UTERO IN AFFITTO. UNA PETIZIONE PER ABOLIZIONE E REPRESSIONE DELLA NUOVA SCHIAVITÙ.

Su La Stampa racconto di un’iniziativa di ieri: una conferenza stampa trasversale, organizzata da ProVita Onlus, per denunciare e condannare la pratica dell’utero in affitto; e per lanciaRe contestualmente una raccolta firme per presentare alle autorità una petizione affinché si faccia valere nel concreto la legge penale (art.12, comma 6, l. 40/2004) vigente che punisce l’utero in affitto. Una norma che secondo gli organizzatori della petizione viene troppo spesso lasciata inoperosa.

 

utero

 

Hanno chiesto l’abolizione e la repressione di questa nuova forma di schiavitù e sfruttamento degli esseri umani le Senatrici Maria Rizzotti (FI), Laura Bianconi (NCD), Donatella Mattesini (PD). Sono intervenuti anche la giornalista Monica Sargentini del Corriere della Sera e il direttore del quotidiano Avvenire, Marco Tarquinio .

 

ProVita e le inchieste dei media hanno denunciato da tempo le agenzie straniere che guadagnano milioni di dollari promuovendo la pratica dell’utero in affitto, che è vietato e punito dalla legge italiana (l. 40/2004). Ma le agenzie straniere approfittano dell’inerzia dei magistrati e delle autorità, vengono egualmente a cercare clienti in Italia, in un mercato in crescita: già nel 2004, Tarquinio rilevava tale crescita si attestava su livelli del 1000%.

 

Toni Brandi, presidente di ProVita, ha presentato il DVD “Breeder, donne di seconda categoria“, che è stato distribuito ai presenti e che sarà presto disponibile sul sito www.notizieprovita.it: un documentario che raccoglie le testimonianze reali delle persone coinvolte nel turpe mercimonio dell’utero in affitto, e raccontano ciò che hanno subito e le conseguenze psicofisiche dell’operazione.

Questo è l’articolo originale su San Pietro e Dintorni.



Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”. I blog de La Stampa nella riorganizzazione del sito web scompariranno a breve. 

Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Un pensiero su “UTERO IN AFFITTO. UNA PETIZIONE PER ABOLIZIONE E REPRESSIONE DELLA NUOVA SCHIAVITÙ.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *