PAPA FRANCESCO HA FALLITO? SE LO CHIEDE IL NEW YORK TIMES…

MARCO TOSATTI

 

28schmitz-master768

Papa Francesco ha fallito? Non se lo chiede il vostro povero blogger, ma la domanda è il titolo di un editoriale del New York Times, firmato Matthew Schmitz, che è anche il responsabile di “First Things”. Ve ne proponiamo qualche brano perché difficilmente potreste trovare qualche cosa di analogo sui giornali italiani, fatta salva qualche rara eccezione. E molto difficilmente sulle più grandi testate.

L’editorialista ricorda l’elezione, e lo stupore per le scelte fuori protocollo e fuori programma. “Gli osservatori hanno predetto che il calore, l’umiltà e il carisma avrebbe creato un ‘Effetto Francesco’, riportando cattolici dispersi in una chiesa che non sembrava più così proibitiva e fredda”.

Schmitz ricorda che un biografo del Papa aveva predetto che la posizione morbida di Bergoglio in tema di comunione ai divorziati risposati “potrebbe dare vita a un ritorno su larga scale alle parrocchie”.

Ma a dispetto della sua popolarità le previsioni si sono avverate? “I cattolici stanno ritornando? Negli Stati Uniti, per le meno, questo non è accaduto. I risultati di una ricerca del Centro specializzato della Georgetown University suggeriscono che non c’è stato un effetto Francesco. O, almeno, non positivo. Nel 2008 il 23 per cento dei cattolici americani andavano a messa ogni domenica. Otto anni più tardi la presenza alle messe è rimasta più o meno identica, il 22 per cento”. E dati non confortanti vengono anche dal mercoledì delle ceneri: nel 2008 il 50 dei Millennials aveva ricevuto le ceneri, e quest’anno erano solo il 41 per cento. “A dispetto della popolarità personale del Papa, i giovani sembrano allontanarsi dalla fede”.

Schmitz pensa che le frequenti e ripetute accuse del Pontefice verso i cattolici siano una delle componenti del fenomeno. “Descrive i sacerdoti delle parrocchie come ‘piccoli mostri’, che ‘gettano pietre’ ai poveri peccatori. Ha diagnosticato il personale di Curia come malato di ‘Alzheimer spirituale’. Sgrida gli attivisti pro-life per la loro ‘ossessione’ dell’aborto”, e così via.

“Queste denunce demoralizzano i cattolici fedeli, senza offrire a quelli che si sono allontanati una buona ragione di tornare. Perché unirsi a una Chiesa i cui preti sono piccoli mostri e i cui membri amano tirare pietre? Quando il papa in persona esalta gli stati spirituali interni sull’osservanza del rito, c’è poco motivo di mettersi in fila per la confessione, o svegliarsi per andare a messa”.

Schmitz osserva che anche sul piano delle riforme le aspettative sono andate deluse. E afferma: “Francesco ha costruito la sua popolarità a spese della Chiesa che guida. Ma quelli che vogliono vedere una Chiesa più forte devono attendere un tipo diverso di papa…confrontare un’età ostile con le singolari pretese della fede cattolica può non essere popolare, ma nel tempo può rivelarsi più efficace. Anche Cristo fu accolto dalle beffe della folla”.

 



Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”. I blog de La Stampa nella riorganizzazione del sito web scompariranno a breve. 

Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

15 pensieri su “PAPA FRANCESCO HA FALLITO? SE LO CHIEDE IL NEW YORK TIMES…”

    1. Poi udii un’altra voce dal cielo che diceva: «Uscite da essa, o popolo mio, affinché non siate complici dei suoi peccati e non siate coinvolti nei suoi castighi; perché i suoi peccati si sono accumulati fino al cielo e Dio si è ricordato delle sue iniquità.” Apocalisse 18,4-5.

  1. La forza di convincimento della Chiesa, parlo per noi “non illuminati” che dobbiamo ancorare la nostra traballante fede a qualcosa di terreno, risiedeva nella continuità storica di due millenni di dottrina e di morale più o meno inalterate. Se invece basta un Concilio (Vaticano secondo, ad esempio) o un Papa in vena di accarezzare l’opinione pubblica per il verso del pelo a rivoluzionare tutto, chi mi dice che al prossimo Concilio o al prossimo papa non cambi qualcos’altro ritenuto oggi essenziale? Gli applausi fanno sempre piacere, ma non sono le emozioni della gggente che salveranno la Chiesa.

  2. Molto bene, abbiamo capito chhe il New York Times ha dichiarato il fallimento di papa Francesco. Allora, se non baglio, il suo seggio, dopo il fallimento, dovrebbe andar all’incato per essere dato al miglior offerente, secondo le valutazioni del dott. Schmitz. Schmitz? Chi è costui? Quali titoli ha per dichiarare fallito un papa? Ha sostituito il conclave dott. Schmitz?

    1. Hai ragione solo in parte, il fallimento non è del Papa, ma delle sue idee. All’inizio sembrava che con lui la Chiesa sarebbe cresciuta in dimensione, ma questo non è avvenuto, inoltre è poco efficace riguardo i cristiani perseguitati

  3. Guarda un po’, forse ha ragione Antonio Socci? Dopo tutti gli insulti e le porcate che ha subìto, forse qualcuno dovrebbe chiedergli scusa! A lui e (soprattutto) a Benedetto XVI; magari riabilitando, quest’ultimo, come Papa legittimo.

  4. Benedetto XVI …… . Pietro non ha detto non ce la faccio sono senza forze! Lui ha dato il potere alla bestia , quale descritta nella rivelazione! Fuori popolo mio…. Dice colui che é l onnipotente! E così sta accadendo. Buona serata.

    1. Poi udii un’altra voce dal cielo che diceva: «Uscite da essa, o popolo mio, affinché non siate complici dei suoi peccati e non siate coinvolti nei suoi castighi; perché i suoi peccati si sono accumulati fino al cielo e Dio si è ricordato delle sue iniquità.” Apocalisse 18,4-5.

    2. Quindi è colpa di Benedetto XVI?
      Ma mi faccia il piacere… È stato tolto di mezzo! Questo è abbastanza ovvio. Il Vaticano è stato letteralmente occupato dall’amministrazione Obama/Clinton & Soci. E il legittimo Vescovo di Roma nonché vero Pontefice e Capo della Chiesa Cattolica destituito per far spazio ad uno Pseudo-Papa a capo di tutte le religioni. Prega con Imam, Rabbini e Luterani! Il Papa New Age della Civiltà dell’Amoris Laetitia, che nulla ha a che fare con il Vangelo ed il Magistero Bimillenario dei Papi fino, appunto, a Benedetto XVI.

  5. Quella del Cristianesimo in generale e del Cattolicesimo in particolare, è una crisi che va avanti ormai da decenni. E se la causa dipendesse dal prodotto, ormai obsoleto, anziché dal venditore di turno?

    1. Il Cristianesimo obsoleto? Quindi la soluzione di una Super-religione sarebbe un prodotto più vendibile e più attuale? Si accomodi fanno sconti su tutto, altro che vendita di indulgenze!

  6. Mi ha impressionato la conversazione con un mio congiunto al quale non è mai interessata la Chiesa. “si vuol fare una unica grande religione senza dogmi, dove tutti si possano ritrovare; questo è ormai il progetto al quale il papa ha aderito e sta portando avanti”. Già, ma questo è da sempre il progetto della massoneria che non per niente ha esultato quando Bergoglio è stato eletto papa. Nel comunicato emesso diceva: d’ora in poi nulla sarà come prima. All’inizio mi faceva rabbia, ora provo sincera pena per lui … preghiamo per la Chiesa che comunque non si estinguerà…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *