ASIA BIBI: L’UDIENZA DELLA CORTE SUPREMA È SALTATA. UNO DEI GIUDICI HA RINUNCIATO ALL’INCARICO.

Marco Tosatti

La Corte suprema del Pakistan ha aggiornato l’udienza relativa al caso di Asia Bibi, la cristiana accusata di blasfemia e condannata a morte per questo. I legali della donna hanno chiesto l’assoluzione piena.

asia-bibi

La Corte Suprema avrebbe dovuto giudicare oggi, ma l’udienza è stata rimandata perché uno dei tre membri della Commissione Iqbal Hamid-ur-Rehman, ha rinunciato all’incarico dando come motivazione il fatto che ha già partecipato al giudizio relativo all’assassinio di Salman Taseer, il governatore del Punjab assassinato perché aveva difeso l’innocenza di Asia Bibi.

La rinuncia è stata espressa per lettera, chiedendo che per il caso della cristiana fosse nominato un altro giudici. Non è chiaro quando verrà fissata la prossima udienza.

Le accuse contro Asia Bibi risalgono al 2009, e appaiono basate su fondamento inconsistente, e come spesso accade in questi casi in Pakistan, utilizzate per regolare conti personali.



Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”. I blog de La Stampa nella riorganizzazione del sito web scompariranno a breve. 

Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Un pensiero su “ASIA BIBI: L’UDIENZA DELLA CORTE SUPREMA È SALTATA. UNO DEI GIUDICI HA RINUNCIATO ALL’INCARICO.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *