IL PAPA TUONA CONTRO IL GENDER. HO UNA DOMANDA – PER ORA – SENZA RISPOSTA.

Marco Tosatti

 

Il Pontefice oggi ha detto cose importanti. Riprendiamo dall’ANSA: “C’è ‘un grande nemico oggi del matrimonio: la teoria del gender’, ha detto Papa Francesco nel suo discorso durante l’incontro con il clero a Tbilisi. ‘Oggi c’è una guerra mondiale per distruggere il matrimonio – ha affermato rispondendo a una delle testimonianze, quella di una madre di famiglia -. Ma non si distrugge con le armi, si distrugge con le idee: ci sono colonizzazioni ideologiche che distruggono. Pertanto difendersi dalle colonizzazioni ideologiche’. ‘Il matrimonio è la cosa più bella che Dio ha creato. La Bibbia ci dice che Dio ha creato uomo e donna e li ha creati a sua immagine: cioè l’uomo e la donna che si fanno una sola carne sono l’immagine di Dio’, ha detto ancora il Papa”. Lasciando intendere chiaramente che solo fra uomo e donna si può avere matrimonio.

Molto chiaro, no? Però nella mia povertà ho una domanda. Se è convinto, come certamente è convinto, di tutto questo, perché picchia in testa a vescovi, cardinali e laici che si battono proprio contro i mali che ha denunciato oggi, e predilige e sceglie quelli che certe questioni e battaglie preferiscono schivarle?

Non ho una risposta. E mi dispiace.

Questo, per chi è interessato, il collegamento alle parole del Papa.



Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”. I blog de La Stampa nella riorganizzazione del sito web scompariranno a breve. 

Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

12 pensieri su “IL PAPA TUONA CONTRO IL GENDER. HO UNA DOMANDA – PER ORA – SENZA RISPOSTA.”

    1. esatto 😉 Caro Tosatti, la seguo sempre con estremo interesse. Per comprendere Bergoglio è fondamentale leggere i Gesuiti degli anni ’60/70 con Pedro Arrupe e la rifondazione della Compagnia… la Teologia del popolo, scaturita da quella della Liberazione che ovviamente Bergoglio non amava per l’uso delle armi…. ma in quanto teologia di popolo, l’ha fatta propria.

  1. Me lo chiedo anche io! Ma mi interrogo anche su un altra cosa.
    Il Papa ha detto:
    con la strada del divorzio: io mi cerco un’altra, lei si cerca un’altro e ricominciamo di nuovo. Irina, tu sai chi paga le spese del divorzio? Pagano tutti e due? Di più, paga Dio, perché quando si divorzia una sola carne sporca l’immagine di Dio. Pagano i bambini, i figli. Voi non sapete, cari fratelli e sorelle, quanto soffrono i bambini, i figli piccoli quando vedono le liti e la separazione dei genitori“.

    Bene! Ma perchè di questo ne ha fatto vaga menzione nella Amoris Laetitia? Delle sofferenze dei figli è fatta vaga menzione, ma non in termini cosi forti.

    Leggendo poi queste parole del Papa pronunciate nel medesimo discorso:
    ci sono situazioni più complesse, quando il diavolo si immischia e mette una donna davanti all’uomo e questa gli sembra più bella della sua. O quando mette un uomo davanti a una donna e gli sembra più bravo del suo… Chiedete aiuto subito quando viene questa tentazione!
    mi chiedo ancora: perchè questa immagine anche essa cosi viva, fulgida e chiara, non ha avuto posta nella Amoris Laetitia?

    Chi lo sa se ci sarà mai una risposta?

  2. Di certe cose parla magari a Tblisi, dove politicamente non sono certo pro gender e pro LGBT. Ma certo non ne parla a a New York o a Washingtom, o a Parigi o Roma. Più che un gesuita, è un’acqua, prende la forma del vaso in cui si versa. Sempre che poi certi discorsi siano farina del suo sacco. O sempre che quando parla così, sia “compos sui”.

  3. Ma poi, il matrimonio, per quel che vale, non ha molto a vedere col cristianesimo. Gesù non era sposato e a richiesta negava ogni valore ai legami di parentela (madre compresa) in nome di quelli d’amore. Bergoglio è solo più furbo, ma prosegue sul solco dei predecessori.

    1. ma cosa dice sig. Oreste? La Chiesa stessa è fondata sul concetto sponsale voluto da Dio: il matrimonio è fondamento proprio della Chiesa e dei rapporti fra noi e Dio, rapporti di carattere sponsale nei quali Dio è lo Sposo fedele, noi, no! Ma il Sacrificio di Cristo ci fa superare questa prova, se lo accogliamo come Lui ha inteso insegnare a noi. Lui è lo Sposo fedelissimo della Chiesa che, seppur santa, ha membra “prostitute” peccatori, peccatrice, da santificare attraverso, appunto la fedeltà maturata lungo il percorso della vita attraverso, poi, i Sacramenti….. 😉

  4. Ma insomma… I dollari per far circolare e, possibilmente, imporre la “teoria gender” sono quelli di SoroS, amico e sodale del Bergoglio !

  5. Carissimo Tosatti, ma c’è stato un seguito a quell’infuocato discorso….. sull’aereo. E lei sa, molto più di me, che in quota c’è sempre il vero Bergoglio. Così ci ha abituati. E in quota ha detto anche cose importanti. E anche inutili. E pure dannose. L’omosessualità esisteva ampiamente ai tempi dei greci e veniva praticata anche dai romani . “Cesare era considerato il marito di molte mogli e la moglie di molti mariti”. In Giudea , non credo che non vi erano omosessuali…. forse Gesù li ha incontrati…. ma nulla sappiamo di quanto abbia detto o fatto. Amoris laetitia è un elogio al matrimonio e poi una trappola, un retaggio simile a quella rete scolpita benissimo nella cappella San Severo a Napoli. In cui nella rete restano impigliati tutti, dai chierici , ai laici. Il resto si sa è un interpretazione personale.

  6. il “seguito” in aereo è stato fra i peggiori.

    Si arriva a stravolgere la teologia: il peccato, l’inferno, la dannazione.

    Solo un piccolo esempio:

    “c’è Giuda, impiccato, con la lingua fuori, gli occhi fuori, e dall’altra parte del capitello c’è Gesù, il Buon Pastore, che lo prende e lo porta con sé.

    E se guardiamo bene la faccia di Gesù, le labbra di Gesù sono tristi da una parte ma

    con un piccolo sorriso di complicità dall’altra.

    Questi avevano capito cos’è la misericordia! Con Giuda!”

    Fine della citazione: qui siamo all’assurdo. All’eresia e precisamente la dottrina eretica dell’apocatastasi.

    Da rilevare una curiosa coincidenza: anche i confratelli di don Gabriele Amorth mettono in bocca all’oramai vecchio e malato sacerdote esorcista queste parole (non dico in quale libro per non fare pubblicità ad esso).

    Cioè essi fanno dire al più grande esorcista che il diavolo alla fine si convertirà!

    E Bergoglio dice che Gesù “guarda con complicità Giuda”.

    Eresia. Qui siamo all’eresia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *