fsspx-seminario

LEFEBVRE: UN NUOVO SEMINARIO IN USA. MENTRE ROMA CHIUDE CHIESE E PARROCCHIE. PERCHÈ?

 

fsspx-seminario

Marco Tosatti

La Fraternità Sacerdotale San Pio X – i lefebvriani, come li si definisce normalmente – hanno aperto e inaugurato un nuovo seminario negli Stati Uniti; il quarto, se non ci sbagliamo. Secondo le notizie date dal Distretto Usa della Fraternità, più di un migliaio di persone si sono trovate il 4 novembre per partecipare alla cerimonia con cui il Superiore generale, mons. Fellay, oltre ai superiori e a decine di preti hanno partecipato alla messa di inaugurazione.

E’ evidente che se la Fraternità apre un nuovo seminario – e non piccolo, guardate la galleria fotografica – ci sono giovani che vogliono studiare per diventare sacerdoti. E’ altrettanto chiaro che se lo fanno, vista la situazione, non è per far carriere ecclesiastiche o di altro tipo.

Leggendo la notizia e guardando le immagini mi è venuto spontaneo pensare alle diocesi che chiudono le chiese – in America e in Europa, come Buxelles – e alla guerra che sembra condotta contro le realtà, nella Chiesa di Roma, che invece conoscono un fiorire di vocazioni. Penso alla diocesi di Ciudad del Este, il cui vescovo, Rogelio Ricardo Livieres Plano, ora scomparso, è stato sollevato dall’incarico senza aver potuto parlare con il Papa; inviso ai vescovi colleghi, che lo giudicavano troppo all’antica, e il cui seminario era pieno, a differenza dei loro. Penso ai Francescani dell’Immacolata, non solo commissariati, ma oggetto di una “rieducazione” ecclesiale e ideologica che non ha nulla a che vedere con le eventuali – e ancora tutte da dimostrare – malefatte del fondatore, padre Manelli.

Penso alla Fraternità dei Santi Apostoli, a Bruxelles. Figlia di mons. Lèonard, creata e fiorente di vocazioni in quella che ormai sembra una città in partibus infidelium e cacciata con motivazioni che personalmente mi appaiono estremamente fragili dal suo successore e antagonista, mons. De Kesel, pupillo di quel card. Danneels che costituisce un grande punto interrogativo sull’attuale Pontificato.

E penso anche ai religiosi del Verbo Incarnato, più di mille in 26 Paesi, con 800 seminaristi, verso i quali si prodigano attenzioni e richieste di relazioni e chiarimenti da un Vaticano che pare assumere troppo spesso un volto arcigno verso i nuovi frutti dello Spirito, forse perché non abbastanza sensibili alle mode ecclesialmente politically correct. Da un punto di vista laico, tutto questo mi fa pensare a un desiderio di omologazione imposta che non ha niente da invidiare a quella che si sta cercando di far calare sulle società civili; e contro cui il Papa, a parole, protesta.



Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”. 

Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.


L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

E iscrivetevi alla newsletter per gli aggiornamenti, qui a fianco.

10 pensieri su “LEFEBVRE: UN NUOVO SEMINARIO IN USA. MENTRE ROMA CHIUDE CHIESE E PARROCCHIE. PERCHÈ?”

  1. Quanto succede alle realtà “non conformi” spiega ( e a mio avviso ampiamente giustifica) la prudenza della Fraternità nel valutare le offerte di riconciliazione di Roma.

  2. In caso di accordi FSSPX-Vaticano, tutto ciò finirà in modo analogo. Oppure, ancora peggio, si andrà verso l’istituzionalizzazione e l’ufficializzazione della nascita di una Corrente “HIG CHURCH” all’interno del Cattolicesimo.
    Anche in questo si diventerà una copia degli Anglicani.

  3. Caro Tosatti, grazie per la bella recensione!

    I Seminari della FSSPX nel mondo sono attualmente 7.
    In Italia esiste pure il Pre-Seminario ‘S. Giuseppe’ aperto quattro anni fa presso il Priorato San Pio X di Albano Laziale

    Cordialmente
    Daniele Casi

  4. mentre in USA la SPX apre un nuovo seminario in Italia la diocesi di Parma passa (di fatto chiude) da 309 parrocchie a 56 – scarsità di preti e mancanza di popolo (chiese vuote o semivuote) ci sarà pure un perchè. dopo la nuova pastoralità conciliare bergogliana, la cosa può solo peggiorare ed il piccolo gregge prima o poi dovrà guidare la vera Chiesa Cattolica, in quanto roma si è protestantizzata.

  5. Caro Tosatti i fatti sono macigni il nuovo corso ha prodotto il vuoto nelle chiese e la chiusura dei seminari un TALE 2000 anni fà disse”l’albero si riconosce dai frutti”. L’albero del nuovo corso è sterile, l’albero antico da frutti e il raccolto cresce di anno in anno. Il Padrone della messe benedice l’albero antico….l’albero nuovo opera degli uomini darà un raccolto sempre più magro.

  6. Livieres é giá morto, ma fu abandonato anche dal Opus Dei, un Opus Dei giá bergoglianizato. Le ordinazioni sacerdotali nella Prelatura sono dimezzate. Bergoglio ha fatto nominare un suo amico, mariano Fazio, vicario generale, di fianco a un vecchino Echevarria, per farlo piú politically correct. Le ” tres campanadas ” del Fondatore San Josemaría Escrivá non suónano piú. ¡ Peccato ! I tradimenti si páganno.

  7. Paragonare la Fraternità ad altre società impregnate di modernismo e “nuova evangelizzazione” (i cui frutti mondani sono su tutte le cronache, tra abusi sessuali, affari economici loschi, ecc.) mi sembra alquanto azzardato….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *