanticristo-ma-la-religione-umanitaria-e-la-catastrofe/ ).
    Così ha deciso la massoneria, col placet della massoneria ecclesiastica, e così si sta facendo.
    Certamente di tutto daremo conto a Dio: maggiori colpe per chi ha maggiore responsabilità.
    Anche i giornalisti compiacenti hanno le loro colpe.

  5. Sembra che uno dei pochi ordini religiosi ad essere alimentati da nuove giovani vocazioni erano i Francescani e Francescane dell’Immacolata.
    I quali però hanno il difetto di essere “rigidi”.
    Invece di rifletterci su guarda che è successo.
    La curiosità di leggere tale libretto è ridotta al minimo.

  6. “Voi dunque siate PERFETTI, come è PERFETTO il Padre vostro, che è nei cieli” (Matteo 5, 48) … chissà se la neochiesa cattolica-luterana-maomettana-ebraica-buddista-animista-atea-sincretica-massonica di Bergoglio crede ancora in Gesù Cristo e nei suoi insegnamenti???

    1. Neo Chiesa cattolica-luterana-maomettana-ebraica-buddista- animista-atea-sincretica-massonica”

      Ha dimenticato satanista-mondialista-comunista.

  7. Presto lascera Roma e andrà ad abitare a Guidonia? Dopo i Savoia,un altro piemontese abbandonerà Roma? Cosa vorrà dimostrare? Che nulla è impossibile ? E dunque anche le diaconesse,ed anche il celibato. Preghiamo ragazzi.

  8. E se noi lo anticipassimo immaginando (per scritto) cosa scriverebbe in questo nuovo “documento” ; tanto la tua tattica la conosciamo.
    E poi un bel confronto alla fine….. un premio a chi si avvicina di più.

  9. Il documento c’e’ gia’. Dico che per commentarlo bisognerebbe se possibile leggerselo. Comunque ognuno ovviamente faccia quello che ritiene di fare. Ci mancherebbe. Io ancora non lo ho letto.

  10. Nuovo metodo:invece di pregare il Padrone della messe di mandare operai per la sua messe,si chiede agli aspiranti operaivi loro desiderata. IL Padrone della messe poi dovra’adeguarsi o accontentarsi.
    Nuovo metodo “dal basso” nella convinzione che tutto cio’che viene dal basso sua buono. I desideri le aspirazioni i sogni dei hiovani sono postulati essere “buoni”senza tener conto di quanti condizionamenti subisce ogni giorno la mentalita’dei giovani nella societa’attuale.

  11. Tanto, si è già visto dove porta questa linea di condotta molle e lassista, che si vergogna della Verità e dei Novissimi: dritti filati ai 9 milioni di fuoriusciti brasiliani o, per rimanere al Vecchio Continente, ai disastri in Austria, Germania, Belgio e Olanda. Purtroppo, neanche queste cose sono sufficienti per far riflettere certe menti (per cui, al contrario, sono “risultati” da esportare in tutto il mondo), che anzi proseguono superbamente sulla stessa linea di condotta da cinquant’anni a questa parte (alla faccia della “gioventù”, usata solo retoricamente e per giustificare certe storture). Bisogna pregare, tanto, ed annunciare il Vangelo ignorando certi documenti, purtroppo, dato che anziché fornire delle linee guida propongono solo voli pindarici e aggiungono confusione alla confusione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *