SINODO DEI VESCOVI. IL PAPA AVREBBE PROPOSTO DI DISCUTERE DEL CELIBATO DEI PRETI, MA LA PROPOSTA NON SAREBBE PASSATA.

  1. Marco Tosatti

 

Il nuovo Sinodo dei vescovi, che si svolgerà a Roma nell’ottobre del 2018 avrà come tema “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”. L’annuncio è stato dato ieri dagli organi ufficiali vaticani.

Il comunicato afferma che “Papa Francesco, dopo aver consultato, come è consuetudine, le Conferenze Episcopali, le Chiese Orientali Cattoliche sui iuris e l’Unione dei Superiori Generali, nonché aver ascoltato i suggerimenti dei Padri della scorsa Assemblea sinodale e il parere del XIV Consiglio Ordinario, ha stabilito che nell’ottobre del 2018 si terrà la XV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi sul tema: “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”.

Il tema – riferisce una nota – è “espressione della sollecitudine pastorale della Chiesa verso i giovani” ed “è in continuità con quanto emerso dalle recenti Assemblee sinodali sulla famiglia e con i contenuti dell’Esortazione Apostolica post-sinodale Amoris Laetitia. Esso intende accompagnare i giovani nel loro cammino esistenziale verso la maturità affinché, attraverso un processo di discernimento, possano scoprire il loro progetto di vita e realizzarlo con gioia, aprendosi all’incontro con Dio e con gli uomini e partecipando attivamente all’edificazione della Chiesa e della società”.

 

Edward Pentin, sul “Catholic Herald” ricorda che la decisione è venuta dopo molti mesi in cui si è parlato della possibilità che il nuovo Sinodo avesse come tema il celibato e la possibilità di consacrare uomini sposati, un tema che secondo alcuni il Pontefice regnante vedrebbe con un certo favore, specialmente in zone in sofferenza di vocazioni. (Vedi QUI).

pentin

 

Ma Pentin scrive qualche cosa di più: “Questa proposta si è compreso che sia stata bocciata dalla maggioranza dei membri del XIV Consiglio del Sinodo dei Vescovi, il corpo incaricato di designare il tema del prossimo sinodo”.

 

E di conseguenza sarebbe stato scelto il tema dei giovani, della fede e delle vocazioni.



Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”. I blog de La Stampa nella riorganizzazione del sito web scompariranno a breve. 

Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

4 pensieri su “SINODO DEI VESCOVI. IL PAPA AVREBBE PROPOSTO DI DISCUTERE DEL CELIBATO DEI PRETI, MA LA PROPOSTA NON SAREBBE PASSATA.”

  1. ….ma, naturalmente, il tema uscito dalla porta rientrerà dalla finestra: il tema del Sinodo saranno i giovani la fede e la loro Vocazione ed invece si parlerà (con “instrumenta laboris” già approntati dai soliti personaggi) di Sacerdozio e “revoca” del Celibato. E magari di Sacerdozio aperto alle donne
    (Già la grancassa mediatico-massonica è attiva. Ogni giorno non manca articolo sul tema. Ad esempio questo strano prete veneto: https://ilbenevincera.wordpress.com/2016/10/06/preti-sposati-e-preti-donne-parola-di-don-armando-trevisiol/).

    Del resto negli scorsi due sinodi (dei quali uno straordinario: PERCHÉ’? ) si doveva parlare di FAMIGLIA e si è parlato di omosessuali ed adulteri.

  2. il sacerdozio è aperto alle donne da quasi duemila anni. sull’ipotesi di ordinare preti le donne si può discutere, come sull’ordinazione di maschi sposati

  3. Naturalmente, come i due ultimi Sinodi, anche questo si chiuderà nella preclara ambiguità; di modo che, ciascun vescovo e bresbitero potrà fare a modo suo: è la casuistica il modus operandi del papa argentino per disarticolare la catholica

  4. Nulla di nuovo per chi già segue gli articoli di Sandro Magister, di Riccardo Cascioli, di Marco Tosatti, di Roberto De Mattei e dello stesso Antonio Socci: costoro, non senza coraggio e con conseguenze anche sul piano professionale (si ricordi la poco misericordiosa “defenestrazione” di Magister, maggior vaticanista italiano, dalla Sala Stampa vaticana) sono fautori di una lettura del pontificato di Bergoglio molto attenta, critica, talora anche molto critica e severa ma non priva di fondamenti oggettivi e verificabili. Per intenderci: siamo distanti anni luce dalle posizioni aprioristiche e sfacciatamente faziose di certi blogghetti tradizionalisti che riuscivano a parlar male anche del pontificato di autentici giganti quali San Giovanni Paolo II, il Beato Paolo VI e persino Benedetto XVI.https://linformatoreweb.wordpress.com/2015/11/15/il-papa-sta-distruggendo-la-chiesa-il-martirio-di-magister-socci-co/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *